trasparenza

Nicotra, Anticorruzione: “Con il Foia meno zone grigie nei pubblici uffici”

Grazie al FOIA e al ‘doppio binario’ con il decreto 33 del 2013 “la trasparenza assume i contorni di un nuovo diritto di cittadinanza”. Ma in che modo il Foia migliora l’accesso ai documenti e rende la PA a “prova di corruzione”?

26 Gen 2017
Ida Angela Nicotra

consigliere dell’Autoritá Nazionale Anticorruzione

egovernment-161122150748

Il Freedom of information act realizza l’obiettivo di allargare gli spazi di conoscenza del cittadino, mettendolo nella condizione di accedere ai dati, ai documenti detenuti dagli uffici pubblici. Con il Foia si amplia il contenuto e le modalità di realizzazione del principio di trasparenza, si riconosce cioè “la libertà di informazione attraverso il diritto di accesso, anche per via telematica, di chiunque, indipendentemente dalla titolarità di situazioni giuridiche rilevanti, ai dati e ai documenti detenuti dalle pubbliche amministrazioni”.

Vediamo di capire di cosa si tratta: il Freedom of information act é un istituto di origine anglosassone che costituisce una forma di accesso libero alle informazioni detenute dalle pubbliche amministrazioni, cioè anche rispetto a dati e a documenti per i quali non esiste l’obbligo di pubblicazione da parte degli uffici pubblici. Da una parte, dunque, le PA, continueranno ad essere tenute a pubblicare i dati previsti per legge, dall’altra, il diritto di accesso universale garantisce ad ogni persona di richiedere ogni informazione ulteriore e diversa non contemplata tra quelle a pubblicazione “necessaria”. Si realizza, così, un sistema a “doppio binario“. Il diritto di accesso civico generalizzato, in coerenza con il principio di massima apertura alla trasparenza, può essere attivato da chiunque e non richiede motivazione. Anche in linea con quanto prescrive l’ordinamento dell’Unione Europea (art. 15 TFUE, Capo V della Carta dei diritti) per il diritto d’accesso non occorre la prova di una specifico interesse. Si tratta quindi di un accesso semplificato e migliorativo che non é sottoposto ad alcuna limitazione quanto alla legittimazione soggettiva del richiedente, per cui chiunque può esercitarlo, anche indipendentemente dall’essere cittadino italiano o residente nel territorio dello Stato. L’ istanza può essere trasmessa per via telematica secondo le modalità previste dal Codice per l’Amministrazione Digitale e il rilascio dei dati e documenti in formato elettronico o cartaceo é gratuito, salvo il imborso del costo effettivamente sostenuto o documentato dall’amministrazione per la riproduzione per supporti materiali. Così, la promozione di maggiori livelli di trasparenza diviene un obiettivo strategico di ogni amministrazione che deve tradursi nel diritto di informare, quale canone fondamentale dell’azione dei pubblici poteri.

Riguardo, nello specifico, la lotta alla corruzione, vorrei ricordare che l’innalzamento dei livelli di trasparenza é il vero antidoto ai fenomeni corruttivi. Chiarezza, comprensibilità, qualità dell’attività amministrativa divengono un significativo mezzo di contrasto al perseguimento di interessi individuali o di una ristretta cerchia di persone. La promozione di normative in materia di trasparenza rappresenta efficace misura di verifica sulle risorse e di moralizzazione della vita pubblica. Attraverso il nuovo Foia i cittadini potranno promuovere forme di vigilanza sul l’operato delle istituzioni, sentendosi parte di una incisiva strategia di contrasto alla corruzione.

Il principio di trasparenza costituisce un deterrente rispetto alla commissione di fatti di illegalità, stimolando l’amministrazione a porre in essere comportamenti legittimi e volti al buon andamento e all’imparzialità. La trasparenza e segnatamente, la nuova disciplina del “Freedom” diminuisce le “zone grigie” nei pubblici uffici e si pone come un’opportunità per la prevenzione dei fenomeni di corruzione e, più in generale, di vicende di maladministration.

Secondo il paradigma del Freedom of information act, quindi, il diritto alla conoscibilità generalizzata diviene la regola mentre le ipotesi derogatorie hanno portata limitata e vengono delineate a presidio di alcuni interessi pubblici e privati di rilevanza costituzionale. É un cambiamento di prospettiva radicale che si realizza con il nuovo decreto legislativo n. 97 del 2016, attraverso la creazione del diritto fondamentale a conoscere da parte di chiunque a fronte di un obbligo generalizzato dell’amministrazione ad assicurare la pubblicità della propri compiti istituzionali. Proprio allo scopo di fornire le indicazioni operative ai pubblici uffici circa la disciplina sull’accesso generalizzato l’Autoritá Nazionale Anticorruzione ha adottato, d’intesa con il Garante per la protezione dei dati personali, apposite linee guida. La lettura delle disposizioni contenute nelle linee guida dell’Anac evidenzia in maniera chiara come il decisore pubblico abbia utilizzato il canone interpretativo della trasparenza, per la scrittura delle regole di soft low, rispetto alla quale i limiti e le eccezioni sono da intendersi restrittivamente. In parole semplici, come affermano in premessa le linee guida del 28 dicembre 2016 l’ordinamento italiano é ormai decisamente improntato ad una netta preferenza per la trasparenza dell’attività amministrativa temperata solo da eccezioni a tutela di interessi pubblici e privati (ad esempio segreto di Stato, dati sensibili, riguardanti lo stato di salute o la sfera sessuale della persona) che possono subire un pregiudizio dalla diffusione generalizzata di talune informazioni e tali esigenze dovranno essere comunque motivate in termini di pregiudizio concreto dell’interesse in gioco.

La legge prevede una serie di rimedi sia amministrativi che giurisdizionali: nel caso in cui gli uffici pubblici neghino l’accesso, il privato, infatti, potrà rivolgersi al responsabile della prevenzione della corruzione, per un primo riesame della richiesta. Se la richiesta di atti é rivolta a regioni o enti locali, il soggetto può presentare ricorso al difensore civico competente per territorio, in caso di rigetto dell’istanza di accesso é sempre previsto il ricorso davanti al giudice amministrativo regionale.

Quanto, infine alle possibili criticità, queste potrebbero essere ravvisabili nell’eccesso di oneri burocratici che potrebbero appesantire il procedimento di accesso generalizzato, con il duplice rischio di intralciare il lavoro degli uffici pubblici e frustrare le legittime richieste di accesso dei cittadini.

E proprio al fine di verificare l’effettivo funzionamento dell’istituto del Foia e se, in primo luogo, esso riuscirà a soddisfare le attese di rendere visibili dati e informazioni detenuti dalle pubbliche amministrazioni, le linee guida stabiliscono che l’Autorità Nazionale Anticorruzione predispone un monitoraggio sulle decisioni delle amministrazioni sulle richieste di accesso generalizzato ed entro un anno provvederà ad un aggiornamento delle linee guida, tenendo conto delle prassi nel frattempo formatasi con le decisioni su casi concreti fornite dagli uffici, ovvero con le decisioni su eventuali ricorsi innanzi a tribunali amministrativi.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2