il parere edpb

Dati personali e neutralità della rete, i chiarimenti dei Garanti Ue

Il Comitato Europeo per la Protezione del Dati Personali ha chiarito alcuni aspetti controversi relativi al trattamento dei dati personali nell’ambito delle comunicazioni elettroniche. Il parere porterà a un aggiornamento delle Linee guida sull’applicazione del Telecom Single Market Regulation

08 Gen 2020
Francesco Maldera

Data Protection Officer e Data Specialist

big data

I dati personali sono dappertutto. Nelle comunicazioni elettroniche, tuttavia, ce ne sono davvero molti e, nella sedicesima riunione plenaria, tenutasi il 2 ed il 3 dicembre scorso, l’EDPB (il Comitato Europeo per la Protezione del Dati Personali) ha dovuto confrontarsi con questa realtà su sollecitazione del BEREC (il Body of European Regulators for Electronic Communications – l’Organismo dei Regolatori Europei delle Comunicazioni Elettroniche).

Il parere dell’EDPB, considerando la delicatezza degli argomenti, è arrivato dopo quasi un anno di attesa ed ha chiarito alcuni aspetti controversi relativi al trattamento dei dati personali. Per esempio, stabilendo che è lecito trattare i dati della testata IP e TCP/UDP ma non i dati del relativo pacchetto, che dicono che cosa fa effettivamente l’utente online.

Facciamo il punto, partendo dal contesto normativo in cui questo parere andrà a inserirsi.

Le norme che regolano il mondo delle comunicazioni elettroniche

Com’è noto, il mondo delle comunicazioni elettroniche è regolato, oltre che da altre norme, dal Reg. UE 2015/2120 che “stabilisce misure riguardanti l’accesso a un’Internet aperta”, il cosiddetto TSMR (Telecom Single Market Regulation), e che, di fatto, definisce le cosiddette “misure di neutralità della rete” rispetto alle possibilità di sviluppo economico dell’Unione Europea. Nel 2016, precisamente ad agosto, il BEREC ha pubblicato le “Guidelines on the Implementation by National Regulators of European Net Neutrality Rules”, a beneficio delle singole autorità regolatrici nazionali (per l’Italia è l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni, AGCOM) oltre che degli operatori di telecomunicazioni, per fornire gli orientamenti necessari all’applicazione della norma europea.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Tuttavia, il TSMR e, di conseguenza, le Linee guida BEREC scontano una data di nascita prematura rispetto al quadro normativo che si è andato formando successivamente. Infatti, nel 2015 erano vigenti la direttiva 46/95/CE (protezione dei dati personali) e la direttiva 2002/58/CE (cosiddetta direttiva ePrivacy relativa al trattamento dei dati personali e alla tutela della vita privata nel settore delle comunicazioni elettroniche). Oggi, invece, è pienamente applicabile il Reg. UE 2016/679 (GDPR che ha sostituito la direttiva 46) ed ha ancora molte difficoltà a giungere alla definitiva approvazione il Regolamento ePrivacy (che dovrebbe sostituire la direttiva 58).

In questo quadro, quindi, il BEREC ha deciso di aggiornare le proprie Linee guida chiedendo all’EDPB alcuni chiarimenti terminologici (dietro i quali, tuttavia, si nasconde molta sostanza) oltre che orientamenti su comportamenti da adottare per specifici servizi forniti dagli operatori di telecomunicazioni.

Il monitoraggio finalizzato alla gestione del traffico

Il primo dei problemi affrontati dall’EDPB è stato quello di qualificare con precisione fin dove può spingersi l’attività di monitoraggio svolta dagli operatori di telecomunicazioni per la gestione del traffico. In particolare, quali dati personali le norme europee consentono di trattare e quali, invece, devono essere esclusi per finalità di gestione del traffico.

Un chiarimento preliminare a questo interrogativo è stato riservato dall’EDPB alla locuzione “contenuto specifico” di una comunicazione elettronica che si differenzia dal semplice “contenuto”. Infatti, l’art. 3 del TSMR, al paragrafo 3 (secondo capoverso, ultimo periodo), afferma che le “misure [adottate dai fornitori di servizi di accesso ad Internet per la gestione del traffico] non controllano i contenuti specifici e sono mantenute per il tempo strettamente necessario”.

Ma cos’è un “contenuto specifico”? Per chiarirlo, l’EDPB scende in particolari tecnici che si legano alla pila di protocolli universalmente utilizzata per le comunicazioni su Internet; in particolare, l’EDPB afferma che, considerando un pacchetto che viaggia su Internet, la testata IP (noto come livello 3 della pila di protocolli nel modello ISO/OSI) e la testata TCP/UDP (noto come livello 4) non costituiscono “contenuti specifici” mentre i dati del pacchetto al livello 4 costituiscono “contenuto specifico”. Questo significa che, per scopi di regolazione del traffico, è consentito trattare le testate IP e TCP/UDP e, quindi, effettuare monitoraggi sul flusso dei pacchetti limitandosi alle sole testate. Il monitoraggio dei dati al livello 4 non è consentito perché costituirebbe una profonda interferenza nella vita delle persone e, quindi, una violazione dell’art. 8 della Convenzione Europea dei Diritti Umani e dell’art. 7 della Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea.

Per rafforzare questa posizione, l’EDPB ha citato una specifica pronuncia della Corte di Giustizia Europea sul caso Scarlet SA-SABAM e le relative conclusioni dell’Avvocato Generale. La vicenda affrontata in questa causa vedeva la SABAM (il soggetto che tutela i diritti d’autore in Belgio) chiedere che fosse dichiarata la violazione del diritto d’autore per lo scambio di file (contenenti, appunto, opere tutelate) avvenuto tramite l’infrastruttura di telecomunicazioni messa a disposizione da Scarlet SA; SABAM, in sintesi, affermava che Scarlet avrebbe potuto:

  • monitorare il traffico per capire che alcuni pacchetti che viaggiavano sulla propria infrastruttura contenevano parti di oggetti (musica, film, ecc.) tutelati dal diritto d’autore;
  • interrompere il servizio di trasmissione in presenza di tali violazioni.

Naturalmente, la Corte di Giustizia ha deliberato che questo tipo di filtri contrastano con i diritti e le libertà delle persone e, quindi, non può essere lecito utilizzarli.

La trasparenza nei confronti degli utenti

Un altro elemento contenuto nella richiesta di parere del BEREC riguardava la conciliazione tra le misure di trasparenza contenute nel TSMR e quelle contenute nel GDPR. Il TSMR, all’art. 4, prevede che:

  • I fornitori di servizi di accesso a Internet provvedono affinché i contratti che includono servizi di accesso a Internet precisino almeno quanto segue:
  • informazioni sul potenziale impatto delle misure di gestione del traffico applicate dal fornitore sulla qualità dei servizi di accesso a Internet, sulla vita privata degli utenti finali e sulla protezione dei loro dati personali;

Esiste, quindi, nel TSMR, un esplicito riferimento alla protezione dei dati personali che, secondo l’EDPB, deve sostanziarsi nel rendere chiare agli utenti (“interessati” nel lessico del GDPR) quali sono le finalità del trattamento e, soprattutto, nell’esplicitazione della base giuridica del trattamento. In particolare, se non esiste base giuridica alternativa al consenso, bisogna fare in modo che questo sia libero ovvero non legato a particolari condizionamenti di natura contrattuale. Quindi, certamente il fornitore di servizi di accesso a Internet deve fornire una informativa conforme agli articoli 12 e 13 del GDPR ed acquisire, nei casi in cui è necessario, il consenso con le caratteristiche specificate al punto 11, par. 1, art. 4 dello stesso GDPR.

Le offerte zero‑rating

L’ultimo argomento affrontato dall’EDPB riguarda le offerte zero‑rating con le quali alcuni fornitori di accesso ad Internet danno la possibilità ai clienti di navigare gratis solo su un insieme di siti definiti. La domanda posta dal BEREC è stata: posto che per questo tipo di contratto è necessario che il fornitore conosca i nomi di dominio e le URL visitati dal cliente, qual è la base giuridica che consente al fornitore di offerte zero‑rating di trattare lecitamente questi dati personali?

L’EDPB ritiene che non si possa applicare come base giuridica l’obbligo legale (art. 6, par. 1, lett. c) del GDPR perché, come già ricordato, nelle norme di settore (appunto il TSMR) è previsto che possono essere trattati solo i dati necessari alla gestione del traffico e, com’è noto, i nomi di dominio e le URL non sono né utili né necessari a questo scopo. Peraltro, non può essere impiegata nemmeno la base giuridica prevista dall’art. 6, par. 1, lett. b del GDPR (esecuzione di un contratto) perché la comunicazione avviene, di norma, tra almeno due soggetti di cui solo uno potrebbe aver concluso il contratto zero‑rating. L’unica base giuridica applicabile, secondo l’EDPB, appare essere il consenso che, peraltro, dovrà essere espresso da tutti i soggetti coinvolti nella comunicazione elettronica.

Conclusioni

Il parere fornito al BEREC porterà, certamente, ad un rapido aggiornamento delle Linee guida sull’applicazione del TSMR anche se la vera sfida del legislatore europeo è l’approvazione del Regolamento ePrivacy che, già nella sua bozza (a partire dalle definizioni contenute nell’art. 4), articola meglio alcuni concetti (come la definizione di “metadati delle comunicazioni elettroniche”) che, forse, nel precedente quadro normativo erano un po’ più sfumati o, addirittura, assenti.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4