vademecum

SASE, come scegliere il giusto fornitore: i consigli per le imprese



Indirizzo copiato

Panoramica dettagliata del mercato attuale per le architetture SASE che esplora le offerte dei principali fornitori come PaloAlto e CATO Networks e fornisce elementi per l’adozione e la valutazione delle soluzioni

Pubblicato il 12 dic 2023

Alessandro Lavarra

IPway – Network and Cyber Security provider



linee guida sviluppo sicuro intelligenza artificiale

Le architetture SASE sono il modello che più si sta affermando per la gestione delle reti geografiche. L’approccio SASE (Security Access Service Edge) è stato descritto da Gartner che ne ha coniato la definizione, nel 2019 e, in pochi anni, si è meritato le attenzioni dei più grandi player del mercato delle reti.

Oggi si contano numerose soluzioni che si posizionano nella categoria SASE, alcune a pieno titolo altre con tecnologie non del tutto mature e altre ancora, in modo più forzato, per esigenze di marketing giusto per cavalcare l’hype che si è creato, giustificato dal fatto che questi modelli stanno dettando il passo sul modo di pensare la rete geografica e la relativa sicurezza oggi.

Come spesso accade sotto la bandiera di un nuovo acronimo o dietro ad una definizione di un nuovo paradigma architetturale si posizionano soluzioni con differenti modi di interpretare l’idea originale e, vista la rapidità con cui si alza il livello di interesse per SASE e con cui si evolvono le soluzioni di mercato, riteniamo utile fare chiarezza tra le differenti offerte.

Come funziona il mercato single vendor SASE

Il punto di partenza che utilizzeremo è il primo Magic quadrant di Gartner per il single-Vendor SASE pubblicato il 16 agosto di quest’anno che fornisce gli elementi di base per capire questo mercato emergente e molto dinamico. Innanzi tutto è necessario un piccolo disclaimer. Essendo SASE una architettura di per sé eterogenea fondata sulla convergenza tra tecnologie di Software Defined WAN (SD-WAN) e un set di tecnologie di sicurezza basate sul cloud (Firewall as a Service, Secure Web Gateway, Zero Trust Network Access, Cloud Access Security Broker…) si potrebbe dire, in punta di definizione, che si è realizzata una architettura SASE anche aggregando soluzioni differenti di differenti vendor.

SASE però sottintende un’esperienza d’uso agile e trasparente sia da parte di chi gestisce le reti sia da parte delle organizzazione che lo adottano ed è per questo motivo che prenderemo in considerazione solo i prodotti e i servizi erogati da uno stesso vendor e, il più possibile, integrati e cloud-based.

Il mercato SASE dal lato dei produttori è ancora in via di definizione e si muove, in modo molto dinamico, tra sviluppo di soluzioni e, in quasi la totalità dei casi, in acquisizioni strategiche che vedono i differenti player impegnati nell’aggregare tecnologie e integrare i diversi componenti, vedremo su questo punto l’eccezione virtuosa. Dal punto di vista degli utenti finali si tratta di un mercato ancora immaturo e il tasso di adozione in Italia è un po’ più lento rispetto alle altre country e a quanto gli operatori si immaginassero nonostante i benefici di semplificazione, saving ed efficienza che garantisce. Nell’anno in corso comunque questo trend si sta invertendo e l’approccio SASE sta riscontrando l’attenzione che merita.

Le funzionalità di SASE e i protagonisti del mercato

SASE deve garantire l’accesso sicuro ai siti produttivi, ai branch office alle applicazioni nei data center on premises e in cloud da parte degli utenti interni e remoti e ai servizi SaaS. I servizi base per poter parlare di SASE devono comprendere: secure web gateway (SWG), controlli in linea per l’accesso SaaS, accesso remoto alle applicazioni basato su identità, contesto e policy e un’appliance che supporti la gestione dinamica del traffico, prioritizzazione e aggregazione di banda.

Le funzionalità opzionali invece comprendono servizi di sicurezza come il remote browser isolation, data loss prevention, una sandboxing di rete, protezione DNS, interoperabilità basata su API.

Vendor SASE: la selezione di Gartner

Con questa premessa vediamo le offerte più significative selezionate da Gartner nel primo quadrante su SASE. Abbiamo alcuni vendor che partono dal mercato SD-WAN e hanno esteso la loro offerta ai servizi di sicurezza grazie all’integrazione di più tecnologie proprie o derivanti da acquisizioni. In questi casi è necessario fare attenzione all’integrazione delle diverse parti, al ruolo della componente hardware che in una buona architettura SASE dovrebbe essere marginale, al licensing e a come viene gestita e orchestrata la convivenza di più prodotti.

Cisco

In questa categoria Gartner posiziona tra i visionari CISCO ma lo considera ancora debole in quanto ad “ability to execute” in particolare per l’orchestrazione tra i tanti prodotti che compongono la sua offerta SASE: Umbrella, Secure Connect, Meraki SD-wan, Catalyst e Duo oltre ad alcuni limiti geografici dei propri PoP.

Versa Network

Anche Versa Networks, classificato come Challenger, ha robuste funzionalità SD-wan e propone Versa Secure Access Fabric (VSAF) come piattaforma SASE unificata, con, in alternativa, Titan per incontrare i bisogni di clienti meno esigenti in termini di features e di conseguenza di investimento. Versa sembra avere una visione a lungo termine nel settore.

Fortinet

Altri vendor arrivano dal mondo della sicurezza più tradizionale e “hardware centrica” come Fortinet, lui pure classificato tra i “challengers”. L’offerta però si compone di una serie di prodotti della famiglia Forti- che ruotano attorno all’appliance FortiGate che rimane centrale (Forti SD-wan, FortiManager, FortiCASB, FortiMonitor, FortiWeb, FortiSASE, Fortisolator) rendendo necessario gestire diversi componenti. Fortinet è arrivato da poco al mercato SASE ed è comprensibile visto l’ampio installato della sua offerta più tradizionale.

PaloAlto

Altro vendor protagonista del mercato della sicurezza è PaloAlto, già affermato nei quadranti SD-wan e SSE che sono i due componenti che convergono nelle architetture SASE, PaloAlto si piazza, solitario, tra i leader anche nel quadrante SASE. L’offerta di PaloAlto è Prisma SASE, una piattaforma che integra SD-wan con CloudGenix e NGFWs e si appoggia a componenti virtuali come Access Prisma per ottimizzare il traffico WAN attraverso il cloud su infrastruttura Google. Prisma presenta difficoltà nell’integrazione dei suoi componenti risultando complessa da gestire.

Prisma SASE si basa su PoPs proprietari, ma non può adattarsi dinamicamente ai cambiamenti nell’ambiente di rete per la forte dipendenza con i servizi Google Cloud Platform (GCP) il che può compromettere anche le prestazioni in alcune aree come la Cina. La soluzione mostra debolezze nelle operazioni in ambienti nativi cloud e nella gestione di servizi come SaaS, con un impatto sulla performance delle applicazioni oltre a costi non propriamente accessibili.

SASE di Cato Networks

Cato Networks nata come startup senza vincoli pregressi di installato o di asset da salvaguardare, ha progettato da zero la sua soluzione SASE cloud native con tutte le funzionalità integrate by design. Ottima l’esperienza d’uso lato network and security.

Basata su un backbone proprietario per il trasporto del traffico unito ad uno stack applicativo per gestire regole di rete e sicurezza in un unico passaggio, la soluzione SASE di Cato, ha una distribuzione capillare grazie ai suoi PoP presenti in tutto il mondo (da menzionare in particolare l’efficacia della soluzione quando è necessario portare servizi in Cina).

Cato ha fatto della semplificazione dell’infrastruttura della WAN l’elemento fondante della propria proposta che si manifesta anche nella console di gestione estremamente friendly e immediata mantenendo la promessa di facilità d’uso e trasparenza e nell’estrema flessibilità. Solidamente basata su una infrastruttura next generation SD-wan la roadmap di CATO è indirizzata all’evoluzione dei servizi di sicurezza. Gartner posiziona CATO prima soluzione tra i challengers perchè, dichiara, sconta una maggiore lentezza nel costruire la base installato e la rete di vendita e assistenza worldwide.

Menzioni

Fuori dal quadrante ma meritevoli di menzione sono rimasti Cradlepoint (acquisita da Ericsson) e Netskope perchè al momento dell’analisi non soddisfacevano i criteri di inclusione di Gartner.

Nel frattempo Netskope leader del mercato SSE con le sue soluzioni CASB, SWG e DLP ha acquisito tecnologia SD-wan (Infiot) per completare la propria offerta SASE e Cradlepoint leader del mercato wireless WAN 4G e 5G ha annunciato, dopo l’acquisizione di Ericom (per la componente di sicurezza), la sua roadmap in 12 mesi per il lancio della propria offerta 5G-optimized Secure Access Service Edge (SASE) che promette di estendere il concetto di rete geografica gestita anche agli impianti OT, IoT e mezzi in movimento.

La scelta di adottare architetture SASE

Per quanto riguarda l’adozione di SASE i responsabili delle reti, e della sicurezza assieme a CIO e responsabili delle operation dovrebbero collaborare nell’adozione di architetture SASE e, utilizzando anche gli spunti contenuti in questo articolo, valutare quali fornitori sono più adatti alle loro esigenze orientandosi verso soluzioni più robuste lato SD-wan o lato sicurezza a seconda delle caratteristiche della propria organizzazione o più equilibrate e attente alla facilità di implementazione per coprire in modo uniforme e agile tutti i bisogni della rete geografica.

In accordo con i principali analisti e come abbiamo già evidenziato in precedenti articoli, per le organizzazioni con reti geografiche da gestire, SASE deve rappresentare un’opzione immediata o di prossima valutazione.

A questo proposito si consiglia di non effettuare investimenti a lungo termine su tecnologie puntuali che coprano singoli casi d’uso e che precludano o rallentino l’adozione di soluzioni SASE complete.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4