scenari

IA, privacy a rischio? Come tutelarla, le strategie UE e USA



Indirizzo copiato

Mentre l’Ue procede verso la definizione della versione definitiva del testo dell’AI Act, anche oltreoceano si sta diffondendo una certa sensibilità in merito non solo alle opportunità rappresentate dall’Intelligenza Artificiale, ma anche verso i potenziali rischi che un abuso di queste tecnologie può comportare. Gli approcci ai problemi, però, restano distanti

Pubblicato il 23 gen 2024

Filippo Benone

Privacy Legal IT Consultant, P4I

Anna Cataleta

Senior Partner di P4I e Senior Advisor presso l’Osservatorio Cybersecurity & Data Protection (MIP)

Aurelia Losavio

Privacy IT Legal Consultant at P4I



intelligenza artificiale ai act

Con le sue enormi potenzialità, l’intelligenza artificiale rappresenta, probabilmente, una delle maggiori sfide degli ultimi tempi, in particolare per i nostri dati personali. Una sfida che Unione Europea e Stati uniti stanno affrontando in maniera differente, la prima con un approccio centrato sull’umano (“human-centred”), i secondi con una maggiore attenzione al business.

Proviamo allora a fare il punto sulle strategie con cui Ue e Usa pensano di affrontare le problematiche connesse, ad esempio dal sempre più diffuso fenomeno del deep fake, ma non solo: l’AI pone infatti svariati rischi per la sicurezza, per la privacy, per la proprietà intellettuale, per la trasparenza e molto altro ancora.

AI Act: nuovo aggiornamento e pressioni degli Stati

Prima di immergerci nella disamina dei diversi approcci di Unione europea e Stati Uniti inerenti la regolamentazione dei sistemi di Intelligenza Artificiale, va menzionato il fatto che il testo dell’AI Act ha subito un nuovo aggiornamento. In particolare, nella mattinata di lunedì 22 gennaio è stato reso disponibile sul sito Euractiv il testo aggiornato dell’AI Act.

In un post pubblicato su Linkedin[1] contenente il testo aggiornato dell’AI Act, il giornalista Luca Bertuzzi, afferma che il documento è stato condiviso con i Paesi dell’UE nel pomeriggio di domenica 21 gennaio, in vista di una discussione all’interno del Gruppo di lavoro sulle telecomunicazioni (un organo tecnico del Consiglio) e dell’adozione formale a livello di ambasciatori (COREPER) il 2 febbraio. È chiaro, dunque, che i tempi sono piuttosto risicati e che, probabilmente, i delegati nazionali non avranno abbastanza tempo per analizzare l’intero testo, ma dovranno concentrarsi sugli articoli più importanti.

Inoltre, si osserva come la Francia stia ancora sondando il terreno con gli altri Paesi in merito alla possibilità di formare una minoranza di blocco, almeno per ritardare il voto del COREPER, con l’obiettivo di ottenere alcune concessioni nel testo. Tuttavia, fino ad ora Parigi non è riuscita a creare una minoranza di blocco, ma il quadro diventerà più chiaro quando gli Stati membri forniranno il loro riscontro a livello tecnico. Tuttavia, se la Francia non otterrà alcuna concessione in questa fase, essa continuerà a fare pressione per influenzare l’attuazione della legge sull’IA, in particolare in termini di diritto derivato, poiché il dossier rimane una priorità nazionale assoluta.

Approccio regolatorio USA e Ue a confronto

L’attuale contesto di imperante trasformazione digitale fa emergere, quindi, come la tutela dei dati personali nell’ambito dell’uso degli strumenti di IA sia non solo un problema europeo. Difatti, mentre in Unione europea si attende il testo definitivo della Proposta di Regolamento Ue che stabilisce regole armonizzate sull’intelligenza artificiale (AI Act), anche negli USA si percepisce un certo fermento su tali temi. Si pensi, ad esempio, all’Executive Order on the Safe, Secure, and Trustworthy Development and Use of Artificial Intelligence del Presidente Joe Biden, pubblicato il 30 ottobre 2023, “per garantire che l’America sia all’avanguardia nel cogliere le promesse e gestire i rischi dell’IA”[2].

Ad oggi, negli USA manca ancora una legge specifica in merito. Il 2020 ha, tuttavia, segnato l’inizio di una discussione più approfondita e, con l’esplosione della ChatGPT nel corso del 2023, la pressione e l’interesse sul tema si sono ampiamente intensificati.

Le attenzioni dell’Authority americana si sono rivolte in particolar modo nei confronti delle aziende Model-as-a-service, ossia imprese che sviluppano e forniscono modelli di IA per altre aziende e utenti, sottolineando la necessità di rispettare gli obblighi privacy nei confronti degli utenti. In una guida recente, infatti, la Federal Trade Commission (FTC) ha richiamato queste aziende alle proprie responsabilità, evidenziando che le dichiarazioni sull’uso dei dati devono essere rispettate non solo nelle informative privacy, ma anche e soprattutto nei termini di servizio e in altri materiali promozionali. Viene sottolineata, in tal senso, l’importanza, per queste aziende, di prestare attenzione alle loro dichiarazioni sull’uso dei dati, avvertendo che omissioni materiali possono essere considerate alla stregua di riposte false in quanto potrebbero influenzare le decisioni di acquisto dei clienti e sollevare la questione della trasparenza.

Nel complesso panorama in rapida evoluzione dell’IA, le aziende che sviluppano soluzioni di apprendimento automatico ed elaborazione del linguaggio naturale sono ora chiamate a riflettere sulla precisione delle loro dichiarazioni in merito ai sistemi che forniscono. Dichiarazioni che, in mancanza di trasparenza, potrebbero persino portare l’Autorità a richiedere la cancellazione di modelli e algoritmi in caso di violazioni.

In un settore in costante crescita, l’attenzione delle autorità di regolamentazione come la FTC sottolinea l’importanza per le aziende di assumere un approccio trasparente e responsabile nell’utilizzo dell’IA. La conformità, infatti, non è solo un dovere legale, ma anche un elemento chiave per la costruzione della fiducia con gli utenti e la salvaguardia dell’integrità del settore[3].

Dal canto suo, invece, l’Unione europea, pur essendo stata pioniera nel riconoscere la necessità di regolamentare in maniera unitaria e organica l’utilizzo dei sistemi di IA e di coordinarne le sue implicazioni etiche, non si è (ancora) dotata di un testo definitivo dell’AI Act. Tale impasse è stata determinata anche da motivi di natura politica. Infatti, paesi come Francia, Italia e Germania avevano espresso la loro preferenza verso una disciplina più light dell’IA, incentivando l’adozione di codici di condotta in ottica di autoregolamentazione e di orientamento al business.

Il respiro della Proposta di Regolamento della Commissione europea è, invece, altamente umano-centrico. In tal senso, è curioso notare come l’AI Act nasca dall’esigenza di disciplinare l’utilizzo dei software di AI. Tuttavia, l’obiettivo principale di tale normativa è comunque quello di garantire la salvaguardia dei diritti fondamentali dell’uomo. Non a caso, nell’elencare i motivi e gli obiettivi dell’AI Act, la proposta afferma che l’IA dovrebbe rappresentare uno strumento per le persone e un fattore positivo per la società, con il fine ultimo di migliorare il benessere degli esseri umani.

Le novità dell’accordo provvisorio sull’AI Act

Lo scorso dicembre è stato raggiunto accordo politico provvisorio sul testo dell’AI Act, il quale costituisce un importante passo avanti verso la regolamentazione dell’utilizzo di tali tecnologie. Cosa stabilisce questo nuovo accordo? Di seguito, si propone una breve panoramica dei punti principali.

In primo luogo, sono ammessi diversi sistemi di IA ad alto rischio, purché soggetti a una serie di requisiti e obblighi per ottenere accesso al mercato dell’Unione. In proposito, è fondamentale rammentare che l’accordo avrebbe accolto le istanze del Parlamento Europeo di introdurre una valutazione d’impatto sui diritti fondamentali prima che un sistema di IA ad alto rischio sia immesso sul mercato.

Invece, il nuovo accordo vieta i sistemi di IA che possano causare gravi violazioni dei diritti fondamentali o altri rischi significativi. Non sono, invece, sottoposti a divieto i sistemi di IA che presentino un rischio limitato, purché gli stessi siano sottoposti ad obblighi di trasparenza come, ad esempio, rendere noto che un contenuto è stato generato da Intelligenza Artificiale. Ciò allo scopo di permettere agli utenti di assumere delle decisioni più informate.

Sono previsti, poi, dei divieti assoluti per situazioni in cui il rischio dell’uso di strumenti di IA è considerato inaccettabile. Tali situazioni riguardano i casi di manipolazione comportamentale cognitiva, lo scraping non mirato delle immagini facciali da Internet o da filmati di telecamere a circuito chiuso, il riconoscimento delle emozioni sul luogo di lavoro e negli istituti di istruzione, l’attribuzione di un punteggio sociale (credit scoring), la categorizzazione biometrica per dedurre dati sensibili, quali l’orientamento sessuale o le convinzioni religiose, alcuni casi di polizia predittiva per le persone.

Inoltre, con riguardo all’uso di sistemi di identificazione biometrica remota in tempo reale in spazi accessibili al pubblico, l’accordo stabiliscela possibilità di utilizzare tali sistemi per finalità di contrasto, in via del tutto eccezionale e limitatamente a specifiche situazioni, come in caso di vittime di determinati reati, prevenzione di minacce reali, presenti o prevedibili come attacchi terroristici e in caso di ricerca di persone sospettate dei reati più gravi.

L’accordo prevede, inoltre, che una persona fisica o giuridica possa presentare un reclamo alla pertinente autorità di vigilanza del mercato riguardo alla non conformità con il regolamento sull’IA, potendosi aspettare che tale reclamo sia trattato in linea con le procedure specifiche di tale autorità[4].

Per quanto riguarda le sanzioni, l’accordo provvisorio prevede massimali più proporzionati per le sanzioni amministrative pecuniarie per le PMI e le start-up in caso di violazione delle disposizioni del Regolamento.

Tuttavia, si attende ancora il testo definito dell’AI Act, il quale è tutt’ora al vaglio del legislatore europeo. È in programma la sottoposizione del testo di compromesso ai rappresentanti degli Stati membri (Coreper) per approvazione, una volta conclusi i lavori.

Conclusioni

Quello che emerge dall’analisi sopra esposta è che sussistono delle importanti differenze tra Unione europea e Stati Uniti sul modo di disciplinare l’evoluzione degli strumenti di IA. Difatti, mentre quello Ue è un approccio “human-centred”, quello statunitense è maggiormente improntato alla tutela del business.

Per quanto riguarda il fronte Ue, si sta procedendo ormai verso la definizione della versione definitiva del testo dell’AI Act e l’ultimo aggiornamento al testo del Regolamento ne è una prova. È importante, quindi, sciogliere tutti i nodi relativi all’adozione del testo definitivo di tale Regolamento, con l’auspicio che ciò possa avvenire il prima possibile.

Infine, va riconosciuto con favore il fatto che anche oltreoceano si stia diffondendo una certa sensibilità in merito non solo alle opportunità rappresentate dall’Intelligenza Artificiale, ma anche verso i potenziali rischi che un abuso di queste tecnologie può comportare.

Non mancano, quindi, i problemi e le difficoltà nell’implementare sistemi di tutela altamente complessi e soggetti a costanti mutamenti sociali e tecnologici. In tal senso, è fondamentale che i legislatori mondiali assicurino un contemperamento tra le diverse normative poste a disciplina dell’utilizzo delle tecnologie di IA. Solo grazie a un costante lavoro di armonizzazione si potranno, infatti, garantire al meglio i diritti e le libertà individuali.


[1] https://www.linkedin.com/posts/luca-bertuzzi-186729130_aiactfinalfour-column21012024pdf-activity-7155091883872964608-L4Dn

[2] https://www.whitehouse.gov/briefing-room/statements-releases/2023/10/30/fact-sheet-president-biden-issues-executive-order-on-safe-secure-and-trustworthy-artificial-intelligence/

[3] Federal Trade Commission Warning to Artificial Intelligence Companies (natlawreview.com)

[4] Commissione europea, Regolamento sull’intelligenza artificiale: il Consiglio e il Parlamento raggiungono un accordo sulle prime regole per l’IA al mondo, Comunicato stampa, disponibile al seguente link.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3