l'analisi

Italia 5G, asta deserta: i motivi del no e gli scenari futuri

La gara da quasi un miliardo per le reti 5G nelle aree a fallimento di mercato è andata deserta. Quali sono i motivi della debacle? Quanto hanno pesato l’obbligo di accesso, i costi e le penali sulla scelta degli operatori di non partecipare? Alcune considerazioni sulla situazione attuale e su cosa potrebbe succedere

18 Mag 2022
Lorenzo Principali

direttore Area Digitale di I-Com

5g

Quello del flop della gara da quasi un miliardo di euro per la realizzazione delle reti 5G nelle aree a fallimento di mercato potrebbe sembrare un caso da manuale di teoria dei giochi. Una situazione in cui i giocatori, in mancanza di incentivi che vadano a modificare il perseguimento della propria strategia dominante (il proprio interesse) determinano un equilibrio non socialmente ottimale.

I motivi del no: l’obbligo di accesso

Nel caso specifico, il bando per la creazione ex-novo delle infrastrutture 5G nelle aree a fallimento di mercato prevedeva la clausola dell’obbligo di accesso, che avrebbe garantito l’utilizzo dell’infrastruttura a canone concordato a tutti gli operatori. In altre parole, l’operatore che avesse partecipato al bando e realizzato l’infrastruttura, l’avrebbe realizzata di fatto anche per tutti i suoi competitors, in una sorta di gioco a somma positiva.

WHITEPAPER
Supply Chain: ecco come ottenere un tracciamento trasparente grazie all'IoT
IoT
Industria 4.0

Nessun vantaggio economico né competitivo, però, a fronte di un’assunzione di rischio non banale. Di conseguenza, tutti gli operatori avrebbero declinato la propria partecipazione, optando per una strategia di “free riding”, quindi pensando di accedere successivamente all’infrastruttura realizzata, con quei fondi (a copertura del 90% dei costi), da qualcun altro.

Gara 5G aree bianche: come superare le difficoltà che hanno portato al flop

Sfortunatamente, a fronte di condizioni che, probabilmente, non evidenziavano chiari benefici, il classico meccanismo di massimizzazione dell’interesse individuale non ha determinato la soluzione “socialmente ottimale”. In altre parole, ognuno ha pensato per sé e nessuno all’interesse generale. In assenza di regole (o vantaggi), nessuno si è preso l’impegno di produrre l’infrastruttura a beneficio degli altri operatori e l’occasione è stata persa per l’intera collettività.

Una doppia spada di Damocle: costi e penali

A ben vedere, tuttavia, le ragioni del flop di questa parte della gara 5G non si esauriscono sul tema dell’accesso. A quanto si apprende dai rumors riportati dagli organi di stampa, le molteplici simulazioni effettuate dagli operatori non hanno rilasciato il disco verde per la partecipazione al bando.

In effetti, anche da una simulazione fatta a spanne, potrebbero emergere alcuni dubbi. Ad esempio, considerando il 90% di copertura dei costi – per praticità ragioniamo sul totale dei lotti – si sarebbe trattato di investire oltre 97 milioni di euro su una scommessa: che in quelle aree sarebbero arrivati servizi in grado di remunerare tali investimenti. I servizi, però, sono per la verità ancora in divenire anche nei Paesi (e nelle aree) con la più alta diffusione di copertura 5G, come la Cina.

A ciò si aggiunge la questione delle penali per il “mancato raggiungimento di una o più delle milestone intermedie». In particolare, in caso di mancato raggiungimento di almeno il 70% delle aree previste, si rischiava una revoca totale dei contributi. Tradotto in termini economici: considerando il costo medio per il raggiungimento di ogni pixel, occorreva impegnare nei lavori almeno 682 milioni di euro (ovvero il 70% della somma messa a bando). Considerando che, verosimilmente, i lavori si sarebbero concentrati prima nelle aree meno complicate da raggiungere – che quindi presentano un costo medio inferiore – si sarebbe comunque trattato di un investimento di almeno 500-600 milioni (di cui 97 non coperti a prescindere) per rischiare di perdere tutto in caso di mancato raggiungimento della soglia del 70%.

Inoltre, anche in caso di raggiungimento del 70%, ma non del 100%, si sarebbero rischiate ulteriori penalità, per semplicità diciamo tra il 2% e il 20% (per la precisione si sarebbe trattato del valore maggiore tra queste soglie e una penale calcolata sulla base di 50mila euro per ciascuna area non coperta). Questi scaglioni erano equivalenti rispettivamente a importi tra 20 milioni (nella migliore delle ipotesi) e 195 milioni, e sempre al netto dei 97 milioni iniziali, che non sarebbero stati coperti in nessun caso (il 10% rimanente rispetto alla quota del 90%).

Aggiungendo ciò alla scarsità di manodopera, dovuta sia ad una generale carenza di settore, sia ad un effettivo accavallamento dei bandi e quindi delle opere di infrastrutturazione che verranno effettuate nei prossimi 4 anni, e all’obbligo di accesso citato inizialmente, il gioco rischiava fortemente di non valere più la candela.

Un passo indietro: cosa prevedeva il Bando per la realizzazione di nuove infrastrutture di rete mobile complete

Mentre la prima linea di intervento prevedeva il rilegamento in fibra (backhauling) di siti radiomobili presenti nelle aree a fallimento di mercato, la seconda linea prevedeva la realizzazione ex-novo di nuove infrastrutture di rete utili per fornire connettività ad almeno 150 Mbps in downlink e 30 Mbps in uplink nelle aree a fallimento di mercato individuate dalla mappatura Infratel. Le opere da realizzare consistevano nella infrastrutturazione dei nuovi siti e dei relativi apparati “attivi”. Il bando era stato suddiviso in sei lotti per uno stanziamento massimo complessivo di oltre 974 milioni di euro d fondi pubblici, e venivano individuate rispettivamente il numero di aree minime da coprire (almeno 2.403 zone) e quello delle aree aggiuntive (ulteriori 597, per un totale di 3.000 unità). Era stata fissata anche una quota minima del 30% delle aree da coprire, relativa ad ogni regione compresa nel lotto aggiudicato.

LottoRegioni interessateNumero minimo di aree da coprireNumero di aree facoltativeValore massimo del contributo pubblico
1Lazio, Piemonte, Valle d’Aosta39197169.271.760 €
2Liguria, Sicilia, Toscana38496156.739.636 €
3Lombardia, Sardegna, p.a. Bolzano, p.a. Trento432107167.914.131 €
4Friuli-Venezia Giulia, Umbria, Veneto442110181.865.676 €
5Calabria, Emilia Romagna, Marche35889144.619.324 €
6Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia39698153.606.443 €
Totale2.403597974.016.970 €

Le milestone di avanzamento identificate nel capitolato prevedevano che gli aggiudicatari dei bandi avrebbero dovuto rispettare una serie di scadenze piuttosto sostenute, fino al 30 giugno del 2026. Appare verosimile che proprio queste deadline ristrette, unite alle ingenti penali, abbiano determinato l’esito negativo del bando.

E adesso?

È la domanda che si fanno un po’ tutti. E la risposta, evidentemente, ancora non c’è.

Si è parlato di un intervento diretto, della riassegnazione dei fondi agli altri bandi e della decurtazione di tale importo dai finanziamenti europei. In questo senso occorre fare una premessa: le tempistiche e le condizioni poste in sede europea sono assolutamente dirimenti, pertanto qualunque iniziativa potrebbe essere immediatamente ridimensionata di fronte ad un diniego (futuro o relativo alle condizioni già stabilite) proveniente da Bruxelles.

Per quanto concerne l’ultima opzione, ovvero la decurtazione dell’importo, basti pensare che il PNRR italiano cuba (tra prestiti e sovvenzioni) oltre il triplo del secondo maggiore, quello spagnolo. Pertanto, decurtare meno di 1 miliardo dal totale, per le istituzioni europee, potrebbe non essere considerata questa gran somma.

Tutto il contrario se si parla di intervento diretto. Nel senso che, stando a quanto riportato dal sito di Infratel, il totale degli interventi diretti su fondi Fers e Fears tra il 2014 e il 2020 ammonta a poco più di 100 milioni. Si tratterebbe quindi di un impegno decuplicato, non proprio una passeggiata.

Al netto di eventuali vincoli e condizioni europee, occorrerà seguire le prossime mosse di Largo di Brazzà. Il Ministro Colao è stato chiamato in causa anche da un’interrogazione presentata dalla Lega “per evitare che la gara a vuoto porti a nuovi divari territoriali, nonché a un mancato uso di risorse a disposizione dell’Italia”.

Nel frattempo, Colao ha tenuto a sottolineare la propria soddisfazione per la strategia complessiva sulla banda ultralarga, ringraziando Infratel e gli operatori per gli altri risultati raggiunti (sono state ricevuto offerte per 37 lotti mentre per un lotto ulteriore è ancora in gara) ed evidenziando come, anche per il bando delle infrastrutture 5G, sia stato fatto il massimo. In effetti, il 90% di contributo costituiva la soglia più alta mai concessa per un finanziamento pubblico a infrastrutturazioni di rete mobile. Ma è anche vero che l’Italia, sul versante del 5G, costituisce un caso particolare: da un lato è il Paese in cui le frequenze sono costate nettamente di più – in termini di MHz per abitante per anno – in Europa e tra i primissimi al mondo. Dall’altro, l’interesse strategico di tale tecnologia e la vivacità normativa dell’Italia in materia, in termini di decreti legge, leggi, decreti attuativi ed emendamenti – se da un lato denota una grande attenzione del Governo sul tema (degli ultimi due governi per la precisione), dall’altro rischia di rallentare gli investimenti nelle infrastrutturazioni 5G.

A ciò si aggiunge la storica lentezza italiana nelle procedure autorizzative. Infatti, nonostante i molteplici sforzi in direzione di una semplificazione delle procedure, si evidenziano ancora molteplici criticità che gravano sulle tempistiche di realizzazione delle opere. Un ulteriore motivo, questo, per guardare ad un maggiore coinvolgimento del mercato nella realizzazione di opere di interesse pubblico. Questo perché, se è evidente che ogni impresa mira a perseguire il proprio interesse privato, è anche vero che la bravura di un esecutivo giace proprio nell’abilità di trovare soluzioni win-win capaci di promuovere, senza spreco di risorse pubbliche, lo sviluppo e l’innovazione. Innovazione che, con regole troppo stringenti e poco aperte alle esigenze concrete degli operatori, talvolta rischia di rimanere al palo.

WHITEPAPER
Smart building: una guida per semplificare la progettazione della rete
@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 4