Industria 4.0 rallenta, Bentivogli: “Manca l’idea di un ecosistema Italia”

I dati dell’Osservatorio Industria 4.0 della School of Management del Politecnico di Milano indicano un rallentamento nella crescita di Industria 4.0. Le statistiche forniscono l’occasione per riflettere sull’andamento del Piano nazionale, sulle criticità del Paese e sugli scenari futuri

04 Lug 2019
Marco Bentivogli

Base Italia

industry-4.0

Secondo i dati diffusi a metà giugno 2019 dall’Osservatorio Industria 4.0 della School of Management del Politecnico di Milano, nel primo trimestre di quest’anno rallenta la crescita di Industria 4.0 che si attesta al +10-15% rispetto al 2018 quando era stata del +35%.

Un dato che certamente non stupisce soprattutto alla luce della rimodulazione del Piano Nazionale Industria 4.0 messo in campo dall’attuale governo nella legge di Bilancio del 2019 che nonostante gli aggiustamenti fatti, anche su nostra segnalazione, con il cosiddetto Decreto Crescita ne ha ridotto le risorse cancellando del tutto il superammortamento per l’acquisto di macchinari nuovi, mentre l’iperammortamento è stato rimodulato per le PMI in particolare per gli investimenti in chiave Industry 4.0.

I dati 2019 di Industria 4.0

Il rapporto, mette in evidenza come circa l’85% del fatturato di Industry4.0 è composto da Industrial IoT (la componentistica per connettere i macchinari alla rete), che con un valore – sempre riferito al 2018 – di 1,9 miliardi rappresenta il 60% del mercato e registra la crescita più marcata (+40%), seguito da Industrial Analytics, con 530 milioni di euro (17% del mercato, +30%), e Cloud Manufacturing con 270 milioni di euro (8%, +35%). Fra le Operational Technologies, l’Advanced Automation conquista la maggiore quota di mercato con 160 milioni e una crescita del 10%, seguito dall’Additive Manufacturing con 70 milioni di euro, mentre l’Advanced Human Machine Interface segna la crescita più robusta (+50%, 45 milioni di euro). L’ultima fetta del mercato è costituita da attività di consulenza e formazione legate a progetti Industria 4.0 – 220 milioni di euro (+10%), un dato inferiore alle aspettative che evidenzia come ci sia ancora molto da fare sul fronte delle competenze.

WHITEPAPER
Intelligent enterprise: dall’azienda estesa alla filiera integrata e collaborativa
IoT
Manifatturiero/Produzione

Complessivamente secondo i dati diffusi dall’Osservatorio sono circa 800 le applicazioni 4.0 censite nelle aziende italiane, con una media di 4 per azienda distribuite nelle tre aree dei processi aziendali: Smart Factory (produzione, logistica, manutenzione, qualità, sicurezza e rispetto norme) col 42% dei progetti, Smart Lifecycle (sviluppo prodotto, gestione del ciclo di vita e gestione dei fornitori) col 33% e Smart Supply Chain (pianificazione dei flussi fisici e finanziari) col 25%. Le tecnologie più diffuse sono quelle dell’ambito Industrial IoT (connettività e acquisizione dei dati, pari al 25%). Questo ha portato nelle aziende in cui sono state implementate flessibilità e riduzione dei costi. Le barriere maggiormente percepite dalle imprese allo sviluppo di applicazioni 4.0 sono invece le difficoltà nell’uso della tecnologia e nell’adozione degli standard (59%), le problematiche di natura organizzativa e gestione delle competenze (41%), le difficoltà di change management (20%) e l’insoddisfazione per l’offerta (17%).

Frena la spesa industria 4.0, urge una nuova strategia nazionale

La situazione di AI e Blockchain

Dai dati emerge che Intelligenza Artificiale (AI) e Blockchain non sono ancora rilevanti nei piani di investimento delle imprese per i prossimi 5 anni, con alcune eccezioni per le aziende di grandi dimensioni.

Un dato quest’ultimo preoccupante, perché proprio queste due tecnologie, sono quelle che maggiormente potrebbero dare un contributo importante alle PMI e alle aziende artigiane in termini di produttività, innovazione e tutela della qualità del Made in Italy. Nel confronto con i cugini tedeschi le piccole e medie imprese rappresentano il 90% del tessuto industriale e produttivo del nostro Paese, di queste l’82% è rappresentato da aziende sotto i 9 dipendenti, mentre in Germania sono il 62%.

Ma la Germania ad esempio, sul campo dell’IA, ha stanziato 600 milioni di euro fino al 2020 l’Italia solo 70 milioni di euro. Nel medio periodo il 70 % delle aziende tedesche implementerà sistemi di IA, investimenti che secondo le stime dovrebbero generare una crescita addizionale per l’economia e l’industria tedesca 1.2%.

Cresce la consapevolezza

Ora, secondo i dati diffusi dall’Osservatorio si comincia a diffondere la consapevolezza dell’importanza della tecnologia nelle imprese: l’80% ha una chiara percezione della discontinuità rappresentata da Industria 4.0 e dell’importanza che questa può avere in termini di efficienza e riduzione dei costi, siamo ancora solo all’inizio di un cambio culturale da parte di imprese e imprenditori. Nonostante l’Italia sia ancora la seconda manifattura d’Europa e la quinta potenza al mondo per surplus commerciale dopo Cina, Germania, Giappone e Corea del Sud, con oltre 1400 prodotti per lo più industriali, siamo terz’ultimi nella classifica dell’economia digitale intesa come contribuzione al Pil. Un ritardo che in un futuro non troppo distante potremmo pagare caro.

Occorre una strategia più ampia e lavorare ad un’ecosistema che tenga dentro la rivoluzione digitale imprese, pubblica amministrazione, sistema creditizio, infrastrutture, sindacato, giustizia, scuola e università; senza sarà molto difficile vincere la sfida. Abbiamo la produttività ferma da oltre 20 anni e ritardi su infrastrutture materiali e immateriali che non sono più tollerabili. Il tema delle PMI è centrale per il rilancio della manifattura italiana, perché le piccole e medie imprese costituiscono la nervatura del nostro sistema produttivo, ma se da una parte ci sono realtà che hanno investito su tecnologia, ricerca, formazione, organizzazione del lavoro, dall’altra molte di queste imprese rischiano di essere travolte dall’innovazione. Per questo è necessario mettere in campo una vasta azione di aggregazione delle aziende di dimensioni contenute per evitare che la rivoluzione 4.0 sia solo appannaggio delle grandi. La risposta però non può esaurirsi solo negli incentivi e nelle tecnologie, né in questa separazione fatta dal governo per cui in finanziaria dove si è tagliata una coperta già piccola, tirandola solo da una parte. E’ una scelta di ripiego e senza visione strategica che non agevola né le PMI, che molto spesso lavorano per le grandi imprese, né per le piccole e medie che da sole, tranne rare eccezioni, non riescono a entrare nel gorgo della rivoluzione in atto, senza l’effetto trainante di una grande impresa.

Il ruolo della formazione

L’aspetto più importante della partita si gioca sul piano della formazione e della scuola. Su questo terreno ancora siamo molto indietro, il nostro sistema scolastico rappresenta uno dei tasselli più fordisti e distanti dal mondo del lavoro del nostro Paese. Mentre l’esecutivo ha pensato di tagliare risorse e tempi dell’alternanza scuola-lavoro si continuano a sfornare diplomati e laureati che non trovano lavoro perché le imprese hanno bisogno di tutt’altre competenze. In Germania le skills sopra i 15 anni di ITC secondo lo studio di AHK-Italien e Deloitte, per fare un esempio, è del 35%, in Italia del 26% . Quattro facoltà tedesche figurano tra le prime 50 nel ranking mondiale, mentre l’Italia non ne ha nemmeno una. Il tasso di prelievo fiscale e contributivo delle startup è pari al 49% in Germania ( tenendo conto dell’efficienza del sistema) in Italia del 53% . Gli investimenti di venture capital nella fase iniziale rappresentano il 2.4% a Berlino in Italia lo 0.4%.

Se non diamo una svolta al sistema formativo e scolastico il rischio è di ritrovarsi in un futuro non tanto distante con tanto lavoro e che non potremmo occupare perché non abbiamo le competenze per farlo. Sempre nell’analisi dell’Osservatorio del Politecnico emerge che l’analisi delle competenze e la formazione sono affidate in maggioranza a risorse interne, rispettivamente nel 61% e 75% dei casi. Le collaborazioni esterne più comuni per la ricerca competenze sono con università, centri di innovazione, ITS, che il 50% delle aziende giudica efficaci. È chiaro che su questo fronte va fatto un grosso lavoro di carattere culturale e va fatto subito prima che sia troppo tardi.

Conclusione

Il Piano industria 4.0 è stato decisivo per dare la spinta ma i ritardi accumulati rispetto ad altri Paesi avanzati sono ancora enormi. Quello che più sembra mancare è la consapevolezza da parte del Governo e della politica che l’industria rappresenta la principale fonte di lavoro e benessere del Paese e che su questo terreno si gioca gran del nostro futuro. Per fare un esempio, il fatto che in una vicenda come quella della possibile fusione tra il gruppo FCA e Renault ha visto il governo italiano del tutto latitante, quando dall’altra parte c’è stato l’interessamento del premier francese Macron dimostra la totale estraneità dell’attuale esecutivo rispetto all’industria.

Un’estraneità certificata dai dati dello stesso DEF, se nel primo trimestre dello scorso anno la crescita si assestava all’1.8% oggi siamo ad uno striminzito 0.2% con la cassa integrazione che ricomincia a crescere e oltre 160 tavoli di crisi aperti al Ministero dello Sviluppo Economico che interessano dagli 80 ai 280 mila lavoratori.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4