Database delle PA, il caos che danneggia tutti

Vincenzo Patruno (Stati Generali) ci racconta come l’armonizzazione delle banche dati può rendere più efficienti i servizi al cittadino. Necessaria anche un’anagrafe centralizzata

02 Ott 2015
Federico Guerrini

giornalista

app io privacy

Andare oltre la frammentazione delle informazioni e delle basi dati facenti capo ad enti pubblici e privati per garantire un migliore servizio al cittadino. È questo l’argomento del panel “Identità personale e integrazione delle basi dei dati: garanzie di efficienza ed esigenze di privacy”, che si svolgerà il prossimo 15 ottobre a Bologna, all’interno della manifestazione Smart City Exibition.

A coordinarlo, Vincenzo Patruno, ricercatore ed esperto di open data, membro del gruppo Stati Generali dell’Innovazione – Open Puglia, che dialogherà con la responsabile del settore “Infrastrutture e tecnologie per lo sviluppo della Società dell’Informazione” della Toscana, Laura Castellani, con Maurizio Rasera di Veneto Lavoro, Giuseppe Garofalo dell’Istat, Giusella Dolores Finocchiaro dell’Università di Bologna, Francesco Tortorelli dell’Agid e un manager di Ibm il cui nome è ancora da confermare.

Quello dell’armonizzazione e integrazione della banche dati è un tema molto delicato e un po’ tecnico, la cui rilevanza non è forse immediatamente comprensibile ai non addetti ai lavori, ma che risulta invece fondamentale per garantire la modernizzazione di un apparato statale ancora per certi versi elefantiaco, e legato a meccanismi di circolazione dei dati non più adeguati ai tempi.

Basti pensare al tema del censimento della popolazione residente, finora attuato ogni dieci anni: in tempi in cui le persone si spostano con grande facilità e frequenza tale periodicità sta venendo man mano abbandonata in favore di una rilevazione annuale.

“Ma un’operazione di questo genere – spiega ad Agenda Digitale lo stesso Patruno – non può prescindere dal fatto di avere un’anagrafe centralizzata“. Già, l’anagrafe unica, altresì detta Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente: un progetto molto complesso e ambizioso – di cui ci siamo occupati più volte su questo sito, che mira ad unificare la gestione delle informazioni anagrafiche al momento gestite da più di 8.100 sistemi comunali diversi, in modo tale da far sì che sia possibile aggiornare in maniera automatica e pressoché immediata i dati demografici (data di nascita, cambio di residenza, decesso) e di altro tipo relativi ai residenti, in maniera tale da evitare inefficienze e sprechi.

“Oggi se una persona è residente in un certo luogo, vuole accedere a un documento – relativo, mettiamo, alla patente – e si reca in un ufficio diverso da quello preposto, l’accesso al dato avverrà necessariamente per replicazione dello stesso – spiega Patruno”.

Il che significa, in sostanze, che lo stesso dato viene gestito e risiede su piattaforme differenti. In questo modo però, entrando in gioco una molteplicità di banche dati, magari create in momenti diversi da vari fornitori, è difficile continuare a mantenere la coerenza interna delle basi dati. Col tempo, si possono creare delle incongruenze che esplodono.

“Un aneddoto, forse un po’ estremo, per illustrare questo concetto, ma che serve ad illustrare chiaramente il problema – prosegue l’esperto – riguarda una persona che conosco, che è stata convocata dall’Asl per effettuare un pap test alla mammella. L’unica problema, è che questa persona era un maschio“.

Non è che oggi manchino sistemi semi-automatici di armonizzazione e aggiornamento dei dati, ma il tutto avviene solitamente ex post, in maniera costosa e con grande dispendio di tempo, dovendo attingere a informazioni disseminate in luoghi diversi e trattate spesso in modo differente.

Ci sono invece parecchie situazioni dove farebbe comodo poter avere a disposizione un dato unico, trattato in maniera centralizzata. Un esempio, già citato, è quello dell’anagrafe unica, e del censimento. Ma ci sono vari altri casi in cui una maggiore integrazione delle banche dati può tradursi in maggiore efficienza per la pubblica amministrazione; accanto a quello più evidente e manifesto della riduzione degli sprechi, c’è un tutto un altro filone che riguarda la raccolta a l’incrocio dei dati per fini di supporto decisionale.

Si pensi, ad esempio, alle rilevazioni che vengono fatte per quel che riguarda il mercato del lavoro, che servono poi a orientare le scelte di politica economica e di welfare degli enti pubblici

“Oggi per fare questo tipo di analisi bisogna attenersi al fatto che bisogna acquisire informazioni da diversi database – spiega Patruno – i dati che entrano in gioco sono quelli dell’Inps, dell’Agenzia per le Entrate, e di altri enti, ed è un’operazione laboriosa e macchinosa. Non nel senso che è fatta male: chi ne se occupa lo fa al meglio tenendo conto delle condizioni attuali, ma ognuno spesso ha un suo sistema di gestione delle attività, che opera separatamente dagli altri. Il valore dei dati sta invece nel poterli accostare: mettendoli insieme possono emergere delle cose che altrimenti resterebbero invisibili se vengono tratti esclusivamente in modo verticale, all’interno di una nicchia”.

Unificare e armonizzare sempre più i database come, pur fra mille difficoltà, si sta facendo, ha importanti riflessi in materia di privacy. Sia in senso positivo che negativo. Il Garante della Privacy ha più volte sottolineato l’importanza di proteggere la riservatezza dei dati dei cittadini, nel momento in cui questi vengono aggregati e gestiti in maniera centralizzata.

“I problemi ci sono – sottolinea Patruno – ed è bene conoscerli ed agire di conseguenza. D’altra parte, l”armonizzazione e il consolidamento delle banche dati fa anche sì che vi sia un minor numero di presidi da difendere. In questo modo, si evita di disperdere le energie e si concentrano gli sforzi sulle misure che servono davvero,e fra queste rientrano senz’altro tutte quelle relative all’aspetto della sicurezza e della protezione delle infrastrutture di rete”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3