manodopera e tech

Innovazione, perché oggi l’Italia non ha una spina dorsale digitale

Il settore pubblico del nostro Paese non spinge adeguatamente sulla digitalizzazione di tutta l’Italia in tutte le forme possibili. I giovani, anche quelli più brillanti e con formazione universitaria, non sono preparati ai mestieri del futuro e temono l’innovazione. Eppure basterebbe poco per cambiare le cose

05 Dic 2019
Leonardo Valle

esperto internazionale di Project Management


Indipendentemente che sia pizzeria o un’industria hi-tech, l’azienda ben gestita è quella innovativa e digitale e oggi in presenza di questa grande opportunità legata a quello che ormai viene definito “nuovo umanesimo digitale”, è il momento di spazzare via i luoghi comuni e la mediocrazia, e mirare dritti al progresso intelligente, in cui alla manodopera si sostituirà la “mentidopera”, e le opportunità saranno le medesime, a Trieste come a Catania.

Un futuro idilliaco? Potrebbe esserlo, se non fosse che oggi l’Italia non ha una spina dorsale digitale, non ha provveduto, nel tempo, a sovrapporre tutte le opportunità rappresentate dalle nuove tecnologie e non le ha rese disponibili in modo semplice alle sue imprese. Non abbiamo saputo creare la cultura che sottende il cambiamento e lo alimenta.

L’uomo al centro del progresso digitale

Non ci si è resi conto per tempo, nel nostro Paese (e ora stiamo cercando di recuperare), che le tecnologie abilitanti stanno cambiando il mondo, avranno la forza di uno tsunami, spazzeranno via la mediocrazia partendo dalle aziende private fino a permeare inesorabilmente quelle pubbliche. Comprimeranno le inefficienze sia strutturali che soggettive, a tal punto da neutralizzarle e ridimensionarle.

In particolare nasceranno nuove autostrade e nuove ferrovie che attraverseranno il paese da nord a sud, non più costruite con traversine e rotaie, ma concepite come piattaforme digitali e connessioni 5G. Stiamo parlando della più grande ed incredibile occasione per quei territori che le autostrade e le ferrovie non le hanno mai avute o le hanno obsolete e, per questo, hanno subito nel tempo uno svantaggio economico e sociale che oggi può svanire per effetto di questa rivoluzione, che riporta in campo valori diversi, e mette al centro l’uomo.

L’internet of things, una delle tecnologie abilitanti, sta già provocando un radicale cambiamento nella concezione dei processi produttivi e dei servizi erogati, in ogni loro aspetto, dall’efficienza dei tempi e dei costi fino al monitoraggio della qualità. Dagli aspetti legati alla sicurezza fino alla privacy, dove peraltro l’uomo può guidare il processo addirittura con più autorevolezza e coinvolgimento di prima. In un contesto simile immaginiamo una nuova società intelligente che assorbe le innovazioni della quarta rivoluzione industriale, non solo per migliorare la produttività ma anche per aiutare a risolvere problemi sociali.

Il modello “human technology oriented”, scelto come guida di riferimento per il futuro, rimette la tecnologia al servizio della persona, non più per sostituirla.

Dalla manodopera alla mentidopera

In uno scenario simile che possiamo chiamare umanesimo digitale, si passerà dalla manodopera alle «mentidopera». Le aziende rinunceranno ancora di più a una forza lavoro prettamente fisica, evitando attività logoranti e dannose. Si ridurranno le attività a basso valore aggiunto. Sempre di più sarà necessario sostituire la manodopera con la “mentidopera” perché sempre di più occorrerà alimentare, con algoritmi e processi, le nuove linee intelligenti di produzione, e quindi nuove figure professionali serviranno ad alimentare il progresso. In estrema sintesi, il controllo dei processi prende il posto della pura operatività, riportandoci all’esaltazione del progresso intelligente di Adriano Olivetti, troppo spesso dimenticato.

I nostri giovani, ma anche tutti coloro che hanno talento e capacità da mettere in campo, a prescindere dall’età, sesso e residenza, possono immediatamente entrare nelle nuove aree di mercato che si stanno già aprendo. Il 65% degli studenti attuali svolgerà in futuro lavori che oggi ancora non esistono. Allo stesso tempo, decine e decine di mestieri scompariranno, specialmente nei ruoli amministrativi e nei lavori manuali, come spiegano i dati del World Economic Forum.

I settori trainanti l’economia italiana nasceranno in seno alla rivoluzione digitale (big data, intelligenza artificiale, internet of things), all’eco-sostenibilità (green economy, circular economy e blu economy), alla cultura, alla formazione e al patrimonio artistico (education & training, turismo e industria culturale).

Il cyber-physical system protagonista del futuro

L’esaltazione umanistica del futuro prossimo è il cyber-physical system, ambiente altamente tecnologico dove tutti noi saremo protagonisti nella doppia veste di fornitori e clienti, attori protagonisti in tutte le scelte. Un esempio illuminante già oggi è l’automotive: saremo sempre noi a guidare le automobili ma nuove tecnologie ci permetteranno di rimanere connessi in ogni momento, ci avvertiranno col giusto preavviso dei pericoli imminenti, ci informeranno in tempo reale se saremo stanchi, ci suggeriranno pause, informazioni, percorsi, in funzione dei nostri gusti e preferenze.

Le macchine, le nostre case, i posti di lavoro, gli ambienti commerciali, le nuove piattaforme digitali, tutto sarà human technology oriented. Ma allora perché manca la spina dorsale digitale all’Italia?

Perché all’Italia manca la spina dorsale digitale

Ero alle battute finali del capitolo relativo all’umanesimo digitale del mio libro Advanced Advisory, quando il direttore editoriale della collana “Manuzio’s Book” della quale fa parte questo libro, mi chiede d’incontrare quattro talenti, ragazzi neolaureati vincitori di un premio di una certa caratura grazie alle loro prime pubblicazioni e già proiettati in brillanti carriere.

Purtroppo, la retorica legata a certe metodologie d’insegnamento li ha portati inevitabilmente alla conclusione che progresso dia risultati negativi, alla confusione tra automazione e innovazione, e, in ultima analisi, a non riuscire a intravedere le possibilità di occupazione legate alla “mentidopera”.

WHITEPAPER
Che differenza c’è tra i Business Continuity e Disaster Recovery?
IoT
Manifatturiero/Produzione

E qui nell’estremo tentativo di riportare i giovani talenti sulla scia del progresso intelligente che calo l’asso del teorema “Pizzeria”.

“Carissimi, lasciando all’assaggio della pizza da sfornare il giudizio rispetto al gusto, secondo voi come faccio a capire, entrando in una pizzeria, che è assolutamente ben gestita?”

Le risposte sono state quelle che mi aspettavo, “divise in ordine, locale pulito, tempi di attesa giusti…”, tutte conseguenze di una buona gestione, ma come arrivo alla buona gestione? “Con proprietari attenti e presenti.”

Io rispondo: “per me una pizzeria assolutamente ben gestita è quando vengono da me e prendono l’ordine con un palmare”.

Perché?

I ragazzi immediatamente rispondono “è vero perché le ordinazioni arrivano prima al pizzaiolo”, ed anche “il conto è più veloce”.

Ma cosa è accaduto nell’istante in cui il cameriere ha indicato in una Margherita il mio ordine?

Effettivamente l’informazione è disponibile al pizzaiolo in tempo reale, ma se si associa alla pizza Margherita una distinta base con quantità di farina, olio, pomodoro, alla fine della serata ho la lista della spesa per il giorno dopo.

Non solo

Se associo qualche elemento di profilazione su chi è il cliente di fronte al cameriere, una coppia, oppure una famiglia, comitiva di amici, vegetariani, inizi anche ad avere con pochi click del data input vestito da cameriere, un big data di profilazione sulla clientela che è fondamentale per mirare la pubblicità in modo strategico.

Non solo

Le operazioni di cassa sono in automatico, basta premere il pulsante sul numero del tavolo ed abbiamo il conto, magari con in automatico anche una proposta di fidelizzazione su misura del cliente. E possiamo permetterci a costo zero un arrivederci magari con scontistica in un giorno preciso della settimana successiva appropriato e studiato su misura grazie ai quattro click fatti in precedenza.

Non solo

Come investiamo il tempo dei proprietari o gestori non più costretti a fare conti su cosa comprare, fare liste della spesa la mattina presto ancora stanchi di serate e nottate inchiodati incredibilmente in cassa?

Andiamo a migliorare la selezione e l’addestramento del personale, poniamo più attenzione sicuramente all’immagine del locale, alla qualità dei prodotti, e soprattutto, magari attraverso la fornitura di collegamenti gratuiti wifi per tutta la serata, acquisiamo il contatto diretto con i clienti, ed iniziamo a interagire con loro, magari utilizzando i social, creando nel mondo digitale un’opinione positiva sul locale, mostrando il perché i nostri prodotti sono freschi, a Km Zero oppure Vero, e ricordando tutte le promozioni in atto sera per sera, raccogliendo le prenotazioni per tempo……

Tutto ciò nato da un palmare…

Tutto ciò frutto delle “mentidopera”, senza rubare il posto al bravo pizzaiolo o al cameriere, ma al contrario rendendo la loro opera a più valore aggiunto per la loro azienda, che magari aumenta pure il fatturato.

Non siamo pronti ai mestieri di domani

Il dato tristissimo è che passiamo il tempo a parlare di una frazione decimale del PIL che non sposta nulla nell’economia reale e non affrontiamo il problema che quattro giovani talenti oggi usciti dall’Università forse non sono in grado di gestire al top una pizzeria.

Il settore pubblico del nostro Paese non spinge adeguatamente sulla digitalizzazione di tutta l’Italia in tutte le forme possibili, partendo dalle reti dati.

È vero che molte tecnologie, incluso quelle digitali, sono arrivate a maturazione tutte insieme e gli imprenditori, immersi nella loro quotidianità, frenati dalla mediocrazia diffusa, non le hanno sapute intercettare e trapiantare nella propria azienda.

Ma è altrettanto vero, come già detto, che in Italia manca la spina dorsale e che non stiamo insegnando i mestieri di domani ai giovani studenti universitari e mancano anche le intelligenze per accelerare in modo diffuso; ci sono iniziative spesso slegate tra loro o confinate in oasi di progresso presso aziende private di grandi dimensioni o comunque apicali.

Occorre ampliare la conoscenza e la curiosità rispetto al potenziale inespresso, parlare meno dell’ovvio, meno invettiva, meno rabbia, meno speculazione a breve termine ed avere più cura del nostro futuro.

WHITEPAPER
IoT Security: i fattori prioritari e i modelli da considerare nelle valutazioni dei rischi
IoT
Legal

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati