COMPETENZE DIGITALI

Sistemi educativi: che fare perché le riforme abbiano un impatto positivo

Due recenti rapporti dell’Ocse nell’area Education mettono a fuoco la dimensione significativa del ritardo della popolazione italiana nel campo dell’istruzione e gli elementi chiave da considerare nelle riforme. Spunti interessanti da tenere in considerazione per gli interventi in via di definizione con la Buona Scuola

12 Mar 2015
scuola-140608171752

Il rapporto intermedio dell’Ocse sul livello di istruzione e di occupazione degli adulti, con un aggiornamento dei dati a fine 2013 (Education at a Glance Interim Report: Update of Employment and Educational Attainment Indicators), fotografa una situazione in cui un giovane su sei della fascia di età 25-34 non possiede le competenze considerate essenziali per la società di oggi, un dato sostanzialmente senza variazioni significative dal 2003. Una situazione preoccupante per più ragioni, che Andreas Schleicher, il direttore Ocse per Education e Skills, così riassume “Avere un giovane su sei che entra nel mondo degli adulti senza una qualifica è un grande rischio per i mercati del lavoro e le società. Il progresso deve essere raggiunto attraverso la scala formativa, dando la priorità a ridurre la percentuale dei meno istruiti tra i giovani”.

Bassa istruzione, analfabetismo funzionale e competenze digitali

Tra l’altro è ben noto il legame tra bassa istruzione e analfabetismo funzionale e tra questi e l’analfabetismo digitale. E questo è anche reso evidente dal fatto che i Paesi con tassi più alti di istruzione al di sotto della terziaria (universitaria) siano anche quelli con i tassi più alti di popolazione che non utilizza per nulla (o non frequentemente) Internet e i servizi online.

Tra i 13 Paesi Ocse che superano il 15% di giovani senza qualifica (quindi con la sola istruzione primaria), dove figurano Francia, Paesi Bassi, Norvegia, Danimarca, Nuova Zelanda, l’Italia è tra quelli a percentuale maggiore, con il 27%, in Europa meglio soltanto di Spagna e Portogallo. Simile per certi versi la situazione nella fascia 55-64 anni, con gli stessi Paesi agli ultimi posti e l’Italia al 56% di popolazione con istruzione al più primaria e solo al 12% terziaria. Il dato che però preoccupa maggiormente (e rilevabile dai dati che mette a disposizione l’Ocse sul proprio sito web) è che se si considera la fascia di età complessiva degli adulti (24-64) la percentuale di popolazione con la sola istruzione primaria è del 42%, con una riduzione molto lenta dal 2000 (55%) ad oggi, soprattutto se paragonata a Paesi come la Grecia (dal 51% al 30%) o l’Irlanda (dal 42% al 23%) che dieci anni fa partivano da situazioni non molto lontane da quella italiana.

Situazione, quella italiana, resa più gravosa anche dal problema occupazionale e dal fenomeno dei NEET (Not in employment, education or training) soprattutto nella fascia 20-24 anni, dove l’Italia è l’unico Paese Ocse in cui la percentuale sale in modo significativo (dal 27% del 2000 al 34% del 2013), attestandosi sui dati 2013 solo dietro la Turchia (che però nello stesso periodo scende dal 44% al 36%). È, questa, la situazione grave e complessa che di fatto è uno dei principali fattori di freno alla crescita socio-economica italiana e allo sviluppo di un reale cambiamento che sfrutti compiutamente le opportunità della rete e del digitale.

Una situazione di progressivo ritardo di competenze che rende difficile progettare reali e profondi cambiamenti, impedisce l’effettivo avvio di tante innovazioni e che favorisce, allo stesso tempo, lo sfruttamento di tutti i possibili spazi di rallentamento e di prosecuzione delle vecchie prassi. Non è un caso, ad esempio, che ancora oggi prevalgano i bandi di gara che richiedono alle imprese documentazione esclusivamente cartacea, nonostante da tempo sia possibile farne a meno.

Una situazione che richiede, come è bene ribadire, interventi di lungo termine, non estemporanei, ampi e capillari, diversificati e avviati da tutti gli attori del sistema educativo. Sapendo che il tema della crescita non si può separare da quello dello sviluppo delle competenze digitali e che questo è a sua volta indissolubile dal tema della crescita dell’alfabetismo funzionale, con obiettivi evidenti e chiari sui livelli di istruzione. Difficilmente può essere efficace una politica sul sistema educativo che si rivolga solo a una parte della popolazione o affronti solo un versante del problema.

Gli ingredienti delle riforme di successo sui sistemi educativi

Ed è così che il grande sforzo prodotto e ancora in corso sulla Buona Scuola (con la più grande consultazione online mai avvenuta in Europa, 207mila partecipanti), per cui è atteso per fine marzo un primo decreto, rischia di tradursi in un intervento di grande innovazione ma parziale, che non affronta fino in fondo le conseguenze e la necessità di un ruolo sempre più attivo delle reti di scuole per la completa riorganizzazione del Ministero, che non coniuga i temi scolastici con quelli dell’università e della ricerca, o con quelli della formazione permanente degli adulti, dove per tali devono intendersi anche i giovani con bassa istruzione e però ormai usciti dal circuito scolastico. E che non si inquadra, perché non c’è ancora, in un progetto organico di riforma e di innovazione dell’intero sistema educativo, che veda il territorio come centro di attenzione e di intervento, in una logica complessiva che considera l’intero tempo-vita come spazio attivo di apprendimento.

Così da rendere la scuola centrale nella crescita culturale del territorio, e anche più efficaci le misurazioni di efficacia dei cambiamenti prodotti, conoscendo e valutando impatti e condizionamenti del contesto territoriale.

Misurazioni che sono fondamentali per qualsiasi riforma e qualsiasi innovazione. Ed è ancora l’Ocse a evidenziarlo nel suo recente rapporto Education Policy Outlook 2015: Making Reforms Happen , dove rileva che su circa 450 riforme sull’area educativa messe in opera nei Paesi Ocse dal 2008 al 2014, solo 10 sono state valutate dai governi rispetto al loro impatto. Una mancanza dovuta a più fattori, come l’incompetenza, la difficoltà di definire un sistema di monitoraggio e valutazione efficace e anche la convenienza politica, ma che producono come unico risultato l’impossibilità di migliorare, correggere gli errori, costruire sulle esperienze, comprendere l’efficacia di uno schema di intervento. Secondo il rapporto Ocse i processi da considerare per l’implementazione efficace di una riforma nel campo educativo includono il miglioramento del capacity-building e la sostenibilità di lungo termine, la comprensione e il coinvolgimento degli stakeholder, il trovare un bilanciamento tra politiche (policy) e agenda politica, considerare l’ulteriore valutazione d’impatto che discende dal progetto delle policy, tenere in mente il contesto dei sistemi educativi. Considerando, però, che uno degli ingredienti più importanti è la presenza di docenti competenti e motivati, perché “i sistemi educativi dipendono dalla presenza di docenti di alta qualità e dal loro ruolo nell’attuare efficacemente le politiche educative”.

Ma è sulla corretta pianificazione implementativa e sulla valutazione d’impatto che si misura l’efficacia di una riforma. Sempre Schleicher: “Mentre è incoraggiante vedere un focus maggiore sui risultati, piuttosto che sul semplice incremento di spesa, è cruciale che alle riforme sia dato il tempo adeguato e che il loro impatto sia analizzato”. E nel campo educativo l’impatto non si misura con la quantità di dotazione tecnologica, o la disponibilità di banda, che sono condizioni necessarie ma non il fine dell’innovazione. Si misura valutando l’adeguatezza delle competenze sviluppate rispetto alla capacità di esercitare compiutamente i propri diritti e alle richieste del mercato del lavoro. Sapendo che sono obiettivi chiave per il futuro del Paese, per la crescita sociale ed economica. Perché se nella popolazione aumenta il divario culturale e digitale, la conseguenza è una società divisa, e già per questo, ancorché tecnologicamente infrastrutturata, povera e con limitate prospettive.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4