editoriale

Per una nuova politica del digitale, il nostro giornalismo

Dopo settimane in cui la politica sembra aver disinvestito nel digitale, un cambio di passo è necessario. I nuovi protagonisti del dibattito elettorale siano resi consapevoli del ruolo trasformativo dell’innovazione. Un ruolo che anche la nostra testata intende assolvere. Con il suo modello distintivo: l’agorà permanente

15 Gen 2018
team - people

Dalla discussione emerge la luce. Nella trasparenza, si profila la cura. Nell’oscurità invece si pascono solo i vermi dell’ignoranza e della corruttela.

Non spaventatevi. Sembrano eccessi aulici, questi, ma ho scelto questa forma solo per esprimere vecchi principi, che dovremmo avere tutti cari.

La trasparenza dell’azione politica è uno dei pilastri della democrazia, ciò che rende il potere accountable (dicono gli anglosassoni). L’esigenza di una PA trasparente (anche grazie alla digitalizzazione dei processi, laddove nella carta si annidano le rendite di posizione) risponde proprio a questo spirito: democratico, contro abusi e corruzione.

Perché il potere non smetta un momento di doversi guardare le spalle.

E in democrazia uno degli strumenti più indicati per arrivare a questi obiettivi è la discussione all’interno di una comunità. Se favorire la trasparenza è il ruolo storico di chi fa informazione, lo strumento del dibattito e della discussione tra gli stakeholder è la cifra propria di Agendadigitale.eu. Così, da cinque anni, una agorà permanente (a volte preferisco l’analogia del “convegno virtuale” tra addetti ai lavori, come descritto fin dal primo giorno della nostra testata: dal 2012, con la nascita della prima Agenda Digitale italiana).

Più un tema è complicato e controverso, più la discussione può favorire la chiarezza: un concetto che, credo, si rivelerà ancora una volta valido in questa fase pre-elettorale. Che vedrà particolarmente impegnata Agendadigitale.eu, con le altre testate del gruppo Digital360, per fare emergere quanto di digitale c’è nei programmi delle forze in campo.

L’esempio Isiamed

Proprio di recente questo modello è stato messo alla prova. Forse mai con così tanto scalpore. La vicenda su cui fare chiarezza è stata quella di Isiamed, dove un articolo che abbiamo pubblicato a firma della parte in causa ha in un primo momento indignato alcuni addetti ai lavori. Gli stessi però in un secondo momento hanno fornito ad Agendadigitale.eu un articolo corale per fare maggiore luce sulla vicenda.

Che è successo? È successo che nel frattempo il modello di Agendadigitale.eu è stato compreso e si è potuto dispiegare. Nel confronto e nel dibattito.

L’idea di fondo, è che ci sono diversi modi per assolvere al proprio ruolo informativo. Anche per la stessa vicenda (Isiamed, per esempio), gli strumenti utilizzabili sono molteplici. C’è il giornalismo d’inchiesta, ci sono le interviste con gli interessati, c’è la cronaca più o meno asettica. Ci sono gli editoriali infuocati o pensosi. E ci sono gli spazi in cui le parti si confrontano, con i giornalisti in un ruolo da moderatore, arbitro, conduttore. “Facilitatore”, del dibattito. Il pubblico può farsi una idea dalla viva voce dei protagonisti.

Le tv, le radio e i convegni sono ricchi di questi momenti. Agendadigitale.eu vuole contribuire all’ecosistema dell’informazione soprattutto con questo ruolo, chiamando a raccolta gli stakeholder e favorendo così la discussione. Salvo i momenti in cui noi della redazione – come in questo momento – prendiamo la parola direttamente; ma anche in questo caso lo facciamo, quasi sempre, nel ruolo di facilitatori della discussione e per aumentarne la chiarezza complessiva.

Pensare che un modello sia più valido dell’altro e che non possano convivere è una ingenuità. E ancora di più lo è pensare che il nostro sia un modello acritico. Non esiste informazione che sia acritica (un ruolo critico è riconosciuto anche nella legge istitutiva del giornalismo italiano, nel 1969), cioè supinamente adagiata sulla realtà. Il punto è che “essere critici” vuol dire molte cose. “Criticamente” noi accompagniamo il dibattito sul digitale.

È critico il ruolo di facilitatori del dibattito, nella scelta delle persone e dei contenuti da coprire (concordati con gli autori). È critico lo spirito di fondo, la speranza che il paradigma dell’innovazione prevalga e favorisca lo sviluppo socio-economico dell’Italia.

Di fondo, abbiamo pensato che questo modello poteva avvalersi delle prerogative di internet. Per due motivi. Primo, la permanenza dei contenuti della rete ci permette di sviluppare il dibattito nel medio-lungo periodo. Nei dibattiti dal vivo le tesi si confrontano subito e se questo ha vantaggi, ha spesso lo svantaggio della superficialità. Noi coltiviamo i vantaggi del pensiero lungo, che negli articoli, a distanza di giorni o settimane, permettono alle parti di esprimere le proprie tesi e analisi in modo ragionato, approfondito.

Secondo motivo, su internet il limite – com’è noto – non è più lo spazio disponibile per i contenuti. È possibile quindi far convivere diversi modelli per fare informazione. Non si è costretti a fare giornalismo d’inchiesta su una vicenda, se altri possono farlo, lasciando a terzi la possibilità di svolgere un altro ruolo, complementare (la vecchia regola di Jeff Jarvis, quando è cominciata la riflessione sul bisogno di un nuovo modo di fare giornalismo ai tempi del digitale: cover what you do best and link to the rest).

Che questo modello possa avere un ruolo sembrano confermarlo i numeri, dei lettori, che Agendadigitale.eu ha aumentato del 70 per cento nel 2017 sull’anno precedente.

Ancora di più sarà necessario, anche con il nostro modello, tenere i riflettori bene accesi sul panorama politico italiano nei prossimi mesi. Come hanno raccontato Mara Mucci e prima ancora Alfonso Fuggetta, veniamo da settimane in cui la politica sembra essersi dimenticata del digitale, di fatto disinvestendovi (con pochissime eccezioni, tra cui Industry 4.0, che criticamente con onestà intellettuale è opportuno segnalare).

Un cambio di passo è necessario. Che speriamo avvenga nella prossima legislatura. Fin dai primi mesi, però, stavolta. Il digitale subito al centro della riforma. E non solo dopo che il Governo ha assolto quelli che ritiene essere temi più importanti (come avvenuto anche sotto Renzi; e non che governi precedenti abbiamo fatto diversamente).

Confidiamo che, per questo obiettivo, anche il nostro modello di testata possa svolgere un ruolo utile per l’ecosistema.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
PA
Sostemibilità
Analisi
Formazione
Salute digitale
Sicurezza
Sostenibilità
Digital Economy
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati