l'intervento

Quintarelli: “Miglioriamo l’identità digitale pubblica, qualche idea per il sottosegretario Butti”

Il padre di Spid specifica alcuni punti chiave da cui partire per una migliore usabilità dell’identità digitale pubblica, cogliendo lo spunto dato dal sottosegretario Alessio Butti. L’identità digitale italiana è una eccellenza presa ad esempio nel mondo ma possiamo fare di più

Pubblicato il 23 Dic 2022

Stefano Quintarelli

Imprenditore digitale, già parlamentare e ideatore di Spid nel 2012

spid

E’ condivisibile l’esortazione del Sottosegretario Butti verso la semplificazione del sistema di identità digitale italiano e per superare la dicotomia tra Carta di Identità Elettronica (CIE) e SPID a favore di una maggiore usabilità.

Credo opportuno innanzitutto chiarire un concetto: il termine “identità digitale” può apparire fuorviante; non a caso nelle mie FAQ “SPID spiegato alla mia famiglia” scrissi che, se potessi tornare indietro, cambierei il nome  “identità digitale” che è corretto dal punto di vista tecnologico ma talvolta si può prestare ad equivoci da parte di non tecnologi. I documenti di identità sono rilasciati solamente dallo Stato. I fornitori di servizi di autenticazione chiamati “identity provider” si basano sui tali documenti per gestire un servizio di autenticazione online.

Idea condivisibile: accrescere l’offerta pubblica di identità digitale

Ferme restando le norme europee, ritengo condivisibile l’idea di accrescere l’offerta pubblica di identità digitale per i cittadini che lo desiderano, in particolare con smartcard o con controllo biometrico, per il cosiddetto “livello 3” che in futuro potrebbe essere necessario per le nuove funzioni di “digital wallet”, attualmente in discussione a livello europeo.

EVENTO DIGITALE 23 marzo
Industry4.0, sfide, incentivi e tecnologie per un futuro in crescita. Ti aspettiamo online!
IoT
Manifatturiero/Produzione

Chiudere Spid? Ma la CIE non può ancora sostituirlo, ecco perché

Già nella legge istitutiva di SPID nel 2013 avevamo previsto infatti che i fornitori di servizi di autenticazione potessero essere soggetti pubblici e privati. Non un solo soggetto, perché sarebbe un punto di fragilità dal punto di vista cyber ed anche non esclusivamente pubblici in quanto le norme europee consentono a soggetti di qualunque paese di operare negli altri; escludere soggetti privati italiani significherebbe rendere l’Italia terreno di conquista di operatori privati stranieri, indebolendo gli operatori italiani del settore, operatori italiani che oggi – giova ricordarlo – offrono i propri servizi in altri paesi europei ed in sudamerica.

Una eccellenza da supportare e sviluppare. A testimonianza dell’interesse del mercato italiano da parte di operatori esteri vale la pena rilevare la loro presenza già oggi tra i finanziatori degli studi sul mercato italiano dell’identità digitale svolti dagli Osservatori del Politecnico di Milano.

Per ora in Italia operano 11 fornitori di servizi di autenticazione, tutti italiani. Nove sono società private che già offrono altri servizi fiduciari digitali secondo le regole UE, quali firma digitale, sigilli digitali e posta elettronica certificata. Due tra questi fornitori sono aziende pubbliche, Lepida e Poligrafico dello Stato (IPZS), che offrono servizi di autenticazione rispettivamente basandosi sulle regole tecniche SPID e CIE.

A novembre 2022 in Italia vi sono oltre 33 milioni di credenziali SPID e poco meno di 33 milioni di CIE.

Con la fine dell’anno festeggeremo un primato mondiale: il superamento di un miliardo di autenticazioni con un servizio di identità digitale. Di queste, il 98% avviene tramite SPID ed il 2% avviene tramite CIE. Ha quindi ragione il Sottosegretario quando afferma la necessità di migliorare il sistema CIE. L’aumento dell’utilizzo da parte dei cittadini non va però cercato eliminando le alternative (a scapito di imprese italiane come detto sopra) bensì aumentando la qualità del servizio offerto.

Vanno migliorati i tempi e usabilità della CIE

Come correttamente osserva il Sottosegretario Butti, va ridotto il tempo di emissione che oggi in alcune città italiane può richiedere oltre due mesi. Sebbene il rilascio da remoto sarà impedito dalla necessità di acquisizione ed inserimento nella tessera delle impronte digitali dei cittadini, molto può essere comunque fatto per ridurre i tempi, specie in caso di smarrimento e riemissione: non è pensabile che in tale evenienza una persona non possa più accedere online per due mesi come in molti casi accade oggi.

Da emigrati in Sudamerica, dove dagli anni ‘70 vive la metà della mia famiglia, siamo stati attivi sostenitori dei comitati che si adoperavano per riavvicinare all’Italia i cittadini residenti all’estero. Solo una parte degli oltre 4 milioni di italiani residenti all’estero oggi può avere la CIE. Quando si pensa all’inclusività non possono essere trascurati i nostri connazionali, tanto più che i servizi consolari sono accessibili tramite SPID.

L’opportunità di migliorare l’usabilità della CIE è anche dimostrata da uno studio degli Osservatori del Politecnico di Milano che rileva che il tempo mediamente impiegato da un cittadino per autenticarsi usando SPID è circa pari a quello necessario per accedere all’home banking mentre il tempo necessario per accedere con CIE è circa il doppio. Ci sono ampi spazi di miglioramento.

Perché chiudere Spid sarebbe grave perdita per gli italiani

  • E’ altresì opportuno aumentare l’usabilità di SPID a vantaggio delle persone meno avvezze al digitale. Per questo è urgente estendere il sistema di gestione delle deleghe dalle attuali tre città sperimentali (Cesena, Genova e Roma) a tutto il territorio nazionale. In questo modo, ad esempio, gli anziani potranno delegare qualsiasi attività online a figli o CAF come fosse una normale delega cartacea, i dirigenti d’azienda potranno delegare le/gli assistenti, i professionisti potranno delegare avvocati e commercialisti.
  • Sempre dal punto di vista dell’usabilità, sarebbe a mio avviso da eliminare il menu di scelta iniziale del fornitore di servizio di autenticazione. Ciò può essere determinato con semplici misure tecniche e costi ridotti.
  • Mi pare anche opportuno valutare di offrire agli utenti la possibilità di utilizzare tecniche biometriche rispettose del GDPR, in particolare per quanto riguarda il “livello 3”, sulla falsariga della proposta francese e come alternativa alle smartcard sostenute dai tedeschi (ne sono un importante produttore). Queste attività potrebbero peraltro essere finanziabili con gli oltre 200 milioni di Euro che il PNRR prevede per la diffusione dell’identità digitale.

Il valore miliardario dell’identità digitale per l’Italia

E’ compito degli economisti stimare i molti miliardi di euro di ricadute positive dell’identità digitale tra effetti sull’economia, risparmi per i fornitori di servizi, efficientamento della PA e oneri di sistema sostenuti dagli operatori.  Ma non è del tutto vero che SPID non presenti nessun costo per lo Stato. Vi sono costi estremamente contenuti per la vigilanza di SPID, indispensabile per assicurare la fiducia nel sistema da parte dei cittadini italiani ed europei (le credenziali possono essere usate ed accettate da amministrazioni di altri paesi europei).

La fiducia è un capitale che costa molto costruire e che si può dilapidare velocemente, come ci hanno insegnato anche le reazioni nei confronti del controllo unico del green pass.

Se una attenta valutazione dei costi in rapporto all’utilizzo, al welfare generato ed ai rischi è opportuna per qualunque sistema, lo e ancor di più per un sistema fiduciario.

In conclusione

Condivido quindi con il Sottosegretario l’importanza di rafforzare la fiducia nel sistema e quindi le garanzie per cittadini e imprese.

  • Per quanto riguarda la CIE, la vigilanza è collocata sotto l’autorità del Ministro degli Interni pro tempore.
  • Oggi i dieci fornitori di servizio che seguono le regole tecniche SPID sono invece vigilati, dalla magistratura, da AgID e dal Garante della Privacy, a maggiore garanzia dei cittadini. Tra questi dieci fornitori vi è la società pubblica Lepida; l’altra società pubblica, IPZS, invece non è sottoposta a pari vincoli e una riflessione in tale senso sarebbe opportuna, proprio per rinforzare il sistema di garanzie.

Posso testimoniare la correttezza, precisione ed integrità del sistema di vigilanza e dei funzionari che la esercitano. Ne sono direttamente a conoscenza perché sulle sanzioni irrogate dalla funzione di vigilanza si esprimeva il Comitato di Indirizzo di AgID che ho avuto il privilegio di presiedere per otto anni sotto cinque governi di ogni colore politico (organo sfortunatamente soppresso un anno fa). In questo periodo le ispezioni effettuate sono state molte e i casi sanzionati plurimi.

L’identità digitale italiana è una eccellenza presa ad esempio nel mondo. Possiamo fare di più, sempre con un attenta valutazione di costi e benefici, per efficientare i processi riducendo i tempi, semplificando l’utilizzo (in particolare per le persone digitalmente meno spigliate), aumentando le garanzie per i cittadini e rinforzando ed aiutando le aziende italiane ad espandersi in Europa anche con ulteriori servizi innovativi.

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2