Piano triennale agid

Vetritto: “Ora la ‘messa a terra’ del Piano per la governance del territorio”

Non si possono tagliare fuori dal processo di innovazione gli oltre 10 milioni di italiani che vivono nei piccoli e piccolissimi comuni, afflitti da mancanza di organico e risorse. Per chiudere il gap occorre integrare il Piano con alcune semplici ma indispensabili e non banali scelte operative

03 Ago 2017
Giovanni Vetritto

Direttore Generale della Presidenza del Consiglio dei Ministri

PA Digitale

Qualunque sia stato il voto di ciascuno di noi in occasione del referendum sulle riforme costituzionali dello scorso 4 dicembre, occorre prendere atto che i mutamenti previsti rispetto al Titolo V della Carta, e dunque alla governance territoriale, non si sono concretizzati.

Oggi il quadro delle istituzioni del territorio resta quello complesso previsto dai Padri costituenti; con i ritocchi introdotti dalla riforma costituzionale del 2001.

È un bene? È un male? È un fatto.

È dunque in questo quadro complesso che occorre valutare le prospettive di una “contaminazione tecnologica” dell’amministrazione territoriale italiana che si auspica finalmente pervasiva.

Il Piano triennale recentemente varato dall’AGID evidenzia da questo punto di vista, allo stesso tempo, uno sforzo significativo ma anche una qualche genericità nell’approccio.

Il problema è noto. Quando si parla di “Amministrazione digitale” si fa riferimento a un concetto generico, che tiene insieme Ministeri giganteschi e dotati di strutture di gestione della tecnologia potenti (e in qualche caso perfino pletoriche) e Comuni di 46 abitanti dotati come organico stabile di una brava signora che stampa i certificati e di un manutentore, integrati da un segretario comunale, un geometra e un ragioniere, ognuno a scavalco con altri enti consimili e dunque presenti per poche ore a settimana.

Che quest’ultima tipologia di enti possa assumere oneri, obblighi e funzioni analoghe a quelli del Ministero dell’esempio è cosa ben difficile da immaginare.

E non è un tema da poco: abitano Comuni di dimensioni inadeguate (seppure meno piccoli di quello, reale, dell’esempio, fino a 5.000 abitanti) più di 10 milioni di italiani (oltre il 15% della popolazione nazionale), dispersi in più di 5.500 unità organizzative di capacità più o meno inconsistente.

Il tema è dunque quello di non tagliare fuori dal processo di innovazione poco meno di un italiano su 5. È quello di consentire a strutture dal peso specifico molto limitato di agganciare il treno della modernità, offrendo a livello di servizio pubblico ciò che ogni cittadino dotato di uno smartphone è in grado di procurarsi nel mercato; perché gli italiani non sopporteranno ancora a lungo lo iato spaventoso che divide la loro esperienza di clienti da quella di cittadini.

Con una ulteriore avvertenza. I grandi verticali nazionali che dichiaratamente costituiscono l’ossatura del Piano (PagoPA, SPID, ANPR eccetera)  potranno effettivamente produrre risparmi, omogeneizzare processi, uniformare pratiche; ma la potenzialità maggiore che ha la tecnologia applicata all’organizzazione, quella che ha disintegrato la piramide integrata del fordismo per dare luogo alla disarticolazione dei sistemi della produzione e del consumo in configurazioni “ad arcipelago” che hanno del tutto ridisegnato il paradigma delle organizzazioni moderne, non ha a tutt’oggi dispiegato il suo effetto nell’universo delle amministrazioni pubbliche territoriali.

Un sistema puntiforme, costituito da un numero altissimo di potenziali nodi di rete, ad oggi una rete non è; ma resta una somma di autoreferenziali istituzioni dai caratteri ottocenteschi. E ciò proprio a  causa del suo scarso peso specifico organizzativo e delle difficoltà di utilizzare la leva tecnologica per mancanza di skill, di massa critica per gli investimenti, di una consapevole e non demagogica spinta aggregativa e, appunto, “di rete” da parte del centro.

Sarebbe oggi possibile organizzare in maniera differente le 11 funzioni fondamentali attribuite (spesso solo sulla carta per impossibilità pratica di esercitarle) agli 8.000 Comuni, e il non minore numero di attività spesso esercitate dagli stessi in settori complementari (dalle biblioteche pubbliche ai canili ai cimiteri). Sarebbe possibile organizzare le une e le altre su una logica di condivisione della struttura professionale di servizio, anche nel mantenimento di un numero di deleghe politiche tendente all’attuale. Sarebbe possibile, valorizzando i principi (vigenti, ma di fatto pochissimo utilizzati) della differenziazione dell’adeguatezza, utilizzare le Province, sopravvissute al referendum e governate oggi, secondo le norme, dagli stessi Sindaci responsabili del funzionamento dei Comuni, come un secondo livello di efficienza scalare per lo svolgimento di quelle funzioni e di quelle attività che anche nelle aggregazioni possibili dei Comuni restino di difficile svolgimento.

Sarebbe possibile, per ridurre tutto quanto sopra ad uno slogan, passare da 8.000 Comuni a 1.000 comunità territoriali dotate di vera potenzialità di governance, ma soltanto attraverso un largo utilizzo della leva tecnologica, per ripensare organizzazione, processi, prodotti amministrativi.

Sarebbe possibile, ma non è ancora accaduto per la mancanza di una costosa, ma indispensabile opera di “messa a terra” delle potenzialità delle tecnologie sul territorio.

Sarebbe possibile, ma a tutt’oggi è mancato uno sforzo teso a mettere le tecnologie a servizio di un pervasivo sforzo di change management dell’amministrazione del territorio.

Sarebbe possibile, ma troppo spesso soluzioni uniformi dalle grandi potenzialità sono state lasciate a soluzioni di aggancio da parte degli enti territoriali minori che sono rimaste volontaristiche o episodiche.

E dunque, a tutt’oggi non è accaduto abbastanza.

Se si vorrà davvero che queste 8.000 istituzioni si aggancino ai verticali del Piano nazionale; che amplino il loro sforzo per condividere anche le non poche piattaforme tecnologiche già in condivisione su importanti funzioni comunali (dal catasto alla cartella del sociale ai tributi ai processi di workflow); che (quel che più conta) nel far questo colgano una più generale occasione per usare la tecnologia a supporto di una ambiziosa e pervasiva riorganizzazione, sarà necessario integrare il Piano con alcune semplici ma indispensabili e non banali scelte operative.

Occorrerà mettere a disposizione dei Comuni e delle Province, a sportello e non a bando, le risorse finanziarie indispensabili a integrare i verticali con i sistemi gestionali di cui già dispongono.

Occorrerà avere una qualche struttura che si assuma il compito di favorire la messa a terra dei sistemi nei Comuni minori, nella consapevolezza della pratica impossibilità di quasi tutti loro ad agganciare questa occasione per forza autonoma.

Occorrerà attivare dei potenziatori del sistema, siano essi aggregazioni e consorzi tra Comuni che già condividono le soluzioni tecnologiche, siano Province che nel deployment dei servizi tecnologici ai Comuni dei propri territori assumono una delle loro nuove funzioni postreferendarie.

Occorrerà sostenere un numero accettabile di vere e proprie community di innovazione che sollevino il livello medio di familiarità con le tecnologie, facciano da catalizzatori per l’adozione dei verticali nazionali, facilitino la adozione di altri tool esistenti, diffondano una cultura delle tecnologie per la riorganizzazione.

Se si riuscirà a soddisfare queste condizioni il Piano Triennale avrà risultati ben diversi dal passato. Altrimenti si amplierà il divario tra coloro che avranno la capacità e le condizioni obiettive per approfittarne e gli altri, confinati in un Ottocento amministrativo non più tollerabile.

Si tratta di una delle scommesse fondamentali del Paese. È in ballo la stessa governance del territorio, in una età che fa dei sistemi territoriali il vero traino dello sviluppo socioeconomico di ciascuna nazione.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2