privacy

Mercato europeo dei dati: i criteri EPDB per identificare i casi transfrontalieri di importanza strategica

L’European Data Protection Board ha adottato i criteri per l’identificazione dei casi di importanza strategica, definendo, così, un framework comune all’interno del quale le Autorità di sorveglianza possano collaborare per la tutela dei diritti degli interessati. Ecco perché è un passo importante per il mercato Ue dei dati

26 Lug 2022
Elio Franco

Avvocato, Founder presso Franco, Pirro & Partners

conservazione dati traffico - data retention

Dopo il Congresso di Vienna tenutosi a maggio 2022, l’European Data Protection Board ha adottato lo scorso 14 luglio i criteri per l’identificazione dei casi transfrontalieri di particolare importanza strategica, ossia quei casi in cui è necessario che le Autorità di sorveglianza degli Stati Membri collaborino assieme per la tutela dei diritti degli interessati. Per quanto la notizia possa sembrare minore, è un passo importante un’ottica di una regolamentazione sempre più granulare del mercato europeo dei dati.

Il potere dei dati: le scelte dell’Europa per contare sullo scacchiere globale

Il Congresso di Vienna

Lo scorso 4 maggio 2022, i membri dell’European Data Protection Board (ossia quell’organismo europeo indipendente che è composto dai rappresentanti delle Autorità di sorveglianza nazionali degli Stati membri, da Islanda, Liechtenstein and Norvegia, cioè tre Paesi appartenenti allo Spazio Economico Europeo e dal Garante Europeo per la Protezione dei Dati) hanno concordato, fra le altre cose, di stabilire delle procedure di cooperazione che consentano alle Autorità nazionali e all’EDPB stesso di collaborare tra di loro.

WEBINAR
23 Settembre 2022 - 10:00
DIGITAL360 Semestrale 2022: scopri tutte le novità
Acquisti/Procurement
Amministrazione/Finanza/Controllo

Tanto, infatti, si è reso necessario per meglio perseguire gli obiettivi propri dell’EDPB, ossia di:

  • identificare e classificare i casi di importanza strategica all’interno dei diversi Stati Membri, al fine di renderne prioritaria la trattazione a livello europeo;
  • stimolare lo scambio di opinioni sui principi e sugli obblighi previsti dal GDPR;
  • incentivare lo scambio di informazioni fra le Autorità, per semplificare la trattazione dei casi nazionali;
  • creare un sistema efficace per la futura necessaria armonizzazione e applicazione coerente del GDPR e delle normative ad esso connesse (come la legislazione europea di recente approvazione in materia di trattamento, circolazione e utilizzo dei dati, ossia il Digital Markets Act, il Digital Services Act, il Data Act, l’AI Act e il Data Governance Act).

Il 14 luglio scorso, invece, l’EDPB ha annunciato di aver adottato di comune accordo i criteri per l’identificazione dei casi di importanza strategica, definendo, così, un framework comune all’interno del quale le Autorità di sorveglianza possano collaborare per la tutela dei diritti degli interessati.

Il meccanismo del one-stop-shop

Infatti, è il caso di ricordare che gli interessati godono della stessa tutela uniforme in tutti i Paesi dell’Unione Europea, dato che il GDPR si applica in ciascuno di essi. Proprio per questo, ove i loro diritti vengano violati, possono rivolgersi direttamente alla loro Autorità di sorveglianza (nel caso dell’Italia, ovviamente, all’Autorità Garante per la Protezione dei Dati Personali) dato che, come è noto, ognuna di esse non solo è responsabile dell’applicazione del GDPR, ma deve anche gestire le istanze presentate dai singoli interessati.

Ove, però, una istanza dia inizio a una procedura che si riguardi anche altri Stati membri, sarà onere dell’Autorità adita contattare le altre Autorità coinvolte per cooperare per la risoluzione del caso. Detto meccanismo viene definito dallo stesso EDPB “one-stop-shop”, dato che consente agli interessati di lamentare una violazione dei propri dati personali alla propria Autorità di sorveglianza, senza preoccuparsi di altro.

Come ulteriore estrinsecazione del suddetto meccanismo, l’EDPB ha annunciato che sarà adottato un modello unico per i reclami degli interessati, che, però, potrà essere adottato da ogni Autorità su base volontaria.

I criteri di identificazione dei casi strategici transfrontalieri

Ogni Autorità nazionale ha il compito di identificare regolarmente quali casi, fra quelli segnalati dagli interessati, possano essere qualificati quali casi transfrontaliero di importanza strategica utilizzando i criteri adottati lo scorso 14 luglio 2022 e che, quindi, necessitano di una collaborazione prioritaria e congiunta da parte delle Autorità coinvolte, con il supporto dello stesso EDPB.

Per procedere con l’accennata identificazione, le Autorità devono verificare la sussistenza di alcuni criteri che possono essere essenzialmente ricondotti a due distinte tipologie: quella dei criteri quantitativi e quella dei criteri qualitativi.

Dunque, per identificare un caso transfrontaliero di importanza strategica, occorre prendere in considerazione uno o più dei seguenti criteri:

  • un problema strutturale o ricorrente in diversi Stati membri, in particolare se il caso riguarda una questione giuridica generale relativa all’interpretazione, all’applicazione o all’esecuzione del GDPR;
  • un caso relativo alla commistione tra la protezione dei dati e altri ambiti giuridici;
  • un caso che riguarda un gran numero di interessati in diversi Stati membri;
  • un caso che coinvolge un numero elevato di reclami in diversi Stati membri;
  • un caso riguardante una questione fondamentale che rientra nell’ambito della strategia EDPB;
  • un caso in cui il GDPR implica l’assunzione di un rischio elevato, come ad esempio:
    • il trattamento di categorie particolari di dati;
    • trattamento di persone vulnerabili come i minori;
    • situazioni in cui è richiesta una valutazione d’impatto sulla protezione dei dati (DPIA).

Ebbene, ove il caso in esame integri uno o più di uno dei suddetti criteri, l’Autorità di controllo che ha ricevuto l’istanza dall’interessato potrà proporre il caso alle altre Autorità. A questo punto, i Membri del Board decideranno se il caso può essere qualificato come caso di importanza strategica per l’Europa.

Ove il caso passi il vaglio del Board, la cooperazione fra le Autorità sarà prioritizzata e supportata dall’EDPB. In particolare, in un primo momento, i Garanti collaboreranno tra loro per scambiare le informazioni del caso, mentre la gestione dello stesso avverrà secondo le procedure e gli strumenti previsti dalla sezione 7 del GDPR.

Conclusioni

Dunque, la gestione dei casi di particolare importanza sarà d’ora in poi più fluida e immediata. Peraltro, ogni decisione assunta dall’Autorità capofila e dalle altre Autorità coinvolte, EDPB incluso, potrà essere di aiuto per la risoluzione dei casi similari in tutta Europa, visto che l’interpretazione del GDPR dovrà ritenersi quasi come “autentica”.

Insomma, a distanza di quattro anni dall’entrata in vigore del Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali, si sta delineando sempre più una collaborazione ancora più stretta all’interno dell’organismo che un tempo era conosciuto come Working Party 29 (o WP29) che non potrà che costituire un ulteriore baluardo per la difesa della privacy di ogni interessato.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Analisi
PA
Salute digitale
News
Fondi
Formazione
Ecologia
Digital Economy
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Incentivi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4