Trasformazione digitale

Economia circolare, cos’è la progettazione ecocompatibile: opportunità e rischi dell’approccio Ue

La proposta di Regolamento Ue sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti (ESPR), contiene una nuova disciplina per l’elaborazione delle specifiche di progettazione ecocompatibile dei prodotti sostenibili.Tra gli obblighi informativi, spicca il passaporto digitale del prodotto. Vediamo di cosa si tratta

06 Ott 2022
Diego Fulco

Direttore Scientifico Istituto Italiano per la privacy e la valorizzazione dei dati

economia circolare - normativa EPR

Il 30 marzo 2022, la Commissione europea ha formalizzato le sue proposte normative per raggiungere entro il 2050 un’economia a zero emissioni di carbonio, sostenibile, libera dalle sostanze tossiche e completamente circolare.

Esse riguardano la progettazione ecocompatibile dei prodotti, la sostenibilità e circolarità del settore tessile, una strategia per i prodotti da costruzione e regole per informare e responsabilizzare i consumatori nella transizione verde.

In questo pacchetto, spicca – per ambizione e ampiezza –   la proposta di Regolamento sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti (Ecodesign for Sustainable Products Regulation, o “ESPR”), contenente una nuova disciplina per l’elaborazione delle specifiche di progettazione ecocompatibile dei prodotti sostenibili. Proprio negli ultimi mesi, la proposta ha iniziato il suo iter al Parlamento europeo. Relatrice del testo, nella Commissione parlamentare Ambiente, sarà un’italiana: la parlamentare democratica Simona Bonafé.

Ecodesign for sustainable products

In questa sede, mi concentrerò sulla parte di essa in cui vedo maggiori nessi fra economia circolare e agenda digitale: il passaporto digitale del prodotto (Digital Product Passport, o “DPP”), facendo una prima messa a fuoco delle grandi opportunità che deriveranno da questo nuovo strumento, dell’importanza che lo strumento venga impostato facendo tesoro del meglio delle nuove tecnologie (in particolare, della blockchain) e dei rischi sul corretto funzionamento del mercato interno che potrebbero venire da un’applicazione dell’istituto “uguale per tutti”, perfezionistica e burocratica.

La proposta di Regolamento dell’Unione Europea sulla progettazione ecocompatibile dei prodotti (ESPR)

In estrema sintesi, la proposta di ESPR stabilisce nuovi requisiti per rendere i prodotti più durevoli, affidabili, riutilizzabili, riparabili, più facili da mantenere, da rinnovare e da riciclare ed efficienti dal punto di vista energetico e delle risorse, e contiene misure per porre fine alla distruzione dei beni di consumo invenduti, nonché per ampliare gli appalti pubblici verdi e per fornire incentivi per prodotti sostenibili.

WEBINAR
13 Dicembre 2022 - 12:00
Un caso virtuoso di Digital Marketing nel Manufacturing: KPI e obiettivi - WEBINAR
Digital Transformation
Manifatturiero/Produzione

Oltre a migliorare il funzionamento del mercato interno, l’obiettivo dell’ESPR è ridurre l’impatto ambientale negativo dei prodotti durante il loro ciclo di vita. L’ESPR vuole introdurre un quadro per l’elaborazione di specifiche di progettazione ecocompatibile che siano basate su durabilità e riutilizzabilità dei prodotti, possibilità di miglioramento e riparabilità, efficienza sotto il profilo energetico e delle risorse, contenuto riciclato, rifabbricazione e riciclaggio di elevata qualità dei prodotti, riduzione delle impronte di carbonio.

Economia circolare, le startup ci sono ma manca l’ecosistema: perché puntare su blockchain

Attualmente, la materia è regolata dalla direttiva 2009/125/UE. Grazie all’ESPR, verranno introdotte nuove regole e sarà più ampio l’ambito di applicazione (cioè il novero di prodotti impattati). Mentre la vigente direttiva 2009/125/UE si concentra sui prodotti legati all’energia, l’ESPR introduce anche norme di contrasto alla presenza di sostanze chimiche dannose nei prodotti e norme sulle apparecchiature elettroniche, tessili, mobili, sull’acciaio, cemento e sui prodotti chimici. Di fatto, con l’ESPR, la progettazione ecocompatibile dei prodotti si applicherà a tutti i settori, con l’eccezione della produzione di medicinali, alimenti e mangimi. Questo significa che larghissima parte dei prodotti che consumiamo vi sarà soggetta.

Aspetto importante per gli scambi internazionali: l’ESPR non riguarderà solo i prodotti europei. I prodotti provenienti da paesi terzi che entreranno nel mercato dell’Unione Europea dovranno essere conformi all’ESPR e agli atti delegati adottati dalla Commissione europea, siano essi importati come prodotti, come componenti o come prodotti intermedi. E gli importatori (europei) dovranno assicurarsi che i prodotti da essi immessi sul mercato siano conformi a tali prescrizioni e che la marcatura CE e la documentazione redatta dai fabbricanti siano a disposizione delle autorità competenti a fini di ispezione.

Le sanzioni

A differenza di altri Regolamenti, l’ESPR non introduce un sistema sanzionatorio comune a livello UE. Saranno gli Stati membri a stabilire le sanzioni da applicare alle varie categorie (produttori, importatori, distributori, rivenditori, riparatori, riciclatori, professionisti della manutenzione) in caso di violazione dell’ESPR e ad adottare tutte le misure necessarie per assicurarne l’applicazione. Come sempre, le sanzioni dovranno essere efficaci, proporzionate e dissuasive, e dovranno essere comminate tenendo conto del grado di non conformità e del numero di unità di prodotti non conformi immessi sul mercato dell’Unione.

In base alla proposta, la Commissione europea avrà il potere di stabilire, mediante appositi atti delegati: specifiche di progettazione ecocompatibile, prescrizioni relative alle procedure di valutazione della conformità e alla misurazione del consumo di energia o delle prestazioni rispetto ad altri parametri, obblighi per i fabbricanti, per i mandatari o per gli importatori affinché forniscano informazioni alla Commissione europea o alle autorità di vigilanza del mercato e prescrizioni relative all’uso di strumenti online per calcolare le prestazioni dei prodotti, alle disposizioni alternative in materia di dichiarazione di conformità o marchi e, infine, agli incentivi degli Stati membri e ai criteri in materia di appalti pubblici. In questi atti, la Commissione europea dovrà rafforzare gli aspetti della circolarità nella valutazione dei prodotti e nella definizione delle specifiche di progettazione ecocompatibile (come la durabilità, la riparabilità – compreso un sistema di punteggio della stessa – l’individuazione delle sostanze chimiche che ostacolano il riutilizzo e il riciclaggio).

Il forum sulla progettazione ecocompatibile

È prevista la creazione di un forum sulla progettazione ecocompatibile, con una partecipazione equilibrata di rappresentanti degli Stati membri e delle parti interessate come l’industria (comprese le PMI), gli artigiani, i sindacati, i commercianti, i dettaglianti, gli importatori, i gruppi per la tutela ambientale e le organizzazioni dei consumatori. Il forum farà consulenza alla Commissione sul piano di lavoro e sulle specifiche di progettazione ecocompatibile, prima che la Commissione eserciti formalmente i suoi poteri delegati.

Gli obblighi di informazione e il passaporto digitale del prodotto

In linea con lo stile legislativo europeo, anche la proposta di ESPR dedica grandissima attenzione agli obblighi di informazione, che in questo caso saranno informazioni per lo più tecniche sulla sostenibilità ambientale.

Tra gli obblighi informativi, spicca il passaporto digitale del prodotto (Digital Product Passport, o “DPP”), pensato con lo scopo di consentire ai prodotti di essere contraddistinti e identificati e di offrire informazioni pertinenti sulla circolarità e la sostenibilità. L’accesso alle informazioni contenute nel passaporto digitale sarà differenziato in funzione del tipo di informazione e della tipologia di portatore di interessi che deve accedervi. Il passaporto digitale dovrebbe fornire – con riferimento al modello, al lotto o al singolo articolo – informazioni sull’origine del prodotto, sulla sua composizione, sulle possibilità di riparazione e di smontaggio e sulla manipolazione al termine del suo ciclo di vita. Esso è pensato per tracciare un quadro completo di quelle informazioni relative ai prodotti che sono più utili a fornitori, produttori, rivenditori, clienti, riparatori professionisti, impianti di trattamento dei rifiuti e autorità di vigilanza del mercato.

EU Digital Product Passport - Powered by the Qliktag Platform

Anche sul passaporto digitale del prodotto, la Commissione europea varerà un atto delegato. La proposta di ESPR prevede che siano dispensati dall’obbligo di passaporto digitale i gruppi di prodotti per i quali: a) non sono disponibili specifiche tecniche relative ai requisiti essenziali per la progettazione tecnica e per il funzionamento del passaporto dei prodotti; b) altra legislazione europea già prevede un sistema per la trasmissione digitale delle informazioni sul prodotto a beneficio dei soggetti nella catena del valore, facilitando così la verifica della conformità del prodotto da parte delle autorità nazionali competenti.

Sul piano dei costi, l’implementazione operativa del passaporto digitale non sarà indolore per le imprese. Bisognerà che il passaporto sia collegato – tramite un supporto dedicato, conforme alla norma “ISO/IEC” 15459:2015 inserito nel prodotto – a un ID univoco del prodotto, anch’esso conforme alla norma “ISO/IEC” 15459:2015. Le informazioni inserite nel passaporto digitale dovranno essere basate su standard aperti, sviluppate con un formato interoperabile, leggibili meccanicamente, strutturate e ricercabili.

È già aperto il confronto su quali informazioni memorizzare nel passaporto digitale del prodotto. In base alla proposta di ESPR, sarà la Commissione a precisare gli obblighi di informazione in relazione al passaporto digitale del prodotto, quindi le informazioni da inserire. Sembra probabile che il forum sulla progettazione ecocompatibile fornirà un parere anche su quali informazioni includere.

Prime reazioni degli stakeholders

EuroCommerce (l’Associazione europea del commercio al dettaglio, all’ingrosso e internazionale) chiede che il passaporto digitale del prodotto tenga conto delle esigenze delle imprese e che sia flessibile, aperto e adeguato alle esigenze future, inclusivo e pertinente, decentralizzato per semplificare l’accessibilità e la portabilità dei dati e coerente con l’ecosistema delle politiche in materia.

GS1 in Europe (l’organizzazione che sviluppa e mantiene standard globali per la comunicazione tra imprese) raccomanda che il passaporto digitale del prodotto sia pienamente interoperabile con altri passaporti e in tutti i gruppi, anche in relazione agli aspetti tecnici, semantici e organizzativi dell’interoperabilità, della comunicazione end-to-end e del trasferimento dei dati.

Quanto alle PMI, riporto quanto affermato in tema di economia circolare da Olivo Foglieni, vicepresidente di Confindustria Bergamo: “Passare da un’economia verticale a una economia circolare è doveroso. […]. Le imprese italiane sono già pronte e preparate per questo profondo cambiamento. La capacità di non sprecare e di recuperare gli scarti ce l’hanno da decenni nel loro DNA di impresa. Ma per mettere tutto questo a sistema, in modo efficiente e senza rischi, occorre un percorso fatto di tappe progressive e di un equilibrio temporale che tenga conto degli sforzi. Soprattutto, della dimensione di investimenti necessari e dei costi richiesti dalla transizione, che per un’impresa riguardano il fronte tecnologico, organizzativo e finanziario”.

Opportunità e rischi del ricorso, per il DPP, a una piattaforma blockchain

Apparentemente, nessuna tecnologia meglio della blockchain permette di conciliare gli obiettivi di tracciabilità e trasparenza propri del passaporto digitale del prodotto con la tutela del segreto aziendale, essendo la blockchain da un lato una soluzione decentralizzata, con identificatori digitali che registrano ogni fase del ciclo di vita del prodotto e ogni player nella catena del valore, dall’altro una soluzione sicura.

In effetti, la Commissione europea sta lavorando a una infrastruttura blockchain (EBSI), che intende utilizzare per raggiungere gli obiettivi climatici, compreso il passaporto digitale del prodotto.

Qualcuno obietta che se per questa blockchain sarà utilizzato il sistema di validazione delle transazioni noto come proof of work, avremo l’effetto paradossale che il passaporto digitale del prodotto danneggerà il clima. Infatti, la catena sarebbe fatta da miliardi di blocchi (tutti i player della filiera). Ciò implicherebbe un aumento delle necessità di calcolo necessarie per la validazione dei blocchi, e crescenti consumi energetici. Il nostro augurio è che l’Unione Europea non rinunci all’opportunità della blockchain, ma non usi il proof of work.

Opportunità e rischi connessi all’approccio normativo europeo

Le opportunità connesse al passaporto digitale del prodotto sono molteplici, e di grande importanza. Citiamone le più evidenti: a) garanzia di sostenibilità dei prodotti, foriera di un vantaggio competitivo presso gli attori della catena di approvvigionamento; b) esplorazione di nuovi modelli di business legati a uno scenario in cui la vita del prodotto si allunga; c) possibilità per i produttori di comprendere meglio i loro flussi di materiali e per rendere i processi più efficienti, per poi implementare gli opportuni miglioramenti.

I rischi derivano dal mettere sullo stesso piano prodotti di settori diversi, con diverso impatto ambientale, costringendo tutti al medesimo sforzo per raccogliere e mettere a disposizione le informazioni. Forse, prodotti di abbigliamento (una camicia, un pantalone) non andrebbero equiparati a macchinari e attrezzature complessi né essere soggetti alle stesse regole, visto che l’impatto ambientale della loro produzione è molto più basso. D’altra parte, ci sono prodotti che hanno un impatto ambientale non secondario, ma per il quale la raccolta delle informazioni per il passaporto digitale può essere complessa. Pensiamo all’ingegneria meccanica: anche un singolo prodotto può essere composto da migliaia di componenti. Considerata la complessità delle catene di approvvigionamento, soprattutto per le PMI reperire tutti questi dati nel passaporto digitale potrebbe essere arduo, almeno non nei tempi brevi voluti dall’Unione Europea.

Per mitigare questi rischi, si potrebbe prevedere, almeno in una prima fase di attuazione della normativa sul passaporto digitale del prodotto, che si mettano a disposizione informazioni più approfondite per i prodotti ad elevato impatto ambientale – eventualmente identificati con la Product Environmental Footprint (PEF), cioè la metodologia dell’UE per standardizzare i calcoli sull’impatto ambientale dei prodotti – e, per le PMI, per i prodotti le cui catene di approvvigionamento consentono più agevolmente di ricostruire il dettaglio.

Il pilastro dell’economia circolare è la raccolta differenziata dei rifiuti. Per il passaporto digitale del prodotto, il pilastro per conciliare un’economia circolare con un corretto funzionamento del mercato sarebbe una gestione differenziata degli obblighi informativi e di accountability. Speriamo che l’UE lo capisca.

WHITEPAPER
Trasferire i processi in cloud è una scelta non più rimandabile: ecco perché
Cloud
Digital Transformation
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2