l'analisi

Rivendita delle licenze usate, quali regole per l’Open source?

La rivendita di licenze usate è legittima e deve sottostare a condizioni sancite dalla Corte di giustizia europea. Il discorso relativo alle licenze Open source merita una discussione più approfondita perché, al di là dell’uso del software, tendono a creare una comunità

Pubblicato il 08 Feb 2023

Simona Lavagnini

avvocato, partner LGV Avvocati

open source software

È ormai noto che la rivendita di licenze di software usato sia legittima e possibile. Il principio è stato sancito dalla Corte di giustizia europea che, con la decisione nel caso UsedSoft GmbH c. Oracle International Corp. del 3 luglio 2012 (C-128/11), ha statuito che la rivendita delle licenze del software usato è lecita, purché rispetti determinate condizioni.

La decisione della Corte si è basata sul principio di esaurimento dei diritti d’autore e di marchio, il quale stabilisce che il titolare dei diritti non può opporsi alle rivendite successive del bene protetto, una volta che questo sia stato immesso in commercio nel territorio italiano o di uno Stato membro dello Spazio economico europeo (See), da parte dello stesso titolare dell’esclusiva o comunque con il suo consenso.

L’open source si fa largo in azienda: motivi per adottarlo, ostacoli, sistemi più diffusi

I principi

Secondo la Corte di giustizia europea questa regola vale anche per le licenze di software, che vengono riqualificate come contratti di vendita a condizione che prevedano la concessione a favore dell’acquirente del diritto di utilizzare il software per un periodo illimitato di tempo e, inoltre, a fronte del pagamento di un compenso che corrisponda al valore economico della copia del software.

Quando si verificano queste circostanze, poiché – come detto – la licenza è equiparata ad una vendita, le restrizioni dirette a impedire l’ulteriore circolazione del software non sono invalide, con la conseguenza che l’acquirente del software può cedere il software stesso, anche se ciò è vietato dalla licenza.

Egli deve tuttavia privarsi completamente del software a favore dell’acquirente e cessarne quindi ogni uso, rendendo inutilizzabili eventuali copie digitali che siano rimaste in suo possesso. Il principio in questione è ormai consolidato, in quanto ulteriormente ribadito dalla Corte di giustizia europea nel caso Ranks contro Microsoft (causa C-166/15, decisione del 12 ottobre 2016), con la precisazione che, il principio dell’esaurimento, non si applica alle copie di backup del software.

Il software Open source

Non è tuttavia chiaro se le regole sull’esaurimento ora illustrate si debbano applicare anche nel caso in cui il software sia distribuito attraverso licenze Open source. Le licenze Open source sono quei contratti di cui si avvale la comunità del software cosiddetto “libero”, basate sulla distribuzione gratuita del software all’utente, il quale riceve copia del software stesso nella versione di codice sorgente e può non solo utilizzarlo, ma anche studiarlo, modificarlo e redistribuirlo con o senza modifiche.

La licenza Open source impone tuttavia a tutti i suoi fruitori di redistribuire il software nel rispetto delle condizioni in cui esso è stato ricevuto, e quindi in particolare mettendo a disposizione il codice sorgente del software nella versione modificata, e non soltanto il codice oggetto, e comunque collegando sempre il software stesso alle condizioni della licenza e alle relative annotazioni circa la titolarità dei diritti.

In questo senso le licenze Open source hanno un effetto di tipo virale, nel senso che le libertà attribuite all’acquirente si propagano nella catena della distribuzione e degli sviluppi. È evidente che le licenze Open source siano caratterizzate da un numero di libertà conferite all’utente ben maggiore di quelle tipicamente concesse nello schema delle licenze commerciali, ma è altrettanto evidente che le limitazioni connesse alle licenze Open source siano particolarmente penetranti, poiché l’utente-sviluppatore è tenuto per contratto a rimettere a disposizione il software sviluppato e a rinunciare al suo diritto di monopolio, concedendone ai terzi la libera utilizzazione in tutte le forme previste dalla licenza Open source.

I nodi

Poiché le licenze Open source sono tipicamente caratterizzate dalla concessione a favore dell’acquirente di un diritto di utilizzazione a tempo indeterminato – esattamente come avviene nel mondo del software commerciale – vi è da chiedersi se anche questo tipo di licenze possa essere assimilato ad un contratto di vendita, cui possa essere applicato il principio di esaurimento come sopra descritto.

Se la risposta fosse positiva, ci si dovrebbe poi chiedere se l’acquirente della licenza possa lecitamente rivendere la propria copia del software senza necessariamente rispettare le condizioni previste dalla licenza, dal momento che i contratti di compravendita sono tendenzialmente contratti di cessione della proprietà, a cui difficilmente possono essere applicate limitazioni o restrizioni.

La questione può essere risolta sulla base dell’esame delle caratteristiche tipiche delle licenze Open source le quali sono, secondo l’interpretazione prevalente, accordi appartenenti alla categoria dei contratti gratuiti atipici. In quanto tali, le licenze Open source sono considerate valide ed applicabili, secondo il nostro ordinamento, in quanto dotati di una causa meritevole.

In questo senso esiste già una giurisprudenza nazionale e internazionale sufficientemente consolidata. Le licenze Open source sarebbero infatti dirette a realizzare un interesse delle parti che, benché di carattere non patrimoniale, sarebbe comunque sempre individuabile, per esempio nell’interesse all’ampliamento della notorietà da parte del titolare dei diritti, ovvero alla promozione della circolazione e dello sviluppo del software in modalità dinamica.

Cessione software tra società, quanto è legittimo chiedere un prezzo per il trasferimento

Il principio dell’esaurimento nell’Open source

Le licenze Open source sono tendenzialmente caratterizzate dalla gratuità. In questo caso si potrebbe allora valorizzare il passaggio della decisione della Corte di giustizia europea, nella quale la stessa ha ritenuto che una delle condizioni per l’applicabilità dell’esaurimento alle licenze di software consista nella circostanza che la copia del software sia stata immessa sul mercato a fronte della ricezione da parte del titolare dei diritti di un compenso corrispondente al valore economico della copia stessa.

In questo caso, infatti, il titolare dei diritti ha già soddisfatto la propria rendita di posizione monopolistica con la percezione del corrispettivo economico versato dal licenziatario per la licenza, e non ha quindi più diritto a controllare l’eventuale successiva commercializzazione dell’opera. Quando la licenza è gratuita, tuttavia, non è possibile individuare un corrispettivo economico a favore del titolare dei diritti, e questa circostanza potrebbe già essere un elemento sufficiente per escludere l’applicabilità del principio dell’esaurimento alle licenze open source.

Non tutte le licenze Open source sono tuttavia caratterizzate dalla totale gratuità. Inoltre, pur in mancanza di un corrispettivo economico, esse non sono contratti liberali, ovvero atti di disposizione in cui il disponente persegue l’intento di arricchire l’altra parte attraverso il proprio impoverimento, e senza alcun altro interesse.

Al contrario, le licenze Open source perseguono precisi interessi del disponente che non sono patrimoniali ma non sono neppure altruistici o, per lo meno, interamente altruistici. A ben vedere, tuttavia, questi interessi possono essere perseguiti solo se viene mantenuto il carattere virale della licenza, grazie al quale si produce l’ulteriore disseminazione del software in codice sorgente, con tutte le connesse libertà dell’utente, che costituiscono lo strumento attraverso il quale si realizza l’obiettivo del titolare dei diritti a una diffusione ampia del suo software e a un suo sviluppo dinamico.

Di conseguenza, applicare il principio di esaurimento nel contesto delle licenze Open source equivarrebbe a negare la stessa ratio del contratto di licenza quale contratto gratuito atipico. Si dovrebbe allora giungere alla conclusione che la licenza Open source è invalida ma, in questo caso, l’acquirente non avrebbe mai validamente ricevuto i diritti d’utilizzo, e l’ulteriore distribuzione delle copie del software da parte sua sarebbe sicuramente illecita.

Si tratta di una conclusione estrema che contraddice la realtà economica e sociale delle licenze open source, e che quindi va sicuramente esclusa.

Il caso Tom Kabinet e i libri elettronici

Questa conseguenza pare necessaria alla luce del caso Tom Kabinet del 19 dicembre 2019, con cui la Corte di giustizia europea ha escluso l’applicazione del principio di esaurimento ad un servizio on-line consistente in un mercato virtuale per libri elettronici “di seconda mano”.

La Corte ha infatti ritenuto che le regole sull’esaurimento del caso Usedsoft non possano essere applicate ai libri elettronici, in quanto esse sarebbero di specifica applicazione al solo software, di cui si occupa la Direttiva 2009/24, mentre in generale per le altre opere dell’ingegno deve essere presa in considerazione la Direttiva Infosoc sul diritto d’autore europeo, con esiti diametralmente opposti.

Conclusioni

A ben vedere, la sentenza Tom Kabinet si basa su di un principio di specialità che sembra strettamente legato alle modalità di circolazione dei software commerciali, tramite licenze d’uso perpetue e basate sul pagamento di un corrispettivo. Valorizzando le differenze fra i modelli distributivi del software commerciale e del software Open source, si dovrebbe escludere l’applicabilità del principio dell’esaurimento a quest’ultimo settore.

Le licenze Open source non sono strettamente finalizzate a concedere all’utente il mero uso del software, ma mirano a creare una vera e propria comunità, i cui partecipanti sono tendenzialmente a loro volta titolari di diritti d’autore, che modificano il software per evolverlo e re-immetterlo nel circuito della comunità. Di qui, l’estraneità del modello Open source a quello del software commerciale e l’opportunità di riconoscere quindi la validità e l’autonomia delle licenze Open source, con la conseguente piena applicazione delle clausole ivi previste, fra cui in particolare quelle tipiche della cosiddetta viralità.

Valuta la qualità di questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3