L'ANALISI

Diritto all’oblio e attività di polizia, come equilibrare sicurezza e privacy

I dati personali di un cittadino sottoposto a indagini penali (anche se poi scagionato) restano nella banca dati interforze per 20 anni. Una sentenza della Cassazione accende un faro sui limiti di autorità pubblica e sfera privata. Cosa prevedono Gdpr e codice privacy

16 Ott 2019
Alessandra Bossi

Privacy Specialist

Privacy-O2

Nel novero dei diritti che il GDPR e (prima ancora) il d.lgs. 196/2003 riconoscono all’interessato, si trova all’art. 17 il diritto alla cancellazione dei dati, anche noto come “diritto all’oblio”. In caso di informazioni conservate e trattate dalle autorità nello svolgimento di attività di polizia, interviene la Cassazione con una sentenza che punta al “difficile bilanciamento tra l’interesse collettivo all’esercizio dei compiti di prevenzione e repressione dei reati e […] quello individuale alla tutela della propria sfera di riservatezza”. Approfondiamo il tema.

Il GDPR al Considerando 47 disciplina “che spetta al legislatore prevedere per legge la base giuridica che autorizza le autorità pubbliche a trattare i dati personali, la base giuridica per un legittimo interesse del titolare del trattamento non dovrebbe valere per il trattamento effettuato dalle autorità pubbliche nell’esecuzione dei loro compiti” e nell’art. 2, secondo comma, lett. d) specifica che il Regolamento non si applica ai trattamenti di dati personali effettuati dalle autorità competenti.

Diritto all’oblio e polizia, cosa prevede il GDPR

La disciplina da attuare è stabilita dal diritto dell’Unione o dello Stato membro che, in accordo con l’art. 23 primo comma, lettera d) GDPR, possono limitare, mediante misure legislative, la portata degli obblighi e dei diritti dell’Interessato per “la prevenzione, l’indagine, l’accertamento e il perseguimento di reati o l’esecuzione di sanzioni penali. Posta l’applicazione dei principi generali del GDPR, la normativa di riferimento è la Direttiva UE 2016/680 del 27 aprile 2016, recepita dal nostro ordinamento con il d.lgs. 51 del 18 maggio 2018, che tratta nello specifico la protezione delle persone fisiche con riguardo al trattamento dei dati personali da parte delle autorità competenti, specificando nel Considerando 4 la necessità in materia di un “quadro giuridico solido e più coerente. L’interessato, conformemente alle norme nazionali sui procedimenti giudiziari, deve essere posto nelle condizioni di esercitare i propri diritti, quali accesso, rettifica, cancellazione e limitazione.

Digital event
Torna il Cybersecurity 360 Summit strategia nazionale di cybersicurezza. Online, 27 ottobre
Sicurezza
Sicurezza dei dati

L’art. 12 del d. lgs. 51 regola nel dettaglio il diritto alla cancellazione di dati personali quando il trattamento risulti in contrasto con i principi di liceità, correttezza, non eccedenza, pertinenza e minimizzazione e in ogni altro caso previsto dalla legge. I flussi di dati gestiti da parte delle Forze di polizia sono disciplinati con l’art. 47, nel quale è specificata la possibilità per gli organi o uffici interessati di “avvalersi di convenzioni volte ad agevolare la consultazione da parte dei medesimi organi o uffici, mediante reti di comunicazione elettronica, di pubblici registri, elenchi, schedari e banche di dati, nel rispetto delle pertinenti disposizioni”. Per questo tipo di convenzione è richiesto un parere conforme del Garante. Al secondo comma è sottolineata la necessità di conservare separatamente i dati trattati per finalità di indagine, rispetto agli scopi amministrativi, pur garantendo, come previsto al terzo comma, da parte del CED l’aggiornamento, la proporzionalità e la non eccedenza dei dati trattati.

Cancellare i dati: ecco la sentenza della Cassazione

Alla luce della rinnovata normativa in materia, nonché del ravvivato interesse pubblico è opportuno analizzare la recente pronuncia della Corte di Cassazione[1], che si è espressa in merito ad una richiesta di cancellazione di dati dagli archivi del Centro Elaborazione Dati, contenenti informazioni in merito a indagini svolte dall’autorità di polizia. Il ricorrente, sette anni dopo il termine degli accertamenti e risultando estraneo al reato oggetto di indagine, chiedeva la trasformazione dei dati in forma anonima, sostenendo un pregiudizio nella propria attività professionale.

Il Tribunale di Roma con sentenza n. 6718/2014 rigetta la domanda motivando che l’accesso ai dati conservati negli archivi magnetici del CED è consentito solo a personale autorizzato per accertamenti, e nei limiti stabiliti dalla normativa processuale; la cancellazione è consentita “soltanto nelle ipotesi in cui si tratti di dati inesatti o illegittimamente acquisiti, lasciando margine per un’attività di integrazione nelle ipotesi di dati incompleti. Era stato infatti specificato che i dati trattati per finalità di conservazione ed elaborazione da parte del CED non sottostanno alle disposizioni del d. lgs. 196/2003, essendo l’attività amministrativa separata dall’attività di trattamento dati svolta da parte delle forze di polizia, pur garantendo l’aggiornamento periodico, la pertinenza e la non eccedenza. La sola acquisizione in modo lecito dei dati garantiva la non applicabilità di una eventuale richiesta di esercizio del diritto alla cancellazione.

In seguito al rigetto del Tribunale di Roma, l’interessato ricorre in Cassazione adducendo che l’annotazione dell’esito delle indagini non sia sufficiente ad impedire una lesione del suo diritto alla riservatezza, nonché il perpetrarsi del pregiudizio per la sua attività professionale, risultando infatti il suo nome ancora legato al reato e agli altri indagati. Il ricorrente inoltre ritiene che la conservazione dei suoi dati non risponda ad alcuna finalità di prevenzione o repressione di un reato.

I tempi previsti per la conservazione dei dati

Considerate le pronunce successive, i nuovi orientamenti ispirati dalla normativa comunitaria e il Regolamento Europeo 2016/679, nella sentenza n. 21362 è demandata alla competenza di un decreto del Presidente della Repubblica l’individuazione delle modalità di attuazione dei suddetti principi. Nel D.P.R. 15 gennaio 2018, n. 15 è stabilito che le informazioni relative ad attività di polizia giudiziaria rispettino i principi di completezza, pertinenza e non eccedenza, regolando inoltre le modalità di acquisizione, trattamento e accesso ai dati. L’art. 10 in tema di conservazione stabilisce che i dati non possano essere conservati dopo il conseguimento delle finalità di polizia, introducendo nei commi seguenti una regolamentazione specifica suddivisa per tipologia di dati.

In particolare, al terzo comma, lettera f) il periodo di conservazione delle informazioni relative ad attività di polizia giudiziaria conclusasi con provvedimento di archiviazione è fissato a venti anni, a partire dall’emissione del provvedimento stesso di archiviazione.

Tale disposizione, rispettando i principi del Regolamento Europeo, non permette di accogliere la domanda del ricorrente, pertanto il ricorso è rigettato.

La circostanza che i dati trattati siano corretti, aggiornati e utilizzati per le finalità dichiarate, unitamente alla possibilità di richiedere un parere al Garante o l’intervento dell’Autorità giudiziaria costituiscono un insieme di cautele per evitare, in accordo con l’art. 8 CEDU, l’ingerenza di una autorità pubblica nella sfera privata e familiare dell’individuo, “a meno che tale ingerenza sia prevista dalle legge e costituisca una misura che, in una società democratica, è necessaria alla sicurezza nazionale, alla pubblica sicurezza, al benessere economico del paese, alla difesa dell’ordine e alla e alla prevenzione dei reati, alla protezione della salute o della morale, o alla protezione dei diritti e delle libertà altrui.” È fondamentale infatti ricordare che questo complesso equilibrio, pur trovando origine nella specifica situazione concreta, trova risoluzione nel confronto e comparazione con normative di più ampio respiro, nazionali e comunitarie.

  1. Cass. Civ. sez. I, Ord., 29 agosto 2018, n. 21362.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati