servizi pubblici digitali

PA digitale: i dodici progetti da tenere d’occhio nei prossimi mesi

Dall’interoperabilità ai pagamenti digitali, passando per la digitalizzazione delle notifiche, il cloud, il domicilio digitale e il sistema di gestione delle deleghe: tutti i progetti che ci avvicinano a una PA davvero digitale e che occorre monitorare nei prossimi mesi

29 Ago 2022
Patrizia Saggini

avvocata, esperta di digitalizzazione della Pubblica Amministrazione

Andrea Tironi

Project Manager - Digital Transformation

PA DIGITALE - futuro digitale - semplificazione digitalizzazione

La PA digitale, quella che snellisce la burocrazia, azzera la corruzione e semplifica i rapporti tra i diversi enti e tra questi e i cittadini, sembra sempre a un passo dall’essere realizzata. Ma quanto siamo davvero vicini? Davvero in tutti questi anni non abbiamo fatto passi avanti?

Lasciando da parte le tendenze catastrofiste, proviamo piuttosto ad accendere i riflettori sui progetti da monitorare – quelli che davvero potranno fare la differenza tra teoria e pratica – nei mesi a venire, partendo dalla piattaforma digitale nazionale dati per finire col metaverso.

Perché le PA ignorano il principio “once only”? Ecco il vero problema

Interoperabilità (PDND)

La PDND (piattaforma digitale nazionale dati) dovrebbe essere il vero salto quantico della PA dei prossimi anni, realizzando finalmente il principio once only, di cui tanto si parla, ma di cui – fino ad ora – si vedono ridotti risultati rispetto al potenziale.

Evento in presenza
SAP NOW, 20 ottobre | Sostenibilità e innovazione per un ecosistema digitale che rispetta il pianeta
Cloud
Datacenter

Oggi le basi dati della PA sono infatti divise tra loro, a meno di qualche eccezione (ANPR) o qualche accordo specifico che permette già l’interazione tra basi dati di enti centrali.

Ci aspettiamo che l’interoperabilità dei dati riguardi tutte le basi dati di interesse nazionale previste dal CAD, soprattutto ANPR, nella misura in cui – ad esempio – i Comuni non hanno ancora la possibilità di avere accesso alle anagrafi di altri Comuni per verificare dati personali, per procedimenti che non rientrino in quelli anagrafici, provocando ovviamente disagi e rallentamenti nel percorso di miglioramento e automatizzazione dei servizi.

In un domani (speriamo) poco lontano, grazie ad un registro manutenuto dalla PDND dovrebbe essere possibile sapere a che PA chiedere un determinato dato (attributo) in modo da poter completare la scheda di un cittadino che richiede un servizio, pur mantenendo le varie basi dati come governance tra loro separate (mantenendo quindi una governance distribuita e un accesso decentrato, per sicurezza, resilienza e riduzione dei rischi di abuso sia umano che tecnologico).

Un passo avanti enorme, proprio come la recente pubblicazione delle Linee Guida per i gestori di Attributi Qualificati. Il futuro dell’interoperabilità e la sua implementazione non sono mai stati così vicino?

Attributi qualificati per Spid, la svolta con le linee guida Agid

Pagamenti digitali

I pagamenti digitali sono un macro-trend mondiale e nazionale, non solo nella PA. Del resto, la presenza di una società come PagoPA rende il tema ancora più centrale nella PA, anche se nel tempo PagoPA ha esteso le sue competenze all’app IO, alla PDN (piattaforma delle notifiche) e alla PDND (piattaforma digitale nazionale dati). Guardando la dashboard pagoPA risulta evidente come il fenomeno della diffusione dei pagamenti digitali sia in crescita non lineare anche nel mercato degli enti pubblici e di pubblica utilità, e quanto questo tema rimanga centrale nell’agenda delle PAC e della PAL, oltre che dei gestori dei servizi pubblici.

Rendere disponibili tutti i servizi tramite PagoPA, a meno di quelli per cui non è ancora possibile (discorsi come F24, IMU, SDD …), diventa un passo fondamentale dei prossimi mesi/anni, rendendo i processi di pagamento il più possibile fluidi mediante integrazioni, riducendo al minimo l’intervento umano.

Per far acquisire una consapevolezza maggiore dell’utilità dei pagamenti online nelle Amministrazioni sarebbe anche fondamentale mettere a disposizione un tool di analisi che possa aiutare ciascun Ente nello studio dei pagamenti che ha ricevuto attraverso il nodo nazionale, evidenziando ad esempio:

  • principali canali utilizzati (online, sportelli fisici, ecc.)
  • fascia oraria in cui è stato eseguito il pagamento (per analisi delle abitudini delle persone)
  • impatto dell’app IO come canale di avvio del pagamento.

Solo con un’analisi dettagliata si possono infatti comprendere le abitudini e i comportamenti dei cittadini, e quindi cercare di migliorare sempre di più l’esperienza nei confronti dei servizi digitali.

Digitalizzazione delle notifiche

La Piattaforma delle Notifiche (PDN) sarà oggetto del prossimo avviso, in arrivo dopo l’estate. La misura prevede 245 milioni di investimento e mira a risolvere l’annoso problema delle notifiche a valore legale inviate a cittadini e imprese, che hanno 2 principali problemi: la fase “investigativa” in cui si cerca di raggiungere il destinatario con esiti non sempre fortunati (il destinatario non vuole essere raggiunto, si è trasferito, non è presente al domicilio per vari motivi) e la fase di certezza del momento della notifica (ad esempio nel caso delle multe per poter cambiare l’importo associato allo IUV nel caso il pagamento avvenga dopo 5 giorni dalla notifica).

C’è anche il tema dei costi: le notifiche digitali costeranno meno, con un buon risparmio sia per i cittadini che per gli enti che fino ad ora se ne stanno occupando, in particolare i Comuni, sia in termini di spese vive e soprattutto sull’utilizzo di personale dedicato. Insomma, un bel cambiamento da monitorare che coinvolge una fase importante (la notifica) di numerosi processi della PA, dalla notifica di un atto a valore legale, al pagamento di una sanzione.

In un giardino pulito è più difficile buttare cartacce, allo stesso modo in un sistema completamente digitale è più difficile tornare all’analogico.

Cloud

L’Avviso per l’Investimento 1.2 “Abilitazione al cloud per le PA Locali” Comuni Aprile 2022” è chiaro: 500 milioni a disposizione per i comuni per passare al cloud.

Strategia Cloud Italia, come avverrà la transizione? Il confronto Italia-USA

Il cloud diventa quindi un tema centrale per la PAC e la PAL, grazie alla Strategia Cloud, al Regolamento Cloud e al passaggio della governance da Agid al MITD (e al DTD). Andare in cloud può voler dire molte cose: maggiore sicurezza dei dati, meno datacenter (laddove si riesca ad eliminare del tutto il server dell’ente, percorso naturale dopo averlo vuotato dei dati importanti), maggiore raggiungibilità del dato, questo per iniziare.

L’avvio, d’altra parte, rischia anche di creare dei fornitori “too big to fail”, che in questo percorso di messa a terra dell’avviso ingloberanno un numero elevato di enti facendo diventare i loro datacenter delle specie di PSN di classe 2, ovvero dei punti nevralgici per il sistema Paese. Se è vero, infatti, che se si ferma un comune di 1000 abitanti il rischio Paese è basso, se si ferma un datacenter che ne contiene 1500 di comuni da 5 a 10.000 abitanti, allora la questione cambia.

Insomma, un tema caldo da tenere sott’occhio, considerando anche gli sviluppi del PSN vero e proprio da completare per fine anno.

Automazione (RPA)

La Robotic Process Automation è una tecnologia che potrebbe nel prossimo futuro diffondersi velocemente nella PA.

La Robotic Process Automation nella PA: cosa serve per avere vantaggi reali

L’RPA consente di automatizzare attività e processi ripetitivi (quindi a basso valore aggiunto) svolti quotidianamente nelle prassi della PA, ad oggi eseguite tramite intervento umano. Quali sono i suoi benefici? L’introduzione di automazione può agire sia in termini di aumento dell’efficienza (riduzione dei tempi e dei costi di esecuzione), sia in termini di efficacia (a regime, drastica riduzione degli errori di esecuzione). Una delle sue caratteristiche principali è l’essere una tecnologia “low code”, la cui introduzione non richiede particolari integrazioni, modifiche del processo esistente né particolari attività di sviluppo. Quanto appena descritto dovrebbe far comprendere il valore aggiunto del suo utilizzo in ambito pubblico: uno degli esempi migliori riguarda lo smistamento automatico delle e-mail PEC in ingresso. Grazie a un avanzato sistema di analisi semantica e di elaborazione del linguaggio naturale, un sistema automatizzato riesce ad analizzare nel dettaglio i testi delle e-mail e i documenti allegati in modo da inoltrare automaticamente la missiva elettronica al destinatario corretto, che potrà quindi gestire la pratica in meno tempo. Ciò consente di risparmiare molte ore, se non giorni, di smistamento manuale.

La RPA evita inoltre due delle principali barriere all’introduzione di digitalizzazione, cioè il change management e la necessità di integrazioni e può andare a lenire va a lenire le difficoltà derivanti dalla carenza di personale.

AI – Chatbot

La PA ancora non gioca il ruolo predominante che dovrebbe avere su questo tema centrale di innovazione. Infatti, il mondo pubblico è sia generatore di dati sui quali sviluppare applicazioni di AI, sia fruitore di queste per migliorare i servizi da erogare ai cittadini. In termini di erogazione di servizi uno degli ambiti di applicazione che ha avuto maggiore fortuna è quello degli assistenti virtuali.

Negli ultimi due anni abbiamo assistito alla realizzazione di diverse soluzioni volte a supportare i cittadini nell’ottenimento di informazioni e più in generale nella interlocuzione con l’ente di riferimento. Ma sono molte altre le opportunità ancora poco sfruttate di questa tecnologia, pensiamo ad esempio alle iniziative di computer vision, che analizzano il contenuto delle immagini, applicabili ad esempio in ottica di sicurezza dei luoghi pubblici, ma anche le soluzioni per estrarre e ottimizzare informazioni dai dati raccolti tramite sensoristica. In questo secondo caso, gli utilizzi potrebbero essere i più vari: uno su tutti, il supporto alle politiche di mobilità e ambientali.

Una tecnologia così potente necessità però di una governance chiara e trasparente. Su questo, accenniamo solamente al “Programma strategico per l’Intelligenza artificiale 2022-2024”, nella cornice del quale è stato istituito il gruppo di lavoro permanente sull’IA, incardinato nel Comitato Interministeriale per la Transizione Digitale, il quale avrà proprio il compito di garantire una governance efficace sulla realizzazione del piano, monitorandone l’attuazione e coordinandola con le ulteriori iniziative del Governo sul tema. La strategia, costruita in linea con quella europea in materia di intelligenza artificiale, intende essere la base per rilanciare programmi e investimenti, colmare i ritardi ed i gap dell’Italia nella ricerca e nell’utilizzo della tecnologia ed avviare il Paese verso la transizione digitale all’AI.

Domicilio digitale

Visto che la Piattaforma Notifiche (vedi punto 3) utilizzerà – non solo – il domicilio digitale come canale di recapito, è assolutamente fondamentale che si avvii al più presto INAD e parallelamente anche una forte campagna di comunicazione, al fine di sensibilizzare le persone sulle nuove modalità di recapito degli atti, e soprattutto sull’importanza di avere a disposizione un domicilio digitale personale, focalizzando l’attenzione soprattutto sui vantaggi, come ad esempio minori costi di recapito degli atti, e disponibilità in tempi più rapidi del documento digitale.

Il Domicilio Digitale esiste da tempo ed è obbligatorio per tutte le persone giuridiche e per i professionisti, deve diventare un concetto “assodato” anche per le persone fisiche: dopo SPID e CIE – quindi la gestione dell’identità digitale – può essere considerato come l’ultimo miglio per la trasformazione digitale dei rapporti tra PA e cittadini, affiancando ovviamente il tutto a percorsi di alfabetizzazione e/o assistenza per le fasce di popolazione più in difficoltà.

Sistema di gestione delle deleghe

Un altro tassello mancante – e di cui si parla da qualche tempo – è la necessità di poter gestire le deleghe per l’accesso con l’identità digitale, in particolare con SPID, in modo che persone – che siano o giuridicamente incapaci o in difficoltà per altri motivi – possano delegare formalmente altre persone a presentare istanze online in nome e per conto loro, risolvendo i problemi fino ad ora presenti per queste categorie di persone.

La disciplina di dettaglio del sistema di gestione delle deleghe (SDG) è attualmente in corso di definizione, con la predisposizione di un decreto e di un manuale operativo che indicheranno le procedure da seguire.

Metodologicamente è necessario distinguere tra “delega volontaria” e “delega legale”, nella misura in cui nel secondo caso il delegato è individuato con un provvedimento giudiziario (ES: nomina di un tutore): rispetto a questa eventualità si auspica in prospettiva un passaggio diretto di informazioni dall’istituzione che emette il provvedimento al sistema gestore delle deleghe, sempre nell’ottica dell’interoperabilità e della circolazione dei dati.

Attivazione Stato Civile digitale (con ANPR)

Dopo il completamento di ANPR con i dati anagrafici di tutti i Comuni italiani, ci si aspetta a breve che anche gli atti di stato civile possano essere finalmente digitali (tenendo presente che questo aspetto era già previsto dal DPR 396/2000, ma mai realizzato).

Gli atti di stato civile riguardano i momenti fondamentali della persona (nascita, matrimonio, cittadinanza e morte) e rappresentano i cardini dei diritti della persona; forse proprio per questo si è aspettato fino ad ora, ma è giunto il momento di dare una svolta anche in questo settore: gli attori in gioco sono non solo i Comuni, ma anche Ospedali, Tribunali, ecc.) e quindi ci si aspetta non solo che i dati e documenti siano nativamente digitali, ma che sia anche costituito un sistema “a rete” in cui si evitino le N-mila comunicazioni tra enti che circolano fino ad ora, con evidente automatizzazione del processo e quindi risparmio di personale.

Un buon segnale è contenuto nel recente DL 36/2022 (convertito in L. 79/2022) che prevede una modifica all’art. 62 del CAD, inserendo un paragrafo che rinvia ad uno dei decreti previsti dal comma 6bis la definizione delle modalità e dei tempi di adesione da parte dei Comuni all’Archivio nazionale informatizzato dei registri di stato civile, con conseguente dismissione della versione analogica dei registri di stato civile.

Digitalizzazione dei documenti cartacei

La digitalizzazione del patrimonio documentale della pubblica amministrazione è un “non tema”, ovvero è sempre sul tavolo ma sempre più ai bordi.

Parlare di digitalizzare i documenti sembra quasi “antico” laddove i temi più cool sono ad oggi il metaverso, la blockchain, i droni.

Spesso, inoltre, i vantaggi di questo processo sono intangibili (minore tempo di ricerca, digitalizzazione di tutto il processo di gestione della pratica grazie alla possibilità di avere documenti digitali, scambio di dati e verifica di dati molto più immediato) e non si vedono (meglio una bella strada asfaltata, insomma), ma il potenziale di cambiamento è disruptive.

Immaginiamo per un momento di avere tutti i dati di tutte le PA digitalizzati: si potrebbero fare letteralmente miracoli incrociandoli, ricercandoli (immaginiamo un motore di ricerca che permette di trovare un dato in questo enorme database che potremmo chiamare WebPA), analizzandoli (PA-nalytics).

Il problema è molto sentito nei Comuni per un particolare settore, cioè i documenti delle pratiche edilizie, che sono molto frequentemente oggetto di accesso agli atti – da parte di professionisti e cittadini – e che in quest’ultimo periodo hanno avuto un’impennata, grazie alla possibilità del “Superbonus”.

L’accesso ai documenti “cartacei” comporta gravi ritardi e notevole impegno di personale, dovuto alla necessità di recuperare il materiale presso archivi fisici (spesso non ordinati e dislocati in posti lontani dalla sede comunale), e quindi un intervento di digitalizzazione massiva in questo ambito sarebbe di notevole importanza.

Spendere qualche euro dei soldi ricevuti mediante gli avvisi di padigitale2026.gov.it anche in questa direzione poco “cool” ma molto utile, potrebbe essere un’opzione interessante.

Blockchain

Negli anni le iniziative implementative di blockchain sono aumentate sensibilmente, soprattutto in ambito enterprise, ma anche la PA ha provato a sperimentare con questa tecnologia. In ambito pubblico possono trovare interessanti applicazioni i progetti volti a sperimentare la verificabilità dei dati, piuttosto che il coordinamento dei dati. Nel primo caso, si fa riferimento alla funzionalità di notarizzazione della blockchain, utilizzando le caratteristiche di immutabilità e trasparenza offerte dalla tecnologia è possibile, ad esempio verificare la data di creazione di un documento e che esso non sia stato modificato nel tempo. In merito al coordinamento dei dati, si aggiunge alla caratteristica di notarizzazione sopra descritta anche la possibilità di portare on chain anche lo scambio di dati attraverso gli smart contract consentendo un coordinamento efficace ed efficiente tra gli attori coinvolti nel processo. Per consentire di sperimentare e promuovere servizi su blockchain, Agid ha pubblicato le linee guida del progetto IBSI (Italian Blockchain Service infrastructure), al quale hanno aderito alcuni Enti, tra cui Poste Italiane, Inail, Inps, CSI Piemonte, Sogei, Enea, per citarne alcuni.

Blockchain: così le aziende si avvicinano alla tecnologia (cinque esempi concreti)

XR e Metaverso

Da quando Mark Zuckerberg ha deciso di cambiare il nome della sua holding da Facebook a Meta, non si parla di altro. Non che prima non se ne parlasse, ma il cambiamento ha reso mainstream il concetto di metaverso.

Il metaverso ad oggi non è niente altro che una delle tecnologie XR disponibili, che vanno dalla VR (virtual reality, dove l’esperienza è completamente immersiva), passando per l’AR (realtà aumentata, in cui alla realtà viene sovrapposto un layer informativo aggiuntivo informativamente correlato a quello che si vede nel mondo reale, ma ad esso non collegato) e la MR (mixed reality, in cui mondo virtuale e reale si sommano, come ad esempio quando posiziono un mobile nella mia casa prima di comprarlo e posso vederlo da tutte le angolazioni). Questi mondi sono poco utilizzati nella PA, del resto probabilmente la MR e la AR saranno sempre più diffusi nei prossimi anni. Sperimentare queste tecnologie nella PA potrebbe essere interessante e lo spazio per le idee è molto ampio (ad esempio per la formazione in sanità o nella scuola in generale).

WHITEPAPER
Robot intelligenti: i vantaggi nei progetti di automazione nell'Industry4.0
Industria 4.0
Realtà virtuale
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4