L'analisi

Industria 4.0, è stallo? Ripartiamo dalla formazione ITS

Industria 4.0 registra un rallentamento, per le incertezze sulla situazione economica e sulle intenzioni del Governo. Necessario un cambiamento culturale nelle aziende, che punti a obiettivi di inclusione aziendale e ad approcci solution driven verso la tecnologia. Esemplare in questo scenario il caso degli ITS

15 Lug 2019
Paolo Manfredi

Confartigianato

cyber-4.0

Qualche giorno fa su questa stessa testata, il presidente di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici Gianni Potti lamentava “robusti segnali di frenata di Industria 4.0”, in termini di contrazione del mercato di riferimento nel primo trimestre 2019 sul 2018 dell’ordine del del 10-15%. Si tratta di un dato certamente negativo, che amareggia ma certamente non sorprende. Da un lato vi è il peso dell’enorme incertezza che grava sulla nostra economia e, non secondariamente, sulle intenzioni del Governo in merito alla politica industriale e per le imprese, un combinato disposto di fattori che certamente non stimola gli investimenti.

Dall’altro lato però è innegabile che, a tre anni dal suo lancio (come, non lo si dimentichi, misura choc per scuotere l’economia, non riforma strutturale), Impresa 4.0 ha esaurito, almeno nella sua forma attuale, gran parte della sua spinta propulsiva, come lo stesso Potti riconosce. In questa situazione, formazione e inclusione possono rappresentare un trampolino.

Formazione 4.0 in ritardo

Penso che questa perdita di spinta propulsiva sia innanzitutto il risultato di una scarsa visione e lucidità nell’affrontare il nodo fondamentale della trasformazione digitale della nostra economia, ossia l’inclusione delle imprese oggi tecnologicamente marginali. Il Piano Calenda ha certamente offerto stimoli importanti (e finalmente raggiungibili anche per le piccole imprese) all’ammodernamento del parco macchine delle imprese manifatturiere, stimoli che sono stati positivamente colti da tutte quelle imprese, di nuovo meritoriamente di ogni taglia, che hanno compreso e metabolizzato la sfida e le opportunità.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

Accanto a questa positività non si può però non rilevare come tutta la parte soft del Piano, ossia quella relativa alla formazione, al riorientamento culturale delle imprese e all’inclusione dei soggetti marginali (o semplicemente meno perspicaci) abbia sofferto ritardi nell’implementazione (i Competence center, gli incentivi alla formazione), o sia rimasta in un sostanziale limbo (i Digital Innovation Hub). Personalmente ho sempre trovato volgare e ingiusta l’accusa al Piano di aver privilegiato esclusivamente la vendita di macchinari, tuttavia certamente la parte più di visione, che avrebbe condotto alla trasformazione di I4.0 da iniziativa choc in politica industriale corrente è stata quella meno sviluppata e dai risultati più deludenti. Certo, era anche quella più difficile (non che non lo fosse investire 10 miliardi negli incentivi alla trasformazione digitale delle imprese) perché richiedeva a una comunità prevalentemente composta di tecnologi venditori di tecnologia, pregi e difetti, di calarsi sul terreno impervio delle politiche pubbliche con le loro incertezze, complessità e contraddizioni.

Gli ostacoli da superare

In questo caso, una misura assolutamente corretta e utile si frangeva contro le difficolta di tante imprese a comprenderne la portata e le conseguenze, o semplicemente a investire risorse da sottrarre (che con le micro e piccole imprese gli investimenti sono spesso un gioco a somma zero) ad altre attività. Colpa loro? Per formazione sono portato a pensare che il cliente abbia sempre ragione e soprattutto che chi offre (prodotti, soluzioni, trasformazioni) debba guardare con attenzione alle caratteristiche della popolazione a cui si rivolge, che nel nostro caso comprendono anche e soprattutto imprese straordinarie nell’output ma ampiamente rivedibili nei processi. Può non piacere, può essere molto scomodo, ma questa è la platea alla quale rivolgersi se si vuole seriamente entrare nella fase due di Impresa 4.0, quella della trasformazione di sistema, che si vede non solo nel conto delle macchine vendute ma anche nei dati sulla produttività del Paese e nella crescita del PIL.

Questa fase due non può che passare da una vera e propria rivoluzione nel modo di raccontare, organizzare, immagina e perfino vendere la tecnologia. Non basta assolutamente più dire che il digitale è importante e forse è il momento di cominciare a pensare che, come sta avvenendo da tempo per il mercato dell’automobile, si possano vendere meno macchinari alla singola impresa e si debba ragionare sempre più in termini di sharing. Soprattutto, bisogna capire due cose, non scontate ma fondamentali. La prima è che si continua a raccontare la tecnologia alla californiana come una cosa totalizzante, complicata, che o prende il sopravvento su tutto o è come non averla non ci si può lamentare se risponderanno all’appello solo quelli “californianamente” più fit. La seconda è che bisogna passare dall’approccio technology driven a quello solution driven: se si affronta una popolazione di imprese che non ha un’inclinazione spontanea alla tecnologia non serve continuare a magnificare la blockchain, ma ragionare in termini di soluzioni che la potranno integrare. Le tecnologie più diffuse, giova ricordarlo, sono quelle che hanno fatto scomparire le soluzioni ingegneristiche fondendole con il prodotto e il suo valore d’uso., un principio che vale ancora.

Il caso degli ITS

Cosa si possa fare ponendosi seriamente questi obiettivi di inclusione l’ho sperimentato personalmente lo scorso 24 giugno alla presentazione dei 76 progetti fatti dagli ITS di tutta Italia in collaborazione con le imprese nell’ambito dell’iniziativa ITS 4.0 promossa dal MIUR e dall’Università Ca’ Foscari di Venezia. Sorretti da un metodo solido, innovativo e sperimentato come il design thinking, che guida lo sviluppo di progetti innovativi in azienda attraverso cinque tappe (la prima delle quali si chiama eloquentemente empatia), e dal coinvolgimento attivo degli insegnanti, gli studenti hanno realizzato progetti 4.0 e di trasformazione digitale in molti casi sorprendenti. Sorprendenti non solo per maturità tecnologica delle soluzioni emerse, ma anche e soprattutto per capacità di integrare il 4.0 nello sviluppo di soluzioni a problemi concreti, riconducendo la tecnologia al ruolo che le compete nei contesti non tecnologici, quello di fluidificatore di soluzioni, non di protagonista.

Certo, il fattore generazionale qui pesa e non poco, ma finalmente in positivo: gli studenti degli ITS sono al contempo giovani entusiasti ma anche persone concrete, che hanno scelto un indirizzo di studi ancora “ibrido” per l’Italia, ma certamente carico di prospettive proprio perché integra innovazione, metodo e attenzione per l’applicazione delle soluzioni tecnologiche ai contesti reali. Sono stato quattro ore ad ascoltare le presentazioni dei progetti e non ho mai sentito evocare a sproposito tecnologie con il solo scopo di dare spessore al proprio lavoro e catturare l’attenzione: protagoniste della giornata erano le soluzioni reali a problemi reali e l’ho trovato personalmente assai rinfrancante.

Non solo, credo che il modello che ITS 4.0 proponga un nuovo patto tra mondo della scuola e della formazione e imprese per ripensare i processi di trasformazione digitale secondo modelli più attenti alla risoluzione dei problemi che ai paper dei politecnici sia la via maestra per fare innovazione inclusiva, strada maestra verso la trasformazione digitale della nostra economia. Si venderanno meno software e si faranno meno slide? Probabilmente sì, ma d’altro canto è opportuno comprendere e accettare che quel modello da primi anni 2000 è finito per tutti. Prima lo si comprenderà, prima ci si attrezzerà di conseguenza.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati