l'analisi

OSINT, l’intelligence “extra-istituzionale”: così grazie ai cittadini tutti i dati diventano strategici

Quando si fa riferimento all’utilizzo di metodologie OSINT, l’intento è quello di sottolineare la natura integralmente pubblica dei dati che vengono raccolti e successivamente analizzati, con l’obiettivo di ricavarne un’informazione il più affidabile possibile. Ma le fake news sono sempre dietro l’angolo

07 Ott 2022
Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

Martina Rossi

Hermes Bay

data act europa

L’OSINT – Open Source INTelligence (Intelligence da fonti aperte) – costituisce il pilastro centrale della cosiddetta “intelligence extra-istituzionale”. Con l’avvento della tecnologia e la rapidità di evoluzione della stessa, tale attività risulta essere oggi alla portata di tutti e non costituisce più una prerogativa degli Stati.

Ma di cosa si tratta esattamente? E come si fa a essere sicuri che si trasformi in un nuovo veicolo per la disinformazione?

L’Osint, grande alleato dell’investigazione “tradizionale”: vantaggi e limiti

OSINT: dai social network all’intelligence

Le nuove tecnologie nel campo delle telecomunicazioni permettono all’opinione pubblica mondiale di venire a conoscenza di informazioni che altrimenti rimarrebbero celate. Si pensi, per esempio, al largo uso dei social network come fonte per documentare gli avvenimenti in scenari di crisi o di guerra. Questi strumenti hanno cominciato a essere impiegati sempre di più anche dai servizi di intelligence di vari Paesi per monitorare le attività di possibili avversari e acquisire un vantaggio strategico.

WHITEPAPER
Banking, come creare valore con l’AI conversazionale
CIO
Finanza/Assicurazioni

A partire dalla Guerra Fredda, le tecniche di analisi si sono perfezionate e l’OSINT si è evoluta sempre più fino a diventare una valida soluzione per ciò che concerne l’acquisizione di dati geospaziali. La ricognizione militare, infatti, si concentra su informazioni quali il tipo di terreno, la presenza di corsi d’acqua e l’articolazione delle reti di trasporto. Tutti questi dati sono necessari per sviluppare una strategia che può influire sul successo o sul fallimento dei sistemi d’arma utilizzati. Sulla base delle informazioni ottenute, è possibile altresì prendere decisioni politiche e monitorare le minacce nell’ambiente esterno. Una fonte di informazioni estremamente utile in questo contesto sono i sistemi che contengono mappe con le posizioni delle entità ritenute ostili.

Il Geographic Information System (GIS)

Lo strumento maggiormente utilizzato per la geolocalizzazione è il Geographic Information System (GIS). Si tratta di un sistema informativo utilizzato per inserire, raccogliere, elaborare e visualizzare i dati geografici, compresi quelli che supportano il processo decisionale. Il GIS è composto da database geografici. L’ applicazioni include, tra l’altro, il catasto dei terreni e degli edifici, nonché l’analisi dei dati statistici. Questi sistemi possono essere fondamentali per l’elaborazione dei dati sulle infrastrutture presenti in un’area, come le reti idriche, energetiche o delle comunicazioni.

I satelliti, inclusi quelli delle società private, hanno ricoperto un ruolo cruciale per lo sviluppo dei moderni sistemi di geolocalizzazione. Tra il maggio 2020 e il febbraio 2021, la società di software geospaziali Simularity ha rilevato quelle che sembrano essere delle infrastrutture per radar e dei supporti per antenne in una potenziale base militare a Mischief, un atollo situato a 250 km dalle Filippine occupato dalla Repubblica Popolare Cinese dal 1995. Negli ultimi anni, le autorità di Pechino vi hanno costruito un’isola artificiale che include una pista di atterraggio di circa 2.700 metri.

Un’immagine datata 7 maggio 2020 mostra un appezzamento vuoto, successivamente occupato da una struttura cilindrica larga 16 metri che Simularity sostiene possa essere una “possibile struttura di montaggio dell’antenna”. Un’altra inquadratura mostra una struttura in cemento con un radome sferico, un involucro resistente alle intemperie usato per proteggere le antenne radar. Da analisi di immagini satellitari emerge come la Cina stia espandendo le capacità delle sue isole artificiali per trasformarle in basi militari.

Nel mese di aprile, alcune immagini catturate dai satelliti della Planet Labs sulla Corea del Nord hanno mostrato la costruzione di una presunta galleria nel sito di Punggye-ri. Washington e i suoi alleati ritengono che Pyongyang stia preparando il primo test nucleare sotterraneo dal 2017. Secondo Jeffery Lewis, esperto di sistemi d’arma e professore presso il Middlebury Institute of International Studies, le immagini mostrerebbero un nuovo tunnel trasversale. Il segno rivelatore consisterebbe in un mucchio di materiale di scarto davanti al tunnel, composto da roccia proveniente dall’interno della montagna. Il tunnel trasversale si interseca con uno dei tunnel principali oltre l’ingresso, consentendo di ridurre la distanza dalla zona di lancio sotterranea.

L’intelligence a portata di cittadino

La diffusione dei sistemi satellitari ha permesso anche a comuni cittadini di scoprire notizie di interesse strategico. Nel 2021, quando alcune voci sullo spostamento di missili balistici cinesi nel Deserto del Gobi hanno cominciato a circolare, Decker Eveleth, studente del Reed College di Portland, ha iniziato ad interessarsi alla questione. Analizzando le immagini satellitari scattate sulla Provincia del Gansu, è riuscito a identificare 120 silos in fase di costruzione, che rappresentano il più grande dispiegamento di batterie missilistiche dalla fine della Guerra Fredda.

Al giorno d’oggi la raccolta informativa da fonti aperte costituisce, altresì, un’importante risorsa per giornalisti, aziende, analisti, organizzazioni e diversi enti e categorie che operano quotidianamente a contatto con internet, social network, giornali e altri. Quando si fa riferimento all’utilizzo di metodologie OSINT, l’intento è quello di sottolineare la natura integralmente pubblica dei dati che vengono raccolti e successivamente analizzati, con l’obiettivo di ricavarne un’informazione il più affidabile possibile.

Crimini di guerra svelati con l’Open Source Intelligence: vantaggi e limiti

L’accesso generalizzato a una così grande quantità di notizie, non più a sola disposizione di enti governativi, dipartimenti e agenzie militari, ha fatto sì che negli anni queste venissero diffuse su larga scala, consentendo talvolta la fuoriuscita di informazioni sensibili. Si pensi, ad esempio, alle rivelazioni di Eliot Higgins, giornalista e fondatore del sito web di giornalismo investigativo Bellingcat, in riferimento all’utilizzo di armi non convenzionali in Siria nel 2012. Successivamente alle dichiarazioni di Higgins, diversi media e organizzazioni impegnate nella difesa dei diritti umani hanno iniziato a indagare su possibili violazioni, recandosi nei luoghi interessati e raccogliendo testimonianze dirette.

L’OSINT e il giornalismo

Testate giornalistiche di spicco come il New York Times e il Washington Post si sono ormai dotate di vere e proprie divisioni di OSINT, SOCMINT (Social Media Intelligence) e IMINT (Imagery Intelligence), le quali permettono una raccolta delle informazioni a tutto tondo.

Per quanto riguarda nello specifico le immagini satellitari, un tempo queste costituivano una prerogativa di Governi e agenzie d’intelligence a causa dei loro costi estremamente elevati. A oggi, invece, esistono diverse società specializzate in questo, come la statunitense Maxar Technologies Inc., e le meno note Blacksky e Planet Labs. Fu proprio il New York Times, tramite il suo team di Visual Investigations, a pubblicare mesi fa le immagini satellitari relative al massacro di Bucha, in Ucraina, registrate da Maxar Technologies l’11 marzo scorso. Attraverso queste divulgazioni esclusive, sarebbero state smentite le dichiarazioni di Mosca secondo cui la morte di oltre 400 civili nella città ucraina sarebbe avvenuta solo dopo l’abbandono delle forze russe. Le immagini mostrerebbero infatti la presenza delle truppe circondate da civili senza vita. A seguito della notizia, la Russia ha prontamente smentito tutto, affermando che si sarebbe trattato di “un’altra bufala”, unita alle “provocazioni dei radicali ucraini”.

I rischi dell’OSINT

Nonostante gli esempi descritti, va tuttavia considerato come il ricorso all’OSINT, pur ricoprendo ormai un ruolo fondamentale dal punto di vista mediatico, esponga il fruitore di contenuti a una serie di rischi che risulta opportuno prendere in considerazione.

La quantità di informazioni disponibili in rete aumenta le probabilità di imbattersi in fake news, il cui scopo è quello di generare disinformazione tra la popolazione. Questa non si esaurisce unicamente nella diffusione di notizie completamente false, o infondate, ma comprende una serie di attività ben più difficili da individuare, come il rovesciamento dei fatti, l’alterazione di alcune circostanze o l’attenuazione e il mascheramento di un elemento del fatto raccontato. La forza della disinformazione si sostanzia quindi nel saper rendere la notizia credibile, non alterando completamente la realtà, ma esaltandone o celandone alcune circostanze, di modo da distorcerla e manipolarla sulla base dei propri interessi.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4