privacy

Gdpr e autorità competente per il trattamento dati transfrontaliero: la guida EDPB



Indirizzo copiato

L’Opinion 4/2024 dell’EDPB chiarisce la determinazione dell’autorità di regolazione competente per controller e processor con più sedi nell’Ue, basandosi sul concetto di “stabilimento principale”. Tale definizione dipende dalla sede decisionale sui trattamenti dei dati, e influenza la competenza territoriale per verifiche, controlli e sanzioni in ambito di protezione dei dati personali

Pubblicato il 22 apr 2024

Giovanni Ricci

Avvocato presso lo Studio legale Edoardo Ricci – Avvocati



Cyber_Security_GDPR

L’individuazione dell’autorità di regolazione territorialmente competente in relazione ai trattamenti dei dati personali posti in essere da Controller/Processor stabiliti in più Stati membri dell’Unione Europea (eventualmente, come si vedrà in seguito, produttivi di effetti in una pluralità di essi) si è rivelata operazione delicata, che ha generato interpretazioni difformi delle norme che regolano questo importante aspetto.

L’interpretazione delle norme e la richiesta dell’autorità francese

Le problematiche correlate alla interpretazione difforme delle norme ha spinto l’Autorità di regolazione Francese a chiedere al EDPB una opinion al riguardo; e tale importante documento è stato pubblicato il 13 febbraio scorso (Opinion 4/2024).

Sotto il profilo normativo, l’art. 3.1 del GDPR prevede che il medesimo Regolamento si applichi al trattamento posto in essere da un Controller/Processor stabilito nel territorio dell’Unione, anche qualora il trattamento stesso non sia materialmente posto in essere nel medesimo.

Si tratta allora di capire cosa si intenda per stabilimento, quando, come spesso avviene, il Controller/Processor abbia sedi in più Stati membri dell’Unione; così che sia preliminarmente necessario individuare l’Autorità di regolazione competente per territorio a gestire i trattamenti, tra quell astrattamente eleggibili.

Quando si verifica questa condizione (più stabilimenti) il GDPR prevede che lo stabilimento da prendere in considerazione per individuare l’Autorità competente sia lo “stabilimento principale” (main establishment) tra quelli posseduti dal controller/processor.

Il concetto di stabilimento principale nel GDPR

A questo riguardo l’art. 4.16.a del GDPR “chiarisce” che è “stabilimento principale” la sede ove il Controller/Processor ha la sua amministrazione centrale, a meno che le decisioni sui mezzi e le finalità del trattamento vengano prese da/presso un altro distaccamento, deputato dalla governance interna a svolgere tale funzione, a sua volta sito nel territorio dell’Unione.

In quel caso l’Autorità di regolazione territorialmente competente è quella del luogo ove si trova lo stabilimento che prende effettivamente le decisioni in ordine al trattamento, anche laddove non coincida con quello principale.

L’opinione del EDPB sulla nozione di amministrazione centrale

Innanzitutto, il EDPB precisa che il concetto di stabilimento principale ha senso solo quando il Controller/Processor ha più sedi nel territorio dell’unione; ed in effetti, laddove la sede sia unica, solo a quella si potrebbe fare riferimento per determinare quale sia l’Autorità di regolazione territorialmente competente rispetto ai trattamenti dei dati personali.

Su questa base, l’opinion esplicita cosa si intenda per luogo della amministrazione centrale (Place of Central Administration), al quale deve essere attribuito la qualifica di stabilimento principale (main establishment): e così, con tale espressione si intende il luogo dove il management apicale del Controller/Processor prende le decisioni strategiche a governo e direzione dell’attività caratteristica.

Come precisato nella opinion, questa nozione non è contenuta nel GDPR, ma è mutuata da numerose fonti normative, tra le quali l’art. 54 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione, e il diritto civile e commerciale di molti Stati membri.

Se il tutto si limitasse a questo, la richiesta della opinion da parte del Garante francese apparirebbe inspiegabile, essendo in effetti assai agevole capire dove, all’interno dell’unione, un determinato soggetto, dotato di più sedi, abbia collocato la propria Amministrazione Centrale.

Ma come anticipato le cose non stanno così; poiché in effetti la opinion, con riferimento all’art. 4.16.a del GDPR, fa presente che la sede della amministrazione centrale di un Controller/Processor non sarà ritenuta lo stabilimento principale dell medesimo, laddove, in relazione a un determinato trattamento, le decisioni circa le finalità e i mezzi di quest’ultimo vengano prese in una sede diversa.

In tal caso, dunque, essa dovrà essere considerata lo stabilimento principale del Controller/processor; con la precisazione che ciò deve sempre essere recepito anche dagli statuti e dalla governance interni.

Le implicazioni di un stabilimento principale al di fuori dell’Unione

Secondo il EDPB, tutto ciò implica che, qualora lo stabilimento principale del Controller/Processor (sia che si tratti dell’amministrazione centrale, sia che si tratti della diversa articolazione investita del potere di determinare mezzi e finalità dei trattamenti) si trovi al di fuori del territorio della Unione Europea, nessuna Autorità di regolazione sarà competente a prendere in carica le verifiche e i controlli astrattamente immaginabili in relazione a detti trattamenti, così come a emanare ed eseguire eventuali sanzioni.

Ancora più in dettaglio, ciò implica che qualora lo stabilimento effettivamente responsabile dei trattamenti si trovi fuori dal territorio dell’Unione, mentre contestualmente si trovi al suo interno la sede della amministrazione centrale del Controller/Processor, la competenza dei Garanti Europei verrà meno.

In altri termini, ai fini della selezione dell’Autorità di regolazione competente per territorio a gestire un determinato trattamento il riferimento imprescindibile sarà sempre lo stabilimento che effettivamente prende le decisioni in ordine a finalità e mezzi del medesimo, avendone per statuto il potere, sia che esso coincida con la sede della amministrazione centrale, sia che esso non coincida con quest’ultima.

Il principio del “one stop shop” nel GDPR e il ruolo dell’Autorità capofila nei trattamenti transfrontalieri

Quanto sino a ora esposto deve essere, per così dire, incrociato con il disposto dell’art. 56.1 del GDPR.

A mente di tale norma, il Controller/Processor, dal quale dipendono, per quanto ora di interesse, trattamenti transfrontalieri (vale a dire, aventi effetti in più Stati dell’unione), può e deve fare riferimento, in qualità di Autorità di regolazione Capofila, a quella territorialmente competente a interagire col suo stabilimento principale (individuato sulla base dei criteri sopra esposti), tra i molteplici attivi nel territorio dell’unione.

Si tratta, dunque, di casi nei quali, nel contesto di una pluralità di stabilimenti astrattamente eleggibili come stabilimento principale, si pone anche una pluralità di Stati membri coinvolti dagli effetti dei trattamenti; così che, in astratto, più  Autorità di regolazione possono essere ritenute  competenti a occuparsi delle problematiche ad essi sottese.

L’Autorità Capofila (Leading Authority), a questo punto, sarà l’unica a interagire direttamente con il Controller/Processor, costituendo l’interfaccia con le altre Autorità competenti in relazione ai vari Stati membri coinvolti dai trattamenti transfrontalieri, e coordinando le loro attività investigative (Connected Supervisory Authorities).

Va da sé che l’Autorità capofila sarà altresì l’unica competente a irrogare e a rendere esecutive eventuali sanzioni.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3