consumi

5G per le reti elettriche: vantaggi, problemi e soluzioni

La trasformazione digitale del mondo dell’energia è strettamente legata allo sviluppo del 5G. Notevoli saranno i vantaggi, ma molte anche le criticità da superare. Tra queste, gli alti consumi della rete sono in primo piano. Vediamo quali sono le cause e le possibili direttrici di intervento

12 Mar 2019
Michela Meo

Politecnico di Torino

5g-consumi

Uno dei molti motivi per cui si attende con grande interesse l’arrivo del 5G riguarda la trasformazione digitale del settore dell’energia. Una trasformazione già in atto, che sta rendendo più sicuri ed efficienti i grossi impianti di generazione dell’energia, tramite strumenti di monitoraggio, controllo e ottimizzazione dei processi. Impianti che vengono integrati con sistemi di produzione di piccola taglia, diffusi sul territorio, e basati su sorgenti di energia rinnovabile.

Grazie alle tecnologie digitali, inoltre, la rete elettrica per la distribuzione dell’energia si trasforma e perde la sua caratteristica di essere monodirezionale e centralizzata: i flussi di energia non provengono più solo dai grossi impianti per essere distribuiti alla periferia, ma possono nascere alla periferia della rete e venire trasferiti ad altri nodi della rete. L’utente finale diventa un elemento attivo che partecipa dei meccanismi di riduzione dei consumi e di miglioramento delle condizioni di funzionamento della rete elettrica.

Questa è la trasformazione del mondo dell’energia a cui stiamo assistendo ma che è possibile solo con il supporto di un’adeguata infrastruttura di comunicazione: il 5G, appunto.

5G, una rete per una moltitudine di terminali

Per compiere questa trasformazione è necessario fornire connettività a un numero estremamente elevato di terminali eterogenei e profondamente diversi nelle loro caratteristiche. La connettività deve raggiungere piccoli sensori dalle limitate capacità di comunicazione e dai requisiti di consumo molto bassi, ma anche connettere contatori intelligenti e stazioni automatizzate della rete di distribuzione, che hanno bisogno di scambi continui di dati in maniera tempestiva e affidabile, e terminali di utente quali smartphone, computer, videocamere di sorveglianza, che generano grandi quantità di dati: una moltitudine di terminali con requisiti di capacità e latenza molto diversi tra loro.

WHITEPAPER
I trend che stanno trasformando strumenti e processi nel Monitoring
Digital Transformation
Finanza/Assicurazioni

La rete di comunicazioni deve fornire il trasporto dell’enorme mole di dati generati da questi terminali o destinati ad essi. Il trasporto dei dati deve garantire adeguati livelli di affidabilità e di latenza che variano in base agli scenari, al contesto, al tipo di terminale. Servono poi grandi capacità di immagazzinamento e di elaborazione dell’informazione che viene generata e trasportata dalla rete. La capacità di immagazzinamento ed elaborazione dei dati deve essere dispiegata anche alla periferia della rete per poter effettuare e attuare in maniera tempestiva le decisioni prese in automatico in base ai dati raccolti.

Le caratteristiche della rete 5G

Elevata connettività a terminali eterogenei, grande capacità di trasporto dati, intelligenza alla periferia della rete: sono caratteristiche della rete 5G, una tecnologica che potrà giocare un ruolo importante nel mondo dell’energia. La rete 5G, infatti, oltre ad avere una elevata capacità di trasporto dei dati, è una rete flessibile e dinamica. La rete nasce per essere facilmente e dinamicamente riconfigurata per adattarsi a scenari vari e in rapida evoluzione. I dati possono essere consegnati con garanzie di affidabilità molto elevate o con latenze bassissime. Per rispondere alle esigenze di meccanismi decisionali automatici, la capacità di immagazzinamento ed elaborazione dei dati viene portata anche alla periferia della rete.

I consumi e la sostenibilità delle reti

La tecnologia 5G ha quindi le potenzialità per accelerare la trasformazione digitale del mondo dell’energia, e gioca, in questo senso, un ruolo positivo in tema di sostenibilità, con la possibilità di ridurre i consumi, di introdurre in maniera massiva l’uso delle rinnovabili, di rendere la rete elettrica più efficiente e affidabile.

Ma per capire e affrontare il tema dell’energia e della sostenibilità nella loro interezza bisogna considerare anche i consumi della rete 5G stessa. In anni in cui l’efficienza energetica è una delle variabili di progetto di ogni tecnologia, anche la tecnologia 5G è stata progettata per essere efficiente dal punto di vista energetico.

Ciononostante la rete 5G, inevitabilmente, andrà ad aggiungere consumi ai consumi, già considerevoli, delle reti precedenti che sono attualmente operative. Inoltre, una rete 5G con tanta capacità ed elevato grado di copertura rischia di essere molto energivora. Ci sono due ragioni principali per cui i consumi della rete 5G potrebbero risultare considerevoli, ed entrambe queste ragioni sono legate alla scelta di utilizzare alte frequenze per poter fornire elevate capacità. Da un lato, l’utilizzo di alte frequenze richiede il dispiegamento di molte stazioni radio base (una tecnica chiamata densificazione delle celle nella rete d’accesso). Dall’altro, le tecniche trasmissive richieste per ottenere elevate capacità necessitano di una intensa attività computazionale.

Quanto inquina l’Ict

Già oggi il settore ICT nel suo complesso è responsabile del 3% del totale di emissioni di CO2 nel mondo [1] e questo valore è destinato a crescere rapidamente nei prossimi anni per effetto della rapidissima crescita del traffico dati. Ogni mese la rete Internet trasporta una quantità di dati pari a 1017 byte: l’equivalente di 100 miliardi di foto ad alta definizione, o di un video ad alta definizione della durata di 6000 anni in un solo mese!

Secondo le previsioni di Cisco [2], il traffico dati triplicherà in soli 5 anni. Molteplici fattori concorrono a questa crescita. Tra questi fattori, uno dei più significativi è l’aumento della diffusione dei servizi che richiedono elevata capacità, tipicamente i servizi basati su contenuti video.

Un altro fattore rilevante è la crescita del numero di utenti e della domanda di servizi in tutto il mondo ma in particolare in aree quali l’Africa, con una crescita media annua del 50%, e l’Asia, con tassi di crescita del 30%. Non crescono solo gli utenti “umani”, crescono anche i dispositivi connessi: sistemi digitalizzati, macchine, sensori, robot. Si stima che oggi siano già più di 20 miliardi, 3 volte la popolazione terrestre, i dispositivi connessi in rete; e si stima che questo numero triplicherà in soli 10 anni [3].

Diventa allora sempre più urgente intervenire per rendere sostenibile questa crescita. Sono necessari interventi in ogni settore dell’ICT, ma sarà di particolare importanza agire sulle nuove tecnologie, quali 5G.

Le tre possibili soluzioni

Le direzioni di intervento possibili sono principalmente tre.

  • Innanzitutto, è necessario rivedere il progetto delle reti e dei servizi di telecomunicazioni perché oltre a consumare poco possano operare con sistemi di alimentazione sostenibili, quali sorgenti di energia rinnovabile, anche se generano energia in maniera intermittente e difficile da prevedere.
  • In secondo luogo, troppo poco è stato fatto, e molto si potrebbe fare, a livello di politiche e regolamentazione per indurre buone pratiche che minimizzino gli sprechi, riducano il turn-over dei dispositivi, massimizzino la condivisione delle risorse di rete fortemente energivore.
  • Infine, va promossa una nuova e pervasiva cultura della sostenibilità che è necessaria per aumentare la consapevolezza dei consumatori in tema di energia e per promuovere scelte sostenibili.

__________________________________________________________________

[1] Lotfi Belkhir, Ahmed Elmeligi, ‘’Assessing ICT global emissions footprint: Trends to 2040 & recommendations”, Elsevier Journal of Cleaner Production 177 (2018) 448-463.

[2] Cisco Visual Networking Index: Forecast and Trends, 2017–2022. https://www.cisco.com/c/en/us/solutions/collateral/service-provider/visual-networking-index-vni/white-paper-c11-741490.html

[3] Statista – The portal for statistics, https://www.statista.com/

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati