SPONSORED ARTICLE

Sicurezza delle comunicazioni mobili: la soluzione per proteggere l’azienda dal cyber spionaggio 

Per avere una reale protezione dal cyber spionaggio non basta una sicurezza end to end, ma serve un sistema intelligente ed evoluto, capace di riconoscere la presenza di un malware o di uno spyware all’interno di un dispositivo mobile

03 Ott 2022
cyber spionaggio

Oggi, nessuno può ritenersi immune dal cyber spionaggio. Quando si tratta di carpire dati importanti, che possono avere un valore strategico o economico, i cyber criminali non sono disposti a fare sconti. Governi, società, organizzazioni, aziende e individui: tutti possono essere vittima. In Italia, secondo il rapporto Clusit di marzo 2022, il 13% dei cyber attacchi avviene per motivi di spionaggio. L’obiettivo è sempre lo stesso: trasferire informazioni segrete e riservate, accedere a credenziali o trafugare dati sensibili. In questo senso, la limitata sicurezza delle comunicazioni mobili sta diventando una rilevante fonte di reddito per i cyber criminali.

Va da sé che un modo per arginare il problema è l’adozione di un adeguato sistema di protezione. Ma come? Vediamolo assieme.

Spionaggio cyber: quali le reali minacce

ll cyber spionaggio implica l’uso delle tecnologie informatiche e delle comunicazioni da parte di gruppi di persone o aziende per ottenere vantaggi economici o guadagni personali. Come indicato ancora nel rapporto Clusit, gli obiettivi preferiti di campagne criminali di questo tipo sono enti governativi e militari e appaltatori della difesa. Sul fronte commerciale, i principali bersagli sono costituiti da società tecnologiche, aziende biotecnologiche e farmaceutiche o quelle che, avendo brevetti industriali e informazioni di proprietà intellettuale, costituiscono un target allettante per la rivendita e lo sfruttamento economico di quanto sottratto. In pratica, qualsiasi organizzazione usi la comunicazione digitale può essere oggetto di cyber spionaggio.

Un punto debole: la scarsa sicurezza delle comunicazioni mobili

In tutti i casi di cyber spionaggio, dopo gli attacchi a desktop e laptop, il punto debole più sfruttato dagli attaccanti è la scarsa sicurezza delle comunicazioni mobili. Questo espone le comunicazioni stesse a un elevato rischio di intercettazione. Oggi, c’è un importante ritorno all’uso di SMS (spesso usato per l’autenticazione a due fattori o la conferma di transazioni) che sta facendo crescere in modo vertiginoso lo smishing, cioè il phishing effettuato tramite messaggi “truffaldini”, che inducono gli utenti a effettuare un’azione, solitamente cliccare su un link.

I danni subiti in questo caso – e in generale a causa del cyber spionaggio – sono principalmente economici: si può, infatti, verificare un’esfiltrazione di informazioni, che vengono poi rivendute nel dark web, o ricevere la richiesta del pagamento di un riscatto a seguito di un ransomware. Nel caso della “perdita” di dati personali, possono arrivare anche multe e provvedimenti sanzionatori del Garante. E, come se non bastasse, si subisce anche un danno di immagine, che è sempre un evento particolarmente critico.

L’azione congiunta di smishing e phishing

Pratiche come il “Bring your Own Device” (BYOD), che non consentono di scindere sistematicamente l’uso di un dispositivo mobile per questioni lavorative da quelle personali, aumentano di molto il rischio che una persona o un’azienda possa essere vittima di cyber spionaggio. Infatti, cliccando sul link proposto dallo smishing, si permette agli attaccanti di aggirare tutti i sistemi di protezione messi in atto dall’organizzazione, abilitando così l’accesso ai dati aziendali.

D’altra parte, con i 23 miliardi di SMS che vengono inviati e ricevuti ogni giorno in tutto il mondo (secondo i dati di Forbes) è facile veicolare lo smishing ed è altrettanto semplice che qualcuno cada nella trappola allestita dai cyber criminali.

Non va poi dimenticato che allo smishing si devono sommare i pericoli che arrivano dal phishing tradizionale, perché è vero che è diminuito (del 32% nell’ultimo anno, sempre secondo il rapporto Clusit 2022), ma continua a essere il quarto strumento più usato per sferrare attacchi. Quindi, tutte le classiche tecniche di phishing viaggiano, oggi, anche tramite le chat in applicazioni come WhatsApp o Microsoft Teams.

Le sei fasi dell’attacco

Più in generale, un attacco di cyber spionaggio si compone di sei fasi distinte.

  1. ricognizione (scelta dell’obiettivo);
  2. definizione degli strumenti più idonei a sferrare l’attacco (sms, fake landing page, programmi che permettono di controllare un terminale);
  3. delivery (gli strumenti di attacco sono inviati alla vittima);
  4. installazione;
  5. presa del controllo del terminale;
  6. esecuzione.

Il cyber spionaggio è reso possibile anche dai numerosi strumenti di hacking ampiamente disponibili online. Questi tool includono exploit zero day – ovvero vulnerabilità precedentemente sconosciute sfruttate una volta identificate – e i codici malevoli che possono penetrare nei sistemi e aggirare firewall e impianti. Emerge, quindi, un commercio di software di intrusione: landing page per ingannare gli utenti, malware nascosti nelle app per veicolare virus su telefono o computer per esfiltrare i dati.

Da sottolineare poi che gli attaccanti non sono più singoli soggetti, ma vere e proprie società criminali o attori sponsorizzati da stati: questo significa che hanno mezzi economici e skill di alto livello. Puntano la vittima, la studiano in modo silenzioso e, solo quando sono sicuri, sferrano l’attacco.

Come proteggersi contro il cyber spionaggio: la soluzione di Crypty per il mobile

Per contrastare la minaccia digitale che si presenta in forma di cyber spionaggio, è opportuno adottare misure di prevenzione e strumenti di protezione delle comunicazioni digitali. È chiaro che la base dev’essere un’adeguata consapevolezza del problema da parte degli utenti. Tuttavia, anche se si è molto attenti, è facile cadere nelle trappole allestite dagli attaccanti. Perciò, per erigere un muro invalicabile, è importante dotarsi di un efficace sistema di sicurezza delle comunicazioni.

Se si considera il mondo mobile, spesso si pensa che un sistema di comunicazione che integra una crittografia end to end sia la soluzione adatta ad avere la certezza di essere immuni al cyber spionaggio. Tuttavia, non è così: è unicamente un presidio per la privacy delle informazioni. Non solo: un attacco non avviene sul messaggio in transito, perché l’attaccante è presente direttamente nel terminale. Per questo, paradossalmente, non ci si deve proteggere da quello che c’è all’esterno del telefonino o del computer, ma da quello che c’è all’interno: il punto di debolezza è il dispositivo.

Questo vuol dire avere a bordo del dispositivo stesso un sistema intelligente ed evoluto, capace di riconoscere l’attività di un malware o di uno spyware. Tale sistema deve poter determinare che è in atto un’azione malevola, che qualcuno sta cercando di accedere a certe aree della memoria. Questa è una capacità che non rientra tra le funzioni per la sicurezza presenti nei sistemi di comunicazione. È una specifica di una piattaforma per la cybersecurity, come accade nel caso di Crypty. Per realizzarla serve un “motore” con controlli complessi da implementare per chi si occupa principalmente della messaggistica.

Queste tecniche di protezione dovrebbero essere applicate all’intero pacchetto di comunicazione e non solamente a una parte. Inoltre, il pacchetto stesso dovrebbe essere protetto e integrato. Non serve, quindi, avere un’app per inviare i messaggi, un’altra per telefonare e una per le videoconferenze, ma una piattaforma che permetta di utilizzare tutte queste funzionalità in modo sicuro e protetto, attraverso una schermatura capace di rilevare se nel device sono presenti trojan.

Contributo editoriale sviluppato in collaborazione con Crypty 

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2