SANITÀ DIGITALE

Tessera sanitaria, ricetta dematerializzata, Fascicolo sanitario elettronico: i riferimenti normativi

Le ultime riforme legislative in materia di Sanità Digitale sono finalizzate a migliorare l’efficienza delle prestazioni sanitarie facenti parte dei LEA e realizzare un progressivo contenimento della spesa pubblica, mediante il constante monitoraggio dei costi. Facciamo il punto

02 Giu 2016
Angelo Alù

PhD, Consigliere Internet Society Italia, saggista e divulgatore digitale

sanità-online-120613130105

All’atto dell’iscrizione al Sistema sanitario (presso l’Azienda Sanitaria Locale territorialmente competente, ovvero quella di residenza dell’assistito) gli uffici rilasciano la tessera sanitaria, dotata di codice identificativo da utilizzare per tutte le attività sanitarie facenti parte dei LEA erogate dal Servizio Sanitario Nazionale.

In particolare, la tessera sanitaria, introdotta con l’art. 50 D.L. 269/2003 (convertito con modificazioni nella Legge 326/2003), nell’ambito del nuovo sistema di monitoraggio della spesa sanitaria, è definita dal D.P.C.M 20/06/2011 come il documento rilasciato dal Ministero dell’economia e delle finanze in attuazione di quanto disposto dall’art. 50, del decreto-legge del 30 settembre 2003, n. 269, sostitutivo del tesserino di codice fiscale che reca il codice fiscale del titolare, anche in codice a barre nonché in banda magnetica, quale requisito necessario per l’accesso alle prestazioni a carico del Servizio sanitario nazionale (SSN) valida come Tessera europea di assicurazione malattia, requisito necessario per l’accesso alle cure urgenti presso i Paesi appartenenti all’Unione Europea.

Tale provvedimento ha disposto le modalità di assorbimento della Tessera Sanitaria nella Carta Nazionale dei Servizi, in applicazione dell’art. 11 D.L. 78/2010 (convertito con modificazioni nella Legge 122/2010), che ha previsto la progressiva evoluzione della Tessera Sanitaria (TS) verso la Tessera Sanitaria-Carta Nazionale dei servizi (TS-CNS), attribuendo al Ministero dell’Economia e delle Finanze il compito di procedere, in occasione del rinnovo delle tessere in scadenza, alla progressiva consegna della nuova TS-CNS, nel rispetto delle caratteristiche tecniche di cui al D.M. 11/03/2004, nella prospettiva di realizzare un efficace controllo e monitoraggio della spesa pubblica.

Alla luce di tale evoluzione normativa, la Tessera Sanitaria può essere considerata a tutti gli effetti una tessera sanitaria nazionale, che vale anche sia come Codice Fiscale, sia come Carta Nazionale dei Servizi, sia come Tessera Europea Assicurazione Malattia (TEAM) e che costituisce la chiave di accesso al Fascicolo Sanitario Elettronico.

Peraltro, proprio nella prospettiva di semplificare ulteriormente le procedure sanitarie e realizzare un efficiente processo di digitalizzazione dei servizi pubblici, il recente D.L. 179/2012 (convertito con modificazioni nella Legge 221/2012) ha previsto la configurazione del documento digitale unificato, costituto dall’unione, sul medesimo supporto, della carta di identità elettronica e della tessera sanitaria, per consentire al cittadino la registrazione e l’accesso ai servizi digitali erogati online dalle PA.

L’art. 12 del citato Decreto “Crescita bis” disciplina il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), definito come l’insieme dei dati e documenti digitali di tipo sanitario e sociosanitario generati da eventi clinici presenti e trascorsi, riguardanti l’assistito, conformemente a quanto previsto dalla Deliberazione n. 25 del 16 luglio 2009 del Garante per la protezione dei dati personali e dall’Atto di Intesa della Conferenza Permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province Autonome del 10 febbraio 2011, contenente le Linee Guida per la formazione del Fascicolo Sanitario Elettronico e del Dossier Sanitario.

Tale disciplina è stata ulteriormente valorizzata dal D.L. 69/2013 (convertito con modificazioni nella Legge 98/2013), in base al quale sono state introdotte specifiche misure dirette a favorire la realizzazione del Fascicolo Sanitario Elettronico.

In particolare, viene previsto che l’Agenzia per l’Italia digitale, tenuto conto delle esigenze avanzate dalle Regioni e dalle Province Autonome, sulla base dei progetti per la realizzazione del FSE, redatti entro il 30 giugno 2014, cura, in accordo con il Ministero della Salute, con le Regioni e le Province Autonome, la progettazione, la realizzazione dell’infrastruttura nazionale necessaria a garantire l’interoperabilità dei FSE, valuta e approva, entro sessanta giorni, i piani di progetto presentati dalle Regioni e dalle Province Autonome per la realizzazione del FSE, monitora la realizzazione del FSE, da parte delle Regioni e delle Province Autonome, conformemente ai piani di progetto approvati.

L’obiettivo perseguito è quello di agevolare l’assistenza del paziente, mediante il miglioramento di tutte le attività, grazie alla progressiva ottimizzazione del sistema sanitario, funzionale ad assicurare un concreto processo di ammodernamento della sanità pubblica e privata attraverso un’efficace gestione informatica e telematica di atti, documenti e procedure, a fini di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione; studio e ricerca scientifica in campo medico, biomedico ed epidemiologico; programmazione sanitaria, verifica delle qualità delle cure e valutazione dell’assistenza sanitaria.

Per tale ragione, Il FSE deve essere alimentato in maniera continuativa dai soggetti che prendono in cura l’assistito nell’ambito del Servizio sanitario nazionale e dei servizi socio-sanitari regionali, a condizione che sia assicurato il consenso libero e informato da parte dell’assistito, il quale, pur essendo a conoscenza dell’utilità di disporre di un quadro il più possibile completo della propria storia sanitaria, può decidere se e quali dati relativi alla propria salute non devono essere inseriti nel fascicolo medesimo.

A tal fine, il trattamento dei dati personali effettuato mediante il FSE deve conformarsi al principio di autodeterminazione, in modo da garantire che l’interessato sia in grado di scegliere liberamente se far costituire o meno un FSE con le informazioni sanitarie che lo riguardano, escludendosi che l’eventuale mancato consenso possa comunque avere conseguenze negative sulla possibilità di usufruire di prestazioni mediche.

Inoltre, in caso di revoca del consenso, il FSE non deve essere ulteriormente implementato e i documenti sanitari presenti non devono essere più condivisi da parte degli altri organismi o professionisti che curano l’interessato.

Il trattamento di dati personali effettuato attraverso il FSE è ammesso esclusivamente a fini di prevenzione, diagnosi e cura dell’interessato e deve essere effettuato esclusivamente da parte di soggetti operanti in ambito sanitario, con espressa esclusione di periti, compagnie di assicurazione, datori di lavoro, associazioni o organizzazioni scientifiche e organismi amministrativi anche operanti in ambito sanitario.

Infine, l’art. 13 del citato D.L. 179/2012 disciplina la cd. “e-prescription e la cartella clinica digitale, quale strumento indispensabile a migliorare i servizi ai cittadini e rafforzare gli interventi in tema di monitoraggio della spesa del settore sanitario.

Per tale ragione, la norma dispone la progressiva sostituzione delle prescrizioni mediche in formato cartaceo con le prescrizioni in formato elettronico, valide su tutto il territorio nazionale dal 1° gennaio 2014 se generate secondo le modalità stabilite dal Decreto del Ministero dell’economia e delle finanze del 2 novembre 2011, concernente la dematerializzazione della ricetta cartacea (di cui all’articolo 11, comma 16, del D.L 78/2010, convertito modificazioni nella Legge 122/2010), stabilendo che le Regioni e le Province Autonome, provvedano alla graduale sostituzione delle prescrizioni in formato cartaceo con le equivalenti in formato elettronico, sino a raggiungere la soglia del 90% nel 2016.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3