La riflessione

Vincono le fake news perché la democrazia è in crisi. E le soluzioni sono peggiori del male

E’ pericoloso affrontare il problema fake news con un sistema di controllo a monte. Forza una già potente polarizzazione tra parti e rinforza la sfiducia già forte. Le fake news non sono altro che l’effetto a valle di un problema più profondo

03 Feb 2017
Walter Quattrociocchi

ricercatore, Università ca foscari di Venezia

Digital Emotion Regulation

I social possono informare, mobilitare, coinvolgere e promuovere la democrazia. Lo abbiamo visto nei tentativi, anche se in parte abortiti, della Primavera Araba. Ma possono anche rappresentare una grave minaccia se si fanno portatori di informazioni sbagliate, create ad arte o frutto dell’ignoranza, che hanno l’effetto di stravolgere la realtà. Il meccanismo non è caratteristico dei soli social network. Con i social network però si verificano simultaneamente alcune situazioni che producono un effetto scala difficilmente contenibile. Prima di tutto la disintermediazione, caratteristica della rete che offre a chiunque diritto di parola – ed è questa l’essenza stessa della democrazia – e l’opportunità di porsi come emittenza al di là di meriti personali, curricula, conoscenze specifiche. È il trionfo dell’uomo comune che erode spazio all’emittenza tradizionale e all’elite costituita che hanno oramai non poco problemi di credibilità e di vera rappresentatività sociale.

Chi fino ad alcuni anni fa era depositario di informazione e conoscenza viene adesso rimpiazzato.

Infatti, l’èlite intellettuale, politica ed istituzionale fatica ad interpretare i grandi cambiamenti sociali in atto. Troppo spesso ci si rinchiude nelle interpretazioni del secolo scorso finendo in un esercizio manieristico che complica il quadro, già di suo molto articolato, sofistica e non raccoglie.

La globalizzazione è esplosa e con lei la complessità. La dialettica produzione di valore (mercato) e redestribuzione (stato) è rotta. L’impalcatura sovranazionale su cui si svolge il processo inibisce e annulla qualunque azione.

La sfiducia ed il disagio si traducono in nazionalismo, provincialismo in una contrapposizione spiccata verso un’èlite a cui non viene riconosciuta nessuna autorità.

Anzi, secondo alcuni spesso è meglio fare l’opposto di quello che dice.

Interpretazioni che diventano narrazioni e portate avanti a inerzia. Il processo di formazione dell’opinione pubblica si perde nei deliri e nel rumore.

Chi propone il fact-checking come soluzione universale ignora la naturale tendenza a prender posizioni. Il mito del tuttologo debunker nuovo vate del sapere e in grado di discernere il vero, il falso e l’interpretazione dei dati e delle loro implicazioni.

Il dibattito sulle soluzioni fa più paura del problema stesso. Forza una già potente polarizzazione tra parti e rinforza la sfiducia delle masse, già forte. Le fake news non sono altro che l’effetto a valle di un problema più profondo a monte. Ossia l’incapacità di imbrigliare la complessità e la risultante divisione delle persone in opposte narrazioni.

La polarizzazione sociale (assieme all’intensificarsi delle minacce ambientali e alla disuguaglianza economica) è uno dei principali rischi globali secondo il nuovo Global Risks Report, il rapporto del World Economic Forum che da 13 anni a questa parte ogni anno individua i maggiori pericoli a livello mondiale e le possibili risposte. Quattro anni fa il Wef aveva inquadrato la rapida diffusione della disinformazione quale altra minaccia globale; un elemento che sulla base degli eventi politici che hanno contrassegnato il 2016 ha preso improvvisamente concretezza, trasformandosi da minaccia a pericolo effettivamente percepito e probabilmente reale.
 Non a caso “post verità”, come definizione di ciò che è relativo a, o che denota, circostanze nelle quali fatti obiettivi sono meno influenti nell’orientare la pubblica opinione che gli appelli all’emotività e le convinzioni personali, è stata incoronata dall’Oxford Dictionary quale parola dell’anno appena trascorso. Da qui a un’altra definizione chiave come polarizzazione sociale il passo è breve, molto.

La diffusione del termine post truth nel dibattito politico e dei social network ha avuto un andamento ascendente per tutto il 2016 ma ha registrato picchi nel giugno e alla fine del mese di ottobre, in concomitanza con il referendum britannico sulla Brexit e, naturalmente, con le presidenziali negli Stati Uniti caratterizzate da una agguerrita campagna elettorale che ha visto i social network protagonisti. In realtà, i social network si si stanno dimostrando attori vivaci anche nella primissima era Trump. Se infatti internet e i suoi canali di comunicazione social (Twitter soprattutto) hanno avuto un ruolo significato nella campagna del candidato repubblicano.

Fra lo stile di comunicazione di Trump e del suo staff e quello dei suoi oppositori non ci sono troppe differenze. Stesso strumento; stesso obiettivo; e soprattutto stessa dinamica della polarizzazione.

Ma post truth non è una parola che nasce nell’era dei social. Interessante notare – come ricorda l’Oxford Dictionary – che il primo a usarla sulle pagine del magazine statunitense “The Nation” fu Steve Tesich nel 1992 , a commento dell’affair Iran-Contras; questione allora altamente polarizzante per l’opinione pubblica statunitense. Una delle possibili letture del dibattito sulla disinformazione e sulla post verità passa infatti proprio attraverso il concetto di “polarizzazione”, tematica che ben si sposa con il potere evocativo di alcune tematiche che sono al centro dell’agenda dei media.

Nel momento in cui la post verità è capace di influenzare anche i processi decisionali degli elettori, la situazione è tale da aver fatto interrogare il World Economic Forum nel suo Global Risks Report 201t sul pericolo che la democrazia occidentale possa essere entrata in una fase di crisi; un timore che si fa più forte di fronte alla percezione diffusa che i governi nazionali abbiano fallito e alla crescita del desiderio di un leader forte che governi le nazioni. Si tratta di contesti in cui si sviluppano quegli stessi populismi che avrebbero favorito gli esiti del referendum britannico e delle elezioni Usa.

La cultura della polarizzazione e l’emergenza post-truth sono due dei fattori collegati al timore per la crisi della democrazia così come l’abbiamo conosciuta nel corso degli ultimi due secoli.

riferimenti e approfondimenti

[1] Del Vicario, M., Bessi, A., Zollo, F., Petroni, F., Scala, A., Caldarelli, G., … & Quattrociocchi, W. (2016). The spreading of misinformation online. Proceedings of the National Academy of Sciences, 113(3), 554-559.

[2] Quattrociocchi, W., Scala, A., & Sunstein, C. R. (2016). Echo chambers on facebook.

[3] Del Vicario, M., Scala, A., Caldarelli, G., Stanley, H. E., & Quattrociocchi, W. (2016). Modeling confirmation bias and polarization. arXiv preprint arXiv:1607.00022.

[4] Quattrociocchi, W., & Vicini, A. (2016). Misinformation.: Guida alla società dell’informazione e della credulità. FrancoAngeli.

[5]http://reports.weforum.org/global-risks-2017/part-2-social-and-political-challenges/2-1-western-democracy-in-crisis/

[6]https://www.key4biz.it/breakingdigital-hate-speech-e-bufale-social-lettera-aperta-alla-presidente-della-camera-laura-boldrini/174857/

[7] https://www.bloomberg.com/view/articles/2016-01-08/how-facebook-makes-us-dumber

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4