PNRR e transizione digitale

Beni culturali, come proteggere i dati nella trasformazione digitale

Le linee guida ministeriali per la redazione del Data Management Plan sulle attività di digitalizzazione sono il primo passo per riflettere su Data Protection e beni culturali: quali sono i limiti previsti dalla legge e cosa si può ancora migliorare a favore della privacy dei cittadini

15 Set 2022
Cesare Costi

Staff privacy

Daniela Guarenghi

Esperta privacy

Filomena Polito

Responsabile Protezione Dati in ambito sanitario - Valutatore Privacy

nft uffizi tondo_doni_

La digitalizzazione consente di migliorare la gestione, la conservazione e la divulgazione del patrimonio culturale nonché di aprire a nuovi spazi di business nel settore artistico.

Non tutti, però, darebbero per scontato che in questo processo occorre fare attenzione anche alla protezione dei dati personali. Eppure, è fondamentale.

Come cambia la cultura col digitale: i tre fattori che fanno la differenza

Beni culturali, il Piano Nazionale della Digitalizzazione

I documenti relativi al Piano Nazionale della Digitalizzazione sono stati aperti alla consultazione pubblica dall’Istituto Centrale per la Digitalizzazione del Patrimonio Culturale del Ministero della Cultura.

INFOGRAFICA
Manufacturing 5.0: ecco i vantaggi della monetizzazione dei dati!
Big Data
IoT

Il 15 giugno scorso la consultazione si è chiusa e il 30 giugno gli esiti sono stati pubblicati, con la condivisione delle 103 risposte fornite dai 106 partecipanti (enti pubblici, privati e singoli individui), interessati a fornire il proprio contributo nella definizione di un documento strategico per la realizzazione degli obiettivi del PNRR, Investimento M1C3 1.1 “Strategia digitale e piattaforme per il patrimonio culturale”.

Questo percorso ha portato all’emanazione del Decreto del Ministero della Cultura 25 luglio 2022 in materia di “Assegnazione delle risorse alle Regioni e alle Province Autonome per la Missione 1 – Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura, Componente 3 – Cultura 4.0 (M1C3), Misura 1 ‘Patrimonio culturale per la prossima generazione’, Investimento 1.1 ‘Strategie e piattaforme digitali per il patrimonio culturale’ Sub-investimento 1.1.5 ‘Digitalizzazione del patrimonio culturale’, del PNRR”.

Tra i documenti relativi risultano di interesse, anche per quanti si occupano della protezione dei dati personali, le “Linee guida per la redazione del piano di gestione dei dati” (Data Management Plan, abbreviato DMP), con le quali è stata posta attenzione sulla base giuridica e sulle misure di sicurezza applicabili alle attività di digitalizzazione e archiviazione delle informazioni e sono stati forniti i primi, ma forse non sufficienti, riferimenti alle implicazioni della Data Protection sul processo di digitalizzazione (s.v. par. 7.6.1).

Digitalizzare i beni culturali: l’importanza della privacy

Un interprete poco attento potrebbe essere portato a ritenere, infatti, che le attività di digitalizzazione del patrimonio culturale non presentino profili di interesse per la normativa in materia di protezione dei dati personali: quale rilievo potrebbe avere la privacy nella digitalizzazione, in modalità NFT, del Tondo Doni conservato nel complesso degli Uffizi, avviata a maggio 2022 e poi bruscamente interrotta da parte del MiC per questioni contrattuali?

A che pro pensare alla privacy in rapporto alla digitalizzazione (come nel gennaio 2022) di tre quadri di Boccioni al Museo del Novecento di Milano?

La risposta a questi quesiti è più complessa di quanto possa sembrare se si considera l’ampiezza della definizione di “patrimonio culturale” custodita nel Codice dei beni culturali e del paesaggio (art. 2, D.lgs. 22 gennaio 2004, n. 42 e ss.mm.ii.): “[…] sono beni culturali le cose immobili e mobili che, ai sensi degli articoli 10 e 11, presentano interesse artistico, storico, archeologico, etnoantropologico, archivistico e bibliografico e le altre cose individuate dalla legge o in base alla legge quali testimonianze aventi valore di civiltà”.

Tale definizione è dunque così ampia da accogliere tanto le lapidi greco romane di Palazzo Pitti (in corso di digitalizzazione dal 2016) quanto la documentazione sanitaria conservata negli archivi dei nosocomi e i documenti contenuti nelle anagrafi dei Comuni o negli archivi delle regioni e degli Enti territoriali (artt. 10-11 del Codice dei beni culturali e del paesaggio).

Come noto, i dati di salute non possono essere oggetto di diffusione (art. 2-septies comma 8 del Decreto Legislativo 196 del 2003, più noto come Codice privacy), e pertanto la documentazione che li riporta non può essere pubblicata, nemmeno nell’ipotesi in cui questa sia digitalizzata, mentre la loro mera consultazione, quindi l’accesso (e non la diffusione tramite pubblicazione) è consentita nei limiti di cui all’art. 122 del Codice dei beni culturali e del paesaggio.

Esistono comunque altri aspetti meno immediati che devono essere considerati sul piano della protezione dei dati personali.

Senza soffermarsi sulle conseguenze irreparabili di eventuali pubblicazioni di atti o documentazione contenenti dati personali che potrebbero recare pregiudizio agli individui[1], si pensi ai rischi derivanti dalla digitalizzazione e pubblicazione dei cataloghi dei beni culturali, taluni dei quali beni mobili, conservati presso privati.

Il catalogo, contenente, ad esempio, la descrizione di un’opera di Caravaggio e l’indicazione del luogo della sua conservazione, esporrebbe il proprietario al rischio di furti o, al rischio meno grave, ma forse altrettanto sgradito, di visite di curiosi appassionati delle opere del Merisi ad ogni ora del giorno e della notte.

Vale poi la pena rammentare che anche i dati personali dei soggetti deceduti sono tutelati dall’ordinamento in virtù dell’apertura contenuta al Considerando n. 27 del Regolamento UE 2016/679 (c.d. GDPR) e delle disposizioni dell’art. 2-terdecies del Codice privacy e pertanto la pubblicazione di informazioni loro riferite non può avvenire con leggerezza.

Queste ipotesi evidenziano la necessità di adottare un approccio “privacy-by-design” nel processo di digitalizzazione del patrimonio culturale, avendo come guida il principio consacrato implicitamente nel GDPR che la circolazione dei dati personali è possibile soltanto se i dati stessi sono adeguatamente protetti e quindi adottando misure idonee a prevenire l´eventuale distruzione, dispersione o accesso non autorizzato ai documenti e adottare, in presenza di specifici rischi, particolari cautele sia organizzative sia tecnologiche.

Ben venga, dunque, il richiamo contenuto nel Capitolo B delle “Linee guida per la digitalizzazione del patrimonio culturale”, che recita: “A seconda delle finalità del progetto di digitalizzazione, qualora quest’ultimo preveda la pubblicazione, una delle condizioni dovrà essere che i beni siano liberi da diritto d’autore o che l’Istituto disponga delle liberatorie e autorizzazioni necessarie per la divulgazione pubblica e il riuso dei beni (nel rispetto della protezione dei dati personali, ai sensi del D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e del GDPR -Regolamento 2016/679)”.

La digitalizzazione è diversa dall’archiviazione

A tal proposito è da precisare che l’archiviazione del patrimonio culturale è un’attività di trattamento del tutto lecita, in quanto prevista in virtù del perseguimento di un pubblico interesse (art. 6, par. 1 lett. e GDPR; art. 89, par. 1 GDPR; artt. 2—ter del Codice privacy) come declinato dalle disposizioni settoriali in materia, e quindi in assenza del consenso dell’interessato, ma la digitalizzazione a fini di pubblicazione è certamente un trattamento nuovo e ulteriore rispetto all’archiviazione, e pertanto necessita di una diversa base giuridica.

Sulla base del succitato Capitolo B, il fondamento di liceità della digitalizzazione, volta alla pubblicazione di documenti che riportano informazioni personali riconducibili ai proprietari dei beni (es. nominativo, ubicazione), sembra sia da individuarsi nel solo consenso (ai sensi dell’art. 6, par. 1, lett. a) del GDPR), dichiarazione di volontà che, per essere considerata valida, deve essere comunque accompagnata dalla somministrazione di una specifica informativa sul trattamento dei dati personali, predisposta ai sensi degli articoli 13 e 14 del GDPR.

Nel caso in cui i documenti che riportano informazioni personali siano riferibili a Pubbliche Amministrazioni è tuttavia necessario ricordare che queste devono osservare le disposizioni del Decreto legislativo 14 marzo 2013, n. 33, “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”, onere a cui sono sottoposti anche gli altri soggetti indicati dall’articolo 2-bis dello stesso Decreto, per individuare i documenti che possono essere oggetto di diffusione, anche a seguito di digitalizzazione.

Queste ipotesi sono disciplinate, almeno per quanto riguarda la pubblicazione in “formato aperto” (open data), anche in base al Data Management Plan del Piano, che prevede: «10.7 In questo caso i dati non vanno pubblicati in formato aperto, a meno che non sia possibile procedere all’anonimizzazione del dato. I dati possono essere considerati anonimi quando le persone non sono più identificabili. Infatti, esistono molte altre informazioni che consentono a un individuo di essere collegato ai suoi dati personali e che ne consentono pertanto la reidentificazione. Il GDPR, però, non prescrive alcuna tecnica particolare per l’anonimizzazione; spetta quindi ai singoli responsabili del trattamento garantire che qualunque processo di anonimizzazione scelto sia sufficientemente solido».

Una disposizione normativa da cui potrebbe derivare invece una base giuridica diversa dal consenso, e, nella fattispecie, un pubblico interesse nella indicazione dell’ubicazione delle opere, potrebbe essere quella custodita nell’art. 4 del Decreto 8 aprile 1994 dell’allora Ministero per i Beni Culturali e Ambientali (Tariffario per la determinazione di canoni, corrispettivi e modalità per le concessioni relative all’uso strumentale e precario dei beni in consegna al Ministero), ma si riferisce alle riproduzioni di “beni in consegna al Ministero” oggetto di concessione, e non a quelli di privati.

Data Management Plan: non sono enfatizzate le misure di sicurezza

Probabilmente, in modo più incisivo, oltre al richiamo al fondamento di liceità del trattamento e alla normativa applicabile, sarebbe stato opportuno enfatizzare, nel Data Management Plan, anche la necessità di ricorrere, a prescindere dal consenso, a misure di sicurezza, quali la pseudonimizzazione o altre tecniche di anonimizzazione, per proteggere l’identità degli interessati custodi o proprietari di beni culturali digitalizzati e di rispettare sia il principio di minimizzazione dei dati personali (art. 5, par. 1, lett. c GDPR) sia quello di limitazione temporale del trattamento e quindi della conservazione dei dati personali (art. 5, par. 1, lett. e GDPR). Quindi, anche per il caso dei dati non detenuti dalla Pubblica Amministrazione, sarebbe stata auspicabile una disposizione analoga a quella del succitato punto 10.7.

Come prevede l’art. 89 del GDPR, la realizzazione di un interesse pubblico nell’archiviazione è infatti “soggetto a garanzie adeguate per i diritti e le libertà dell’interessato” e quindi al rispetto dei principi generali in materia di protezione dei dati personali e alle condizioni di liceità del trattamento di cui agli articoli 5 e 6.

Lo stesso articolo prevede che siano adottate “[…] misure tecniche e organizzative, in particolare al fine di garantire il rispetto del principio della minimizzazione dei dati”.

Le stesse “Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica pubblicate ai sensi dell’art. 20, comma 4, del d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101 – 19 dicembre 2018” (adottate dal Garante per la Protezione dei dati personali con Provvedimento n. 513 del 19 dicembre 2018 e pubblicate sulla Gazzetta Ufficiale n. 12 del 15 gennaio 2019), in tema di accesso agli archivi pubblici, individuano misure e accorgimenti che devono essere adottati, con particolare attenzione al principio della pertinenza e all’indicazione di fatti o circostanze che possono rendere facilmente individuabili gli interessati.

Tali accorgimenti possono consistere, a seconda degli obiettivi della ricerca desumibili dal progetto, anche nell’obbligo di non diffondere i nomi delle persone, nell’uso delle sole iniziali dei nominativi degli interessati, ad esempio con l’oscuramento dei nomi in una banca dati, con la sottrazione temporanea di singoli documenti dai fascicoli o con il divieto di riproduzione dei documenti.

Conclusioni

In conclusione, comprendere e analizzare la versione definitiva del Piano di digitalizzazione sarà una sfida di grande interesse per gli addetti ai lavori, non solo nell’ambito artistico ma anche in quello della protezione dei dati personali.

Sarà comunque ancor più stimolante approfondire come le singole Amministrazioni declineranno i contenuti delle Linee Guida, nella consapevolezza che, ogniqualvolta si apra a nuove possibilità di circolazione e sfruttamento dei dati personali degli interessati, è indispensabile avere a riferimento i vincoli e le tutele derivanti dalla disciplina in materia di protezione dei dati personali.

_________________________________________________________________________________________

Note

  1. Di seguito si analizzeranno diverse ipotesi in questo senso, e, in particolare l’ipotesi della pubblicazione di dati personali detenuti dalle PA, attività per la quale il Data Management Plan, del Piano nazionale di digitalizzazione del patrimonio culturale (vers. N.1.0 – giugno 2022) prevede specifiche disposizioni.

WHITEPAPER
Sfide di mercato, strategie e strumenti per la nuova INDUSTRY4.0, con il digitale al centro
Automotive
IoT
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4