inclusione

Diversity management: cos’è e perché è importante



Indirizzo copiato

Il diversity management è l’insieme delle politiche adottate da un’azienda per promuovere la diversità all’interno dell’ambiente di lavoro. Il termine diversità, in questo caso, è inteso nel modo più ampio possibile e si tratta di una sfida manageriale e culturale

Pubblicato il 26 lug 2023

Giuditta Mosca

Giornalista, esperta di tecnologia



diversity management
(Immagine: https://pixabay.com/geralt)

Se ne parla da decenni, non è cultura imprenditoriale del tutto nuova e ha attecchito in modo eterogeneo nel mondo. Tuttavia, il diversity management non può essere racchiuso esclusivamente in una classificazione geografica, perché è una filosofia di conduzione d’impresa e ha più a che fare con il business che con le politiche di uguaglianza e integrazione, le quali ne sono all’origine.

La rivalutazione del ruolo di ogni persona, così come la promozione delle sue capacità, incarnano l’aspetto sociale di ogni professione e, in questa veste, hanno ricadute positive sia sulle imprese sia sulla collettività.

Non è quanto è successo in passato in termini di diversity management a fare la differenza, è il potenziale che può essere sfruttata nel futuro che dovrebbe diventare tema di discussione.

Cos’è il diversity management

Il diversity management è una strategia secondo la quale, all’interno di una qualsiasi organizzazione, vengono promosse le diversità, siano queste di genere, etniche, anagrafiche, di orientamento, culturali ma anche relative a disabilità o a particolari abilità fisiche. Lo scopo ultimo è quello di influire positivamente sull’identità e le prospettive delle persone a prescindere da qualsiasi altro elemento concorra a qualificarle.

A corredo di ciò vanno citate anche diversità meno evidenti che possono essere parte di una categoria a sé stante. Per quanto possa sembrare strano creare ripartizioni in una disciplina, quella del diversity management, che tende a non omologare categorie e classificazioni, si può dire che le diversità sono di due tipi:

  • diversità primarie: tutto ciò che rientra nel patrimonio personale di ogni individuo e che non può essere modificato. Ne fanno parte l’età, l’etnia, il credo, il genere, l’orientamento e così via,
  • diversità secondarie: rientrano in questa suddivisione il livello socioculturale, il percorso professionale e le specifiche reddituali del singolo individuo. Parametri che possono essere modificati.

Alla luce di queste considerazioni, si può abbozzare una definizione di diversity management che ancora non è strutturata nei libri di testo: è il processo manageriale che promuove l’accettazione delle differenze e che ne fa uso per dare una dimensione di valore aggiunto per l’impresa nel suo insieme.

Obiettivi del diversity management

A costo di snaturare modo di intendere l’impresa come entità dedita esclusivamente al profitto, gli obiettivi del diversity management tendono a dare un valore olistico a un’organizzazione, collaborando così a creare un’identità rinnovata la quale, al di là delle necessità e degli obiettivi di bilancio, partecipa all’inclusione delle collettività. Possiamo quindi stilare l’elenco delle quattro principali leve del diversity management.

  • inclusione: è la creazione di un ambiente di lavoro nel quale non vige pregiudizio e ognuno viene valorizzato e rispettato,
  • opportunità: a ogni dipendente vengono garantire le medesime opportunità di crescita professionale, di formazione e di carriera,
  • benefici: la diversità diventa processo aziendale e viene impiegato per trarne un beneficio aziendale fondato sulla creatività, le capacità di adattamento e la creatività di ogni dipendente,
  • responsabilità: l’inclusione e le opportunità garantite hanno ricadute sull’intera collettività e ciò è possibile soltanto in quei contesti aziendali nei quali prevalgono etica e morale.

Va da sé che, fino a questo momento almeno, si parla di principi e di linee guida teoriche. Ciò non toglie che gli atteggiamenti etici delle imprese, come per esempio le Benefit Corporation oppure i fattori Esg hanno ricadute positive sulle organizzazioni anche in termini di interesse da parte dei finanziatori e delle platee di riferimento, ossia partner e clienti.

Differenza tra diversity e diversity management

È la differenza medesima che suggeriscono i termini stessi: da una parte la diversità è afferente a ciò che crea differenze tra singoli individui anche in termini di prospettive, dall’altra parte il diversy management che si palesa come filosofia strutturata e intenzionale tesa a gestire le diversità come patrimonio aziendale con ricadute positive per tutta l’organizzazione.

Tre tipi di diversity management

La disciplina del diversity management è di fatto una filosofia di impresa e può essere approcciata secondo diversi punti di vista, improntati sia sul tipo di business sia sulle convinzioni interne all’azienda stessa. A prescindere dagli elementi soggettivi, questi devono convergere verso tre capisaldi:

  • riconoscimento: questo approccio si concentra sulla consapevolezza e sul riconoscimento delle differenze degli individui e include attività di formazione di sensibilizzazione alle diversità, entrambe ovviamente intese a migliorare la comprensione e il rispetto reciproco,
  • inclusione: questo approccio si concentra sull’eliminazione delle barriere e sulla promozione dell’uguaglianza di opportunità per tutti i dipendenti. È di per sé una politica aziendale che si fonde con la filosofia di fondo dell’impresa e che include politiche e pratiche di assunzione, promozione e sviluppo che favoriscono l’inclusione e l’equità,
  • valorizzazione: è senza ombra di dubbio l’aspetto più complesso e consiste nell’utilizzare i vantaggi derivanti dalla diversità. Necessita sforzi per creare un ambiente di lavoro inclusivo che valorizzi e faccia leva sulle diverse prospettive e competenze dei dipendenti.

Tutto ciò significa che il diversity management non può essere inteso soltanto come un atteggiamento o un imprinting culturale: è un processo trasversale che parte dall’assunzione del personale e si estende fino all’assistenza ai clienti.

Quattro categorie di diversity management

Per quanto possa sembrare scontato, le uguaglianze sono per definizione tutte le medesime. Sempre per definizione, ogni diversità è unica. Una banalità letteraria e concettuale che trova un proprio estetismo nell’analisi delle stesse diversità e che possono generare varie categorie funzionali e propedeutiche al diversity management come disciplina. Tra queste, le principali sono:

  • diversità interna: rientrano in questa categoria l’età, il genere, l’etnia, le principali forme di credo,
  • diversità esterna: vi rientrano i potenziali relativi alle competenze (soprattutto le soft skill) a alle conoscenze degli individui, così come il pensiero, le opinioni e le esperienze professionali,
  • diversità organizzative: questa categoria si riferisce alla diversità all’interno dell’organizzazione stessa. Può includere diversità nelle funzioni lavorative, nei dipartimenti aziendali e nei livelli gerarchici,
  • diversità nella visione del mondo: ci sono diversi fattori che contribuiscono a formare la visione del mondo e le prospettive che ha ogni persona. Questa diversità è molto influenzata dalle precedenti tre categorie e tende a cambiare nel tempo. Include, ad esempio, l’etica e la morale di ognuno, credenze, affiliazioni politiche, cultura.

Facendo riferimento a queste quattro categorie, si possono tratteggiare altrettanti perimetri all’interno dei quali il diversity management deve posizionarsi. Vi è necessità di riuscire a concentrarsi sull’inclusione e sulle prospettive di equità appannaggio di tutti i collaboratori a prescindere dalla posizione che occupano e deve gestire la collaborazione tra le diversità in campo.

Sfide del diversity management

Lo sviluppo di una cultura aziendale nella quale i dipendenti si sentano parte integrante del progetto imprenditoriale con ricadute positive anche sulla produttività non è avulsa dai risultati: un rapporto di As You Sow – no profit che si spende per la promozione delle responsabilità sociali delle imprese – traccia un parallelo tra diversity management e rendimenti finanziari delle organizzazioni che adottano un approccio inclusivo. Un piatto appetitoso che, per essere servito e consumato, deve superare alcuni scogli. Tra questi spiccano:

  • resistenza al cambiamento: la cultura del diversity management ha bisogno di essere diffusa in tutta l’organizzazione, non è quindi da escludere che alcuni individui, o gruppi, creino frizioni oppure ostacolino le nuove dinamiche organizzative,
  • stereotipi: occorre che tutti i dipendenti, a cominciare dal dipartimento delle risorse umane, siano liberi da pregiudizi che possano viziare i processi decisionali,
  • conflitti: la diversità può portare a tensioni all’interno di un gruppo o dell’intera organizzazione, specialmente quando le persone hanno opinioni diverse o provengono da contesti culturali diversi. Affrontare e risolvere questi conflitti richiede competenze di gestione delle asperità e di promozione del dialogo costruttivo,
  • comunicazione: diffondere e controllare che siano stati recepiti i principi e gli obiettivi del diversity management non è compito facile. Richiede risorse, elasticità e un grado di tolleranza atipici. Tuttavia, non può esserci una vera diversity management fino a quando non è diffusa e accettata tra tutti i dipendenti.

Le sfide non sono sempre semplici da vincere perché possono essere relative a ostacoli ostici quali, per esempio, i pregiudizi, notoriamente poco duttili e difficili da superare. Non è da escludere che la promulgazione della giusta cultura necessiti tempo per attecchire e che – sul viale che conduce alla sua affermazione – si verifichi un turn over anomalo, animato da quei collaboratori che non sono idealmente pronti ad accettarla.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati