L'inchiesta

Industry 4.0, che succede ai Competence center: ci sarà un bando

A quanto risulta al nostro sito, i competence center previsti dal Piano Industria 4.0 vengono selezionati tramite bando, preceduto da decreto ministeriale che espliciterà i criteri di selezione. Sicure le candidature dei Politecnici di Milano, Torino, Bari, e del Sant’Anna di Pisa. Ecco i progetti in corso

27 Feb 2017
industry-161208172550

Tempi brevi per il prossimo decreto attuativo sul piano Industria 4.0, quello sui competence center, che conterrà i criteri in base ai quali verranno scelte le università italiane intorno alle quali dovranno svilupparsi questi centri di eccellenza: poi – a quanto apprende il nostro sito- , ci sarà uno specifico bando, al quale gli atenei interessati parteciperanno mettendo in campo i rispettivi progetti.

Sicuramente si faranno avanti i Politecnici di Milano, Torino, Bari, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa. Nei mesi scorsi si era parlato anche dell’università di Bologna, della Federico Secondo di Napoli, del polo universitario del Veneto. Staremo a vedere. Agendadigitale.eu è in grado di anticipare la vision che alcuni degli atenei intendono proporre in vista della partecipazione al bando: Torino, Pisa, Bari. Milano mantiene un maggior riserbo sul progetto allo studio in vista del piano, che ci impegneremo a rendere noto appena possibile.

Ma partiamo dal bando, che in realtà rappresenta una novità rispetto a quanto sembrava risultare a una lettura del piano.

Come detto, il primo step sarà il decreto attuativo del piano. Per il momento, per quanto riguarda i competence center, in Legge di Bilancio si sono le risorse: 30 milioni di euro in tutto, di cui 20 nel 2017 e 10 nel 2018. Fondi che verranno distribuiti fra le università che si aggiudicheranno il bando. Il decreto in arrivo in tempi abbastanza veloci (è già stato messo a punto dal Ministero dello Sviluppo Economico ed è al vaglio dell’Economia), stabilirà i criteri sulla base dei quali verrà predisposto il successivo bando. Eccellenza tecnologica, partneriato pubblico-privato, livello accademico dell’istituzione universitaria saranno fra gli elementi determinanti. Con ogni probabilità, non sarà previsto un numero predeterminato di competence center, la scelta verrà fatta in base alle risorse disponibili e ai progetti che verranno presentati. Certo, la cerchia sarà relativamente ristretta, puntando (come annunciato fin dall’inizio) su un ristretto numero selezionato di poli di ricerca intorno ai quali sviluppare questi competence center.

Una serie di linee guida sono state annunciate in occasione della presentazione del piano: oltre alle caratteristiche già elencate (centri di eccellenza nella ricerca, partneriato con grandi player privati), saranno valutate la contribuzione di stakeholder chiave (centri di ricerca, start-up), la polarizzazione su ambiti tecnologici specifici e complementari, modello giuridico e competenze manageriali adeguate.

Il Sant’Anna di Pisa, come spiega ad Agendadigitale.eu Paolo Dario, direttore dell’Istituto di BioRobotica e coordinatore del competence center, punta in particolare su robotica collaborativa e ambienti virtuali, nell’ambito di una vision a 360 gradi (che punta verso Industria 5.0), e abbraccia digital manufacturing, ergonomia, scienze della vita. Il Politecnico di Torino, che ha dedicato a Industria 4.0 l’apertura dell’anno accademico con la prolusione del vicerettore Emilio Paolucci, si concentra sull’automotive, con l’Additive Manufacturing come tecnologia abilitante e l’obiettivo di «svilupparne le complementarietà con altri ambiti innovativi quali Big Data, High Performance Computing, Internet delle cose, realtà aumentata e advanced manufacturing, in un sistema complessivo che si svilupperà in stretta relazione con i diversi attori del territorio». Il Politecnico di Bari, come ci racconta il rettore Eugenio Di Sciascio punta «sull’aerospazio, anche in collaborazione con il distretto, su additive manufactoring e iot, e sulle costruzioni innovative. Il tutto, con un elemento comune di raccordo che è la gestione dei processi in ottica di digitalizzazione».

Gianni Potti, presidente CNCT Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, sottolinea che il punto fondamentale in materia di competence center è che alla fine vengano valorizzate le eccellenze che ci sono in questo paese». Potti cita il rapporto Anvur, recentemente pubblicato sulla qualità della ricerca nelle università italiane, con la classifica delle eccellenze per le diverse aree di ricerca, e sottolinea che, anche nella scelta dei competence center industria 4.0, «si debba tener conto di queste graduatorie, e del lavoro che fanno queste università tutti i giorni».

L’auspicio, quindi, è che «si vada sulle vere eccellenze, perché la vera partita di Industria 4.0, esplicitata nel piano, prevede di specializzare questi competence center, senza avere dei doppioni». Il programma per Industria 4.0 di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici prevede la collaborazione dei digital innovation hub con i competence center: «nella governance dei singoli innovation hub sarà presente un rappresentante del competence center più vicino». Ad oggi, i digital innovation hub di Confindustria, che sono riconosciuti dall’Unione Europea, sono Marche, Emilia Romagna, Puglia, Lazio, Piemonte e Triveneto.

La mission dei competence center, in base al piano Industria 4.0 prevede le seguenti linee generali: formazione e awareness, live demo su nuove tecnologie e accesso a best practice, advisory tecnologica alle PMI, lancio ed accelerazione di progetti innovativi e di sviluppo tecnologico, supporto alla sperimentazione e produzione “in vivo” di nuove tecnologie, coordinamento con centri di competenza europei.

Sul fronte della ricerca, delle tecnologie, e delle partnership ogni ateneo metterà in campo le sue scelte. Per quanto riguarda la formazione, Marco Taisch,  professore ordinario di Sistemi di Produzione Automatizzati e Tecnologie Industriali del Politecnico di Milano, sottolinea come in chiave Industria 4.0 ci sia «un vantaggio del sistema scolastico italiano rispetto ad altri paesi europei. La formazione del costrutto mentale cognitivo, degli elementi di base, diventa più importante dell’insegnamento di uno strumento. Non si insegna la funzione di excel, questo è training, non è educazione. L’educazione è cosa c’e dietro la costruzione di un foglio elettronico, sono i connecting the dots di Steve Jobs». La sfida, su questo fronte, prevede che la formazione lavori sull’abilità di connettere i punti, collegare pezzi diversi di una professione». Una mission formativa, anche a livello universitario e di professioni tecniche, che fornisca le basi di analisi dei processi, di scomposizione dei problemi, una cultura che non invecchia con la tecnologia. Che è basata su costruzioni mentali, come una volta si diceva studia latino che ti servirà per la vita. Attenzione: il tutto in ottica Industria 4.0, quindi nell’ambito della valorizzazione degli indirizzi di studio METS (mathematics, engineering, technology, science), sia a livello universitario che di scuole superiori, con la rivalorizzazione degli istituti tecnici. In parole semplici, una formazione tecnica e scientifica che dia più strumenti.

Un punto su cui gli esperti insistono: Industria 4.0 può e deve essere anche un’occasione per l’occupazione giovanile, e qui il ruolo della formazione, in un mondo ad alto tasso di trasformazione, è fondamentale. Gli elementi che emergono: integrazione fra cultura scientifica, tecnica e umanistica, ruolo formativo, attenzione ai territori.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 2