approfondimento

Dalla Pec alla Rem, grandi speranze: cosa aspettarci con il decreto attuativo



Indirizzo copiato

Aspettando il decreto attuativo necessario per concretizzare il passaggio dalla Pec alla Rem è interessante capire cosa comporta questo cambiamento

Pubblicato il 7 giu 2024



PEC europea

Lunedì 20 maggio è entrato in vigore eIDAS 2, la versione rinnovata del Regolamento Ue 2016/910, ma vanno ancora completate alcune parti del “vecchio” regolamento. Tra queste c’è la “vecchia” PEC, abrogata fin dal 2019 e non ancora sostituita dalla nuova REM. Mancavano lo standard europeo e la normazione tecnica nazionale mentre il decreto di attuazione arriverà a breve.

I servizi fiduciari eIDAS

Il Regolamento eIDAS (Regolamento UE 2014/910) prevede una serie di servizi fiduciari, cioè di identificazione e trasmissione dati comuni in tutta l’Unione Europea. Tra i servizi fiduciari, il Regolamento eIDAS prevede anche i SERC (Servizi Elettronici di Recapito Certificato), chiamati anche ERDS (Electronic Registered Delivery Service), cioè trasmissione sicura di dati con prove di invio e ricezione (eIDAS art.3.36). Questi servizi possono essere di due tipi:

  • Servizi postali, detti anche REM (Registered Electronic Mail). Si basano su protocolli informatici tipici delle email. Va da sé che la PEC è un servizio di tipo postale. Lo è anche se l’accesso avviene via web.
  • Servizi non postali se basati su web services.

La nuova versione del Regolamento eIDAS, cioè la versione integrata dal recente Regolamento 2024/1183 in vigore dal 20 maggio, non interviene su questa classe di servizi fiduciari che, quindi, rimangono regolati dal “vecchio” Regolamento eIDAS.

Il Regolamento eIDAS, inoltre, con gli articoli 43 e 44 distingue due livelli di servizi ERDS:

  • semplici. Godono di presunzioni sull’integrità del messaggio, sull’identità di mittente e destinatario, sulla data e sull’ora. La PEC è un servizio ERDS semplice.
  • Qualificati chiamati anche QERDS (Qualified Electronic Registered Delivery System). Devono essere offerti da fornitori qualificati e offrono superiori garanzie tecniche.

Figura 1 – I servizi ERDS possono essere di tipo postale o non postale inoltre possono essere qualificati o non qualificati. La PEC è un servizio ERDS di tipo postale non qualificato.

Rem IT, l’evoluzione

Un po’ paradossalmente, la PEC è un servizio di recapito certificato semplice. Per diventare servizio qualificato ha subito tre evoluzioni fondamentali:

  1. Richiede l’identificazione certa del proprietario della casella. Per la verità anche in Italia, con la PEC-ID che entrava addirittura nell’articolo 65 del CAD, c’era stato un tentativo di questo tipo. Non aveva portato a nulla, un po’ per il l’indolenza del Legislatore e un po’ per gli interessi divergenti degli operatori.
  2. Richiede autenticazione forte ad ogni utilizzo. In pratica un’autenticazione a due fattori simile a quella per l’utilizzo dello SPID di livello 2 o, normalmente, all’utilizzo delle piattaforme di home banking.
  3. Interoperabilità secondo le norme tecniche delle REM. Con specifiche norme tecniche i sistemi devono scambiarsi informazioni fondamentali per la qualità del servizio. Anche se interessa meno gli utilizzatori finali, l’importante lavoro di standardizzazione degli ultimi anni ha riguardato soprattutto questi aspetti.

L’evoluzione è progredita su due piani paralleli di standardizzazione tecnica. Quella europea che ha portato recentemente al completamento dello standard ETSI EN 319 532 sulla REM e quello nazionale per declinare la PEC in senso europeo e farla diventare una REM qualificata. In pratica, la PEC da ERDS semplice diventa finalmente un QERDS, un servizio di recapito certificato qualificato.

La “nuova” PEC, chiamata anche “PEC europea”, è la declinazione italiana della REM e, più correttamente, si dovrebbe chiamare REM IT. È descritta tecnicamente dalle regole tecniche rilasciate recentemente dell’AGID tramite un documento dal titolo “REM SERVICE – Criteri di adozione Standard ETSI – Policy IT v.2.0”. L’adozione legale in Italia avverrà a breve con l’adozione di uno specifico Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Figura 2 – La standardizzazione della PEC ha avuto lo scopo di farla diventare REM IT che è un servizio ERDS qualificato.

Le radici della Rem italiana

Pertanto la REM IT, la versione italiana della Registered Electronic Mail, ha due radici:

  • la prima è la regolazione nazionale della PEC fin dal lontano DPR n.68 del 2005 assieme alle sue stupefacenti regole tecniche dello stesso anno. Fin da principio è stata considerata la base da cui partire per definire la REM IT.
  • La seconda radice è rappresentata dallo stesso Regolamento eIDAS che regola i servizi di recapito certificato come uno dei servizi fiduciari a beneficio del mercato unico europeo. Sottolineo, non solo le Pubbliche Amministrazioni ma anche le imprese e i cittadini.

Le novità tecniche sono molte ma sono perlopiù invisibili all’utilizzatore finale e pertanto esulano da questa trattazione. Lato utilizzatore finale le novità sono essenzialmente tre: l’identificazione iniziale, l’autenticazione ad ogni utilizzo, le comunicazioni sull’esito della trasmissione, l’integrazione coi sistemi documentali delle Pubbliche Amministrazioni. Vediamole separatamente.

Identificazione iniziale Rem IT

La prima grande novità della REM IT rispetto alla PEC è il legame chiaro che deve essere stabilito tra una persona e una casella REM IT. La persona fisica titolare della casella REM IT o il suo legale rappresentante deve essere preventivamente identificata. I metodi di identificazione sono diversi e vengono stabiliti da ogni fornitore. Sono riconducibili a quelli necessari per ottenere l’identità SPID e comprendono il contatto diretto, l’utilizzo della Carta d’Identità Elettronica o della Carta Nazionale dei Servizi-Tessera Sanitaria, documenti con firma elettronica qualificata come la firma digitale oppure lo stesso SPID.

Rem IT e autenticazione a ogni utilizzo

Ad ogni utilizzo di una casella, la REM IT richiede l’autenticazione a due fattori dell’utente. Nella pratica, oltre a user e password, l’utilizzatore deve inserire un codice ricevuto tramite SMS o app oppure compiere un’operazione push su qualche altro dispositivo. Si tratta della normale pratica diffusa con SPID di livello 2.

Rem IT e comunicazioni sull’esito

Per l’inoltro del messaggio originale, la REM IT gestisce una serie di messaggi automatici tra le varie caselle. Nella PEC questi messaggi sono costituiti dalle ricevute che informano sullo stato dell’inoltro e dagli avvisi necessari in caso di errore. Nella REM IT cade la distinzione tra avvisi e ricevute, tutti i messaggi automatici di ora si chiamano “REM receipt”.

C’è una stretta corrispondenza tra le ricevute PEC e le REM receipt quando la comunicazione va a buon fine. Le tre ricevute più importanti cambiano nome secondo questa corrispondenza:

Ricevute PECREM receipt
1AccettazioneSubmission Acceptance
2Presa in caricoRelay Acceptance
3Avvenuta consegnaContent Consignment

Tabella 1 – Corrispondenza tra le principali ricevute PEC e REM receipt

In Italia la prima prova l’avvenuto invio di un messaggio mentre la terza ne prova l’avvenuta consegna. Sia le nuove REM receipt sia i dati contenuti nel “vecchio” DATICERT.XML sono parte di un complesso di messaggi interni chiamati “ERDS evidence” e standardizzati già a livello europeo.

Rem e integrazione tra sistemi delle PA

Nelle pubbliche amministrazioni difficilmente le singole caselle PEC vengono utilizzate con un normale accesso via webmail oppure tramite client di posta. Come richiesto dal complesso di norme sulla gestione documentale, le caselle PEC vengono gestite tramite piattaforme di gestione documentale. In quasi due decenni in cui gli aspetti tecnici delle caselle PEC sono rimasti stabili, il mondo della gestione documentale e archivistica delle Pubbliche Amministrazioni ha subito profonde evoluzioni, le piattaforme di gestione documentale hanno potuto progredire contando sulla stasi di uno dei suoi componenti integrati.

Ora, con l’introduzione delle REM IT le cose stanno per cambiare, le software house che hanno scritto e che mantengono queste piattaforme devono affrontare i nuovi aspetti di integrazione e non è detto che sarà del tutto indolore. Pensiamo per esempio all’autenticazione a due fattori per gli operatori di protocollo oppure alla corretta gestione documentale delle REM receipt. Altri grattacapi sono in vista nell’integrazione coi sistemi di interscambio delle fatture elettroniche o degli ordinativi di pagamento e riscossione.

Lo scenario futuro

Fare previsioni, si sa, è difficile ma alcune prospettive di breve e medio termine sono già chiare e vanno distinte su più piani: nazionale, comunitario, extra comunitario, pubbliche amministrazioni.

Rem, cosa aspettarci in Italia

In ambito nazionale è facile affermare che cambierà poco. Se l’obiettivo delle REM Policy-IT e del DPCM era quello mettere in sicurezza l’ecosistema nazionale, questo obiettivo è stato raggiunto.

L’atteso DPCM di switch off, cioè chiusura delle PEC e trasformazione in REM IT, stabilirà non solo una data ma anche la messa in sicurezza di un ecosistema tutto italiano. Un ambiente, lo ricordo, composto da istituzioni e imprese e che si muove con norme, prassi, modelli di business e investimenti che ha impiegato molti anni per crescere e stabilizzarsi in un processo forse neppure del tutto concluso. Pensiamo al ruolo del Registro Generale degli Indirizzi Elettronici (ReGIndE), cioè l’elenco delle caselle PEC gestito dal Ministero di Giustizia, che ancora si sovrappone agli elenchi dei domicili digitali del CAD, cioè INI-PEC (art. 6-bis), IPA (art. 6-ter) e INAD (art. 6-quater).

La giurisprudenza più stimolante sulle PEC ha riguardato spesso due aspetti che dovrebbero rimanere intaccati anche con la REM IT. Il primo riguarda la validità del messaggio gestita tramite le ERDS evidence. Il secondo attiene alla validità del domicilio digitale, cioè la valida iscrizione su un qualche registro pubblico o la sua conoscibilità o utilizzabilità.

La standardizzazione non è avvenuta senza fatica. Il lavoro è durato anni e si è concluso solo recentemente con il completamento della normazione tecnica europea ETSI EN 319 532 a gennaio e a maggio con la declinazione italiana della REM IT tramite due documenti tecnici la cui lettura delle parti introduttive rappresenta un esempio di chiarezza e linearità. Per quattro anni l’AGID ha coordinato un gruppo di lavoro e, in sede europea, ha promosso specifici test di interoperabilità con operatori nazionali, europei ed extra europei ottenendo utili indicazioni per la normazione tecnica sia europea sia nazionale. La scelta di evolvere un sistema già collaudato presenta anche qualche aspetto delicato e da evidenziare: complessità e irrigidimento. Il “vecchio” DPR 68/2005 era figlio di un altro mondo tecnologico e di un’altra Europa. Era relativamente semplice da leggere e da applicare e, come detto, ha avuto il vantaggio di non essere stato intaccato quando il resto del mondo stava cambiando e ci basti ricordare il Regolamento eIDAS o le numerose modifiche al CAD. La formulazione tecnica della REM IT da una parte affronta questa complessità ma dall’altra forse è anche il segno di un certo irrigidimento sulle nostre prassi nazionali, non esattamente un segno di apertura verso il nuovo.

Inoltre, nel medio periodo si possono intravvedere conseguenze inaspettate sul lato delle identità perché, se le caselle REM IT sono legate alle persone, allora lo stesso quadro delle identità digitali ne viene scalfito. La REM IT fa un salto da uno strumento di trasporto verso uno strumento che può fare a meno dell’incorporazione di una qualche firma elettronica. In prospettiva anche la firma digitale, ragguardevole esempio di firma elettronica qualificata, rischia di perdere lo scettro di strumento centrale di identità digitale di cui gode fin dai tempi della “Bassanini 1”, più di un quarto di secolo fa.

Rem in UE

Rimane l’incognita sulla diffusione della REM IT in altri paesi dell’Unione Europea e questo ha che fare anche con le prassi e le tradizioni giuridiche. Ci basti pensare che a livello nazionale CAD, dottrina e giurisprudenza definiscono chiaramente valore e limiti dei documenti elettronici e delle identità associate. Ma questo è chiaro in Italia mentre altrove le cose potrebbero andare diversamente. D’altronde, pensiamo al caso contrario, quello dei sigilli elettronici. Sono previsti dal Regolamento eIDAS ma da noi hanno trovato solo poche e sporadiche applicazioni.

La domanda non va posta sul piano tecnico ma su quello commerciale. La risposta è difficile ma non troppo perché molti Paesi europei hanno sviluppato propri sistemi supportati da specifici ecosistemi nazionali e, come in Italia, li stanno facendo evolvere verso i QERDS. Nel momento in cui scrivo, i fornitori europei di servizi REM qualificati sono ben 49. Tra questi c’è anche l’evoluzione tedesca di De-Mail e merita sottolineare che la Germania è il nostro maggior partner commerciale europeo. Tutti i sistemi qualificati europei devono essere interoperabili, lo sono fin da principio le stesse ERDS evidence. Forse, più che una questione tecnica la diffusione della REM IT diventa una questione di spazi commerciali di espansione su mercati ancora disponibili.

Oltre a tutto, non è detto che altri Paesi membri puntino sulla comunicazione qualificata REM come abbiamo fatto noi. D’altronde noi, almeno per l’interazione con la Pubblica Amministrazione, ci stiamo orientando verso altre direzioni.

Rem e Paesi extra UE

Il quadro si complica ulteriormente coi Paesi fuori Unione. Se lasciamo stare il Regno Unito che con il Government Digital Service fa storia a parte, qui merita una menzione il caso degli Stati Uniti dove coesistono molti sistemi variamente regolati e con diversi approcci tra postali e non postali. Gli USA sono una parte di mondo in cui la concorrenza permea fin dalle origini il sistema legale statunitense e gli stessi percorsi universitari sulla trasformazione digitale ne sono innervati. In definitiva, un mercato variegato quanto a soluzioni tecniche e di difficile penetrazione per i nostri operatori.

Rem e PA

Un discorso a parte merita la Pubblica Amministrazione italiana. La nascita della REM IT ha visto un ruolo attivo dei principali fornitori nazionali tra cui Infocert che è anche il fornitore unico nella convenzione CONSIP delle caselle REM IT e della migrazione dalle caselle PEC.

Vale la pena accennare almeno agli affetti della REM IT sull’interazione coi cittadini che è regolata dall’art.65 del CAD. Il comma 1. lettera a) fa riferimento a alla sottoscrizione di istanze e dichiarazioni con firma elettronica avanzata, cioè quella forma di identità che il “vecchio” DPCM 22/02/2013 carica ancora di pesi tale da renderla quasi inutilizzabile. Con la riformulazione se non l’abrogazione di quel DPCM si aprono prospettive interessanti anche per le REM IT per l’invio di documenti privi di firma elettronica.

In questa direzione si sta muovendo lo stesso Piano Triennale che, nell’ambito del progetto Italia Login, attribuisce all’App IO ruoli crescenti che – sottolineo – non utilizzano né REM né firme elettroniche avanzate.

Conclusione

L’introduzione della REM IT ha il pregio di sostituire la PEC nel modo più fluido possibile mantenendo l’ecosistema tutto nazionale di regole e operatori costruito in quasi due decenni. Nel breve periodo le cose non cambieranno.

Per anni la PEC era stata criticata di essere un sistema solo italiano non riconosciuto all’estero. Un giudizio non più sostenibile proprio con la nascita della REM IT e, d’altronde, lo stesso Legislatore nazionale fin dal 2017 ha previsto la totale sostituibilità della PEC con altri servizi QERDS ai sensi del Regolamento eIDAS (CAD art.1.1-ter). Attenzione però, il Legislatore non si limita alla REM IT che è solo uno dei possibili QERDS, altri servizi sono teoricamente possibili e non necessariamente di tipo postale.

Altri Paesi europei sembrano orientati verso altre direzioni in un mondo che pretende velocità di interazione. Lo stesso modello strategico del nostro Piano Triennale suggerisce strumenti di comunicazione dei cittadini con le Pubbliche Amministrazioni che superano la PEC o la REM IT.

Si prospetta una concorrenza tra strumenti e, nel medio-lungo periodo, forse l’unica oasi di tranquillità della REM IT rimarrà la vasta area dei rapporti più strutturati tra imprese e Pubblica Amministrazione. Sarà, in ogni caso, un confronto interessante.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 3