Questo sito web utilizza cookie tecnici e, previo Suo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsente all'uso dei cookie. Leggi la nostra Cookie Policy per esteso.OK

L'approfondimento

Inps online, codice pin e servizi disponibili: a cosa servono e come usarli

Consultare il cedolino, richiedere il sussidio di disoccupazione o calcolare la pensione futura: l’Inps mette online numerosi servizi accessibili dal portale dell’ente previdenziale. Importante, per utilizzarli, essere dotati di codice Pin, che si può richiedere anche per via telematica

06 Mar 2019

L’Inps online, sul proprio sito, mette a disposizione una serie di servizi pensati per facilitare gli utenti che ricercano informazioni o hanno bisogno di inoltrare domande e documenti relativi a pensionati, disoccupati, invalidi. Importante, per accedere a tutte le funzioni messe a disposizione dall’ente previdenziale, essere dotati di Spid, Carta nazionale dei servizi o codice Pin.

Che cos’è e a cosa serve il codice Pin dell’Inps

Il Pin è il codice identificativo personale dell’utente, che può servirsene per accedere ai servizi online dell’Inps. Il Pin originario è composto da sedici caratteri, sarà poi sostituito al primo accesso con un codice di otto caratteri. Tutti possono richiederlo.

L’Inps ha messo a disposizione due generi di versi di codice Pin:

  • ordinario: serve a consultare i propri dati, relativamente ai contributi:
  • dispositivo: necessario per richiedere prestazioni e risorse economiche.

Un elemento indispensabile dunque per poter usufruire delle comodità dei servizi online dell’ente previdenziale.

Inps online: come richiedere il Pin per i servizi 

Ci sono diversi modi per richiedere e ottenere il codice Pin dell’Inps. È possibile presentarsi alla sede Inps più vicina e richiederlo, ottenendo così immediatamente un Pin dispositivo. Se si ha bisogno del Pin ordinario, si può richiedere comodamente online attraverso l’apposita procedura di richiesta del Pin presente sul sito Inps. Ancora, l’ente previdenziale Inps ha messo a disposizione un contact center raggiungibile con il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa) e il numero 06 164 164 da rete mobile (a pagamento).

In seguito sarà possibile convertire il Pin ordinario in Pin dispositivo, sul sito dell’ente è disponibile l’apposita sezione per farlo. Attenzione alla scadenza: il codice Pin dell’utente scade infatti ogni sei mese, mentre quello degli intermediari ogni tre mesi.

Richiesta del Pin Inps via sito web

La procedura online per richiedere il Pin si può svolgere sul sito Inps. È necessario avere il codice fiscale, che andrà inserito subito all’inizio dell’iter, nell’apposita schermata. Lì bisognerà anche indicare se si risiede in Italia o all’estero. Nella fase successiva, bisogna indicare i propri dati anagrafici, la residenza e almeno un contatto telefonico oltre un recapito a scelta tra numero di cellulare, email o Pec. Inserire due recapiti è utile nel caso ci si dimentichi del Pin: in quel caso infatti sarà necessario procedere tramite la sezione “ripristina Pin”. Completata la procedura, confermati i dati forniti all’ente, comparirà l’avviso di presa in carico della richiesta.

A questo punto, a uno dei recapiti indicati verranno inoltrati i primi otto caratteri del codice.

I primi 8 caratteri del PIN ti saranno inviati ad uno dei recapiti da te indicati, mentre gli altri otto saranno inviati all’indirizzo di residenza per posta. Questo Pin di sedici caratteri è “provvisorio”. Al primo accesso infatti, inserendolo dove richiesto, sarà sostituito con un Pin più corto di otto caratteri.

La sezione My INPS

Per gli utenti, sul sito Inps è disponibile l’area riservata MyInps, cui si può accedere con il Pin, lo Spid o la Carta nazionale dei servizi. Lo spazio è completamente personalizzabile e viene usato dagli utenti per organizzare scadenze e richieste o raccogliere i contenuti interessanti visti sul sito dell’ente.

Cassetta postale online

Tutta la corrispondenza inviata dall’Inps all’utente dal 2006 in poi viene raccolta nella Cassetta postale online, servizio messo a disposizione proprio per consultare le comunicazioni. È possibile accedere al servizio se si è iscritti alle gestioni private Inps e si è dotati del codice Pin.

Tutte le lettere e le comunicazioni ricevute dall’ente negli anni vengono lì raccolte, è possibile stampare anche le raccomandante.

La mia pensione futura

L’ente sul proprio sito consente di effettuare una simulazione sulla pensione che attenderà l’utente al termine dell’attività lavorativa tramite l’apposita funzione “La mia pensione futura”. Il servizio permette anche di controllare i contributi versati all’Inps fino a ora. Il calcolo previsionale si basa sui dati anagrafici forniti dall’utente, sulla sua storia lavorativa e ovviamente anche sulla normativa attuale in materia di pensioni.

Possono servirsene i lavoratori con contributi versati al Fondo pensioni lavoratori dipendenti di Inps o alla Gestione separata, gli iscritti alla Gestione dirigenti di aziende industriali e chi versa contributi agli altri fondi amministrati da Inps.

Il cedolino della pensione Inps online

Ai pensionati, l’Inps consente di controllare online il proprio cedolino della pensione. Il servizio è disponibile con accesso non solo da computer, ma anche mobile. Dallo smartphone quindi un pensionato può controllare il suo cedolino e prendere informazioni su eventuali variazioni.

Tramite questo servizio è possibile recuperare anche certificazioni.

Inps online le prestazioni a sostegno del reddito

Sul sito Inps è possibile anche inoltrare online richieste per ottenere contributi economici a sostegno del reddito per famiglie, disoccupati e in caso di malattia. Si può inviare la domanda online per esempio per richiedere l’assegno di disoccupazione, la maternità, il congedo matrimoniale, permessi in base alla legge 104/1992 e congedi straordinari, ma anche l’indennità di malattia e degenza ospedaliera per gli iscritti alla Gestione separata.

Per avviare la procedura è necessario inviare online il modulo SR163 chiamato “Richiesta di pagamento delle prestazioni a sostegno del reddito”, seguendo tutte le indicazioni presenti sul sito.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Articolo 1 di 4