Infocamere

Una identità digitale sicura per le imprese: il valore del progetto IMPULSE

L’intelligenza artificiale e la blockchain per migliorare i processi di identificazione online e sostenere la fiducia online. Scopriamo cos’è il progetto IMPULSE (Identity Management in PUbLic SErvices), dove si prevede che un rappresentante d’impresa possa disporre della propria identità digitale

16 Nov 2022
Marco Vianello

Relazioni internazionali – InfoCamere

La profonda trasformazione digitale che stiamo vivendo fa affiorare un nuovo modello di fiducia che sempre più sarà alla base del nostro modo di interagire in tutte le dimensioni sociali.

Nei rapporti verso le istituzioni come in quelli economici e fino alle relazioni personali, farsi riconoscere in modo certo e sicuro è sempre stato un requisito indispensabile per lo sviluppo sociale e, proprio per questo, l’avvento di una società digitale impone una sua declinazione attraverso modalità e strumenti nuovi, in linea con le esigenze di rapporti sempre più remotizzati, in un’ottica di sostenibilità.

Ultimate Guide to Identity Management | Mühlbauer TIDIS®

Farsi riconoscere in modo certo e sicuro

Fiducia è la parola chiave che rende possibili connessioni e collaborazioni tra soggetti diversi, spesso separati da barriere territoriali, culturali, linguistiche, amministrative e di settore.

WHITEPAPER
DATI: come PROTEGGERLI e mantenerli CONFORMI alle regole? Scarica la Guida
Sicurezza dei dati
Database

In questo nuovo modello, le istituzioni pubbliche dovranno assumere sempre di più il ruolo di garanti della qualità, dell’affidabilità e della trasparenza dei servizi forniti dall’intero ecosistema in cui si articola una società digitale.

La fiducia digitale

Utenti, dispositivi, applicazioni e dati si muovono sempre più in uno spazio che supera la zona di controllo diretto generando straordinarie opportunità di crescita da favorire e governare adottando sistemi strutturati e affidabili contro potenziali rischi di frodi e falsificazioni.

L’identità digitale e le nuove tecnologie abilitanti, come la blockchain e l’intelligenza artificiale, si candidano come soluzioni ideali per concretizzare futuri scenari basati sulla fiducia digitale, a partire dall’accesso ai servizi online.

Firma remota, verso le nuove regole eIDAS: ecco lo scenario

Che cos’è IMPULSE

L’iniziativa IMPULSE (Identity Management in PUbLic SErvices) – cofinanziata dalla Commissione Europea nell’ambito del bando Transformative impact of disruptive technologies in public services e sviluppata nell’ambito del programma Horizon 2020 (ora sostituito dall’attuale Horizon Europe) – punta a verificare i benefici che l’adozione di tali tecnologie potrà portare a cittadini, imprese e amministrazioni sotto diversi aspetti: etico, socio-economico, legale, di standardizzazione.

Che tradotti in pratica, possono significare – ad esempio – abbattere le barriere per l’accesso ai servizi, migliorare la percezione degli stessi, diminuire i tempi della burocrazia, aumentare la sicurezza nelle relazioni, contribuire al rafforzamento del rispetto della privacy (GDPR), ecc.

L’identità digitale sicura e affidabile

Per definizione, l’accesso a servizi remoti – sia pubblici che privati – deve essere personale e non trasferibile, e richiede perciò un’identificazione e una gestione sicura e affidabile delle cosiddette “identità digitali”.

La Commissione europea definisce l’identità elettronica (eID) come “un mezzo con cui le persone possono dimostrare elettronicamente di essere chi dicono di essere” e quindi ottenere l’accesso ai servizi.

In altre parole, l’identità elettronica è lo strumento che “può garantire l’identificazione univoca di una persona e rendere possibile l’erogazione del servizio alla persona che ne ha realmente diritto”.

La privacy prima di tutto

La tecnologia eID sicura e che preserva la privacy è un elemento essenziale per la fiducia nel mercato unico digitale, garantisce la protezione dei dati e la prevenzione delle frodi online.

Questi aspetti sono fondamentali per i servizi elettronici, in particolare per quelli pubblici, poiché i cittadini e le organizzazioni devono avere fiducia che i loro dati siano trattati nel pieno rispetto della legislazione esistente sulla protezione dei dati, ad esempio il GDPR ed il regolamento eIDAS, per transazioni digitali affidabili.

Carta d’identità elettronica, ora si fa sul serio: come sta evolvendo l’eID in Italia

Blockchain e intelligenza artificiale per la PA

Le pubbliche amministrazioni a volte detengono versioni diverse e sovrapposte (anche contraddittorie) della stessa identità digitale, incontrando difficoltà a garantire un’unica eID consolidata e verificabile. Ciò si traduce in processi inefficienti sia per gli utenti finali (cittadini e imprese) che per i dipendenti pubblici, che devono ulteriormente verificare le stesse informazioni.

In questo contesto, tecnologie quali blockchain ed intelligenza artificiale potrebbero portare grandi vantaggi.

Da un lato nella gestione dell’identità digitale, così che i servizi possano raggiungere nuovi segmenti di popolazione eliminando le barriere che attualmente causano una percezione sociale negativa (ad esempio, problemi di privacy, complessità, considerazioni sulla sicurezza digitale, rischio di frode di identità, ecc.). Dall’altro, queste tecnologie potrebbero facilitare lo sviluppo di servizi elettronici nuovi e innovativi per i quali sia indispensabile una gestione dell’identità affidabile e in grado di assicurare la nostra privacy.

Al pari di altre entità in Europa, il sistema camerale italiano si è impegnato a sperimentare e valutare i nuovi driver tecnologici per contribuire attivamente non solo alla trasformazione digitale dei sistemi economici e produttivi, ma anche all’avanzamento del ruolo e del funzionamento delle organizzazioni del settore pubblico.

Un consorzio internazionale qualificato

Per assicurare un rapporto più trasparente con le imprese attraverso una maggiore efficacia ed efficienza nell’erogazione dei servizi, Unioncamere e InfoCamere hanno aderito a IMPULSE entrando a far parte di un consorzio internazionale estremamente qualificato, che può contare sulla presenza di esperti provider di servizi digitali a carattere innovativo – quali Tree Technology e la Fondazione Galiziana – e di alcune authority provenienti da diversi paesi europei (agenzie interministeriali, università, amministrazioni locali).

Come funziona

Il pilot specifico che Unioncamere e InfoCamere svilupperanno nei prossimi mesi, sfrutta le potenzialità della tecnologia distribuita e prevede che un rappresentante d’impresa possa disporre della propria identità digitale, rilasciata grazie ad un’app che utilizza il riconoscimento facciale, per accedere al cassetto digitale dell’imprenditore (impresa.italia.it), lo strumento che attualmente consente a quasi 2 milioni di legali rappresentanti d’impresa di gestire – anche dallo smartphone o tablet e senza alcun costo – i documenti ufficiali della propria azienda depositati negli archivi della Camera di commercio.

In una fase successiva l’imprenditore potrà inoltre disporre, all’interno del proprio wallet, di un set di dati certificati (credential) relativi ufficiali alla propria azienda provenienti dal Registro delle imprese così da poter gestire e scambiare queste informazioni (proof) con terze parti e dimostrare il possesso dei requisiti richiesti.

Nel 2024 i risultati della sperimentazione

I risultati della sperimentazione sono attesi nei primi mesi del 2024 e permetteranno di sviluppare una visione su come queste tecnologie possano cambiare le modalità in cui le istituzioni governative e amministrative gestiscono le informazioni e i processi di cui sono responsabili.

Inoltre, porranno la base per la costruzione di una strategia programmatica, sia a livello nazionale che internazionale, per favorire lo sviluppo coordinato e inclusivo di nuovi servizi digitali.

Perché la trasformazione digitale del sistema-Paese possa produrre appieno le sue potenzialità è fondamentale coinvolgere il mondo delle imprese, soprattutto quelle meno strutturate e preparate ad affrontare i cambiamenti legati alle nuove tecnologie.

Accanto al necessario sforzo per favorire la crescita di una cultura digitale diffusa, sarà sempre più importante il ruolo delle istituzioni – in quadro di cooperazione sovranazionale – a presidio della fiducia nell’uso delle tecnologie digitali che, solo così, potranno essere socialmente accettabili e produrre i benefici attesi.

WHITEPAPER
Gestione dei contratti e GDPR: guida all’esternalizzazione di attività dei dati personali
Legal
Privacy
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4