Questo sito utilizza cookie per raccogliere informazioni sull'utilizzo. Cliccando su questo banner o navigando il sito, acconsenti all'uso dei cookie. Leggi la nostra cookie policy.OK

Direttore responsabile Alessandro Longo

Europa

La programmazione dei fondi UE non punta sul digitale, ecco perché

di Rossella Lehnus, Fondazione Bordoni-Mise

10 Gen 2014

10 gennaio 2014

Il piano del ministero alla Coesione territoriale, per la programmazione dei fondi UE 2014-2020, non punta a una strategia del digitale. Possiamo dirlo per tre motivi.

  • Non assegna fondi europei alle reti, cioè alla banda ultra larga. A questo assegna solo fondi statali (una quota non precisata dei 54 miliardi dei fondi sviluppo e coesione) e solo dal 2017 (perdiamo tre anni nella pianificazione delle nuove reti, si veda tabella sotto); inoltre i fondi statali sono spesso effimeri e certo meno sicuri di quelli europei. Considerando che il piano strategico banda ultra larga è stato sviluppato con successo dal piano azione e coesione dell’ex ministro Barca per accelerare la spesa dei fondi europei a rischio di disimpegno, certamente tali infrastrutture garantiscono una spesa una canteriabilità immediata entro i tempi della prossima programmazione. Non sono pertanto assimilabili alle infrastrutture tradizionali.
  • Comunque non dà abbastanza risorse all’Agenda digitale, rispetto ai 10 miliardi di euro richiesti- sui fondi europei- dall’Agenzia per l’Italia digitale. Ad oggi ci sono 3,6 miliardi di euro per “accesso alle tecnologie digitali” (si legge nella bozza della programmazione, a metà forniti dall’Europa e a metà dallo Stato), cioè sostanzialmente eGov. Circa 500 milioni per l’Ict come fattore di competizione delle imprese e altri 500 milioni per l’inclusione digitale. Ci sono più soldi per la pesca che per il digitale!
  • Scherzi a parte (sulla pesca), più in generale, assegna fondi senza un piano organico, ma con cose slegate tra loro e dal resto dello sviluppo economico. Quindi, la programmazione sembra investire sul digitale senza aver bene capito che cosa è davvero quello su cui investe: una “riforma dello Stato”, trasversale, come aveva detto il premier Letta.

——

(testo raccolto da Alessandro Longo)

 

Articoli correlati