Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

La guida

Carta Reddito di cittadinanza, che cos’è e come richiederla

La Carta Reddito di cittadinanza è lo strumento attraverso cui usufruire del sussidio statale introdotto nel 2019. Attraverso questa prepagata emessa da PostePay, è possibile fare acquisti e saldare le spese di casa. Vediamo come si può utilizzare la carta e quali sono le sue funzioni specifiche

31 Mag 2019

Nicoletta Pisanu

Giornalista


Carta Reddito di cittadinanza, che cos’è e come richiederla: è il momento di approfondire il senso di uno strumento attraverso cui fruire della misura di sussidio statale del Reddito di cittadinanza.

Con l’avvio del provvedimento relativo al Reddito di cittadinanza, strumento statale di supporto alle persone in difficoltà e senza lavoro, è stata introdotta questa speciale carta sulla quale viene mensilmente versata la cifra che spetta a ognuno se la propria richiesta di accedere al sussidio è stata accettata. Una carta utile per fare spese di beni primari utili per la quotidianità, per pagare il canone di locazione o il mutuo e anche le bollette. Ecco la guida su come ottenere questa carta prepagata e come usarla nel modo appropriato.

Carta Reddito di cittadinanza, che cos’è e a cosa serve

La Carta Reddito di cittadinanza è la carta prepagata elettronica attraverso cui viene erogato il sussidio economico del Reddito di cittadinanza, come previsto dalla legge. La Carta Reddito di cittadinanza viene emessa da PostePay.

Attraverso la Carta Reddito di cittadinanza, gli aventi diritto (così come individuati dalla normativa: per valutare tutti i parametri, ci sono i servizi Reddito di cittadinanza online messi a disposizione dal Ministero) compiere diverse operazioni. In primis, potranni pagare le bollette di luce e gas negli uffici postali, usufruendo anche delle agevolazioni per persone in difficoltà economica. Inoltre, operazione indispensabile per la quotidianità, potranno acquistare beni e servizi di base in Italia, secondo le categorie di spesa previste dalla normativa in materia di Reddito di cittadinanza e solo nei negozi convenzionati con il circuito Mastercard.

Ovviamente i detentori della Carta Reddito di cittadinanza potranno anche prelevare ai bancomat sia delle Poste che delle banche, per avere denaro contante: i parametri per stabilire il limite massimo mensile di denaro prelevato consentito dalla legge si basa sulla “scala di equivalenza”. Per esempio, un nucleo familiare composto da una sola persona non può prelevare più di cento euro al mese. Le commissioni per ogni prelievo ammontano a 1 euro se il denaro viene ritirato a uno sportello Postamat, a 1,75 euro se ottenuto tramite bancomat di un istituto bancario. Per garantire un aiuto alla propria situazione abitativa, la Carta Reddito di cittadinanza permette anche di pagare l’affitto o il mutuo, effettuando ogni mese un bonifico o un postagiro presso gli uffici postali. In questo caso, le commissioni per queste due operazioni ammontano rispettivamente a un euro per ogni bonifico e 0,50 euro ogni postagiro.

Cosa è vietato acquistare

Con la Carta Reddito di cittadinanza non è permesso compiere acquisti di diversi beni superflui. Non si possono far compere lussuose, per esempio spendendo i soldi in gioielli, né in armi o pornografia. Vietato anche il gioco d’azzardo: non si possono giocare i soldi del Reddito di cittadinanza per cercare di vincere qualcosa, che sia altro denaro o diversi beni. Con la carta non si può fare shopping online, pagando sugli e-commerce, così come non è consentito pagare e prelevare oltre i confini nazionali. Una particolarità riguarda poi le imbarcazioni: con la card non si possono noleggiare navi o barche, né pagare servizi al porto.

Carta Reddito di cittadinanza, come richiederla

Come anticipato, la Carta Reddito di cittadinanza si può ottenere solo se si viene ritenuti idonei a ricevere il sussidio economico statale. Utile quindi verificare se si dispone dei requisiti (tutta la normativa è disponibile sul sito della Gazzetta Ufficiale, le spiegazioni si possono trovare anche sul sito internet istituzionale realizzato proprio a questo scopo, disponibile qui).

Senza doversi presentare alle Poste o ai Caf, la trafila burocratica per richiedere il reddito di cittadinanza può essere fatta online attraverso il portale governativo. Lo stato della domanda poi si potrà controllare tra i servizi Inps Online, per verificare a che punto è. Queste procedure sono disponibili per i cittadini dal marzo 2019.

Il PIN code della Carta Reddito di cittadinanza

Una volta che la domanda per il Reddito di cittadinanza verrà accolta, si riceverà una email o un messaggio sul proprio telefono cellulare con le indicazioni per ritirare la Carta Reddito di cittadinanza. In particolare, viene spiegato in quale ufficio postale della propria città andare a ritirare la carta e il Pin code per poterla usare. Al momento della consegna, la carta è già pienamente funzionante e dispone già del credito relativo alla mensilità.

Il PIN Code è ovviamente segreto e dunque va conservato come ogni codice personale, con attenzione. Come per una normale carta prepagata o bancomat, anche la Carta Reddito di cittadinanza richiede che si digiti il PIN al momento del pagamento ma solo se la spesa supera i venticinque euro: la carta infatti è contactless.

Come controllare il saldo

Se non si tiene il conto di quanto si è speso oppure semplicemente si vuole controllare che le mensilità vengano versate correttamente sulla Carta reddito di cittadinanza, esiste la possibilità come per una normale carta prepagata di controllare il saldo disponibile.

Questo è possibile in tre modi differenti. Il primo, più intuitivo, è quello di recarsi a uno sportello Postamat, un ATM di Poste Italiane: infilando la carta nell’apposita fessura sul monitor comparirà anche l’opzione per controllare il saldo e così si potrà avere un’idea precisa di quanto denaro sia disponibile sulla propria carta. Altrimenti, qualora non ci fosse uno sportello nelle vicinanze, si può chiamare il numero verde che Poste Italiane ha messo a disposizione sia per utenze fisse che mobili. Il numero da chiamare per conoscere il saldo della propria carta è 800.666.888. Come riportato sul sito di Poste Italiane (portale che offre i servizi Poste Online), il numero è gratuito da qualsiasi telefono lo si chiami. Vi è anche una terza strada, che si può percorrere comodamente da casa propria ma solo se si dispone di una connessione internet. Tra i servizi online dedicati al Reddito di cittadinanza infatti, ai quali si può accedere tramite il portale istituzionale redditodicittadinanza.gov.it, c’è anche quello di consultazione del saldo della propria carta. Ovviamente, il servizio telematico è completamente gratuito, per accedere bisogna fare login nella propria area personale tramite le metodologie indicate sul portale web governativo.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4