sicurezza della PA

Cybersecurity nel Piano Triennale, Giustozzi: “ecco come proteggeremo le PA”

Niente più silos, ma layer (strati) e pillars (pilastri): il nuovo piano vuole fornire una struttura solida e la cybersecurity nelle sue varie declinazioni partecipa a tutti i layer per assicurare sia il mantenimento delle proprietà essenziali di sicurezza delle informazioni della PA, sia la resilienza della “macchina”

01 Giu 2017
Corrado Giustozzi

Docente LUISS, Rexilience

sicurezza_435095332

Il Piano triennale per l’informatica nella Pubblica amministrazione sviluppato da AgID è stato infine approvato. Si tratta di un documento programmatico, costruito sulla base di un modello strategico di evoluzione del sistema informativo della Pubblica amministrazione, che in generale declina le azioni e gli obiettivi da raggiungere per ogni elemento del modello di crescita digitale del Paese, e più nel dettaglio indirizza il piano delle gare, il piano dei finanziamenti ed i piani triennali delle singole Amministrazioni.

Fra le molte novità di rilievo presenti nel Piano è importante notare che, forse per la prima volta, il tema Cybersecurity non solo è esplicitamente presente, ma compare addirittura come fondamentale elemento di garanzia per tutto il rimanente quadro organico, insistendo in modo trasversale su tutti gli elementi che lo compongono.

Il Piano, per superare il tradizionale e inefficace modello a silos, si basa su un modello di riferimento composto di layer (o strati) successivi, i quali raccolgono organicamente le componenti rilevanti in funzione della loro tipologia e del loro livello logico di applicazione. Lo strato inferiore è quello delle infrastrutture materiali, identificate nei tre grandi sottoinsiemi Data Center, Cloud e Connettività. Su di esso si appoggia lo strato delle infrastrutture immateriali, che comprende i due ampi sottoinsiemi delle piattaforme abilitanti (CiE, SPID, PagoPA, …) e dei Dati PA (Banche dati di interesse nazionale, …). Ancora al di sopra si trova lo strato del modello di interoperabilità, il quale a sua volta costituisce le fondamenta sulle quali si poggia lo strato dei cosiddetti Ecosistemi (trasporti, scuola, sanità, turismo, …) che sono gli ambiti tematici sui quali si esplica l’azione delle varie Amministrazioni.

Questo modello a strati è percorso in senso trasversale da alcuni elementi di supporto, i pillar (o pilastri), che metaforicamente lo sorreggono e, in senso più operativo, gli conferiscono le necessarie componenti di supporto per il suo corretto funzionamento e la complessiva sostenibilità dell’insieme. Uno di questi pilastri è proprio la cybersecurity, che nelle sue varie declinazioni partecipa a tutti i layer per assicurare non solo il mantenimento delle proprietà essenziali di sicurezza e garanzia delle informazioni della Pubblica amministrazione, quali riservatezza integrità e disponibilità, ma anche la più generale resilienza della “macchina” della PA verso le nuove minacce cibernetiche, nonché il rispetto dei principi di privacy previsti dall’ordinamento giuridico.

Si tratta di un compito di fondamentale importanza, ed è significativo che esso sia stato esplicitato e sottolineato in modo così forte nel Piano. Non si può infatti pensare di diffondere nel Paese la cultura digitale e l’utilizzo dei servizi informatici e telematici se manca la fiducia nel loro corretto funzionamento, anche a fronte dei rischi e delle minacce che su di essi sempre più incombono. E solo la presenza nel Piano di una funzione di cybersecurity diffusa, trasversale e incisiva può fornire al sistema le adeguate garanzie di corretto funzionamento e le capacità di superare gli incidenti con il minimo impatto negativo.

Gli obiettivi strategici assegnati dal piano alla componente di cybersecurity possono così essere riassunti:

  • definire i profili di sicurezza delle componenti IT della Pubblica amministrazione e fornire i riferimenti tecnici e normativi che le Amministrazioni dovranno adottare;
  • offrire alle Amministrazioni supporto nella prevenzione e nella risposta agli incidenti di sicurezza cibernetica;
  • provvedere ad effettuare assessment e verifiche di sicurezza per accertare l’applicazione delle regole;
  • dare seguito alle attività in essere in materia di accreditamento e verifica provvedendo, in primis, alla piena attuazione del regolamento eIDAS.

La maggior parte di questi compiti è assegnata al CERT-PA, la struttura di sicurezza cibernetica della Pubblica amministrazione operante in seno ad AgID, la quale come noto fa parte dell’architettura istituita dal Governo per la protezione dello spazio cibernetico nazionale. A tal fine una delle maggiori priorità di AgID è quella di potenziare le capacità operative del CERT-PA, per metterlo in grado di operare al meglio nello svolgimento dei sempre più importanti compiti ad esso assegnati. Infatti il CERT-PA, oltre all’attività quotidiana di monitoraggio dello spazio cibernetico, di analisi della minaccia, di supporto proattivo e reattivo alla propria constituency, svolge numerose attività strategiche e di ampio respiro. Ad esempio il CERT-PA sviluppa e mantiene asset strategici quali la Cyber Security Knowledge Base ed il National Vulnerability Database, basi di conoscenze riguardanti la declinazione nazionale della minaccia cibernetica; sviluppa e rende disponibili strumenti ed informazioni utili per prevenire e rispondere ad attacchi informatici; sviluppa ed emana, assieme ad AgID, le regole tecniche e le linee guida per la sicurezza ICT delle Pubbliche amministrazioni.

Uno degli obiettivi delineati nel Piano è in realtà già stato conseguito: si tratta dell’emissione delle Misure minime di sicurezza ICT per la Pubblica amministrazione, che con la loro recente pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (circolare AgID 18 aprile 2017 n. 2/2017, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale serie generale n. 103 del 5 maggio 2017) sono ufficialmente divenute di obbligatoria adozione da parte di tutte le Amministrazioni. Si tratta di un primo importante tassello in un quadro di necessari adempimenti che va man mano formandosi, e che ha come scopo ultimo quello di innalzare il livello complessivo di protezione della Pubblica amministrazione contro il livello sempre crescente della minaccia. Si tratta di un’iniziativa importante e necessaria, perché la minaccia riguarda tutti ed ognuno deve fare la sua parte nella protezione del sistema complessivo. Un esempio? Le Misure minime impongono alle Amministrazioni il costante aggiornamento del software di base e di quello applicativo, mediante sistematica e tempestiva applicazione delle patch rilasciate dai rispettivi produttori: se questo principio fosse già stato rispettato, la recente campagna di ransomware WannaCry (e derivati), che si basava sullo sfruttamento di una nota e corretta vulnerabilità di tutte le versioni di Windows, non si  sarebbe manifestata e diffusa in modo così virulento.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati