Formazione

Metaverso, le soft skill si apprendono meglio con la realtà virtuale

Dalla barca nella tempesta al sottomarino in difficoltà, dall’incontro con un drago al diventare un altro: come nella realtà virtuale l’esperienza immersiva sviluppa velocemente queste abilità e competenze comunicative, relazionali e sociali. Nel segno della leadership e dell’inclusività

Pubblicato il 30 Nov 2022

Luca Bernardelli

Psicologo, Autore del libro "Guida Psicologica alla Rivoluzione Digitale", CEO di BECOME. Augmented Life, Cofounder di BOWMAN - Data Matter

Le quattro dimensioni del Metaverso - metaverse - regolamentazione metaverso

Da diversi trimestri la spinta delle Big Tech verso la Realtà Virtuale (VR), il metaverso e più in generale il Web3 è piuttosto decisa. Da Meta (padre statunitense naturale di Facebook e acquisito di Instagram, Whatsapp e Oculus) a ByteDance (madre cinese naturale di TikTok e acquisita di Pico), negli ultimi anni si sono verificate azioni piuttosto determinate, ma anche discutibili dal punto di vista degli ingenti investimenti, verso la realizzazione di visori VR e ambienti immersivi sempre più sofisticati e indirizzabili a pubblici progressivamente più ampi.

David Marquet, Former-Captain, US Navy Seals: Turn The Ship Around!

Realtà virtuale e “Next normal”

Meta (ex Facebook) sta vivendo il periodo più complicato della sua storia, a seguito di questioni politiche e legali, ma anche finanziarie, dato che il metaverso non sta dando i risultati sperati nei tempi attesi, probabilmente troppo brevi in termini di aspettative su un medium che ha bisogno di un periodo più lungo per entrare nell’immaginario collettivo e, soprattutto, nelle case della gente.

WHITEPAPER
Come l'AI può rendere più performante ed efficace una strategia di Marketing?
CRM
Intelligenza Artificiale

L’imminente approdo sul mercato dei visori Apple per le Realtà Estese (Realtà Virtuale + Realtà Aumentata), certamente costosi, ma altresì di tendenza nel perfetto stile della Mela, probabilmente decreterà il definitivo decollo di questa tecnologia.

La realtà virtuale che un domani ci cambierà la vita

La realtà virtuale passerà, così, da oggetto straniero a uno strumento che cambierà, ancora una volta, il nostro modo di informarci, comunicare, apprendere, giocare, allenarci, restare in salute e forse – forse – lavorare.

Certo, il fatto di poter interagire da qualsiasi luogo con avatar poco verosimili – per ora – di colleghi, partner, fornitori e clienti di tutto il mondo come se fossero percettivamente a un metro da noi, è senz’altro dirompente come prossima frontiera della collaborazione, della vendita e della formazione.

Il dato ambientale

A spingere l’adozione della VR in azienda, inoltre, c’è il sempre più attenzionato rating “ESG” (Environmental, Social and Corporate Governance), i cui principi riconducono alla riduzione dell’impronta di carbonio sul pianeta, dato che i meeting virtuali ridurrebbero drasticamente i costi legati ai trasporti.

Il nuovo smart-working

Inoltre, lo smart-working conosciuto nel “new normal”, nel “next normal” sarà più immersivo, da una parte aiutandoci a combattere la difficoltà cronica a restare concentrati causata delle continue interruzioni dello smartphone, dall’altra acuendo la “Zoom Fatigue”, il fenomeno dell’affaticamento psicologico da eccesso di videochiamate scoperto durante la pandemia, con all’orizzonte una nuova potenziale “Virtual Reality Fatigue” o “Metaverse Fatigue”.

Per questo motivo, il metaverso richiederà forme di “igiene digitale” più risolute e consapevoli rispetto a questa prima ondata della trasformazione digitale che ha psicologicamente aggredito una collettività priva di mezzi per contrastarla.

Realtà virtuale e formazione aziendale

In questo scenario in rapido cambiamento, trascorreranno ancora molti anni prima che la realtà virtuale – che oggi rappresenta la modalità più immersiva per accedere al metaverso – diventi uno strumento mainstream. In ambito aziendale, però, sta già iniziando a ritagliarsi nicchie d’eccellenza su alcune specifiche aree di interesse. Tra queste, c’è sicuramente la formazione.

I grandi numeri della formazione

Secondo i risultati del sondaggio “PwC 2022 US Metaverse Survey” effettuato su più di 1.000 manager aziendali statunitensi, il 51% afferma che sta integrando la realtà virtuale nella propria strategia, l’82% si aspetta che i piani sul metaverso faranno parte delle attività commerciali entro tre anni e il 34% afferma che uno dei maggiori vantaggi del metaverso è un modo più efficace per formare le persone.

La formazione nel metaverso è il caso d’uso che i manager hanno dichiarato di essere più propensi a esplorare in questo momento. PWC ha altresì stimato che la formazione in realtà virtuale contribuirà all’economia globale con quasi 300 miliardi di dollari entro il 2030.

Tutto un altro coinvolgimento

In effetti, l’alto tasso di coinvolgimento e l’attivazione simultanea di tutti i centri di apprendimento fanno della VR uno strumento d’elezione per l’acquisizione di nuove competenze. Occorre, infatti, sottolineare che le persone possiedono miscele eterogenee dei quattro sistemi di apprendimento – esperienziale, comportamentale, emotivo e cognitivo –, pertanto, con le tecnologie immersive, il cervello può distribuire più efficacemente il carico su tutte le differenti componenti dell’apprendimento e non solo su quella cognitiva.

Attraverso la realtà virtuale è possibile ricreare simulazioni realistiche per insegnare “hard skills” complessi (per esempio, come guidare un aereo o come manutenere un impianto), ma è possibile altresì ricostruire situazioni immaginarie che, per esempio, possono portare gli individui a impersonare corpi e vite altrui, nell’ottica dello sviluppo di “soft skill” destinate, per esempio, a tematiche odierne centrali quali l’inclusione della diversità.

Competenze digitali: quali sono e che importanza hanno per le aziende

Soft Skill nel metaverso

Le “soft skill” sono abilità e competenze comunicative, relazionali e sociali, che permettono di affrontare con efficacia e fiducia le sfide quotidiane poste dalla vita personale e professionale. Si tratta di qualità ormai imprescindibili per i responsabili delle Risorse Umane delle organizzazioni che puntano a crescere organicamente, proteggendo i propri talenti.

Che cosa sono

Dal 1993 l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) ha riconosciuto le seguenti “life skills”: consapevolezza di sé, gestione delle emozioni, gestione dello stress, senso critico, decision-making, problem-solving, creatività, comunicazione efficace, empatia e inclusività.

Quest’ultima è stata successivamente estesa dall’OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico), che ha proposto una classificazione che include la capacità di utilizzare la lingua, i testi, le informazioni e le tecnologie in maniera interattiva, la capacità di stabilire buone relazioni, cooperare e risolvere i conflitti con gli altri e la capacità di agire in un contesto globale, di definire e realizzare progetti personali, difendere e affermare i propri diritti, interessi, responsabilità, limiti e bisogni.

La ricerca di PwC

Uno studio – sempre di PwC – del 2020 dal titolo “VR Soft Skills Training Efficacy Studyha confermato che l’apprendimento di queste competenze trasversali attraverso la realtà virtuale è più efficace dei metodi tradizionali.

Questa ricerca è stata effettuata su un gruppo di nuovi manager selezionati in 12 sedi degli Stati Uniti, che hanno seguito gli stessi contenuti formativi progettati per comprendere una soft skill definita “leadership inclusiva”, in una delle tre modalità di apprendimento: aula, e-learning e vr-learning.

I macro-risultati emersi sono davvero promettenti.

Aumentare la presenza femminile nelle STEM, ma come? Stereotipi e barriere da superare

Le competenze trasversali si apprendono di più con la realtà virtuale

Il primo denota come i corsi immersivi possono velocizzare l’apprendimento (400% in più rispetto alla formazione in aula e 50% in più rispetto all’e-learning) e, dato che la maggior parte dei lavoratori riesce a dedicare solo una piccola parte del proprio tempo settimanale alla formazione, occorre che questo spazio sia il più produttivo possibile.

Il secondo risultato riporta che gli studenti di corsi VR sono più sicuri e fiduciosi e meno stressati nell’applicare ciò che hanno imparato, dato che possono esercitarsi a gestire le varie situazioni quotidiane in un ambiente protetto. Infatti, i professionisti formati con la realtà virtuale sono risultati più sicuri di agire in base a ciò che avevano appreso (40% in più rispetto alla formazione in aula e 35% in più rispetto all’e-learning).

Con le emozioni l’esperienza entra nel profondo

Il terzo rivela che i lavoratori sono emotivamente più connessi ai contenuti immersivi (3,75 volte in più dell’aula e 2,3 volte in più rispetto all’e-learning) ed è ampiamente confermato dalle neuroscienze che le persone memorizzano più profondamente un’esperienza quando sono coinvolte le emozioni.

Il quarto risultato riferisce che coloro che si preparano nella realtà virtuale sono più concentrati (4 volte in più dell’aula e 1,5 volte in più rispetto all’e-learning), dato che non hanno possibilità né di essere distratti dallo smartphone, né di fare altre attività. Ne conseguono risultati migliori.

La ricerca di Mursion/Future Workplace

Anche l’indagine del 2020 “VR Changes the Game for Soft Skills Training” di Mursion in collaborazione con Future Workplace ha prodotto risultati analoghi. 8 persone su 10 considerano il gioco di ruolo in simulazioni realistiche come il principale approccio formativo per le soft skill.

Tra i vantaggi più interessanti, emerge la possibilità di esercitare diverse condizioni e molteplici personalità, al fine di affrontare gli impegnativi scenari interpersonali del lavoro, che richiedono capacità di giudizio, empatia e autenticità.

Inoltre, le simulazioni VR consentono ai ruoli ad alto rischio di prepararsi e fronteggiare circostanze particolarmente delicate e impegnative, in modo sicuro e anonimo, acquisendo esperienza con la pratica “sul campo” (seppur un campo digitale).

Insomma, la realtà virtuale potrebbe realmente rivelarsi un proficuo complemento della formazione tradizionale. Il trend aziendale del metaverso troverebbe così un alveo fertile in questa inedita forma di apprendimento ibrido.

Soluzioni di realtà virtuale per le Soft Skill

Negli Stati Uniti, PwC ha sviluppato un training VR per le competenze trasversali che consente ai dirigenti e al personale di esercitarsi con nuovi approcci di vendita. I dipendenti possono presentare una proposta a un CEO virtuale che, nel caso di tecniche di vendita tradizionali, chiede loro di lasciare il suo ufficio; al contrario, se il candidato applica competenze di valore per l’azienda, ottiene un contratto virtuale al termine dell’esperienza.

Restando negli Stati Uniti è d’obbligo citare STIVR, l’azienda co-fondata da uno dei guru globali della realtà virtuale, il ricercatore della Stanford University Jeremy Bailenson.

Questa realtà ha costruito diverse tipologie di esperienze per sviluppare le soft skill come, per esempio, la “de-escalation”, in cui si ricreano le interazioni tipiche con clienti insoddisfatti per aiutare i dipendenti a gestirli tramite l’ascolto attivo e la gestione delle emozioni, o la “costruzione dell’empatia”, in cui si viene trasportati digitalmente nelle abitazioni dei clienti per viverne la vita al fine di relazionarsi più sinceramente e offrire una migliore assistenza, la “comunicazione di crisi”, per imparare a riconoscerle e a rispondere in modo appropriato.

In Germania si ispirano alla vicenda del sottomarino USS Santa Fe

La società tedesca Resourceful Humans ha concepito l’esperienza “The VR Dive”, realizzata ispirandosi alla storia vera del comandante David Marquet del sottomarino nucleare USS Santa Fe, che ha aiutato il suo equipaggio a sviluppare in poco tempo una nuova mentalità di leadership, a partire da una situazione che sembrava compromessa.

Questo esercizio immersivo consente a tutti i membri di un team di collaborare, assumendosi responsabilità di leadership in un momento in cui la pressione è piuttosto elevata (in tutti i sensi).

Un’altra startup della Germania, Wondder si occupa espressamente di formazione immersiva in ambito “DEI” (Diversity, Equity & Inclusion). Grazie all’immedesimazione in corpi di persone di etnie e generi diversi dal proprio, si diventa qualcun altro e si sperimenta la quotidianità di chi viene discriminato. Durante queste sessioni ci si rende spesso conto di non essere così inclusivi come si pensava di essere.

Anche l’australiana Equal Reality propone una libreria VR sui temi della diversità, che permette di sperimentare in prima persona i pregiudizi inconsci diffusi tramite conversazioni che promuovono l’empatia e la consapevolezza, orientate a una cultura organizzativa più inclusiva.

La storia italiana

Un caso italiano è rappresentato dagli interventi per il cambiamento positivo di “Stress Management Aumentato” e “Change Management Aumentato” dalla Realtà Virtuale di BECOME.

Si tratta di sessioni formative ad alto coinvolgimento esperienziale, che utilizzano storie di trasformazione immersive (per esempio, il viaggio di una barca nella tempesta, la traversata del deserto, l’incontro con un drago), al termine delle quali si svolge un debriefing strutturato che agevola l’interazione tra manager e talenti, che si rapportano tra loro in modo più autentico attraverso immagini, metafore e narrazioni che stimolano competenze quali la comunicazione efficace, la capacità di gestire conflitti, la propensione a raggiungere obiettivi, lo sviluppo della motivazione e della resilienza e molte altre.

Conclusioni

Con endorsement così qualificati, il “vr-learning” applicato all’apprendimento delle soft skill potrebbe rapidamente affermarsi nei contesti formativi professionali, grazie a un caso d’uso del metaverso immediatamente disponibile orientato alla salute delle organizzazioni contemporanee.

In effetti, l’aumento del coinvolgimento e della connessione emotiva, il miglioramento della concentrazione e dell’acquisizione delle competenze, la riduzione dei tempi e dei costi di trasporto, la garanzia di sessioni semplici e sicure rendono questa modalità molto appetibile per l’HR e il Welfare Management.

Dalla gestione dello stress lavoro correlato alla promozione del cambiamento, i responsabili delle risorse umane e della formazione potrebbero, pertanto, scoprire una convincente integrazione tecnologica per potenziare il benessere produttivo e le qualità interpersonali dei lavoratori.

Per mirare a un’azione fruttuosa, però, è essenziale saper distinguere tra un divertente team building e un incisivo intervento trasformativo.

WHITEPAPER
Industria 4.0: sono solo promesse? Scopri i benefici concreti di una IoT platform
IoT
Integrazione applicativa
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4