cybercrime

L’elemento umano nella cybersecurity: come “testarlo” con Vulnerability Assessment e Penetration Testing

La Social Engineering vive una seconda giovinezza a causa della crescente incidenza delle minacce informatiche che colpiscono l’anello più debole di un sistema informativo: i suoi utenti. Perciò ha senso parlare di Vulnerability Assessment e Penetration Testing con lo scopo di misurare il rischio per i sistemi aziendali

Pubblicato il 23 Mar 2023

Enrico Frumento

Cybersecurity Research Lead

Human,Resource,Management,And,Recruitment,Employment,Business,Concept

La Social Engineering, o meglio e più in generale, lo sfruttamento ai fini dell’attacco alle organizzazioni degli errori dell’elemento umano, è da tempo la migliore strategia a disposizione dei cybercriminali.

Ripensare la cybersecurity mettendo le persone al centro: come farlo bene

Una nuova dimensione della sicurezza informatica

Occorre quindi introdurre una nuova dimensione della sicurezza informatica, che a differenza di quella classica, che si occupa dei sistemi tecnologici, si concentri sull’elemento umano. Per farlo occorre però riformulare una serie di attività perché l’ipotesi alla base è radicalmente differente: il soggetto dei sistemi di difesa sono le persone e non le macchine. Le persone non sono tutte uguali, non sono sistemi informatici, il loro comportamento cambia nel tempo e le scienze coinvolte sono quelle umanistiche e non quelle informatiche o elettroniche. La fonte del rischio cyber non è un sistema informatico, ma una persona o un gruppo di persone in carne ed ossa. La Social Engineering, come forma di attacco, sta quindi vivendo una seconda giovinezza a causa della crescente incidenza delle minacce informatiche che vanno a colpire quello che ancora oggi è l’anello più debole di un sistema informativo: i suoi utenti. Alla base di questa enorme crescita ci sono due principali motivazioni:

  • l’arrivo del COVID-19 e la conseguente esplosione del Work from Anywhere (WfA), che ha creato molti utenti nomadici, spesso impreparati, esposti alle minacce internet in prima persona;
  • l’inizio della guerra Russo-Ucraina, che ha aggiunto motivazioni geopolitiche alle logiche del cybercrime, prima prevalentemente di natura economica.

Un problema multiculturale

È un problema profondamente multiculturale che richiede competenze diverse, non solo tecniche. Considerare correttamente l’elemento umano nella sicurezza richiede un approccio realmente multiculturale ed interconnesso.

Ripensare la sicurezza dell’elemento umano passa tramite 7 temi, secondo la vision del Cefriel.

Vulnerability Assessment/Penetration Testing dell’elemento umano

Come ogni sistema vulnerabile anche per le persone occorre poter testare la sicurezza effettiva con adeguati test di sicurezza, allo scopo di identificare le vulnerabilità presenti e porvi rimedio. Il ciclo di vita del rischio cyber della componente umana è lo stesso di qualsiasi altro rischio cyber, cambiano il metodo di misura e le mitigazioni. Alla luce di quanto detto, ha senso parlare di Vulnerability Assessment (VA) e Penetration Testing (PT) della componente umana, con lo scopo di misurare il rischio che le persone rappresentano per l’integrità aziendale. Occorre però specificare una cosa: gli umani oltre a non essere sistemi informatici, come detto sopra, hanno anche necessità etiche e legali, che i sistemi informatici non hanno. Nell’attaccare una macchina non mi pongo particolari problemi in termini di conseguenze psicologiche.

Questa considerazione suona ovvia, ma ha enormi conseguenze sul tipo di simulazioni che si possono fare e le implicazioni delle simulazioni (impatto sul morale delle persone, sulla cultura aziendale, e sulla concreta riduzione del rischio). Inoltre, quali competenze è bene coinvolgere per svolgere una stima realistica del rischio? Queste attività di VA/PT deve svolgerle tipicamente il Red Team, con che competenze? Cosa deve fare il Blue Team responsabile della difesa?[1]

Humans in the loop

La prima cosa importante è distinguere bene il concetto di elemento umano nella cybersecurity. In generale, quando si parla di elemento umano, si pensa agli attacchi di social engineering ed al phishing, nelle sue forme più o meno avanzate. Questa però, è una visione riduttiva del problema. I problemi di cybersecurity legati all’elemento umano sono più ampli e interessano qualsiasi azione, o errore, che comporti un rischio cyber per un’organizzazione. In conseguenza, coinvolge sia i dipendenti che gli addetti alla sicurezza informatica. Ovunque sono coinvolte delle persone (in altre parole ci sono “humans in the loop”), nel mondo IT o OT, esiste anche un potenziale problema di sicurezza informatica. Quindi parlare di VA/PT dell’elemento umano comporta necessariamente un’argomentazione più articolata delle “semplici” campagne di phishing.

Ricordo che lo scopo ultimo di un VA o di un PT, semplificando, è quello di comprendere il grado di resilienza dell’infrastruttura di difesa aziendale ad una particolare minaccia, oppure ad una particolare tattica e tecnica di attacco (e.g., connessa al framework ATT&CK). Il test può essere compiuto in due modi:

  • contro l’intero armamentario delle difese aziendali, sia tecniche, sia umane (es. nel caso in cui le persone siano state istruite con programmi di awareness specifici a non cliccare sulle mail di phishing) oppure
  • saltando gli strati di tecnologia che proteggono ed isolano gli umani, esponendoli direttamente (come spesso avviene per i lavoratori nella modalità WfA). Nella prima modalità, tipica dei Red Team, l’elemento umano è una parte della sequenza di attacco, e l’attenzione è solamente quella necessaria a svolgere l’intera attack chain pianificata.

Nella seconda modalità ci si concentra con maggiore attenzione sulle persone, esponendole direttamente ad una minaccia informatica, saltando tutte le infrastrutture tecnologiche sovrastanti. In questo senso la seconda modalità di test rappresenta una misura pura della vulnerabilità dello human element.

Riassumendo quindi:

  • L’elemento umano è una fonte di rischio informatico per un’organizzazione.
  • Ogni volta che gli esseri umani sono coinvolti, c’è bisogno di un VA o PT, svolto con modalità e competenze specifiche. Le implicazioni etiche, legali e giuslavoriste sono importanti.
  • Serve un modo nuovo per svolgere questo tipo di VA e PT, che stimoli solo l’elemento umano, togliendo gli strati di tecnologia che ne soffocano e nascondo le vulnerabilità.

In Cefriel abbiamo sviluppato due differenti modalità di testing dell’elemento umano: gli Social Driven Vulnerability Assessment e i Full Spectrum Vulnerability Assessment che si rivolgono a due differenti ruoli aziendali: gli impiegati, vittime di attacchi di deception come ad esempio il phishing, e gli addetti alla difesa, come ad esempio i responsabili del security incident team. Nel progetto Europeo DOGANA inoltre abbiamo definito un complesso framework per compiere test aderenti alle TTP definite dal framework ATT&CK senza violare il rapporto etico di fiducia fra datore di lavoro e lavoratore e le norme giuslavoriste. A proposito del rapporto di fiducia, va sottolineato che compiere test di sicurezza di questo tipo richiede competenze precise che non si improvvisano e vanno oltre il semplice invio di una mail di phishing. Una campagna di phishing simulato mal pensata può avere conseguenze inattese e problematiche e non essere in grado di collegare correttamente i risultati con i Key Risk Indicator, la posture aziendale sulla sicurezza e le logiche di accettazione del rischio stabilite a livello di governance. Molto semplificato lo schema di un SDVA può essere rappresentato come in figura sotto:

Conclusioni

In generale, le realtà organizzativamente complesse, con molti ruoli e competenze ed eterogenee dal punto di vista tecnologico sono, nei confronti della social engineering, più vulnerabili di altre. Modificare comportamenti ed abitudini tramite programmi di awareness mirati ed efficaci è realmente difficile e nel migliore dei casi avviene con una estrema lentezza, questo si traduce in una vulnerabilità persistente[2] che è difficile eradicare. Senza addentrarsi nei dettagli della Social Engineering è ben noto il trend di crescita degli ultimi anni, che ha visto aumentare gli attacchi all’elemento umano di oltre il 300%.

Tutte le best practices di Enterprise Security (es. il NIST CSF o il modello zero-trust) comprendono l’elemento umano. Ma cosa significhi esattamente la corretta misurazione del rischio che rappresenta e dove tale rischio si nasconda non è sempre chiaro. Non ci sono solo gli impiegati, ma anche i team responsabili della difesa aziendale.

Per quanto riguarda i Red e Purple Team la multidisciplinarità diventa un elemento fondamentale. Da anni i gruppi cyber criminali hanno incorporato competenze utili a colpire l’elemento umano tramite attacchi di social engineering, mentre il mondo della sicurezza è rimasto indietro. Raramente competenze di psicologia, scienze comportamentali, o cyber-psicologia vengono incluse nello staff di sicurezza IT delle compagnie, così come raramente l’HR viene coinvolta appieno nella difesa aziendale. Ma non esiste solo la social engineering, esistono anche gli errori delle persone, ad esempio nei team di difesa aziendale. Errori che fanno parte del rischio cyber di un’azienda e vanno misurati e mitigati.

Ma, anche gli stessi attaccanti sono esseri umani. Un recente progetto americano è alla ricerca di modi per utilizzare teorie psicologiche per contrastare gli attacchi cyber. Gli scienziati della IARPA stanno studiando come comprendere e prevedere il comportamento degli hacker per essere più efficaci nel fermare gli incidenti informatici. Non c’è difatti abbastanza attenzione nella sicurezza informatica sulla comprensione delle dinamiche psicologiche, decisionali e comportamentali degli aggressori informatici. L’obiettivo è progettare sistemi che incorporino i limiti umani, come le dinamiche decisionali delle persone, per prevenire o ritardare gli attacchi capendo come gli attaccanti si muovono e ragionano.

In una logica di continuous security, poiché il rischio non può essere eliminato, deve essere compreso e anticipato. Anticipare il rischio serve per considerare che può accadere il peggio ma anche per mettere in discussione le proprie certezze, convinzioni, pregiudizi, ideologie, ecc. In questo il testing tramite opportune tecniche di VA/PT dell’elemento umano è fondamentale ed un tassello importante nelle logiche di mitigazione del rischio. Elemento umano che va considerato a 360°.

Note

  1. Il Red Team rappresenta gli “attaccanti” e comprende competenze di offensive security e penetration testing. Questo team si concentra su singoli problemi di cybersecurity ed esegue simulazioni di attacco realistiche agganciate alle tattiche, tecniche e procedure conosciute (es. del framework ATT&CK).  Il Blue Team rappresenta i “difensori” e comprende l’incident response team, i tecnici di supporto, i team di threat intelligence e attività forense (es. malware triage).  Il focus sono il monitoraggio, la segnalazione e la gestione degli incidenti.
  2. Ad esempio si veda I. Kirlappos and M. A. Sasse, “Security education against Phishing: A modest proposal for a major rethink,” IEEE Security & Privacy Magazine, vol. 10, no. 2, pp. 24–32, Mar. 2012.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4