Il decalogo

Tutelare la privacy attentata dal digitale: i consigli dell’ONU

Le riforme legislative si susseguono, eppure il deficit di tutela della privacy aumenta al punto da diventare un problema globale ormai fuori controllo dalle implicazioni sempre più complesse. Un rapporto Onu traccia uno scenario preoccupante e promuove un decalogo di principi-guida da utilizzare nella regolamentazione

04 Nov 2022
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

Amazon, cosa sappiamo della sanzione del Garante della privacy del Lussemburgo

Il digitale insidia sempre più la nostra privacy e compromette il corretto esercizio di diritti fondamentali, esponendo gli utenti a rischi massivi di tracciamento e manipolazione dei dati personali processati da sofisticate tecnologie oltremodo invasive e pervasive.

Il recente rapporto A/77/196 “Right to privacy”, a cura dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, descrive al riguardo uno scenario particolarmente preoccupante, sollecitando gli Stati a intervenire con urgenza e senza esitazioni in materia per realizzare un bilanciamento tra i diversi interessi a presidio dei dati personali che circolano in Rete.

Siamo tutti più sorvegliati col digitale: le proposte di tutela delle Nazioni Unite

Privacy, un problema globale ormai fuori controllo

Nonostante la progressiva attuazione di svariate riforme legislative, integrate da frequenti correttivi del quadro normativo, ispirati dall’esigenza di adeguare le legislazioni vigenti alla rapidità tecnologica dell’innovazione digitale, a quanto pare – e il rapporto dell’ONU è l’ennesima conferma – il deficit di tutela della privacy non solo non si attenua ma addirittura aumenta al punto da rappresentare un problema globale ormai fuori controllo dalle implicazioni applicative sempre più complesse e articolate.

WHITEPAPER
Certificazioni GDPR: tutti i vantaggi per le organizzazioni che vi aderiscono
Legal
Privacy

Per tale ragione, si comprendono le ragioni che hanno indotto – ancora una volta – le Nazioni Unite a pubblicare un rapporto ufficiale, formalizzando un allarme generale sui rischi alla protezione dei dati personali cui gli utenti possono frequentemente incorrere quando effettuano qualsiasi attività quotidiana online.

Pur senza disconoscere i benefici positivi prodotti dall’innovazione digitale come veicolo di progresso della società, al contempo, però, proliferano pericoli – spesso impercettibili – in grado di pregiudicare il diritto alla privacy individuale.

Il decalogo Onu a tutela della nostra privacy

Prendendo quindi atto di una pervasiva accelerazione del processo di digitalizzazione destinato a mutare profondamento le relazioni interpersonali nella vita pubblica e privata sia a livello nazionale che internazionale, l’ONU promuove un decalogo di principi-guida da utilizzare nella regolamentazione settoriale di riferimento, ben oltre la mera valenza simbolica di semplici raccomandazioni, come “parte strutturale fondamentale di ogni sistema giuridico nazionale” applicabile alla materia della privacy, nell’ottica di incentivare un graduale percorso di convergenza normativa mediante una sinergica cooperazione multilaterale di armonizzazione giuridica promossa su scala globale in ragione dell’inesauribile flusso transfrontaliero di dati personali veicolati online.

In particolare, per favorire lo sviluppo sostenibile delle tecnologie senza compromettere le libertà fondamentali degli individui, mitigando a tal fine i rischi di un uso improprio dei dati personali acquisiti e trattati, la cornice edificata dalle Nazioni Unite include nel decalogo ufficiale i principi di legalità, consenso, trasparenza, finalità, lealtà, proporzionalità, minimizzazione, qualità, responsabilità e sicurezza.

I principi sopra richiamati – secondo la descrizione contenuta nel rapporto ONU – dovrebbero costituire “linee guida interpretative” complessivamente utilizzabili come insieme di prescrizioni operative ad integrazione delle regolamentazioni nazionali vigenti per “colmare le lacune normative” e “affrontare i problemi che possono sorgere durante il trattamento dei dati personali” quando si utilizzano tecnologie digitali, al fine di garantire la corretta gestione delle relative operazioni, a maggior ragione se si tratta di dati particolari di natura “sensibile”.

In tale prospettiva, si sancisce il divieto di qualsivoglia discriminazione codificabile nella progettazione algoritmica dei sistemi tecnologici emergenti, previa specifica enucleazione delle categorie di dati “sensibili” ritenuti maggiormente vulnerabili, in quanto esposti a reiterati pericoli di aggravata lesività da cui ne discende, in linea generale, la preclusione all’effettuazione di ogni operazione di trattamento, salvi i casi specificamente consentiti dalla legge.

Mediante un’approfondita analisi comparativista delle principali fonti normative vigenti in materia[1], funzionale alla predisposizione di un consenso trasversale nella stesura del documento finale, ad esempio:

  • il principio di legalità, declinabile anche nelle ulteriori accezioni applicative di liceità e legittimità, deve essere rispettato durante l’intero ciclo di vita dei dati personali trattati, dall’iniziale raccolta alla cancellazione definitiva delle informazioni come pre-requisito indispensabile per garantire la corretta gestione delle relative operazioni.
  • Tra i principi guida adottati dall’ONU è altresì annoverato il consenso, strettamente connesso al principio di legalità, che consiste, come una delle più importanti basi giuridiche di trattamento, in una “manifestazione espressa o tacita di volontà” attraverso cui l’interessato autorizza la raccolta e gestione dei propri dati personali.
  • Il principio di trasparenza ha portata generale e deve essere rispettato a prescindere dalla specifica base giuridica del trattamento realizzato, come adempimento funzionale a garantire l’accesso pieno e completo alle informazioni personali di cui l’interessato è titolare nell’esercizio del suo effettivo potere di controllo.
  • Il principio finalistico di scopo è descritto dal decalogo delle Nazioni Unite alla stregua di un indispensabile canone di delimitazione delle attività di trattamento dei dati personali, per identificare con precisione, chiarezza e comprensibilità, gli specifici limiti di utilizzo che hanno giustificato la raccolta delle informazioni.
  • Il principio di equità postula la necessità di un trattamento dei dati personali conforme al rispetto di tutti i termini stabiliti per lo svolgimento delle modalità di raccolta delle relative informazioni, evitando qualsivoglia operazione illecita, scorretta e iniqua contraria alle prescritte finalità di trattamento.
  • Il principio di proporzionalità impone limitazioni alle operazioni di trattamento dei dati personali, esclusivamente destinate al perseguimento delle specifiche finalità per le quali i dati sono stati raccolti, nell’ottica di garantire che il processo sia corretto e lecito durante l’intero ciclo di vita dei dati, dall’inizio, a partire dalla di raccolta, sino alla definitiva cancellazione.
  • Strettamente connesso al menzionato principio è il canone della finalità, in forza del quale i dati dovrebbero essere trattati in modo compatibile con la finalità per la quale i medesimi sono stati raccolti, e il principio di minimizzazione, in base al quale i dati personali devono essere utilizzati al minimo necessario per il raggiungimento degli obiettivi stabiliti.
  • Il principio di qualità richiede che i dati personali siano accurati, precisi, completi e aggiornati, nel rispetto di adeguate misure tecniche e organizzative a tal fine predisposte.
  • Il principio di responsabilità pone a carico dei titolari e degli incaricati del trattamento l’obbligo di predisporre ex ante effettivi meccanismi di tutela della privacy in un’ottica preventiva di salvaguardia dei dati personali, nonché di dimostrare ex post il rispetto degli adempimenti ivi prescritti, anche avvalendosi delle migliori soluzioni di autoregolamentazione e/o certificazione considerate efficaci.
  • Anche il principio di sicurezza è ritenuto “fondamentale” per la protezione dei dati, rendendosi necessario effettuare, anche mediante periodiche attività di valutazione d’impatto, una mitigazione dei rischi che possono verificarsi durante le operazioni di trattamento nel corso dell’integrale ciclo di vita dei dati personali, con l’intento di documentare e monitorare qualsivoglia pericolo anche potenzialmente configurabile grazie all’adozione delle necessarie misure di riservatezza e integrità conformi alle specifiche circostanze del caso concreto.

Conclusioni

Alla luce del complessivo quadro ivi descritto, dal tenore delle osservazioni ivi formulate, se, da un lato, il rapporto A/77/196 “Right to privacy” fornisce un’interessante ricognizione delle principali fonti normative selezionate mediante una completa e aggiornata comparazione delle svariate legislazioni nazionali e internazionali vigenti in materia di privacy, da cui peraltro sembra emergere una tendenziale conformazione dei principi operativi fondamentali convenzionalmente condivisi, come aspetti omogenei e uniformi, dalle differenti discipline richiamate, al contempo, però, dall’altro lato, resta sullo sfondo un desolante deficit regolatorio ritenuto ancora troppo inadeguato nella predisposizione di concreti strumenti di tutela a presidio della privacy digitale.

Benché, infatti, siano molti i punti in comune tra le svariate normative emanate dagli Stati nazionali e dalle organizzazioni internazionali per la protezione dei dati personali – come al riguardo sottolinea il citato rapporto ONU – limitarsi ancora a invocare, perdipiù sul piano meramente teorico e astratto, la necessità di edificare una base embrionale di principi guida funzionale a implementare un sistema rafforzato di regolamentazione globale concertato da tutti gli attori (statali e non) che operano a livello internazionale, potrebbe in un certo senso rappresentare una sorta di ammissione – per giunta tardiva – di colpevolezza – sebbene enunciata soltanto in termini di meri propositi da buone intenzioni tutte da dimostrare alla prova dei fatti con azioni concrete – sui radicati errori commessi in sede di produzione del corposo quadro normativo attualmente vigente che, rispetto alle aspettative originariamente alimentate circa l’incisività applicativa del relativo impianto regolatorio, sembra così praticamente confermare di aver vanificato gli obiettivi perseguiti per salvaguardare la garanzia del diritto alla privacy.

Note

  1. Tra queste: il Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati dell’Unione Europea n. 679/2016,la Convenzione aggiornata n. 108 del Consiglio d’Europa per la protezione delle persone in materia di trattamento dei dati personali,gli Standard “ibero-americani” adottati dalla Rete ibero-americana per la protezione dei dati personali,le Linee guida dell’OCSE sulla protezione della privacy e sui flussi transfrontalieri di dati personali, ecc.
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4