world economic forum

Cooperazione globale, uscire dalla crisi: l’esempio italiano nel biotech



Indirizzo copiato

Nell’attuale scenario di tripolarità economica globale dominato da USA, Cina e India, la cooperazione internazionale diventa cruciale. Il World Economic Forum ha lanciato un “Barometro della cooperazione” per monitorare e promuovere la collaborazione globale. L’Italia offre un esempio concreto con il recente avvio del tavolo sull’industria biotech

Pubblicato il 22 gen 2024

Gianpiero Ruggiero

Esperto in valutazione e processi di innovazione del CNR



cyber-world-map-

Nel quadro congiunturale di questo inizio 2024, mentre assistiamo a una trasformazione storica delle dinamiche internazionali, sta emergendo una questione fondamentale dell’economia destinata a ridefinirla per i prossimi decenni: i processi di integrazione globalizzata stanno rallentando o sono destinati a finire?

Per un lungo periodo abbiamo assistito a libertà di investimento, trasferimenti tecnologici, estese catene del valore, con una forte spinta a integrare le economie mondiali. Oggi si contrappone una spinta negativa che viene dalla geopolitica. Non è un segreto che l’attuale contesto globale sia preoccupante, poiché l’intensificazione della competizione e dei conflitti sembra sostituire, o quanto meno frenare, la cooperazione.

Queste spinte divergenti obbligano a porsi alcune domande: possiamo ancora sperare nella cooperazione internazionale e nel multilateralismo, o siamo destinati a un futuro disarticolato e disgregato dove prevalgono le rivalità economiche e l’egoismo tecnologico?

Pure in un contesto complesso, il nostro Paese ha l’opportunità di giocare un ruolo in questa fase di transizione.

Ad inizio gennaio ha infatti preso il via il Tavolo di lavoro per l’internazionalizzazione delle industrie nel settore delle biotecnologie, voluto dal Ministro degli Affari Esteri. Partiamo dal contesto globale per capire perché si tratta di un ottimo esempio per rendere le nostre filiere industriali più resilienti e giocare un ruolo da protagonista nel rafforzamento della collaborazione internazionale.

Un esempio italiano di cooperazione: al via il tavolo sull’industria biotech

Il tavolo vede la presenza di rappresentanti di istituzioni, centri di ricerca, imprese, associazioni di categoria e mondo finanziario (Farmindustria, Bristol Myers Squibb, Fondazione ENEA Tech e Biomedical, Istituto di Nanotecnologia CNR-Nanotec, Fondazione Biotecnopolo di Siena, Human Technolpole, Ministero delle Imprese e del Made in Italy, Ministero dell’Università e della Ricerca e Agenzia ICE9).

Un ecosistema integrato, dove il pubblico e il privato, il mondo della ricerca e quello dell’industria concorrono insieme, ciascuno nel proprio perimetro, verso un obiettivo comune: potenziare l’innovazione in uno dei settore cruciali del secolo.

Con un background industriale come quello della farmaceutica italiana, con più di 800 imprese, 14mila addetti, oltre 13 miliardi di fatturato e una forte componente di Ricerca e Sviluppo, il comparto delle biotecnologie sta vivendo una fase di notevole sviluppo e rappresenta un importante volano per la crescita in settori a sempre più elevato valore aggiunto.

La costituzione del tavolo “riflette l’attenzione che il Governo attraverso il Ministero degli Esteri attribuisce allo sviluppo internazionale delle filiere innovative e delle tecnologie emergenti, nel quadro della Diplomazia della Crescita”, secondo il ministro Tajani. Coordinati da Pierluigi Paracchi, CEO di Genenta e membro del Comitato esecutivo di Federchimica-Assobiotec, il tavolo attende la prima convocazione per diventare operativo e iniziare a formulare strategie e raccomandazioni in merito alle alleanze internazionali per rafforzare l’intero comparto nazionale delle biotecnologie.

I tre poli del nuovo mondo: Stati Uniti, Cina e India

Riflettiamo sull’importanza di un cambio di passo sulla cooperazione internazionale.

Quanti di noi sarebbero disposti a vivere in un mondo dove “la forza è diritto”, dove prevale il potere e la prepotenza, piuttosto che in un mondo in cui istituzioni forti, norme concordate e diritto internazionale addomestichino “la componente selvaggia dell’uomo” e costituiscano la base della cooperazione internazionale?

Sembra ineludibile doversi schierare da che parte stare, soprattutto per una classe politica che tende a radicalizzarsi mentre nella società aumentano distanze e disuguaglianze. Nel mondo tripolare che Paul Kennedy ha immaginato come scenario per il suo prossimo libro (anticipato sul Corriere della Sera, La Lettura del 31/12/2023), diventa fondamentale per l’economia europea orientare le proprie scelte per non rischiare di scivolare piano piano nelle retrovie del confronto tra grandi potenze.

Esaminando le previsioni di sviluppo economico e tecnologico, gli andamenti demografici, la potenza militare legata a obiettivi geostrategici, lo storico Kennedy ha avanzato una previsione planetaria, ipotizzato che il futuro del pianeta apparterrà a tre grandi poli, gli Stati Uniti, la Cina e l’India.

Nell’Europa lo studioso non vede al momento una consapevolezza adeguata alla situazione geopolitica. “Mi pare che in Europa ci sia una mancanza di immaginazione politica, un’indecisione di fondo – sostiene Kennedy – anche se l’Unione di certo non sparirà e avrà anche in futuro un ruolo politico centrale”.

Volendo assumere l’ipotesi di Kennedy, di certo occorrono idee e politiche di contrasto alla frammentazione geoeconomica. Bisogna avere il coraggio di creare catene del valore strategiche europee, attraverso accordi internazionali e produzioni multinazionali che coinvolgano non soltanto i soli Paesi dell’Unione, ma anche quelli “eticamente” più vicini.

Per questo, oggi, il ruolo dei governi nazionali torna al centro della scena e può fare la differenza nel creare un sistema di relazioni in grado di superare la contrapposizione che si è creata, con tre sfere concorrenti e sempre meno integrate tra loro.

I nuovi paradigmi dell’economia contemporanea

Tra i settori post pandemia in cui di più servono nuove soluzioni multilaterali rientrano sicuramente il biotech, le scienze della vita, la tutela ambientale, il digitale e le tecnologie legate alla difesa. Settori in cui i cambiamenti tecnologici hanno ormai travalicato la capacità di definire e attuare norme comuni.

La convergenza del digitale e della biotecnologia ha fatto schizzare gli investimenti in startup basate sulla genetica, con finanziamenti crescenti e a ritmi sostenuti. Nel digitale assistiamo a un tasso di crescita esponenziale nella capacità di calcolo e nella capacità predittiva. Si pensi al machine learning e all’intelligenza artificiale generativa; sono tecnologie che, in pochissimo tempo, avrebbero il potenziale per aggiungere fino a 4,4 trilioni di dollari di valore all’economia globale, ma ci sono rischi significativi e preoccupazioni che devono essere dissipati.

Primo fra tutti è che non sempre stiamo utilizzando questa enorme potenzialità, determinata dalla tecnologia, per rispondere ai bisogni dell’uomo o alle nuove sfide sociali prima che pensare a incrementare i profitti (non al “posto di”, ma “prima che” o “insieme a”).

Secondo il rapporto Oxfam Disuguaglianza: il potere al servizio di pochi”, presentato al meeting di Davos, dal 2020 i cinque uomini più ricchi del mondo hanno più che raddoppiato la propria ricchezza, mentre i cinque miliardi di persone più povere non hanno guadagnato nemmeno un euro in più. Procedendo così, tra 10 anni potremmo avere il primo trilionario della storia, mentre sconfiggeremo la povertà, se va bene, tra 230 anni.

Peraltro, nonostante gli sforzi dei leader mondiali di individuare contesti avanzati per gestire l’intelligenza artificiale generativa, ancora non è emerso una normativa globale coerente.

L’economia contemporanea necessità di convergenze, spinge a ricercare nuovi segnali che vanno oltre quello che è misurabile con le sole metriche finanziarie.

L’idea di fondo del nuovo paradigma che avanza è chiara: innovazione al servizio della trasformazione del sistema economico nella direzione della sostenibilità e dell’inclusione sociale.

Il WEF lancia il barometro della cooperazione

Per aiutare governi e imprese a comprendere meglio la natura della cooperazione, il World Economic Forum ha pubblicato il rapporto The Global Cooperation Barometer 2024 scritto in collaborazione con McKinsey & Company, in cui sono presenti 42 indicatori per misurare lo stato della cooperazione globale nel lungo termine in cinque aree: commercio e flussi di capitale, innovazione e tecnologia, clima e capitale naturale, salute e benessere, pace e sicurezza.

La cooperazione globale, segnala il rapporto, nonostante sia rimasta resiliente in più dimensioni per la maggior parte del decennio passato, si è indebolita nel biennio 2020-2022, soprattutto sulla geopolitica (pace e sicurezza).

Occorre perciò massima attenzione per arrestare questo declino. È il confronto, la cooperazione, secondo il rapporto, la chiave per esplorare interessi comuni convergenti, aumentare complessivamente la fiducia tra le controparti e diminuire rivalità o conflitti non necessari.

Il Barometro propone alcune raccomandazioni per aiutare i decisori politici a promuovere la cooperazione

Le raccomandazioni del WEF: puntare sulla coopetizione

La prima raccomandazione che scaturisce dall’analisi del Barometro è quella di seguire il più possibile la pratica conosciuta come “coopetizione”, parola derivante dalla fusione di cooperazione e competizione, che identifica precise scelte strategiche volte a creare una collaborazione tra istituzioni e aziende normalmente concorrenti su obiettivi o risorse, al fine di ottenere vantaggi comuni.

Due o più organizzazioni possono quindi decidere di allearsi per fare un pezzo di strada insieme, per poi proseguire separatamente.

“Una pratica – si legge nel rapporto del WEF – che dovrà diventare tratto distintivo delle capacità della classe dirigente e del management, da trattare come un muscolo che può essere rafforzato per reagire meglio di fronte agli shock geopolitici”.

Tra le altre raccomandazioni, in particolare per l’innovazione e la tecnologia, il Barometro individua almeno due aree critiche in cui intervenire.

Impegnarsi per una maggiore collaborazione transfrontaliera

La prima è quella di impegnarsi per una maggiore collaborazione transfrontaliera attraverso la ricerca di base, gli scambi internazionali di studenti, il sostegno ai programmi di mobilità per i ricercatori, le domande di brevetto transfrontaliere. Insomma, solo allargando il potenziale delle reti collaborative si potrà impedire che i guadagni dell’innovazione e della tecnologia siano sempre più concentrati in un minor numero di mani.

Armonizzare e semplificare la regolamentazione delle frontiere tecnologiche

La seconda area è quella di armonizzare e semplificare la regolamentazione delle frontiere tecnologiche. Guardando alle sole tecnologie digitali, attualmente sono in gioco modelli concorrenti ed è in corso una battaglia sulle norme, con presupposti fondamentalmente diversi per quanto riguarda i diritti e le libertà digitali, il possesso dei dati, la tassazione del digitale, la protezione dei dati e della privacy, la disinformazione, il 5G, la cibersicurezza, la finanzia digitale, nonché la pubblica amministrazione elettronica, un settore in cui le norme attuali sono insufficienti.

Definire un nuovo quadro di regole su temi tanto complessi è molto arduo con scenari di guerra e in un contesto generale di interessi sempre meno convergenti. Per questo è fondamentale puntare sulla partecipazione di tutti per definire regole ambiziose comuni per il governo dell’economia contemporanea.

La strada della cooperazione porta al valore condiviso

Più aumenta la consapevolezza sull’esigenza di mettere insieme attori diversi, se vogliamo avere una prospettiva di progresso, più occorre avere la capacità di mettere insieme attori diversi, di creare meccanismi collaborativi (ecosistemici).

Ma c’è un vincolo che blocca questa capacità. Un grosso limite è di linguaggio, di segnali. I diversi soggetti hanno interessi diversi; ognuno è interessato alla costruzione di dati per avere una propria visione. Non abbiamo una funzione obiettivo ecosistemica, un segnale comune come sistema.

Rispetto a questo limite, il concetto di “impatto” può rappresentare quel possibile fattore sistemico che unisce gli attori con interessi divergenti. Un segnale interpretabile da una pluralità di attori che si riconoscono nell’idea di valore.

Cambiare le metriche di misurazione delle soluzioni

Stante la complessità dei nuovi problemi, non conta più puntare sulla funzione obiettivo che mira a massimizzare il solo profitto. Diventa necessario cambiare le metriche di misurazione delle soluzioni, passare dal dogma del ritorno finanziario ad alternative valoriali e sociali.

Se la domanda chiave dei soggetti economici del secolo scorso era sempre “quanto profitto potrò fare”, oggi la domanda chiave diventa “quanto impatto e che tipo di impatto sto generando”.

Parlare di impatto per un decisore pubblico o un soggetto economico vuol dire parlare di valore condiviso, valore comune. Significa passare da una visione fatta dalla singola organizzazione che opera nel perseguimento di una singola e personale funzione obiettivo (performance individuale), alla possibilità di ragionare in termine di valore condiviso e di vantaggi ecosistemici.

Cooperazione e di multilateralismo: l’Italia ha tutto da guadagnare

Le nostre imprese, in particolare quelle che operano nell’alta tecnologia, hanno bisogno di stabilità di lungo periodo, di sapienti investimenti pubblici (Pnrr) e di politiche stabilizzanti per investire in ricerca e sviluppo. Egualmente diventa essenziale per il tessuto produttivo di questi settori chiave intrecciarsi con le università e i centri di ricerca pubblici e privati, nonché essere inseriti in contesti internazionali di avanzamento tecnologico.

Sfruttando la capacità innovativa delle nostre medie imprese, l’Italia avrebbe tutto da guadagnare da iniziative di cooperazione e di multilateralismo, grazie alle quali si potrebbe favorire la nascita di nuove imprese tecnologiche, che sono il vero motore dell’innovazione e della ricchezza.

La costituzione del tavolo sul biotech rappresenta un ottimo esempio, concreto, di quella collaborazione di cui avremmo bisogno per rendere le nostre filiere industriali più resilienti. Il Governo farebbe bene a replicare il modello anche in altri settori (energia pulita, spazio, microchip), per dare continuità ed efficacia alle politiche in favore dell’innovazione, seguendo un approccio attento alla diagnostica delle interconnessioni, valutando con rigore i rischi potenziali, i punti di forza e di debolezza dei settori su cui puntare e dei Paesi con cui cooperare.

Conclusioni

Per un’Italia che non voglia tendere verso chiusure autarchiche e barriere tariffarie, il Governo è chiamato a giocare un ruolo da protagonista nel rafforzamento della collaborazione internazionale, facendo in modo che il Paese e l’intera Europa non vadano in ordine sparso, ma si presentino uniti di fronte alle sfide della nuova globalizzazione 2.0.

Il momento è propizio, proprio adesso che manca una manciata di mesi dall’elezione del nuovo parlamento europeo e che l’Italia ha assunto la presidenza del G7.

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articoli correlati

Articolo 1 di 4