accreditamento

Servizi eIDAS, l’Italia in corsa per competere in Europa

Il Regolamento eIDAS è stato pubblicato in carenza di un assetto normativo sufficiente a supportare lo svolgimento e la qualifica di tutti i servizi previsti e questo ha portato a comportamenti discordanti e che hanno penalizzato il mercato italiano. Ecco come hanno deciso di muoversi Accredia e Agid

02 Ago 2018
eidas

Accredia e AgID, nell’ottica della consueta e costruttiva collaborazione instaurata, hanno in rampa di lancio degli schemi proprietari destinati a consentire l’adozione dei servizi eIDAS. Questi, in altri Paesi, pur in assenza delle norme di riferimento, sono stati oggetto di accreditamento volontario, certificazione e accreditamento “pubblico” degli Organismi di Certificazione nonché dei TSP che li hanno adottati. Situazione che rischia di penalizzare il mercato italiano e a cui urge porre ora rimedio. Vediamo perché.

Regolamento eIDAS e carenza normativa

Dalla pubblicazione del Regolamento UE 910/2014 “eIDAS” sono passati quattro anni, un breve lasso di tempo, se misurato con i criteri del cittadino comune. In realtà, nella dimensione tipica dell’universo digitale, questo periodo di tempo è estremamente lungo. Il modo di concepire il mercato è sempre più simile alla logica di funzionamento di un microprocessore il quale cerca di anticipare le richieste di calcolo che verranno fatte dalle applicazioni. Allo stesso modo, il mercato cerca sempre più di anticipare i tempi, per presentare nuove soluzioni anche se le infrastrutture o le regole di supporto a tali servizi non sono ancora ben sviluppate.

WHITEPAPER
Strategie e strumenti per il Digital Marketing del 2023 - la guida step by step
Dematerializzazione
Istruzione

Con l’avvento di eIDAS si è voluto correre, probabilmente, più velocemente di quanto fosse giusto e il Regolamento è stato pubblicato in carenza di un assetto normativo sufficiente a supportare lo svolgimento e la qualifica di tutti i servizi da questo previsti.

Le criticità del Regolamento

Il legislatore europeo si è preoccupato di riportare nel corpo del Regolamento un riferimento giuridico molto robusto, quello ad un altro Regolamento, il n° 765 del 2008[1] che disciplina l’attività di accreditamento degli organismi di certificazione e ispezione e i laboratori di prova e taratura, al fine di garantire un processo il più possibile uniforme e credibile di natura istruttoria, per la certificazione e il successivo “accreditamento pubblico” degli operatori dei servizi fiduciari (TSP – Trust Service Provider). Non è stato però indicato in modo completo quali fonti normative avrebbero dovuto essere utilizzate per il processo istruttorio citato, né è stato chiarito che queste avrebbero dovuto essere prodotte da un ente di normazione europeo, ad esempio ETSI, l’Istituto Europeo per gli Standard nelle Telecomunicazioni.

In sintesi, è stato definito che gli Organismi di Certificazione destinati a certificare i TSP per i servizi eIDAS avrebbero dovuto essere accreditati sulla base della cornice europea di accreditamento garantita dal Regolamento 765 del 2008, ma non è stato chiarito quali fossero le norme applicabili per tale processo di accreditamento e per la successiva certificazione dei TSP.

Pertanto, in vigenza della pubblicazione del Regolamento comunitario n. 910, allo scopo di individuare le norme applicabili, fu incaricata di questo compito l’EA (European Cooperation for Accreditation) che, in virtù dell’Art. 14, paragrafo 6 del Regolamento (EC) 765/2008, è non solo l’Associazione di rappresentanza degli Enti di accreditamento dell’area Europea, ma è anche riconosciuta dalla Commissione Europea (con la quale stipula un accordo di programma)[2] come “infrastruttura Europea di Accreditamento”.

In questo quadro, in EA venne formato un gruppo di lavoro, che stabilì, non senza perplessità, che l’accreditamento degli Organismi di Certificazione, destinati a certificare il processo di gestione delle identità digitali, avrebbe dovuto basarsi sulla norma EN ISO/IEC 17065[3] e che le certificazioni rilasciate ai TSP avrebbero dovuto basarsi sulle norme applicabili, a partire da quelle già esistenti, come la norma ETSI EN 319 403, che definisce i criteri di accreditamento per lo specifico schema, con forte attenzione al processo di qualifica degli Auditor, e la norma ETSI EN 319 401, che stabilisce i requisiti sistemici per garantire i presupposti di sicurezza delle informazioni nelle infrastrutture dei TSP[4].

Norme mancanti e comportamenti discordanti

All’epoca della pubblicazione del Regolamento eIDAS, mancavano all’appello le norme per disciplinare i servizi di “validazione delle firme e sigilli”, di “conservazione delle firme e sigilli” e di “recapito certificato”. Proprio questa carenza ha portato a discordanti comportamenti sul mercato. La pubblicazione del Regolamento eIDAS appare un evento recente (e, per certi versi lo è), ma il tempo nell’universo digitale scorre alla velocità del “business”, che proprio eIDAS dovrebbe contribuire a regolamentare. Stante la volontarietà delle Norme, sia di accreditamento, sia di certificazione, adottate da EA, molti Paesi europei hanno pensato di accreditare gli Organismi di Certificazione attivi sul proprio territorio sulla base di regole diverse dalle stesse Norme “ETSI EN” citate.

In questo contesto, chi ha adottato un comportamento prudente e rispettoso delle regole fissate di comune accordo in EA, si è trovato a vedere altri enti di accreditamento e altre autorità che hanno accettato comportamenti un po’ più audaci, per non dire poco raffrontabili in un’ottica di regole comuni per la libera circolazione dei servizi. Questa situazione rischia di penalizzare il mercato italiano.

Un illustre giurista, figura di spicco nel mondo eIDAS, fa notare che il “diritto” è prassi e non ingegneria e, pertanto, bene fa chi, senza arrecare troppo danno agli altri fa i propri interessi.

“Lesson learned”… è tempo di attrezzarci.

___________________________________________________

  1. Il Regolamento 765_2008 istituisce la cornice operativa dell’accreditamento europeo, che pone norme in materia di accreditamento e vigilanza del mercato.
  2. EA ricevette nel 2008 lo specifico incarico di garantire l’operatività dell’infrastruttura di accreditamento europea, destinata a garantire il rispetto delle Norme di accreditamento, volontarie e cogenti, tra tutti gli operatori della conformità, sia nell’ambito delle certificazioni volontarie (come l’ormai nota ISO 9001), sia di quelle cogenti, sia dell’accreditamento dei laboratori di prova, sia di quelli metrologici. Proprio l’attività svolta da EA e i relativi “peer assessment”, o valutazioni alla pari tra gli Enti di Accreditamento nazionali, permette il mutuo riconoscimento internazionale delle certificazioni, delle prove di laboratorio e dei processi istruttori per le notifiche degli operatori in ambito cosiddetto “notificato” nei database europei, quali NANDO e il Database eIDAS.
  3. Per l’Italia la Norma UNI CEI EN ISO/IEC 17065:2012 “Valutazione della Conformità – Requisiti per gli Organismi di Certificazione che certificano prodotti, processi e servizi”.
  4. Altri riferimenti normativi già pronti alla pubblicazione del Regolamento eIDAS furono le Norme ETSI EN 319 411-1 e 319 411-2 per la emissione dei certificati e le Norme ETSI EN 319 421 per l’emissione di marche temporali, ETSI EN 319 412 per i profili dei certificati.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati