Spectrum sharing

Condivisione dello spettro: le nuove opportunità nascono al confine tra Tlc e IA

La condivisione avanzata dello spettro e l’uso dinamico delle frequenze sono sempre più importanti in considerazione degli sviluppi delle tlc oltre il 5G verso applicazioni che richiederanno sempre più banda. In questi casi il ricorso a algoritmi che ricorrono alla intelligenza artificiale è già oggetto di studi e di test

Pubblicato il 12 Dic 2022

Mario Frullone

Direttore delle Ricerche presso Fondazione Ugo Bordoni

6ghz

All’inizio di novembre 2022, l’Office of Engineering and Technology (OET) della Federal Communication Committe (FCC), il regolatore delle telecomunicazioni statunitense, ha avviato l’iter di autorizzazione delle domande di tredici soggetti[1] che propongono dei sistemi di coordinamento automatico delle frequenze (Automated Frequency Coordination, AFC) per gestire l’accesso allo spettro di banda a 6 GHz per sistemi non licenziati, come il Wi-Fi, ma da parte anche di servizi outdoor con potenze maggiori (standard-power) rispetto ai classici valori sinora utilizzati (low-power).

Ma perché questa notizia, apparentemente destinata a tecnici e addetti ai lavori, merita una riflessione più ampia? La risposta è certamente collegata al valore strategico della banda a 6 GHz[2], ma nasce soprattutto dalla necessità di tenere vivo il dibattito tecnico sulle modalità avanzate di spectrum sharing, che coinvolgono anche l’intelligenza artificiale.

Il dibattito va in ogni modo calato nelle singole situazioni nazionali e adattato alla reale occupazione dello spettro così come si è andata conformando nei decenni.

La Banda dei 6 GHz per il futuro delle tlc: perché è importante pianificarne l’uso ora

Le iniziative di condivisione dello spettro in Ue e Usa

Le prospettive di continua crescita di sistemi wireless pongono una costante domanda di utilizzo di bande di frequenza sempre più elevate e, parallelamente, di uso più efficiente delle bande di frequenza già utilizzate.

WHITEPAPER
Istruzioni pratiche, tool e servizi per organizzare un Contact Center performante grazie all'AI
CRM
Intelligenza Artificiale

In questo quadro, situazioni di sottoutilizzazione -anche solo geografica- delle frequenze non appaiono più giustificabili anche considerando che la maggiore disponibilità di spettro potrebbe anche consentire di contenere i costi collegati al dispiegamento delle reti. Ad esempio, se ci sono frequenze adoperate in aree rurali per collegamenti punto-punto, può essere valutato l’uso delle stesse frequenze in aree urbane.

Secondo uno schema ormai consolidato, le Istituzioni preposte alla amministrazione dello spettro radioelettrico, come nel recente caso della banda dei 700 MHz adoperata dai broadcaster televisivi e ceduta al 5G, procedono quindi a liberare una banda dai precedenti utilizzatori per consentirne l’uso per nuove finalità.

In alcuni casi, invece, il refarming totale di una banda non è fattibile o non è necessario. In questi casi, si procede a creare le condizioni per la coesistenza tra servizi diversi. Si realizza dunque una condivisione dello spettro (spectrum sharing).

In questa ottica, si stanno moltiplicando in Europa e nel mondo le iniziative finalizzate alla condivisione dello spettro tra servizi diversi fino ad arrivare, nel lungo termine e per quanto possibile, ad una gestione dinamica delle frequenze nello spazio e nel tempo.

L’approccio della FCC

Vediamo meglio gli spunti offerti dalla situazione statunitense. Nella banda dei 6 GHz, già destinata ad uso unlicensed, alcune sottoporzioni di spettro, la banda 5.925-6.425 GHz e la banda 6.525-6.875 GHz, vedono la presenza intensiva come sistemi incumbent di sistemi punto-punto licenziati. Inoltre, la porzione di spettro 6.65-6.6752 GHz è usata per applicazioni di radio astronomia con un certo numero di Osservatori Radio. In questo caso la FCC, non ha ritenuto di dover necessariamente liberare la banda dagli attuali occupanti, ma ha seguito la strada della condivisione dello spettro.

Wi-Fi 6E: Expanding Wi-Fi into 6 GHz spectrum (English with Captions)

Il coordinamento automatico delle frequenze

In presenza di questi incumbent, i sistemi AFC voluti dalla FCC hanno quindi il compito di definire le potenze e i parametri di trasmissione di apparati outdoor con potenze maggiori di quelle tradizionali (si veda la tabella 1) garantendo – sulla base di algoritmi automatici – l’assenza di interferenze sui sistemi punto-punto a microonde e sui radio osservatori incumbent, che dovranno continuare ad operare indisturbati. Le prescrizioni imposte dal FCC agli sviluppatori di sistemi AFC sono dettagliate nelle linee guida “6 GHz Report and Order and Further Notice of Proposed Rulemaking”.

Immagine che contiene tavolo Descrizione generata automaticamente

Tabella 1 (Fonte FCC)

In altri termini, si amplia l’uso e la potenza di apparati Wi-Fi e per rendere ciò possibile, in un ambito storicamente caratterizzato da coperture circoscritte, si predispone un approccio per il coordinamento automatico delle frequenze il cui sviluppo operativo viene affidato prevalentemente al mercato. I 13 soggetti che hanno messo a punto ognuno un proprio sistema di AFC lo hanno sottoposto per approvazione alla FCC. L’approvazione è subordinata al rispetto di una serie di regole tecniche definite dalla FCC stessa.

Le criticità del sistema AFC

Vale la pena di sottolineare che l’approccio seguito per la condivisione dei dati prevede la messa a disposizione dello Universal Licensing System che è il database ufficiale delle licenze assegnate dal FCC -necessario per conoscere le caratteristiche dei sistemi incumbent da proteggere-- e la realizzazione, da parte degli sviluppatori di sistemi AFC, di database (regulatory database) centralizzati per tenere traccia delle frequenze adoperate e facilitare la supervisione del FCC.

Non si tratta di obiettivi semplici da conseguire. Le preoccupazioni che continuano ad essere sottoposte dagli altri utilizzatori dello spettro alla FCC sono numerose e riguardano aspetti sostanziali quali l’aggiornamento quotidiano dei data base delle installazioni e delle frequenze utilizzate, le tecniche di mitigazione dell’interferenza, i modelli di propagazione da adoperare, la precisione delle tecniche di geolocalizzazione degli impianti, la sicurezza ed altri numerosi aspetti tecnici. Nonostante la presenza di queste voci dissonanti, la FCC appare determinata a proseguire nella direzione individuata.

La situazione in Italia

Anche in Europa le iniziative indirizzate verso lo spectrum sharing sono numerose. In Italia gli esempi più interessanti non riguardano le bande non licenziate, ma sono invece collegati al bando che ha reso disponibili le frequenze per il 5G. Un primo esempio proviene dal tavolo tecnico che si occupa degli adempimenti tecnici successivi alla aggiudicazione delle frequenze nel quale è stato affrontato dall’Amministrazione il problema della protezione dei sistemi incumbent attraverso la definizione di criteri e procedure per la coesistenza tra sistemi 5G e incumbent. Un secondo esempio proviene dal bando che ha disciplinato la gara per il 5G che aveva previsto nella banda dei 26 GHz la possibilità di un uso flessibile dello spettro, secondo l’approccio del club-use.

Il modello “club use”

Il modello “club use”, adottato in Italia prima che altrove, consente ad un aggiudicatario di una porzione di banda di condividere le frequenze degli altri aggiudicatari laddove queste non siano utilizzate e, pertanto, di offrire capacità elevatissime, comparabili a quelle dell’accesso in fibra ottica. Nel primo caso, in presenza di soggetti incumbent da tutelare, l’Amministrazione esercita una supervisione del processo. Mentre nel caso del club-use, dove non ci sono sistemi incumbent da proteggere, sono gli aggiudicatari a concordare le regole di ingaggio.

L’approccio di Ofcom nel Regno Unito

In una prospettiva di cautela e supervisione da parte dell’Amministrazione è interessante anche richiamare l’approccio di Ofcom, che definisce un numero di ambienti di studio e analisi definiti spectrum sandboxes. In questi ambienti, geograficamente circoscritti, si prevede di lavorare con industria e mondo accademico per analizzare la condivisione dello spettro nel mondo reale. I partecipanti avrebbero la possibilità di sperimentare diversi approcci e algoritmi per la condivisione dello spettro, ponendo le basi per una operatività successiva. Per completezza di informazione è utile richiamare che le bande da studiare con le sandboxes dovrebbero essere la 6 GHz, come nell’approccio statunitense, la banda 3.8-4.2 GHz, utilizzata per ponti radio e adiacente alla banda del 5G, e varie porzioni di banda al di sotto del Terahertz, utilizzata oggi per osservazione passiva da satellite.

Conclusioni

La condivisione avanzata dello spettro e, in prospettiva, l’uso dinamico delle frequenze appaiono sempre più importanti in considerazione degli sviluppi delle telecomunicazioni oltre il 5G verso applicazioni immersive e di realtà aumentata che richiederanno sempre più banda. In questi casi il ricorso a algoritmi estremamente efficienti che ricorrono alla intelligenza artificiale è già oggetto di studi e di sperimentazioni anche nell’ambito degli organismi di standardizzazione.

Le complessità collegate a meccanismi di condivisione avanzata dipendono dalle singole situazioni nazionali e da come è evoluta l’occupazione dello spettro. Sebbene siano necessari strumenti evoluti di progetto e pianificazione, in Italia queste complessità sono certamente alla portata delle competenze oggi disponibili sia dal lato istituzionale che dal lato industriale.

La maggiore efficienza conseguibile nell’uso dello spettro giustifica certamente gli sforzi necessari.

Note

  1. I soggetti sono Broadcom, Google, Comsearch, Sony Group, Kyrio, Key Bridge Wireless, Nokia Innovations, Federated Wireless, Wireless Broadband Alliance, Wi-Fi Alliance (WFA), Qualcomm, Plume Design e RED Technologies
  2. Stati Uniti e Cina hanno già preso al riguardo due decisioni opposte. Negli Stati Uniti si è deciso di riservare l’intera banda ad uso unlicensed, mentre in Cina l’intera banda è destinata ad uso licensed per sistemi IMT 2020

WHITEPAPER
Le strategie che fanno bene al business e alla cyber security
Intelligenza Artificiale
Sicurezza
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Valuta questo articolo

La tua opinione è importante per noi!

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4