Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Sanità Digitale

Franzone: “Lo Stato non risparmia con l’informatica in Sanità: è una leggenda”

di Paolo Colli Franzone, Osservatorio Netics

14 Ott 2015

14 ottobre 2015

L’errore che si tende a compiere è quello di confondere la sanità digitale con l’informatica applicata alla sanità, quando invece quest’ultima non è che uno dei segmenti della prima (e neppure quello principale). Leggenda metropolitana è invece che l’informatica applicata alla sanità faccia risparmiare denaro al Servizio Sanitario Nazionale

Di sanità digitale, ultimamente, si parla molto. E se ne parla, ogni tanto, a sproposito.
L’errore che si tende a compiere è quello di confondere la sanità digitale con l’informatica applicata alla sanità, quando invece quest’ultima non è che uno dei segmenti della prima (e neppure quello principale).


Sanità digitale vuol dire innanzitutto m-health e telemedicina: un segmento che con l’informatica applicata alla sanità ha davvero ben poco a che fare se non il fatto che si utilizzano devices che “parlano in binario” e le informazioni vengono veicolate utilizzando le reti di trasporto basate su protocollo IP.
Vuole dire anche l’enorme mercato delle Online Health Communities, dove proprio in questo scorcio di fine 2015 stiamo assistendo a operazioni di merge & acquisition (anche in Italia) e allo “sbarco” di nuovi interessantissimi player.
Sanità digitale vuol dire anche la robotica sanitaria: dai sistemi per la produzione di farmaci “su misura” al robot chirurgo, passando attraverso armadi farmaceutici automatizzati, carrelli robotizzati per la distribuzione di terapie e pasti, eccetera.
Vuol dire anche stampa 3D di protesi e ausili, un settore che si sta sviluppando con trend di crescita a tre digit e che è destinato a rivoluzionare la supply-chain e persino il modo col quale verremo curati nei prossimi decenni.
La sanità digitale, infine, comprende una parte di quel mondo complesso e variegato di tecnologie indossabili e di tecnologie ingeribili/impiantabili che anch’esse si stanno sviluppando con ritmi di crescita piuttosto significativi e che rappresentano il “sogno nel cassetto” di venture capitalist alla ricerca dell’unicorno prossimo venturo.

Parliamo di un mercato complessivo atteso per il 2020 di 233 miliardi di dollari, dove l’informatica applicata alla sanità (fascicolo sanitario, cartella clinica, eccetera) pesano meno dell’8% sul totale, con prezzi in caduta libera se consideriamo che attualmente (2014) il segmento dei Digitized Health Systems (a livello mondiale) supera di poco i 14 miliardi di dollari e che il grosso della crescita di questo segmento deriverà – fra il 2015 e il 2020 – dalla digitalizzazione dei sistemi sanitari e ospedalieri di paesi come la Cina e l’ex blocco sovietico.

Detto questo, passiamo alle leggende metropolitane: quelle che fanno male a tutti, tranne che a chi vive di scoop e comunicati stampa da passare ai giornali.
Tipo quella secondo la quale l’informatica applicata alla sanità fa risparmiare denaro al Servizio Sanitario Nazionale e ai cittadini: molto probabilmente vera la seconda affermazione, del tutto infondata la prima.
Un esempio: il fascicolo sanitario elettronico. Il quale, per come è strutturato attualmente (peraltro secondo un modello che ormai non ha più nessuna corrispondenza in nessun sistema sanitario al mondo) di per sé non è in grado di far risparmiare neppure un centesimo al SSN.
E’ utilissimo, ed è assolutamente giusto che si faccia: diciamolo ad alta voce, per evitare equivoci. Magari con qualche aggiustatina considerando che da quando se ne è iniziato a parlare ad oggi 2015 (anno in cui il Ministro ha finalmente firmato il decreto che ne sancisce le regole tecniche) sono passati un paio abbondante di lustri, ma comunque serve ed è un progetto da portare a termine.
Ma non diciamo, per carità, che l’adozione del fascicolo sanitario elettronico comporta sic et simpliciter una riduzione di costi per la sanità. Non è vero, e dicendolo non facciamo altro che generare false aspettative finendo per inficiare la credibilità di un settore (quello dell’IT applicato alla PA e alla sanità) che già deve scontare un paio di “hype” del passato: i mitici portali di e-government e le smart cities.
Per capire quanto non sia vera questa leggenda metropolitana basta andare a farsi un giro in un ospedale e/o da un medico di famiglia, per rendersi conto di come stanno realmente le cose: il fascicolo, anche laddove c’è (4 Regioni su 21, non dimentichiamolo), non è ancora entrato a far parte della operatività quotidiana del personale sanitario. E pochissimi cittadini (anche in Lombardia, anche in Emilia Romagna, per parlare di due regioni indiscutibilmente leader storiche in sanità elettronica) sanno che il fascicolo esiste.
I Pronto Soccorso compilano e stampano lettere di dimissioni, i laboratori stampano referti, e tutto diventa “digitale” nella misura in cui viene scansionato e trasformato in PDF che vanno ad alimentare il fascicolo.
Nulla che possa servire a un medico, il quale ha bisogno di una curva glicemica e non di una ventina di file PDF da scartabellare a video.
Questa è informatica applicata alla sanità, peraltro applicata a fini prevalentemente amministrativi e giuridici, come dice bene Mauro Moruzzi (padre del fascicolo sanitario elettronico dell’Emilia-Romagna e pioniere della sanità elettronica) quando nei suoi libri parla di “vecchia burocrazia sanitaria condita dall’informatica”.

E non è certamente dalla burocrazia digitalizzata che si possono generare economie di gestione.
La sanità può trovare ampi spazi di razionalizzazione della propria spesa solamente andano a incidere sui processi di erogazione delle prestazioni: “cambiare il modo di lavorare”, e non “informatizzare l’esistente”.
Le ICT abilitano e facilitano la reingegnerizzazione dei processi erogativi, ma soltanto a condizione che vengano molto ben definiti i confini entro i quali gli informatici possono spaziare.
Come ben insegnano i veri casi di successo a livello internazionale, le danze della sanità digitale devono essere condotte dagli operatori sanitari.
Fateci caso: in moltissimi Paesi (la Spagna, ad esempio, ma va così anche negli USA), le divisioni Healthcare dei principali vendor IT e system integrator sono dirette da medici. E molti CIO ospedalieri hanno un background clinico.

Soprattutto se usciamo dal “cortiletto” dell’informatica sanitaria e andiamo a spaziare nel “vero” green field della sanità digitale, dobbiamo renderci conto che il push tecnologico non funziona più, e le palline colorate non trovano più indigeni sprovveduti disposti a svenarsi pur di poterci giocare.
Così come non funziona più il sensazionalismo e la propagazione delle leggende metropolitane.
In difetto, corriamo il rischio di generare un altro enorme hype: chiacchiere, convegni, osservatori, ma alla fine i vendor non fatturano e – come diceva il Poeta – “la papera non galleggia”.

  • giandou

    Credo che il fine ultimo dell’istituzione del FSE non riguardi il risparmio economico, ma esclusivamente le finalità di cura, diagnosi, cura e riabilitazione del cittadino. Sta agli attori del sistema sanitario impegnarsi perché questo avvenga. Il risparmio economico rappresenta solo uno dei possibili altri impieghi del FSE

  • Il Sabaudo

    Bisognerebbe spiegare perche’ negli ospedali si continuano a stampare lettere di dimissione, verbali di pronto soccorso, etc come descrive l’articolo. In teoria l’ospedale paper-less potrebbe evitare tutto questo ma occorre, come spiega l’autore, un cambio nell’organizzazione e aggiungo culturale. Certo che fino a quando resteranno, anche a causa della legge Monti – Fornero in tema di pensioni, persone al lavoro nella PA (soprattutto nel livello manageriale) che quando va bene a scuola hanno usato il regolo calcolatore sara’ difficile per l’informatica farsi strada in sanita’ e in tutti i settori della PA. Un ricambio generazionale aiuterebbe insieme alla volonta’ di cambiare il modo di lavorare di cui l’abbandono della carta e’ uno degli aspetti ma certamente non l’unico. In questo nuovo futuro scenario si potrebbero apprezzare anche i risparmi sull’attuale spesa indotti dall’uso dell’ICT (ad esempio l’appropriatezza prescrittiva, evitare la ripetizione di inutili esami, etc).

  • EzioP1

    Un esempio di cattiva gestione dove le risorse informatiche potrebbero migliorare la situazione. Ai primi di agosto 2014 il medico della mutua richiede un ecocardiogramma, con la procedura normale mi viene programmato l’esame a fine gennaio 2015 (sei mesi di attesa). Alternativamente al costo di 100 euro l’esame viene fatto in 48 ore e al costo di 150 euro anche subito all’istante. Ciò significa che medici e attrezzature sono disponibili e poco utilizzate, altrimenti anche nei due casi a pagamento il tempo di attesa sarebbe stato ben più lungo. Forse è il caso che si rivedano i modelli di calcolo e di finanziamento agli ospedali poichè al momento questi sembrano essere basati su algoritmi che non tengono in conto la disponibilità di macchinari e dottori.

  • Marlafo

    Sono perfettamente d’accordo con l’autore dell’articolo. Opera da diversi anni nel settore e-health e posso testimoniare che quasi tutti i progetti sono finalizzati ad automatizzare le procedure organizzative esistenti e non a cogliere l’occasione per reingegnerizzarle per poi, e solo poi, automatizzarle. In questa maniera, oltre ad automatizzare le cose sbagliate diventa più difficile successivamente operare una ristrutturazione. Il problema è che i manager della sanità mirano a mantenere lo status quo anziché sforzarsi di riorganizzare i processi nelle loro organizzazioni.

Articoli correlati