Nuovo Governo

Trasformazione digitale, i punti da cui partire e cosa rafforzare

Il percorso di trasformazione digitale in atto ha raggiunto risultati importanti su cui andare in continuità e temi e assetti da rafforzare. Sapendo che il cambiamento indotto non è neutro e che quindi le scelte, come la governance e la centralità delle competenze digitali, non sono per nulla scontate

12 Set 2022
Nello Iacono

Esperto processi di innovazione

italia digitale

Le prossime elezioni e il conseguente avvio di una nuova legislatura  spingono per una riflessione sullo stato e sulle esigenze della transizione digitale (che ha un carattere trasformativo spesso non considerato, per cui è più appropriato trattare infatti come “trasformazione digitale”). In particolare, è utile soffermarsi sugli elementi che si possono ritenere consolidati, rispetto ai quali è importante considerare percorsi in continuità, ed elementi  sui quali è invece opportuno considerare interventi significativi di rafforzamento.

L’indicazione principale proviene dai rapporti 2022 per il DESI e l’eGovernment benchmark, e attiene però anche allo stato di attuazione degli interventi previsti dalla strategia Italia digitale 2026 e in gran parte inclusi e sostenuti dal PNRR. Con una valutazione specifica che è utile evidenziare per il tema delle competenze digitali.

Competenze digitali: primi passi avanti dell’Italia, ma la vera svolta è all’orizzonte

La scelta della governance

Questi ultimi anni hanno segnato certamente una svolta nell’approccio nazionale alla trasformazione digitale, grazie anche a scelte di governance che hanno portato prima all’istituzione di un commissario all’attuazione dell’agenda digitale e poi a  una specifica delega ministeriale oltre che alla costituzione di un dipartimento nell’ambito della Presidenza del Consiglio. Questa scelta è alla base non solo dell’accelerazione su progetti rimasti sulla carta per anni (basti pensare al lungo percorso dell’ANPR, oggi finalmente una realtà), ma anche di un approccio oggi organico nell’area della trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione.

WHITEPAPER
Coinvolgi i tuoi dipendenti con una formazione che guardi alle loro esigenze, ecco come!
Risorse Umane/Organizzazione
Competenze Digitali

Non è un caso che il rapporto DESI 2022 evidenzi come negli ultimi 4 anni, nel periodo 2017-2021, l’Italia sia il Paese che abbia realizzato la maggiore performance sopra le aspettative, con ripercussioni positive anche nel ranking, che adesso la vede al diciottesimo posto, continuando nella risalita della  graduatoria.

Di conseguenza, questo assetto di governance rappresenta una scelta che sarebbe opportuno confermare, in modo da garantire focalizzazione, coordinamento e competenze nel percorso di trasformazione che sta impegnando tutte le amministrazioni pubbliche.

Si tratta, d’altra parte, di un percorso che ha ancora necessità di essere sostenuto non solo con i fondi previsti dal PNRR, integrati anche con quelli della programmazione europea 2021-27, ma soprattutto con la persistenza di un commitment e di un coordinamento operativo che consentano di mantenere i tempi e i risultati definiti e conservare la  logica di innovazione omogenea vitale per garantire un’omogenea qualità di servizi per la  popolazione.

Un momento critico per l’attuazione delle strategie e la spinta del PNRR

Il rafforzamento dei meccanismi di coordinamento diventa essenziale per il perseguimento dei risultati, coniugato con la conferma di una visione complessiva che risponde a scelte di campo sugli interessi da privilegiare e sugli assetti socio-economici da favorire.

In questo senso è interessante quanto puntualizzato recentemente dal ministro Colao, evidenziando gli interventi adottati sull’area della sicurezza digitale, per far sì che l’Italia digitale non sia “un Far West senza regole, in cui i loro dati [dei cittadini] possono essere rubati o sfruttati impunemente, o una tecnocrazia digitale oppressiva, ma neanche una società retrograda e controllata, timorosa innanzi alle tecnologie e applicazioni digitali, indietro nel migliorare vita dei cittadini e sviluppo economico”.  Con una chiara scelta di campo: “A chi può piacere questo? Soprattutto ai giovani che si formeranno da noi e agli imprenditori del digitale che lavoreranno in Italia, anche grazie a una visione di vera sicurezza e sviluppo che spero l’Italia continui a perseguire”.

Nonostante quanto può essere percepito dalle discussioni sulla trasformazione digitale, anche in queste settimane, il cambiamento non è neutro e comporta la scelta di una direzione. Non ha senso parlare di una trasformazione (o di una transizione) digitale da attuare se non si definisce quale percorso si vuole sviluppare. Quanto indirizza i progetti di trasformazione digitale ne determina le esigenze che  saranno privilegiate. Le linee guida consolidate in questi anni rispetto alla “centralità dell’utente”, il modello di amministrazione “guidata dal cittadino” sono esempi di scelte che hanno conseguenze importanti sul valore, ad esempio, che si attribuisce alla partecipazione attiva della popolazione, così tutt’altro che passiva fruitrice.  Allo stesso modo, le indicazioni sui contenuti e i dati aperti, sul riuso, se attuate adeguatamente, favoriscono la costruzione di ecosistemi di innovazione che disegnano cultura e dinamica di territorio.

In questo senso, non sono scelte tecniche, e per questa stessa ragione, non sono neutre. Sono, però, elementi essenziali di una strategia di innovazione che sta dando i suoi risultati e che deve continuare a essere adeguatamente sostenuta, come anche da riflessione di diversi esperti, sui diversi fronti dell’Internet veloce, 5G, Cloud, fascicolo sanitario elettronico, cybersecurity, nuovi servizi e piattaforme.

Il tema delle competenze digitali: spinta della strategia, integrazione e coordinamento

Il tema delle competenze digitali è centrale per il futuro (e il presente). La situazione italiana, come mostrato dai principali indicatori internazionali, evidenzia un  generale ritardo nell’area delle competenze digitali. Il rapporto DESI 2022 mostra che la percentuale degli italiani con competenze digitali inferiori a quelle di base è ancora maggioritaria (54%). L’Italia sconta il ritardo con cui è stata considerata la rilevanza attribuita per lungo tempo al tema, insieme alla mancanza di sinergie tra le diverse iniziative nel campo. La Strategia Nazionale per le competenze digitali, il lancio della Coalizione Nazionale e la prima versione del piano operativo, attuati nell’ambito del programma Repubblica Digitale, risalgono, infatti, solo al 2020. Come viene evidenziato nel rapporto DESI 2022, però, l’Italia  sta riducendo il divario rispetto agli altri Paesi UE.  Per migliorare la performance attraverso gli indicatori chiave, l’Italia deve affrontare la diffusa mancanza di consapevolezza digitale, avendo ben chiaro che questo risultato è strettamente correlato con il potenziamento complessivo del sistema educativo e con la riduzione delle disuguaglianze sociali, di genere e territoriali. In questo senso, il digital divide, come sottolinea il rapporto BES 2021 dell’Istat, “tende ad aumentare le disuguaglianze socio-culturali ed economiche e ad aggravarle ulteriormente”. Le differenze nella conoscenza digitale, inoltre, sono significativamente pronunciate tra le Regioni.

Il piano operativo della Strategia (attualmente in corso di aggiornamento) si propone di chiudere entro il 2025 il gap attuale con Paesi simili come Germania, Francia, Spagna. L’obiettivo è rendere il digitale una opportunità reale di crescita sociale ed economica per tutte e tutti, abbattendo l’analfabetismo digitale e sviluppando un percorso necessario di cambiamento culturale in tutti i settori della società.

Il progresso registrato nel 2021, che ci aspettiamo sarà riscontrato anche per il 2022, è dovuto al primo impatto dell’azione di spinta e coordinamento legata a questo Piano operativo e ai progetti della Coalizione Nazionale, naturalmente in integrazione con gli effetti delle misure legate al periodo pandemico, con un utilizzo forzatamente maggiore della rete e dei servizi digitali pubblici e privati. Molte azioni di sistema devono, però, ancora dispiegarsi, e poiché siamo in un ambito di cambiamento culturale, sarà possibile osservare i primi risultati significativi in termini di indicatori di impatto soltanto a partire dal 2023.

La consapevolezza che guida il Piano è che, in linea con quanto indicato dal rapporto DESI 2022, questo è un ambito strategico di sviluppo sociale ed economico: “Le competenze digitali sono importanti perché sono alla base del modo in cui interagiamo e di come viene condotto il lavoro moderno. Per molte professioni moderne, le competenze digitali sono semplicemente competenze essenziali per la vita. Le competenze digitali richieste sul posto di lavoro sono più avanzate e le aziende e le istituzioni – pubbliche e private – si aspettano che la maggior parte dei propri dipendenti le disponga. Con l’aumento della dipendenza da Internet e dalla tecnologia digitale, la forza lavoro deve stare al passo con l’evoluzione della domanda di competenze. Senza una salda padronanza delle competenze digitali, non c’è modo di promuovere l’innovazione e rimanere competitivi. Lo stesso vale per il settore pubblico che avrà bisogno di competenze digitali nel contesto professionale o personale quotidiano”.

Diventa così necessario affermare compiutamente questa centralità delle competenze, base essenziale per il modello di sviluppo che si vuole realizzare e di ambizione nazionale che si vuole coltivare. In questo senso sarebbe utile nei prossimi mesi rafforzare e sostenere l’approccio multistakeholder adottato, che nel Comitato Guida di Repubblica Digitale coinvolge tutti i principali attori istituzionali, e non, e nella Coalizione nazionale oltre 250 organizzazioni pubbliche, private e del terzo settore. Un approccio che per realizzarsi compiutamente e quindi ottenere il massimo valore dalla scelta dell’organicità e dell’integrazione, richiede disponibilità e capacità di collaborazione dei diversi soggetti nella coprogettazione della strategia e degli specifici piani di intervento oltre che nell’individuazione delle sinergie operative nel percorso di implementazione.

Sapendo che la sfida è cruciale e la rapidità di attuazione è fondamentale, per cui occorre partire dagli asset consolidati, come la strategia nazionale e il piano operativo che la attua.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3