il punto

Fondi europei per l’Agenda, spesa a 1 miliardo di euro. Ma ora sfida governance

Il digitale è presente in modo trasversale in quasi tutti gli obiettivi e fondi della programmazione Ue. A ottobre i progetti selezionati e avviati dai programmi europei ammontavano già a quasi 1 miliardo di euro. I fondi sono determinanti ma servono modelli di governance condivisi a livello locale e sovra-regionali

05 Dic 2017
Giorgio Martini

Staff Agenda Digitale (OT2) – Agenzia Coesione Territoriale

digitale_311570396

L’attuazione dell’Agenda Digitale in Italia è il frutto di politiche complesse, che coinvolgono le amministrazioni centrali, le regioni e una moltitudine di soggetti pubblici e privati a vari livelli di governo. E fin qui niente di nuovo. Meno noto può risultare il contributo determinante dei Fondi Europei, e in particolare dei fondi Strutturali e di Investimento Europei (SIE) non solo nel finanziamento delle tante azioni e progetti in corso, ma anche nell’impostazione generale degli obiettivi e nella governance delle tante amministrazioni che contribuiscono a realizzarli.

Nel periodo di programmazione comunitaria 2014-2020, all’Agenda Digitale è dedicato uno specifico Obiettivo Tematico che da solo in Italia vale circa 3 miliardi e 200 milioni di euro. Questo ammontare finanziario proviene da vari fondi: il Fondo europeo per lo sviluppo regionale (FESR), il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e il Fondo nazionale che co-finanzia la politica europea di coesione. Sono fondi che rispondono agli obiettivi europei della “Digital Agenda for Europe”, uno dei capisaldi della strategia Europa 2020, come l’utilizzo delle infrastrutture e dei servizi digitali da parte delle famiglie, delle imprese e delle amministrazioni pubbliche.

Ma non solo, in realtà il tema del digitale è presente in modo trasversale in quasi tutti gli obiettivi – e relativi fondi – della programmazione 2014-2020. Per esempio, la strategia nazionale per la “specializzazione intelligente” in ambito ricerca e innovazione, prevede una specifica area tematica su Agenda Digitale e Smart Communities. In tema competitività, ci sono importanti misure che contribuiscono al piano Industria 4.0 per trasformare i processi produttivi delle aziende tramite le ICT. Anche il Fondo Sociale Europeo ha un ruolo molto importante, ad esempio sugli obiettivi tematici relativi all’istruzione, all’inclusione e all’occupazione, che prevedono azioni specifiche per il digitale. Da non dimenticare è anche il tema del rafforzamento capacità amministrativa – cruciale per far funzionare le politiche.

In particolare, per quanto riguarda l’Obiettivo Tematico 2 specificatamente dedicato all’Agenda Digitale, circa 1 miliardo e 800 milioni euro sono dedicati alla banda ultralarga (BUL), grazie anche al FESR e al FEASR. Il PON Imprese e Competitività, i Programmi Regionali e i Programmi di Sviluppo Rurale contribuiscono alla realizzazione di un “Grande Progetto” a regia nazionale, con obiettivi comuni su tutto il territorio italiano che permetteranno di raggiungere i target fissati al 2020 dall’Agenda Digitale Europea per la copertura a 30Mbps. Contando anche il contributo di tutte le altre risorse nazionali e regionali, il grande progetto BUL vale circa 3 miliardi di euro.

E poi ci sono i servizi digitali delle pubbliche amministrazioni, da sviluppare anche in ambito urbano, che valgono circa un miliardo. Si tratta di soluzioni tecnologiche di nuova generazione per la digitalizzazione e innovazione dei processi interni, per l’erogazione di servizi di e-government a cittadini e imprese e per l’interoperabilità e l’apertura delle banche dati pubbliche. Nella programmazione 2014-2020, per la prima volta, è stata data molta importanza strategica al lato della domanda di ICT, tramite lo sviluppo, ad esempio, di applicazioni e strumenti per l’open government e per l’inclusione digitale.

A ottobre 2017 i progetti selezionati e avviati dai programmi europei su Agenda Digitale ammontavano già a quasi un miliardo di euro, pari al 36,8% del totale delle risorse programmate.

Di questi progetti, già alcuni esempi risultano particolarmente significativi. Il primo è lo stesso Grande Progetto BUL, che è un modello per come le istituzioni nazionali possano a coordinarsi e collaborare efficacemente con le regioni e meriterebbe un approfondimento a sé.

Sul lato servizi digitali, il progetto Italia Login dell’AGID è finanziato dal PON Governance e capacità istituzionale, uno dei programmi nazionali gestiti dall’Agenzia per la Coesione Territoriale. Grazie al questo progetto, cittadini e imprese potranno usufruire di un unico punto di accesso a tutti i servizi della Pubblica Amministrazione.

In ambito urbano, il PON Città Metropolitane finanzia lo sviluppo di soluzioni digitali in campo sociale, cruscotti digitali, anche basati sull’analisi dei big data, che permettono di analizzare la tipologia di utenze per offrire servizi mirati e personalizzati. Un altro esempio è l’applicazione di tecnologie dell’Internet of Things per il supporto alla programmazione delle politiche urbane.

In tema di open government, sempre il PON Governance finanzia l’iniziativa OpenCoesione, il portale nazionale che pubblica informazioni aggiornate sulle centinaia di migliaia di progetti finanziati dalle politiche di coesione, a partire dalla precedente programmazione 2007-13, un modo per permettere ai cittadini di monitorare l’attuazione delle politiche pubbliche.

Accanto alle tante opportunità offerte da questi finanziamenti, non mancano però le sfide per sfruttarli al meglio. Sfide che però non dipendono quasi mai dalla disponibilità finanziaria. Piuttosto, le difficoltà, ma allo stesso anche le opportunità, nascono dal garantire una efficace governance tra i vari livelli amministrativi, dal livello nazionale fino a quello comunale. Da una parte c’è l’opportunità di creare le condizioni per un coordinamento strategico basato sulle indicazioni della Strategia Nazionale Banda Ultralarga e della Strategia nazionale per la Crescita Digitale. Un modo per remare tutti nella stessa direzione.

Dall’altra parte c’è un tema di coordinamento operativo, ad esempio tra le azioni programmate nell’ambito dei programmi europei e le azioni previste dal Piano Triennale dell’AGID, attraverso l’individuazione di soluzioni che riescano a coniugare quanto previsto dal Piano e quanto previsto nei programmi europei in fase di attuazione.  In questo senso è sempre più importante mettere in campo modelli di governance condivisi a livello locale e sovra-regionale, tanto più alla luce delle indicazioni dello stesso Piano Triennale AgID e più in generale delle piattaforme digitali nazionali. Sono temi su cui l’Agenzia per la Coesione Territoriale sta focalizzando le proprie energie, per accompagnare e supportare l’attuazione dell’Agenda Digitale individuando nuove modalità di confronto e collaborazione con le Regioni.

Insomma, le opportunità e le risorse non mancano per garantire territori e città a prova di futuro. Questo è il nostro obiettivo

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4