l'approfondimento

Cambiamento climatico, perché la cooperazione tra Paesi è la chiave di volta: lo scenario

L’inesorabilità del cambiamento climatico porta a dover riflettere su come limitare i danni: la soluzione è un’azione coordinata tra Paesi sviluppati e in via di sviluppo, con interventi pubblici e di solidarietà. Ecco la situazione emersa durante la Cop27 e l’analisi di come si può migliorare

23 Nov 2022
Mario Di Giulio

Professore a contratto di Law of Developing Countries, Università Campus Bio-Medico Avvocato, Partner Studio Legale Pavia e Ansaldo

COP27_EGYPT

Un detto siciliano, spesso attribuito alla saggezza cinese, invita a farsi canna quando il vento tira forte. Come ogni perla di saggezza legata alla cultura contadina, il detto si presta a molteplici interpretazioni: dal non opporsi alla forza alla quale non ci si può opporre al semplice invito ad adattarsi quando non hai alterative. Nel cambiamento climatico e la lotta che più o meno i vari stati della terra stanno portando avanti, la parola “lotta”, complice anche una folle guerra che semina morte e distruzione, a danno degli uomini e dell’ambiente, sta lasciando sempre più spazio alla parola “adattamento”.

Considerata l’inesorabilità del cambiamento, per quanto comportamenti virtuosi siano stati iniziati, sempre più i paesi stanno cercando soluzioni per rispondere alle catastrofi naturali e all’inaridimento di vaste regioni della terra, per rinforzare la resilienza dell’ambiente e delle comunità. La logica del limitare le emissioni, sebbene necessaria, non è sufficiente: il danno ormai è fatto e bisogna cercare di porvi rimedio o almeno di limitarlo. Occorre un’azione coordinata con interventi di carattere pubblico e di solidarietà tra Paesi sviluppati e non: questa è infatti una partita che si vince o si perde tutti insieme.

Clima, il mondo a un bivio: chiudiamo l’era dei combustibili fossili o sarà catastrofe

Migranti climatici, i numeri

In questo tentativo all’adattamento gioca anche un fattore di sicurezza internazionale, considerato che le stime demografiche prevedono nell’anno 2050 circa 217 milioni di migranti climatici (rapporto Groundswell della Banca Mondiale 2021) e nel solo 2020 ne sono stati stimati 30 milioni dall’Internal Displacement Monitoring Center del Norvewegian Refugee Council, mentre la storia ha insegnato, per chi la ricorda, che le migrazioni dei popoli non si fermano con muraglie o valli se non per un limitato, limitatissimo arco di tempo; se poi a separare popoli e continenti è solo un braccio di mare, l’idea di blocchi rischia di rivelarsi in una mera chimera, che ci distrare dall’individuazione di soluzioni valide, solide e durature.

WHITEPAPER
IoT Platform: trasforma le promesse del 4.0 in realtà
IoT
Integrazione applicativa

La necessità di adattarsi al cambiamento climatico è stata sentita fin dai primi anni 2000. Nel 2011 le Seychelles, con l’aiuto dell’UNDP (United Nation Development Programme), hanno avviato un piano per diminuire le proprie vulnerabilità, sostanzialmente legate alla carenza di acqua e alle inondazioni costiere. Tale piano si poggia sulla conservazione dell’ecosistema, in particolare delle foreste, che compattano il suolo e facilitano la conservazione delle acque pluviali, e delle zone umide e della vegetazione ripariale che insieme ostacolano l’erosione delle coste.

Durante la COP 27, si è sempre più evidenziata la necessità di procedere con programmi di questo genere, anche attraverso forme di collaborazione e aiuto tra i vari paesi che, tra l’altro, rispondono anche a esigenze di giustizia globale, visto che il conto della devastazione climatica, dovuto dalle emissioni prodotte dai paesi più sviluppati, lo stanno maggiormente pagando i paesi che sviluppati non sono. I recenti esempi di siccità che stanno devastando stati quali il Kenya, dove in almeno 20 contee delle 23 caratterizzate da aridità o semi aridità non piove da quattro stagioni delle piogge, ne sono un esempio emblematico.

Verso una nuova solidarietà

Nel dibattito sollevato dal COP27 emerge quindi sempre più con chiarezza la necessità di accompagnare i paesi in via di sviluppo e quelli meno sviluppati verso forme di adattamento climatico, che richiedono interventi finanziari di rilievo per paesi che sono già ampiamenti indebitati e con scarsa possibilità di fare ricorso alla leva fiscale, per le ragioni più varie quali l’assenza di meccanismi di tracciamento delle risorse finanziarie, assenza di volontà politica, accordi scellerati con le società straniere con regimi di alta esenzione dalle tasse e basse ricadute occupazionali.

In questo contesto quindi si profila una nuova forma di cooperazione volta ad assicurare interventi che possano agevolare la resilienza e l’adattamento climatico: quindi non più solo prestiti privati, che devono essere rimborsati a condizioni onerose, ma anche finanziamenti pubblici e veri e propri contributi a fondo perduto. È di questi giorni l’appello dell’ex vicepresidente degli Stati Uniti Al Gore che invita la Banca Mondiale a rivedere il proprio approccio allo sviluppo, considerato da Al Gore troppo favorevole alle compagnie produttrici di energia da fonti fossili (giustificata con la opportunità di fornire risorse economiche ai paesi in via di sviluppo), e rivolgersi finalmente ad investimenti rispettosi dell’ambiente.

Il rischio dello sfruttamento delle risorse fossili

Tra l’altro lo sfruttamento delle risorse fossili dei Paesi africani crea il rischio di volgere, ancora una volta, lo sviluppo di questi paesi in una direzione errata: dal momento che essi saranno tentati di fare affidamento su tali risorse per i piani di sviluppo economico , contraendo debiti elevati, quando è probabile che in pochi anni i paesi occidentali faranno cadere la domanda di risorse fossili per rivolgersi totalmente alle fonti energetiche rinnovabili: si tratta di un vero proprio “fossil fuel colonialism”, dove i paesi sviluppati utilizzano in modo opportunistico tali risorse, con scempio dell’ambiente, per poi abbandonarne il consumo senza che i paesi interessati siano in grado di sfruttare in proprio tali risorse.

Ecco l’Africa’s dash for gas, che si presenta come una spada a doppia lama: essa infatti pone da un lato la dipendenza energetica dell’Occidente nelle mani di regimi spesso non stabili e dall’altro lato pone la dipendenza economica dei paesi in via di sviluppo da una domanda di energia non duratura, dal momento che si tratta di una richiesta da parte di stati (quelli sviluppati) che sono in via di transizione ecologica.

Perché serve un nuovo approccio all’adattamento climatico

È necessario quindi cambiare approccio, aiutando i paesi in via di sviluppo ad adattarsi al cambiamento climatico, attraverso azioni volte a limitare l’impatto sociale, ambientale e lavorativo derivante dai cambiamenti climatici. Queste azioni possono andare dalla protezione dei sistemi forestali per il consolidamento dei terreni e il contrasto all’evaporazione delle acque piovane, la creazione di bacini impluvi, il cambiamento delle coltivazioni con la scelta di piante maggiormente resistenti al calore e alla siccità, ai sistemi educativi che consentano una maggiore conoscenza della sessualità così limitando le nascite non desiderate, il consolidamento delle coste attraverso sistemi naturali quale la difesa delle foreste di mangrovie e delle barriere coralline.

È chiaro infatti ormai che non basta ridurre le emissioni per risolvere il problema, perché tali azioni possono rallentare il fenomeno ma non eliminarlo.

Conclusioni

Dal novero delle azioni da svolgere, appare abbastanza evidente che le iniziative necessarie possano non avere ricadute economiche tali da incentivare l’utilizzo di fondi privati, sebbene non manchino le voci che ritengono possibile tale ricorso (vedi ad es. Climate adaption in Africa offers investment opportunities for private sector, edito How we made it in Africa nel corrente mese di novembre 2022): al di là però dalle affermazioni di principio, le dichiarazioni appaiono più semplici desiderata che la rappresentazione di possibilità concrete.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4