Perché chiudere Spid sarebbe grave perdita per gli italiani

Attenzione, spegnere Spid e migrare gli utenti sulla Cie come sta valutando il Governo sarebbe un errore. I due sono strumenti molto diversi e usati per finalità diverse. Spid è uno strumento valido e insostituibile per l’agilità di cui dispone

Pubblicato il 21 Dic 2022

Eugenio Prosperetti

avvocato, docente Informatica Giuridica Facoltà Giurisprudenza

identità digitale

Grande è stata la sorpresa per le dichiarazioni del Sottosegretario Alessio Butti, a capo del dipartimento Innovazione che fu del ministro Colao,  qualche giorno fa circa la intenzione del Governo di lavorare per abolire il sistema SPID, per puntare sulla carta d’identità elettronica CIE, come unico sistema di identità elettronica nazionale. Per arrivare una identità digitale unica – dice – e di Stato, non legata ad aziende private.

Perché chiudere Spid è una cattiva idea

Le dichiarazioni sono state successivamente precisate e si è compreso che l’intenzione del Governo sarebbe quella di lavorare, anche sulla scorta di quanto disposto dal DM 8 settembre 2022, che integra e potenzia il sistema della CIE, ad una sorta di integrazione dei due sistemi di identità, nel sistema CIE, sotto il controllo del Ministero dell’Interno e con la gestione dell’Istituto Poligrafico.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa
Identità Digitale: Accedi ai servizi pubblici online con SPID e CIE

Non è la prima volta che un Governo paventa di abolire SPID per puntare ad un sistema di identità unica: già ricordiamo in questo senso decise dichiarazioni della sottosegretaria Pisano, all’epoca del Governo Conte-bis, salvo poi – quando scoppiò l’emergenza COVID – puntare proprio su SPID per consentire il funzionamento da remoto del Paese.

Se, da una parte, i potenziamenti in atto del sistema CIE non possono che essere benvenuti, rimangono perplessità sull’idea di abbandonare il sistema SPID o, quanto meno, relegarlo in secondo piano.

Possono allora essere utili alcune considerazioni sul perché, in questo momento, abolire SPID a favore di CIE potrebbe non essere la scelta giusta per il Paese e perché; invece, è utile mantenere entrambi i sistemi, che hanno specificità e non sono integralmente sovrapponibili.

Come evidenziato più volte su queste pagine, SPID e CIE non sono la stessa cosa, non nascono da un’identica esigenza e hanno regolamentazioni coincidenti solo in alcune parti e, non è affatto scontato che una CIE priva degli attuali difetti sarebbe un perfetto sostituto di SPID.

SPID nasce infatti come sistema federato di identità elettronica, gestito alla pari, da soggetti pubblici e privati.

Il fatto di essere federato vuol dire che non si crea un grande archivio centrale delle identità in mano allo Stato o a privati: le identità sono in mano a tanti singoli gestori dell’identità e nessuno ne ha l’archivio completo. Inoltre, se un fornitore non ci soddisfa, possiamo passare a un altro.

Nemmeno è vietato – come invece avviene per la CIE – avere più di una SPID: si possono avere tante SPID diverse, presso gestori dell’identità diversi, cosa che certamente mostra come il sistema abbia una elevata resilienza e sia pensato per garantire la più ampia tutela della riservatezza.

Per forza di cose, con la CIE, l’archivio è invece unico ed è gestito dal Ministero dell’Interno. Non vi sono gestori alternativi. Il profilo di identità elettronica è gestito dall’unica App CIE-Id e non vi è possibilità di utilizzare servizi diversi.

SPID è dunque un sistema resiliente, proprio per il fatto di essere gestito da più soggetti: se viene attaccato uno SPID provider, ce ne sarà sempre un altro attivo e nessuno ha l’intero database delle identità.

Al contempo, mentre SPID – a differenza di tutte le altre identità elettroniche notificate alla Commissione UE – nasce espressamente con la possibilità di essere utilizzata quale identità elettronica in servizi privati, la CIE non prevede in origine questo utilizzo e solo con il citato Decreto del settembre 2022, inizia a essere completata di quanto serve per l’uso in servizi privati… ma ci vorrà ancora tempo per le regole di dettaglio, per istituire un sistema di vigilanza paragonabile a quello Agid (diretto o per il tramite di convenzioni obbligatorie), per costruire le strutture di verifica in capo al Ministero e chiarirne i poteri, ecc.

Le differenze tra Cie e Spid per accessi online

La CIE è nata come un’identità di livello 3, quello che – con la necessaria presenza di un token fisico (la “carta” CIE), associata ad una credenziale informatica (il PIN), dimostra con certezza assoluta l’identità.

Questo è un vantaggio ma, al contempo, un limite per la CIE: essa deve necessariamente essere utilizzata, anche come identità elettronica, in abbinamento alla carta fisica. Questo è il motivo per cui l’app Cie-Id chiede sempre di abbinare la carta allo smartphone, ad ogni utilizzo. La CIE non ha, come invece ha SPID, la possibilità di essere utilizzata come identità di livello 2, anche molto sicura ma senza necessità di un elemento fisico collegato. Come noto SPID può anche essere utilizzata come identità di livello 1, solamente con nome utente e password, nei servizi che hanno necessità di registrare l’utente ma che non hanno necessità di identificarlo con assoluta certezza (ad esempio, siti di e-commerce, biglietterie e similari).

È vero che il DM 8 settembre 2022, prima citato, prevede che CIE potrà essere arrichita dei livelli 1 e 2, ma – ad una ricerca nella Gazzetta Ufficiale UE, non risulta ancora la notifica alla Commissione dei nuovi livelli e, dunque, ancora il percorso non è completo e bisognerà vedere se la sperimentazione darà buoni risultati.

Sarebbe, d’altra parte, improprio e poco sicuro utilizzare la Cie come identità di livello 3 per qualsiasi servizio: se si fanno acquisti online non bisogna dare il proprio documento: abituare ad usare una identità di livello 3 (la CIE) per qualsiasi servizio potrebbe rendere possibile a malintenzionati effettuare phishing aventi ad oggetto l’identità di livello 3, che attualmente non viene richiesta che da pochissimi e qualificati servizi (es. banche, sanità, ecc.) e, dunque, affinché la CIE possa ambire a diventare una possibile alternativa a SPID, è certamente prima necessario che venga completato il percorso per completarla con i livelli 1 e 2 di sicurezza.

Al sistema CIE, inoltre, manca tutto l’apparato di vigilanza e regolamentazione necessario all’utilizzo nel settore privato. Il Decreto del settembre 2022 accenna appena a poteri di “monitoraggio” del Ministero dell’Interno. L’Agid non vigila sulla CIE e non la regola e, dunque occorrerebbe ricostruire in capo al Ministero dell’Interno tutte le regole sull’accreditamento dei fornitori di servizi privati, sugli aggregatori, sui tariffari per i privati e, in genere, tutto il lavoro di vigilanza ha avuto ed ha ad oggetto il sistema SPID. Nemmeno esiste alcun regolamento sull’utilizzo dell’identità elettronica CIE da parte dei minori e delle imprese, come invece avviene con le Linee Guida SPID per minori: il Decreto di settembre ne affida l’emanazione al Ministero dell’Interno e, dunque, al momento, dobbiamo concludere che non è possibile l’uso di CIE da parte di minori. Nemmeno è chiaro come potrà funzionare CIE con i sistemi di deleghe e di attributi (la possibilità di inserire nell’identità titoli e qualifiche elettroniche emesse da scuole, ordini, enti pubblici, ecc.) come avviene per SPID.

Spid va tutelato, ecco perché

Il Ministero dell’Interno dovrebbe, in sostanza, riaccreditare e regolare sotto la propria gestione tutti i molti soggetti della galassia SPID: fornitori di servizio, aggregatori, fornitori di attributi, ecc. e per fare questa operazione  ci vogliono tempo, risorse e regole, che non possono essere solo quelle dello scarno Decreto di settembre.

Non è chiaro, nel frattempo, quali siano le intenzioni verso il sistema SPID e gli attori operanti in questo ecosistema.

Il rischio è che si fermino gli investimenti e non partano i servizi nell’attesa dell’adeguamento di CIE: quello che era (ed è) visto dagli addetti ai lavori come l’anno dell’avvio effettivo dei servizi privati via SPID e l’anno della definitiva affermazione dell’uso di SPID nei servizi pubblici online, potrebbe divenire un anno perso. Dopo 10 anni di lavoro per mettere a punto il sistema e tutta la regolamentazione necessaria e con la consapevolezza raggiunta dalla popolazione, ormai in gran parte abituata ad usare SPID, il momento sembra ideale per la definitiva diffusione del sistema tra la popolazione, le imprese e gli enti pubblici.

Una incertezza del Governo sul futuro di SPID in questo momento potrebbe dunque essere fatale e bloccare lo sviluppo proprio nel momento più favorevole per iniziare un nuovo percorso – astrattamente possibile – ma che per convertire l’utenza, il sistema e arrivare a un pari livello, impiegherebbe notevole tempo, che non sono certo il PNRR ci conceda, senza contare il tema concorrenziale che verrebbe senz’altro posto dagli identity provider che hanno effettuato investimenti per lanciare e promuovere i servizi SPID, salvo poi vederli “sostituiti” de facto.

Anche l’utenza dovrebbe infatti abituarsi al nuovo sistema di CIE potenziata quando invece ha ormai metabolizzato SPID. È infatti SPID ad essere largamente prevalente.

Alcuni dati non ufficiali che circolano tra gli addetti ai lavori mostrano che, ad oggi, per ogni 42 utenti che accedono ad un servizio online con SPID, ve ne sarebbe uno solo che accede con CIE. Non parliamo quindi del numero assoluto di SPID e CIE rilasciate, che sono sostanzialmente pari, a circa 33 milioni di SPID ed altrettante CIE.

Parliamo di effettivo utilizzo come identità elettronica. La CIE, a quanto sembra, non è percepita come un’identità elettronica o, comunque, non è reputata funzionale. SPID sembrerebbe largamente prevalente anche perché se ci sono 33 milioni di SPID, è certo che tutte vengono usate come identità elettroniche (unico uso possibile) mentre non è affatto certo che i 33 milioni di CIE abbiano attivato le funzioni di identità elettronica.

Ha ragione il Sottosegretario Butti quando dice che ci sono ancora problemi nell’uso di SPID e che tali problemi impattano le fasce deboli della popolazione ma sono problemi risolvibili e certamente minori di quelli attualmente presenti – anche questi dichiarati – nel sistema CIE. Si deve dunque lavorare sul portare CIE a maturità e risolvere i temi aperti di SPID, che però ha già un sostrato di regole e applicazioni molto più ampio; su queste pagine tante proposte in questo senso sono venute, a partire da quella di affiancare alla app “IO” – difficile da usare per gli anziani – un sito “IO” visualizzabile su schermi grandi e utilizzabile con un computer a tastiera invece che con lo smartphone. Peraltro non si vede perché la CIE dovrebbe essere di uso più semplice rispetto allo SPID.

Conclusioni

Perché il 2023 diventi effettivamente l’anno dello SPID occorre dunque trasformare le incertezze di questi giorni in un deciso supporto, chiarendo che per il Governo SPID rimane una infrastruttura strategica sulla quale investire e che i cittadini possono adottare con tranquillità ed insegnare ad usare ai propri nonni spiegando che, una volta imparata, non cambierà, puntare insomma alla coesistenza dei due sistemi: dove SPID avrebbe una maggiore vocazione all’uso nel privato (non esiste la CIE per le imprese), mentre CIE potrebbe servire quella fascia della popolazione che ha necessità solo occasionali di una identità elettronica.

Aggiungiamo infine che SPID avrebbe anche bisogno di essere espressamente difeso dal Governo poiché la proposta di Regolamento EIDAS2 sul portafoglio di identità elettronica europeo, sembrerebbe ammettere come “identità elettronica UE” solo quella di livello 3, che attualmente non è stato ancora attivato per SPID, ancorché previsto, proprio per lasciare spazio alla CIE, che si trova a funzionare come livello 3 dell’identità elettronica nazionale, composita tra SPID e CIE. Sarebbe dunque lecito attendersi che SPID quindi, alla quale 33 milioni di italiani hanno affidato fiduciosi la propria identità elettronica, incoraggiati dallo Stato a farlo, sia “promossa” a livello 3 per poter competere nell’arena dei servizi privati del portafoglio di identità UE invece di essere relegata a sistema di serie B.

EVENTO DIGITALE 23 marzo
Industry4.0, sfide, incentivi e tecnologie per un futuro in crescita. Ti aspettiamo online!
IoT
Manifatturiero/Produzione
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4