web3

Musica digitale: le startup che stanno trasformando il settore con gli NFT

Le piattaforme di streaming hanno sì risolto il problema della musica, ma soprattutto dal punto di vista delle major. Per gli artisti è sempre più difficile sia monetizzare che sviluppare relazioni solide con i propri fan. Alcune startup, tendenzialmente basate su tecnologia blockchain puntano a risolvere questi problemi

05 Ott 2022
Pierluigi Casolari

founder di Unconventional Road, autore di Startup 3.0, blog su startup, innovazione e web 3.0

musica 1

Per chi è rimasto a Spotify, sono in arrivo un bel po’ di sorprese in ambito musicale. In particolare, il Web 3 promette di trasformare e rinnovare il settore, a partire proprio dai problemi che sono rimasti aperti con la cosiddetta rivoluzione delle piattaforme di streaming.

Queste piattaforme hanno risolto il grande problema dell’acquisto di musica online, che di fatto teneva in vita il download pirata, cavalcando il grande trend dell’utilizzo in alternativa al possesso della musica. Con un abbonamento di pochi euro mensili, oggi è possibile avere accesso in qualunque momento e in qualunque luogo a gran parte della musica mondiale. Si è scoperto però che questo modello risolve il problema della musica soprattutto dal punto di vista delle case discografiche. Mentre per gli artisti è sempre più difficile sia monetizzare che sviluppare relazioni solide con i propri fan e ascoltatori.

Per rispondere a questi due grandi temi sono nate e stanno prendendo piede alcune startup, tendenzialmente basate su tecnologia blockchain, che provano a riportare l’artista al centro della scena.

Opulous Ecosystem: MFT Ecosystem

Audius

Una delle più interessanti, anche in termini di numeri, è Audius. Fondata nel 2018, Audius è entrata nella grande industria della musica con l’obiettivo di continuare il lavoro che Spotify aveva cominciato: disintermediare la musica e creare forme più solide di monetizzazione per gli artisti. Audius è costruito su una costola di Ethereum e sfrutta le funzionalità della blockchain per creare un nuovo ecosistema trasparente, decentralizzato e di proprietà della stessa community di musicisti e fan.

WHITEPAPER
CYBERSECURITY: le migliori strategie per la tutela e la continuità dei servizi IT
Sicurezza
Cybersecurity

Oggi agli artisti spetta soltanto il 5-10% del giro d’affari generato dagli ascolti di musica. Le piattaforme come Spotify hanno ampliato il mercato di ascolti online, ma si sono prese un’ulteriore fetta della torta. Audius intende ripartire proprio da questo punto e promette di ridare agli artisti più del 50% dei volumi totali generati dagli streaming.

Per l’utente finale Audius è una piattaforma di streaming sulla quale si possono ascoltare 250.000 artisti e 1 milione di pezzi. Per l’artista invece è un’opportunità molto differente rispetto a Spotify. Gli artisti possono prendere parte alla governance della società, aderendo alla DAO e acquisendo i token (basati su Ethereum). E possono soprattutto interagire direttamente con i follower, costruendo il proprio database. Mentre Spotify tende ad avere un rapporto privilegiato con le case discografiche, che per gli artisti gestiscono diritti d’autore, distribuzione e rendicontazione economica, Audius si propone principalmente come canale di marketing e monetizzazione, che si sostituisce in parte alle stesse case discografiche. Recentemente è stata attivata la possibilità per gli artisti di creare NFT intorno al proprio merchandising digitale e dunque attivare ulteriori canali di monetizzazione. E sempre in questi mesi, Audius ha iniziato a lavorare sul tema della gestione dei diritti d’autori, sempre attraverso l’utilizzo di token e NFT.

NFT e musica, quindici proposte di tutela intellettuale per un matrimonio felice

Opulous

Questo aspetto viene ulteriormente perfezionato da Opulous. Se dovessimo ripensare la musica in un mondo decentralizzato e completamente disintermediato, allora Opulous sarebbe la metafora perfetta del futuro del settore.

Questa startup riassume praticamente tutti i meccanismi della blockchain e del web 3. È contemporaneamente una piattaforma di crowdfunding e un sistema di gestione dei diritti d’autore. In pratica su Opulous, i fan e gli investitori possono finanziare progetti musicali e poi tramite gli NFT divengono proprietari dei diritti d’autore (per una quota proporzionale alla quantità di denaro investita). La tecnologia degli NFT si presta perfettamente a questo uso, in quanto essa definisce in maniera assolutamente verificabile e incorruttibile la proprietà di un determinato bene digitale e può essere frammentata, divisa in un numero infinito di parti. Facciamo un esempio: immaginiamo di investire 100€ su un totale di 10.000€ richiesti dall’artista per produrre il proprio CD. E supponiamo che i 10.000€ di raccolta corrispondano al 50% dei diritti di proprietà intellettuale. Facendo le debite proporzioni, segue che 100€ equivalgono al 0,5% dei diritti d’autore. Grazie alla tracciabilità della blockchain e dei pagamenti con criptovalute, in un mondo completamente digitalizzato e basato su queste logiche web 3, il finanziatore in questione riceverà periodicamente lo 0,5% di tutte le royalty generate dagli ascolti del CD che ha contribuito a produrre.

Per distinguerli dai normali NFT, Opulous chiama i propri token MFT (Music Fungible Token). Di fatto Opulous è un marketplace di MFT. Gli investitori e i fan possono acquistare gli MFT e poi tracciare i revenue generati dagli ascolti sulle varie piattaforme. Possono anche ri-vendere i token e monetizzare in altro modo i propri investimenti.

Glass

Gli NFT la fanno da padrone in questa trasformazione della musica. Le ragioni sono svariate. Certamente vanno di moda. Ma hanno altre due caratteristiche fondamentali. La prima è che certificano la proprietà di un determinato bene. La seconda è che sono vendibili e ri-vendibili all’interno di specifici marketplace e questo li rende interessanti anche come investimenti. Glass applica la logica degli NFT al mondo dei videoclip, un mondo che a volte sembra dimenticato e che ha un certo sapore “anni 90”, ma che in realtà esiste ancora. Solo che si sta trasformando. Glass consente agli artisti di fare crowdfunding dei propri videoclip. I video vengono dunque finanziati dai fan, che poi attraverso gli NFT ne diventano legittimi proprietari. Una volta diventati detentori dei diritti corrispondenti, i finanziatori dei video possono monetizzare i loro investimenti in caso di vendite delle clip ai network televisivi, oppure rivendendoli nei tanti marketplace di NFT.

Catalog

Strizza invece l’occhio al collezionismo di qualità, la startup Catalog  che permette agli artisti e ai musicisti di realizzare versioni originali e limited editions di canzoni, pezzi, registrazioni e poi venderle sempre tramite la tecnologia NFT ai propri fan. Oggi intorno alla musica esiste un collezionismo per lo più analogico, l’idea di Catalog è ampliare questo mercato a quello dei beni digitali, sfruttando l’incorruttibilità della blockchain.

Conclusioni

Insomma, il web 3 sta arrivando come uno tsunami e la musica sarà una delle prime industrie a essere investite. Oggi gli artisti, pur rappresentando il cuore del settore, sono stati di fatto messi in un angolo in termini di ricavi e soprattutto non hanno voce in capitolo rispetto alla gestione dei fan, dei diritti d’autori e delle modalità di monetizzazione della propria arte. Il mondo della blockchain con la sua logica di disintermediazione e di rimettere al centro gli individui contro le corporation, sta però trasformando da dentro questo settore, partendo dagli artisti e dalle etichette indipendenti, che in questo momento hanno tutto da guadagnare da questi nuovi modelli di business.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3