normativa ue

Interoperable Europe Act: così l’interoperabilità migliorerà i servizi pubblici nella Ue

L’Interoperable Europe Act nasce dall’esigenza di proporre un nuovo regolamento europeo che funga da pietra angolare per lo sviluppo di un’interoperabilità orizzontale e verticale su tutto il territorio europeo. Cosa prevede e perché rappresenta una grande opportunità di crescita e miglioramento dei servizi pubblici

Pubblicato il 13 Dic 2022

Rocco Panetta

Partner Panetta Studio Legale e IAPP Country Leader per l’Italia

servizi pubblici digitali

L’interoperabilità è un concetto che descrive il modo con cui sistemi o organizzazioni possono lavorare insieme tra loro al fine di raggiungere obiettivi comuni. Nel contesto pubblico, questa diventa la capacità delle pubbliche amministrazioni di cooperare, scambiarsi informazioni e offrire servizi pubblici senza particolari limiti territoriali, di settore e di organizzazione. Per i cittadini, invece, significa usufruire di servizi più efficienti come: la compilazione di moduli fiscali, il rinnovo del passaporto e la richiesta di documenti con pochi e semplici click su un portale online.

Risultati, questi, che non si ottengono attraverso strumenti meramente tecnici. Infatti, limitarsi solo alla tecnica non è sufficiente per costruire una connessione tra le amministrazioni pubbliche e per strutturare flussi di dati e servizi efficienti e altamente accessibili.

Interoperabilità, lo stress test del covid

L’Interoperable Europe Act (“IEA”)[1]  sorge dall’esigenza di proporre un nuovo regolamento europeo che funga da pietra angolare per lo sviluppo di un’interoperabilità orizzontale (tra più settori e confini nazionali) e verticale (tra più livelli amministrativi, incluse le comunità più prossime ai cittadini) su tutto il territorio europeo.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale

Tra le sfide che maggiormente hanno messo pressione l’Europa e spinto verso un regolamento armonico in tutti gli Stati, senza ombra di dubbio, vi è quella a cui abbiamo preso parte recentemente: la pandemia da Covid-19. La lotta alla diffusione del coronavirus, tra le altre cose, ha trascinato l’Unione e gli Stati Membri verso una “sospensione” di alcuni diritti e libertà ormai consolidati. Esemplare è stato il caso del blocco di Schengen e degli spostamenti dei cittadini all’interno del territorio dell’Unione europea. Per tale ragione, gli Stati Membri hanno dovuto prendere decisioni utili ad evitare, contemporaneamente, l’aumento vertiginoso dei contagi e il collasso dell’economia, quest’ultima strettamente connessa alla libera circolazione delle persone. Queste sono alcune delle ragioni che hanno portato alla nascita del Certificato Verde (Green Pass): un documento digitale dotato di codice 2D idoneo ad attestare, in tempo reale, la vaccinazione, guarigione o negatività da Sars-Cov-2 del singolo individuo, su tutto il territorio comunitario.

L’emissione del Certificato Verde, demandata ai singoli servizi sanitari nazionali, ha richiesto un grande lavoro di coordinamento e di condivisione di informazioni tra gli Stati Membri, al fine di garantirne la fruibilità in ogni parte del territorio dell’Unione. Da qui nasce la più recente forma di interoperabilità realizzata nell’UE in condizioni di emergenza, la quale ha dimostrato che la capacità di connettere e far lavorare insieme più amministrazioni pubbliche può essere vitale in tempi di crisi, nonché di grande aiuto per gli Stati nel rendersi più agili e veloci nell’accedere ad informazioni provenienti da più settori e più livelli amministrativi.

Il tema dell’interoperabilità nel contesto normativo Ue

È bene sottolineare, tuttavia, che il tema dell’interoperabilità non è nuovo nel contesto normativo dell’UE. Si pensi, ad esempio, ad alcune norme sul sistema di cooperazione giudiziaria in materia penale, tra cui spicca il Regolamento (UE) 2019/818 che istituisce un quadro per l’interoperabilità tra i sistemi di informazione dell’UE nel settore della cooperazione di polizia e giudiziaria, asilo e migrazione. Lo stesso vale per il nostro Paese, grazie al lavoro svolto soprattutto dall’Agenzia per l’Italia Digitale.[2]

Cosa prevede l’Interoperable Europe Act

L’Interoperable Europe Act prevede lo sviluppo dell’European Interoperability Framework (“EIF”) – un modello concettuale ideato sin dal 2004 ed evolutosi nel tempo – nel quale vengono distinti quattro livelli di interoperabilità: tecnica, semantica, organizzativa e giuridica.

Dunque, il cuore dell’interoperabilità non è solo tecnico, ma serve anche a:

  • garantire che i quadri giuridici in cui operano le diverse organizzazioni non siano ostacolo per la fornitura di servizi pubblici senza soluzione di continuità tra gli Stati membri e al loro interno (interoperabilità giuridica);
  • coordinare con efficacia gli organismi pubblici di ogni livello nella fornitura dei loro servizi (interoperabilità organizzativa);
  • assicurare che il formato e il significato dei dati e delle informazioni scambiati siano preservati e compresi in ogni scambio tra le parti (interoperabilità semantica).

A titolo esemplificativo, un sistema di ricezione per essere pienamente interoperabile con un sistema di trasmissione deve non solo elaborare un messaggio dal punto di vista tecnico (lettura, inoltro, salvataggio, ecc.), ma deve riconoscerne e comprenderne il suo contenuto semantico, vale a dire il suo significato. Il tutto, incastonato in un modello comune di governance capace di unire gli aspetti organizzativi e giuridici necessari ad una gestione efficiente dei servizi e nel pieno rispetto della normativa di volta in volta applicabile.

Interoperabilità, serve per un mercato aperto: come e perché i governi europei dovrebbero intervenire

Gli elementi che descrivono lo spirito dell’IEA

Seppur l’IEA debba ancora completare l’iter legislativo, è possibile cogliere alcuni elementi importanti che descrivono lo spirito di questa iniziativa.

Il rispetto di diritti fondamentali

In primis, vi è il rispetto di diritti fondamentali ormai parte del DNA europeo e riconosciuti dalla Carta dei Diritti Fondamentali dell’Unione Europea (“CDFUE”)[3] tra cui: il diritto ad una buona amministrazione (definito dall’Articolo 41 CDFUE); e alla protezione dei dati personali (definito dall’Articolo 8 CDFUE).

La stretta relazione dell’IEA con la normativa in materia di protezione dei dati personali è resa evidente, tra le alte cose, riguardo le c.d. “sandbox regolatorie”, cioè ambienti di testing di nuove soluzioni tecnologiche e regolatorie in tema di interoperabilità da parte degli organismi pubblici. Infatti, l’Articolo 11 dell’Interoperable Europe Act prevede che, in caso di trattamenti di dati personali da parte degli organismi pubblici nell’ambito delle sandbox regolatorie, tutte le relative attività debbano essere sottoposte al controllo delle rispettive autorità nazionali (in caso di organismi nazionali) o dell’European Data Protection Supervisor (in caso di organismi dell’Unione europea).

Il modello di governance

Un altro elemento che emerge dal corpus normativo dell’IEA è il modello di governance adottato a livello europeo in materia di interoperabilità: gli Stati Membri e le Istituzioni europee (comprese le agenzie e gli organismi), in veste di fornitori di reti e sistemi di informazione per servizi pubblici, potranno definire insieme le soluzioni in materia di interoperabilità attraverso l’Interoperable Europe Board, un organismo dedicato con compiti di indirizzo e supporto nell’implementazione di policy ad hoc da parte del settore pubblico. Il coordinamento e la cooperazione tra i più rilevanti portatori di interesse nell’ambito dell’interoperabilità transfrontaliera ed intersettoriale saranno affidati all’Interoperable Europe Community. L’Interoperable Europe Portal fornirà, invece, un singolo punto di ingresso delle informazioni relative all’interoperabilità dei più rilevanti network e sistemi di informazione, mentre la definizione di una strategia europea in materia sarà oggetto dell’Interoperable Europe Agenda.

Una grande opportunità di crescita e miglioramento dei servizi pubblici

In conclusione, ciò che emerge è una grande opportunità di crescita e miglioramento dei servizi pubblici su tutto il territorio europeo. Come si accennava all’inizio, il superamento delle differenze strutturali tra Stati Membri, soprattutto in relazione ai servizi pubblici e alle infrastrutture, può aiutarci ad archiviare l’idea dell’Europa a due velocità. La predisposizione di strategie europee comuni e di soluzioni capaci di uniformare (tecnicamente, semanticamente, organizzativamente e giuridicamente) il settore pubblico e i suoi servizi, può essere un ottimo strumento nelle nostre mani a tal fine. Senza dimenticare, tra le altre cose, che una strategia comune che coinvolga le reti e i sistemi di informazione pubblici può incrementarne il relativo livello di cybersecurity.

A parere di chi scrive, parlare oggi di una strategia europea sull’interoperabilità è il naturale proseguo dell’importante percorso uniformatore fatto sino ad ora in Europa e che vede proprio nella disciplina in materia di protezione dei dati il suo esempio più importante. Con il Regolamento (UE) 2016/679 (“GDPR”)[4] è stato possibile strutturare modelli di compliance basati su elementi comuni in tutto il territorio UE. Questo ha agevolato la strutturazione di un “minimo comune denominatore” nei modelli di governance e di gestione dei flussi di dati personali e che rendono, oggi, l’idea dell’interoperabilità non più astratta, se associata alla cosa pubblica.

Conclusioni

Nell’ambito dei servizi pubblici digitali è tempo di grandi movimenti che lo rendono un settore estremamente dinamico e ricco di opportunità di crescita e sviluppo. Pensiamo al Single Digital Gateway Regulation[5], all’Open Data Directive[6] e al recentissimo Data Governance Act[7], nonché ad ulteriori iniziative in corso da parte del Legislatore europeo, come il Regolamento per l’Identità Digitale Europea[8] e il Data Act[9]. Un panorama in cui, senz’altro, l’Interoperable Europe Act va a comporre armonicamente lo skyline e che lascia intravedere all’orizzonte nuove ed importanti opportunità che dovremo cogliere senza indugi.

*L’Autore desidera ringraziare l’Avv. Davide Montanaro, Associate di Panetta Studio Legale, per le ricerche e le referenze normative utili per scrivere questo articolo.

Note

  1. Proposal for a Regulation of the European Parliament and of the Council laying down measures for a high level of public sector interoperability across the Union (Interoperable Europe Act) (COM(2022) 720 final).
  2. Cfr. Determinazione n. 547 del 1 ottobre 2021, “Adozione delle ‘Linee guida Tecnologie e standard per la sicurezza dell’interoperabilità tramite API dei sistemi informatici’ e delle ‘Linee guida sull’interoperabilità tecnica delle Pubbliche Amministrazioni’”, Agenzia per l’Italia Digitale (“AgID”) consultabile al seguente link: https://trasparenza.agid.gov.it/archivio28_provvedimenti-amministrativi_0_123008_725_1.html
  3. Charter of Fundamental Rights of the European Union, European Union of 26 October 2012 (2012/C 326/02).
  4. Regulation (EU) 2016/679 of the European Parliament and of the Council of 27 April 2016 on the protection of natural persons with regard to the processing of personal data and on the free movement of such data, and repealing Directive 95/46/EC (General Data Protection Regulation).
  5. Regulation (EU) 2018/1724 of the European Parliament and of the Council of 2 October 2018 establishing a single digital gateway to provide access to information, to procedures and to assistance and problem-solving services and amending Regulation (EU) No 1024/2012 (Text with EEA relevance.) (PE/41/2018/REV/2).
  6. Directive (EU) 2019/1024 of the European Parliament and of the Council of 20 June 2019 on open data and the re-use of public sector information (PE/28/2019/REV/1).
  7. Regulation (EU) 2022/868 of the European Parliament and of the Council of 30 May 2022 on European data governance and amending Regulation (EU) 2018/1724 (Data Governance Act) (PE/85/2021/REV/1).
  8. Proposal for a Regulation of the European Parliament and the Council amending Regulation (EU) No 910/2014 as regards establishing a framework for a European Digital Identity (COM(2021) 281 final).
  9. Proposal for a Regulation of the European Parliament and of the Council on harmonised rules on fair access to and use of data (Data Act) (COM(2022) 68 final).

WHITEPAPER
I dati sono davvero il nuovo petrolio? Se si, ecco come sfruttarli al meglio! Una guida per te
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3