rapporto del Parlamento UE

Terre rare, l’Europa dipende troppo dalla Cina: perché è un problema

L’Unione Europea sopperisce al bisogno di terre rare, gruppo di diciassette elementi fondamentali per realizzare tecnologie e per attuare la transizione verde, grazie alle importazioni soprattutto dalla Cina: un report del Comitato per l’industria, la ricerca e l’energia del Parlamento Europeo fa luce sulla situazione

Pubblicato il 05 Gen 2023

Davide Agnello

Analyst, Hermes Bay

china-ue

Negli ultimi anni, le cosiddette terre rare o critiche (in inglese Critical Raw Materials – CRM o Rare-Earth Elements – REE) hanno assunto un ruolo sempre più importante nell’economia mondiale. Si tratta di diciassette elementi fondamentali per la costruzione e il funzionamento dei moderni dispositivi tecnologici. Come riportato nel rapporto del Comitato per l’industria, la ricerca e l’energia (ITRE) del Parlamento Europeo, pubblicato in data 19 dicembre 2022, l’avvio della transizione energetica e digitale nell’ambito dello European Green Deal ha reso necessaria la disponibilità tempestiva di tali materie prime per raggiungere gli obiettivi climatici prefissati: ovvero la diminuzione del 55% delle emissioni di gas serra entro il 2030 e il loro azzeramento entro il 2050.

Gli Stati Membri dell’UE sopperiscono al loro fabbisogno di questi elementi in larga misura attraverso le importazioni. Tuttavia, l’Unione è principalmente vincolata ai mercati esteri per quanto riguarda i componenti, i prodotti intermedi e i beni finali sviluppati con le REE. Esempi importanti in tal senso sono i deficit commerciali per i magneti permanenti, le batterie al litio e le celle a combustibile. Tuttavia, l’UE ricopre un ruolo centrale nell’esportazione di prodotti finali quali le turbine eoliche, gli elettrolizzatori e i veicoli elettrici.

Agenda 2030, i punti fondamentali per innovazione e infrastrutture

Terre rare, cosa dice il rapporto ITRE

Secondo quanto indicato dal rapporto, l’accesso a tali elementi e materiali è destinato a diventare sempre più rilevante all’interno dell’Unione man mano che la capacità produttiva in alcune industrie strategiche aumenterà. Un esempio di tale andamento riguarda il settore della produzione di batterie, dove l’UE è un importatore centrale di tutte le materie prime, soprattutto del cobalto. Un altro minerale altrettanto importante in cui l’UE ha un deficit commerciale complessivo è il titanio, necessario per la fabbricazione delle celle a combustibile. Di fatto, l’UE importa il 17% del suo fabbisogno di titano dalla Russia, che rappresenta uno dei primi tre produttori mondiali di questo elemento. Inoltre, Mosca fornisce il 15% delle importazioni europee di platino, fondamentale per l’assemblaggio degli elettrolizzatori.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa

Tuttavia, il principale Stato da cui l’UE dipende per quanto riguarda le importazioni di materie prime e componentistica necessari per la transizione verde e digitale è la Cina. Beijing è un attore dominante nell’intera catena del valore, dall’estrazione e raffinazione dei REE fino alla realizzazione di magneti permanenti che utilizzano questi prodotti raffinati. Inoltre, è altresì uno dei maggiori fornitori per l’Unione di batterie utilizzate nei settori delle auto elettriche e per l’accumulo di energia.

Le conseguenze di guerre e ostilità

L’invasione russa dell’Ucraina e le conseguenti sanzioni imposte al Cremlino, insieme alle tensioni tra Cina e Stati Uniti in merito a Taiwan, hanno messo in evidenza le vulnerabilità dell’Unione di fronte alle distorsioni delle catene di fornitura internazionali delle terre rare. Sia la Cina che la Russia si starebbero muovendo da tempo per assumere una posizione dominante nel mercato dei CRM. Attualmente, la Cina controlla circa l’80% della produzione mondiale di terre rare. Il Paese si è concentrato sullo sviluppo di questo comparto fin dagli anni Cinquanta e il sito di Baotou, nella Mongolia Interna, rappresenta il principale centro di lavorazione nazionale. Nel 2022, la Cina ha ampliato per il quinto anno consecutivo la produzione di terre rare e ha fissato la quota di estrazione a 210.000 tonnellate, con un aumento del 25% rispetto alle 168.000 del 2021.

Il dominio della Cina nel settore incide in maniera importante sulla capacità dell’Occidente di trovare soluzioni autonome per sostenere la propria economia. Infatti, Pechino sfrutterebbe il suo vantaggio competitivo per esercitare pressioni diplomatiche sugli stati con cui intrattiene relazioni commerciali. Già nel settembre 2010, a seguito della detenzione di un peschereccio cinese da parte delle autorità nipponiche, la Repubblica Popolare impose il blocco delle esportazioni di REE al Giappone. Quest’ultimo ha rappresentato per molti anni il principale acquirente di terre rare cinesi, utilizzandole per vari scopi industriali, come la produzione di pannelli solari e di motori per le auto ibride. Nel febbraio 2022, nel contesto delle ostilità nello Stretto di Taiwan, Pechino ha imposto delle restrizioni sugli acquisti di REE alle aziende statunitensi della difesa Lockheed Martin Corp, produttrice dei caccia F-35, e Raytheon Technologies Corp, il più grande costruttore di missili guidati al mondo. Tale decisione sarebbe stata presa in considerazione del fatto che le filiere di approvvigionamento militare dei Paesi NATO sono altamente influenzate dalle decisioni cinesi.

Secondo Jakob Kullik, ricercatore presso l’Università Tecnologica di Chemnitz, questa dipendenza sarebbe maggiore rispetto a quella energetica nei confronti del Cremlino. Non disponendo finora di alternative per alimentare gli apparati militari, i produttori statunitensi di minerali critici stimano che, in caso di scontro, la Cina potrebbe interrompere le forniture di terre rare a Washington e portare all’esaurimento le scorte di minerali necessari all’apparato di difesa americano in meno di 90 giorni.

Gli investimenti cinesi in Africa e America latina

Allo stesso tempo, Pechino avrebbe rafforzato la sua predominanza sul settore con un aumento degli investimenti in progetti minerari in Africa. Dal 2018, la Cina ha iniziato a importare alcune terre rare in risposta alla crescente domanda interna e alle restrizioni ambientali imposte per limitare le pratiche di estrazione illegale. È probabile che la Cina possa offrire investimenti infrastrutturali e finanziamenti ai Paesi africani in cambio di risorse e diritti di esplorazione mineraria ed energetica. Oltre al continente africano, la Repubblica Popolare si starebbe espandendo anche in America Latina. Nel 2020, l’azienda brasiliana di estrazione del ferro Vale ha stretto un accordo da 624 milioni di dollari con l’operatore portuale statale Ningbo Zhoushan Port. Quest’intesa prevede l’incremento di 40 milioni di tonnellate delle spedizioni di minerale nel porto di Shulanghu, nell’intento di aumentare la quota di mercato dell’impresa in Cina.

Russia e terre rare

Per quanto concerne Mosca, nel 2020 sono stati resi pubblici 11 piani di investimenti pari a 1,5 miliardi di dollari per lo sfruttamento di 12 milioni di tonnellate di REE. L’obiettivo prefissato è quello di diventare il maggior produttore dopo la Cina entro il 2030. Alexei Besprozvannykh, Viceministro dell’Industria e del Commercio, ha dichiarato che questi piani avrebbero permesso alla Russia di diventare quasi autosufficiente per quanto riguarda i REE entro il 2025 e di iniziare le esportazioni nel 2026.

Così come la Cina, anche la Federazione Russa starebbe cercando sbocchi in Africa. A differenza della Cina, che è entrata nella regione attraverso i finanziamenti della Belt and Road Initiative, Mosca si starebbe espandendo attraverso l’impiego di mercenari, in primis quelli del Gruppo Wagner. In cambio dell’assistenza ai Governi africani impegnati in conflitti, l’organizzazione paramilitare avrebbe beneficiato di concessioni minerarie e di uno speciale status diplomatico.

Un’altra importante fonte di approvvigionamento di REE per il Cremlino sarebbe rappresentata dalle aree occupate nel Donbass. Oltre ai giacimenti di carbone e ferro, nella regione sarebbero presenti ingenti riserve di grafite, manganese, cobalto, titanio, litio e altri CRM, nonché di alluminio e rame. Snodo fondamentale per il commercio di questi minerali sarebbe il porto di Mariupol, occupato dalle forze filorusse nel maggio 2022. Secondo Marco Di Liddo, analista presso il Centro Studi Internazionale (Ce.SI), il controllo della regione sarebbe di cruciale importanza per la Russia al fine di sostenere economicamente il proprio sforzo bellico in Ucraina.

Le soluzioni per l’UE

Per far fronte alle posizioni dominanti di Cina e Russia e al rischio di future carenze nelle forniture mondiali, il Comitato ITRE individua nello stoccaggio a livello comunitario dei CRM una possibile strategia per garantire un approvvigionamento di queste risorse a tutti i Paesi UE. In passato, solo alcuni Stati membri, come Francia, Slovacchia, Svezia e Regno Unito avevano programmi di immagazzinamento di alcune materie prime specifiche, gestiti dai rispettivi Governi. Gli stoccaggi in questi quattro Paesi sono stati interrotti per varie ragioni: alcuni di questi paesi hanno ritenuto che le scorte non fossero più necessarie, poiché le fonti di materie prime sarebbero diventate sufficientemente diversificate; altri invece, come la Slovacchia, hanno ritenuto che i rischi si siano ridotti dopo l’adesione all’UE e alla NATO.

Tuttavia, come sottolinea il Comitato, vari Paesi industrializzati come Giappone, Stati Uniti, Svizzera e Corea del Sud hanno attivato programmi di stoccaggio per assicurare una fornitura sicura di CRM e la salvaguardia delle industrie nazionali che ne fanno uso. Oltre a questa strategia, il report suggerisce come altre pratiche da adottare:

  • la ricerca di soluzioni alternative agli accordi di libero scambio per via della loro portata limitata nella differenziazione dei fornitori;
  • l’ampliamento dei meccanismi di monitoraggio, in particolare l’acquisizione dei dati sull’andamento dei prezzi e sullo stato delle catene del valore;
  • lo stanziamento di incentivi destinati alle imprese per il mantenimento delle scorte;
  • l’impiego di professionisti del settore privato nella gestione delle operazioni di stoccaggio;
  • la connessione delle politiche di immagazzinamento a misure strategiche che irrobustiscano la resilienza della capacità industriale dell’UE.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3