Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

Calderini (Agid): “Le tre partite della social innovation”

05 Feb 2014

Sono tre le grandi questioni per mettere al centro i nuovi temi economici dell’innovazione sociale. Dal lato dell’offerta delle risorse bisogna puntare sulla finanza di impatto sociale e fornire nuovi strumenti per sostenere l’imprenditoria sociale. Su tutti: social impact bond, crowdfunding sociale e venture philanthropy.

Dal lato della domanda di risorse, bisogna costruire un ecosistema fertile che favorisca la crescita dell’imprenditorialità sociale, puntando su tre parole chiave: scala, competenza e tecnologia.

Infine, dal punto di vista delle policies è necessaria una convergenza dell’Agenda Smart Cities & Smart Communities con l’Agenda di Innovazione Sociale, attraverso la valorizzazione delle grandi reti e delle esperienze preesistenti.

Sarà facile avere in tempi brevi una cartina di tornasole per capire se questa enfasi posta sulla Social Innovation è solo una moda passeggera o si può tradurre in qualcosa di concreto: basterà vedere quanto le Regioni e il Governo sapranno destinare ai temi della Social Innovation nei Programmi Operativi dei fondi strutturali.

Articolo 1 di 2