I limiti del Foia, che c’è da imparare dagli Stati Uniti

Il confronto Italia-Usa è istruttivo per comprendere la portata del Freedom of information act ma anche le sue eccezioni e debolezze. Per fare luce sulle quali bisogna attendere le a lungo promesse linee guide Anac

20 Set 2016
Francesco Addante

consulente in trasparenza PA

informazione-libertà-stampa-160913121619

Andiamo negli Stati Uniti per capire quali sono i limiti di questa che ora, per l’Italia, è considerata una rivoluzione: il FOIA, la cosiddetta legge sulla Libertà (di accesso) all’Informazione (pubblica). Ossia, il fatto che pubblica amministrazione ha obblighi di informazione, pubblicazione e trasparenza, mentre i cittadini hanno diritto a chiedere ogni tipo di informazione prodotta e posseduta dalle amministrazioni che non contrastino con la sicurezza nazionale o la privacy.

Negli USA, già dal 1966, ha permesso, di portare alla luce casi di perdita o furto di munizioni a partire dalla guerra del Golfo, di essere informati su un disastro nucleare evitato, di conoscere il contenuto delle discusse mail di Hillary Clinton, di indagare sui rapporti tra lo sceneggiatore, la regista di Zero Dark Thirty e i servizi segreti della CIA, di costruire un indice di affidabilità dei dottori per individuare facilmente casi di malasanità.

Il diritto di accesso ai propri dati può essere esercitato da chiunque, ma per avere l’accesso a quelli di altri è necessario presentare una serie di documenti, che verificano l’identità del richiedente, anche attraverso atti notarili oltre che deleghe o consenso da parte di chi è il proprietario di quei dati.

Le informazioni su cui si può esercitare il diritto sono quelle detenute delle agenzie federali, ma non quelle del Congresso, dei tribunali, o di agenzie governative statali o locali e anche qui l’accesso generalizzato è esercitabile con delle rilevanti eccezioni che, tuttavia, sono chiare e ben definite: si parla di una di quelle previste dalle tre leggi speciali di esclusione o di nove esenzioni contenute nella legge come nel seguito indicato:

“1) informazioni classificate per la difesa nazionale o per la politica estera;

2) le norme interne e “pratiche” del personale;

3) le informazioni che sono esenti ai sensi di altre leggi;

4) i segreti commerciali ed informazioni commerciali riservate;

5) lettere o note tra agenzie o intra-agenzie che sono protette da privilegi legali;

6) file personali e sanitari;

7) applicazioni di leggi o informazioni;

8) informazioni relative a vigilanza bancaria;

9) informazioni geologiche e geofisiche.”

Restrizioni che si aggiungono a quelle che si vengono a determinare nel corso di un procedimento complesso e soprattutto per il fatto che hanno un costo che potrebbe limitare l’accesso alla fascia di popolazione meno abbiente, infatti, il FOIA americano non richiede che le Agenzie facciano ricerche per i richiedenti, che diano risposte scritte a domande, o che creino informazione in qualsiasi altro modo (come elenchi o statistiche). Per rispondere a una richiesta, inoltre, una volta effettuata la ricerca, il Dipartimento valuterà se le informazioni possono essere rilasciate secondo il FOIA oppure no, anche consultando altre agenzie federali.

Il Dipartimento procederà quindi ad attribuire il corrispettivo da pagare per l’attività di ricerca svolta, anche nei casi in cui il FOIA viene utilizzato per accedere a certificati di nascita, di matrimonio, o documenti come il passaporto, quando in Italia per lo svolgimento di tale attività è invece disponibile al cittadino l’anagrafe comunale o la questura.

Il costo per il servizio di accesso tramite FOIA a carico degli utenti non è irrisorio, infatti occorre pagare non solo le fotocopie, ma anche l’attività dei “civil servant” dedicati a questo, ossia il tempo che i dipendenti pubblici delle agenzie impiegano per fornire un riscontro. Un po’ assomiglia al contributo in sede di gara che pagano le P.A. e gli operatori economici all’ANAC per poter partecipare alla gara di un appalto e che di regola dovrebbe finanziare la stessa Autorità.

La questione è assai delicata se si pensa che non è possibile conoscere preventivamente quale sarà la spesa necessaria per avere l’accesso, che infatti verrà determinata solo a fine procedimento anche se sono previste delle tariffe orarie delle diverse professionalità coinvolte nelle ricerche: si va dai 21 dollari l’ora di un impiegato, ai 41 dollari l’ora di un funzionario, per arrivare ai 76 dollari l’ora di un dirigente, senza contare che per ottenere un accesso ad un contratto di una P.a. occorre sborsare 300 dollari. E in ogni caso il tempo impiegato viene comunque retribuito: anche se i documenti non vengono trovati o non possono essere resi pubblici per qualche motivo restrittivo, l’esborso finanziario è comunque dovuto.

Se in questo modo si presuppone una vera e propria organizzazione per offrire questo servizio che di sicuro sarà efficiente e di qualità, dall’altro, ci si domanda se non sia possibile evitare costi e complessità dei processi di produzione tramite un procedimento automatizzato, tipico di una vera amministrazione digitale, che possa fornire al cittadino in modo, appunto informatizzato, quello che cerca, sgravando di compiti le P.A e rendendo disponibili in remoto le informazioni ai richiedenti che potrebbero verificare, in qualsiasi momento e a distanza lo stato della propria pratica. Questo è quanto chiede in Italia la legge Anticorruzione e che si spera possa essere concretamente attuato. E’ strano che negli USA, un nazione che nelle sue riforme della P.A. ha sempre dato un posto rilevante all’ITC, non si sia provveduto in tal senso, come non si comprende come il FOIA statunitense non sia, a quanto pare, “open government” visto che in questo Paese si parla tanto di “Accountability”.

Davide D’amico, che ha tradotto l’”Information Access Guide”, la “Guida di accesso alle informazioni del Dipartimento di Stato” americano e autore di queste riflessioni, ha scoperto che tale attività rappresenta una fonte rilevante per il Paese. Consultando, ad esempio, i dati relativi alle richieste FOIA effettuate alla CIA, risultano circa 10.000.000 di dollari di introiti l’anno per l’accesso a documenti, cui corrisponde un impegno di 50 risorse umane coinvolte full time. Se moltiplichiamo questi introiti per tutte le Agenzie, è facile immaginare quanti milioni di dollari l’anno entrano con questo diritto di accesso.

In Italia, invece, sono interessate tutte le P.A. indicate nel Testo del Pubblico impiego, ivi comprese le Autorità portuali, nonché le Autorità amministrative indipendenti di garanzia, vigilanza e regolazione, ambito soggettivo di applicazione esteso, con la recente disposizione, agli Enti pubblici economici, Ordini professionali, Società in controllo pubblico, Associazioni, alle Fondazioni e agli Enti di diritto privato in specifiche situazioni indicate dalla norma vigente e compatibilmente con quanto verrà deciso dall’ANAC.

Se non per alcune differenze, come “nome interne e pratiche del personale” e “informazioni geologiche e geofisiche”, le cause di esclusione dell’accesso alle informazioni introdotte normativamente dal FOIA italiano sono simili a quelle statunitensi.

Inoltre, in Italia, il rilascio di copie in formato elettronico e cartaceo di dati e documenti in relazione ai quali si è esercitato l’accesso civico è gratuito ed è limitato al rimborso dei costi documentati per “riproduzione su supporti materiali”.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3