il bilancio

Nuovo governo alle prese con la Sanità digitale: che c’è da fare

Dall’implementazione del nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico fino alle Piattaforme di Telemedicina Nazionale e Regionali (con le capofila Lombardia e Puglia), gli ingranaggi della strategia governativa iniziano a muoversi. Non mancano, tuttavia, alcuni nodi che dovranno essere affrontati

14 Ott 2022
Giacomo Bandini

Competere

sanità digitale governo

Le ultime battute prima del passaggio di consegne e, chissà, forse anche di nuove nomine ai vertici della sanità nazionale e regionale riguardano tutti i pilastri della strategia di trasformazione digitale del settore sanitario pubblico.

Dall’implementazione del nuovo Fascicolo Sanitario Elettronico fino alle Piattaforme di Telemedicina Nazionale e Regionali (con le capofila Lombardia e Puglia), gli ingranaggi della strategia governativa iniziano a muoversi. E ci sono progressi importanti che vanno incoraggiati. Non mancano, tuttavia, alcuni nodi che dovranno essere risolti il prima possibile.

Fascicolo sanitario elettronico 2.0, come cambia il Servizio sanitario nazionale: cosa sapere

Sanità digitale, le strutture portanti per l’Italia al 2026

Come emerge anche dalla relazione consegnata dal ministro Vittorio Colao, Italia Digitale 2026, la spesa per la strategia Sanità Digitale dovrebbe essere pari a 2,3 miliardi di euro. Le iniziative portanti di tutta l’architettura sono:

WHITEPAPER
Sensori intelligenti e Sanità: quali tipologie a supporto delle terapie farmacologiche?
Sanità
Smart health
  • 1. Il Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE) nativo digitale come unico punto di accesso alla sanità online su tutto il territorio nazionale attraverso cui si potrà accedere digitalmente alla propria storia clinica, eliminando documenti cartacei o pluralità di portali web, accedendo a servizi essenziali online come prenotazioni, visite, consulti e cure da remoto.
  • 2. Piattaforme sicure per l’accesso e la condivisione dei dati, secondo regole definite e modalità di trattamento dei dati rispettose della privacy. Rientreranno nel perimetro del Polo Strategico Nazionale (PSN) e dovranno essere utilizzati a fini di ricerca medico-sanitaria e per la gestione della prevenzione e del governo sanitario.
  • 3. Prestazioni di telemedicina omogenee sul territorio nazionale per le quali è previsto lo sviluppo di tecnologie interoperabili e innovative, evitando la frammentazione in molteplici soluzioni software che impedirebbero agli assistiti di accedere alle cure di cui necessitano su tutto il territorio nazionale.

A che punto è il FSE e i prossimi passi

Per quanto riguarda il FSE, la prima fase di aggiornamento e miglioramento sembra procedere in modo abbastanza spedito. Dopo la pubblicazione delle Linee Guida che includono le indicazioni tecniche in relazione ai servizi, ai contenuti, all’architettura e alla governance, per la creazione dell’infrastruttura sul territorio nazionale, la prima fase di sperimentazione è entrata nel vivo.

Sei Regioni pilota sono state coinvolte con l’obiettivo di incrementare l’alimentazione dei fascicoli e la portabilità tra Regioni per i cittadini che si trasferiscono. I risultati, soprattutto sul lato dell’alimentazione, mostrano notevoli miglioramenti (la Basilicata passa dal 27% al 95%).

Il passaggio successivo prevede il coinvolgimento di tutte le altre Regioni, affinché si possa raggiungere la tanto agognata omogeneità. Investimenti previsti: 610 milioni già stanziati dall’uscente governo Draghi.  

Telemedicina: status e prossimi passi

La componente 2 della missione 6 del PNRR prevede invece un investimento di un miliardo di lire sulla telemedicina il cui soggetto attuatore è Agenas. 250 milioni di euro dovrebbero essere previsti per la realizzazione della piattaforma nazionale di telemedicina (il costo sarà variabile in base ai progetti), mentre 750 milioni sono destinati per le soluzioni regionali. Agenas ha pubblicato, a pochi giorni di distanza, sia la documentazione relativa alla gara per la Piattaforma Nazionale di Telemedicina (dopo la presentazione del progetto da parte di Poste Italiane, Engineering, Dedalus, Althea e Almaviva), sia le Linee di Indirizzo per i Servizi di Telemedicina Regionali.

Il PNRR prevede infatti che due Regioni capofila, Lombardia e Puglia, promuovano delle gare per individuare e valutare le soluzioni di mercato conformi alle linee guida per i Servizi di Telemedicina. Tutte le Regioni e Province autonome avranno la possibilità di attivare soluzioni di telemedicina la cui conformità sarà già stata verificata mediante il processo descritto. Ma cosa prevedono queste nuove Linee di Indirizzo?

Intanto per ogni servizio sono previste le modalità di prescrizione, di prenotazione e consultazione della documentazione. La prenotazione nel caso della Televisita o del Teleconsulto può essere effettuata anche direttamente dal paziente (un bel passo in avanti). Per quanto riguarda il Telemonitoraggio e il Telecontrollo, la popolazione di riferimento viene suddivisa in cinque categorie specifiche per patologia tra cui: diabete, patologie respiratorie, patologie cardiologiche, pazienti oncologici e pazienti neurologici. Ognuna delle categorie avrà anche un ingaggio differente a discrezione del medico di riferimento del singolo paziente (sia MMG, sia specialista).

Un piano operativo per ogni Regione

Inoltre, ogni Regione dovrà presentare un Piano Operativo per l’implementazione delle rispettive piattaforme. Nel documento sarà necessario indicare:

• Il fabbisogno relativo ai servizi di telemedicina che verranno erogati attraverso l’infrastruttura regionale nonché le tempistiche di realizzazione della medesima;
• Quali servizi previsti dalle Linee Guida possono essere coperti con soluzioni di telemedicina già esistenti e attive;
• Quali componenti del fabbisogno totale la regione intende acquisire nell’ambito del sub investimento 1.2.3.2;
• Le fasi e i processi operativi con cui ogni regione intende raggiungere almeno il 70% degli enti e dei professionisti sanitari del SSR.

Sanità digitale, i problemi

Non tutto è oro quello che luccica. Questi ultimi punti hanno sollevato alcuni dubbi e richieste da parte della Conferenza Stato-Regioni. In particolare, per quanto riguarda le soluzioni di Telemedicina, non è chiaro lo spettro di autonomia regionale rispetto alle piattaforme implementate dalle regioni capofila, Lombardia e Puglia. Il testo governativo infatti prevede che per ottenere il finanziamento PNRR, le Regioni e Province autonome i cui piani operativi sono stati approvati, possono attivare le soluzioni selezionate esclusivamente attraverso le gare delle Regioni capofila o attraverso lo sviluppo e la messa a regime delle soluzioni già presenti nel territorio regionale/provinciale. Questo potrebbe generare uno scontro acceso soprattutto in quei territori dove progetti di telemedicina sono già stati avviati e finanziati da mesi.

Inoltre, poco ancora si sa riguardo al tema delle competenze e delle risorse umane. Molti enti locali lamentano non solo una carenza numerica degli operatori che dovranno occuparsi anche della telemedicina, ma anche la necessità di assumere personale qualificato e di formare quello già presente nelle strutture. Sono stati previsti anche in questo caso investimenti a livello centrale da redistribuire alle regioni. Non è tuttavia ancora chiaro come verranno spesi e quali sono i reali fabbisogni in termini di professionisti della telemedicina. Saranno ancora una volta le regioni a programmare. Senza linee guida, però. Questo potrebbe provocare ancora più dislivelli regionali e inficiare la qualità del SSN che in Italia, è bene ricordarlo, è ancora universale.

@RIPRODUZIONE RISERVATA

Speciale PNRR

Tutti
Incentivi
Salute digitale
Formazione
Analisi
Sostenibilità
PA
Sostemibilità
Sicurezza
Digital Economy
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr
CODICE STARTUP
Imprenditoria femminile: come attingere ai fondi per le donne che fanno impresa
DECRETI
PNRR e Fascicolo Sanitario Elettronico: investimenti per oltre 600 milioni
IL DOCUMENTO
Competenze digitali, ecco il nuovo piano operativo nazionale
STRUMENTI
Da Istat e RGS gli indicatori per misurare la sostenibilità nel PNRR
STRATEGIE
PNRR – Piano nazionale di Ripresa e Resilienza: cos’è e novità
FONDI
Pnrr, ok della Ue alla seconda rata da 21 miliardi: focus su 5G e banda ultralarga
GREEN ENERGY
Energia pulita: Banca Sella finanzia i progetti green incentivati dal PNRR
TECNOLOGIA SOLIDALE
Due buone notizie digitali: 500 milioni per gli ITS e l’inizio dell’intranet veloce in scuole e ospedali
INNOVAZIONE
Competenze digitali e InPA cruciali per raggiungere gli obiettivi del Pnrr
STRATEGIE
PA digitale 2026, come gestire i fondi PNRR in 5 fasi: ecco la proposta
ANALISI
Value-based healthcare: le esperienze in Italia e il ruolo del PNRR
Strategie
Accordi per l’innovazione, per le imprese altri 250 milioni
Strategie
PNRR, opportunità e sfide per le smart city
Strategie
Brevetti, il Mise mette sul piatto 8,5 milioni
Strategie
PNRR e opere pubbliche, la grande sfida per i Comuni e perché bisogna pensare digitale
Formazione
Trasferimento tecnologico, il Mise mette sul piatto 7,5 milioni
Strategie
PSN e Strategia Cloud Italia: a che punto siamo e come supportare la PA in questo percorso
Dispersione idrica
Siccità: AI e analisi dei dati possono ridurre gli sprechi d’acqua. Ecco gli interventi necessari
PNRR
Cloud, firmato il contratto per l’avvio di lavori del Polo strategico
Formazione
Competenze digitali, stanziati 48 milioni per gli Istituti tecnologici superiori
Iniziative
Digitalizzazione delle reti idriche: oltre 600 milioni per 21 progetti
Competenze e competitività
PNRR, così i fondi UE possono rilanciare la ricerca e l’Università
Finanziamenti
PNRR, si sbloccano i fondi per l’agrisolare
Sanità post-pandemica
PNRR, Missione Salute: a che punto siamo e cosa resta da fare
Strategie
Sovranità e autonomia tecnologica nazionale: come avviare un processo virtuoso e sostenibile
La relazione
Pnrr e PA digitale, l’alert della Corte dei conti su execution e capacità di spesa
L'editoriale
Elezioni 2022, la sfida digitale ai margini del dibattito politico
Strategie
Digitale, il monito di I-Com: “Senza riforme Pnrr inefficace”
Transizione digitale
Pnrr: arrivano 321 milioni per cloud dei Comuni, spazio e mobilità innovativa
L'analisi I-COM
Il PNRR alla prova delle elezioni: come usare bene le risorse e centrare gli obiettivi digitali
Cineca
Quantum computing, una svolta per la ricerca: lo scenario europeo e i progetti in corso
L'indice europeo
Desi, l’Italia scala due posizioni grazie a fibra e 5G. Ma è (ancora) allarme competenze
L'approfondimento
PNRR 2, ecco tutte le misure per cittadini e imprese: portale sommerso, codice crisi d’impresa e sismabonus, cosa cambia
Servizi digitali
PNRR e trasformazione digitale: ecco gli investimenti e le riforme previste per la digitalizzazione della PA
Legal health
Lo spazio europeo dei dati sanitari: come circoleranno le informazioni sulla salute nell’Unione Europea
Servizi digitali
PNRR e PA digitale: non dimentichiamo la dematerializzazione
Digital Healthcare transformation
La trasformazione digitale degli ospedali
Governance digitale
PA digitale, è la volta buona? Così misure e risorse del PNRR possono fare la differenza
Servizi digitali
Comuni e digitale, come usare il PNRR senza sbagliare
La survey
Pnrr e digitale accoppiata vincente per il 70% delle pmi italiane
Missione salute
Fascicolo Sanitario Elettronico alla prova del PNRR: limiti, rischi e opportunità
Servizi pubblici
PNRR: come diventeranno i siti dei comuni italiani grazie alle nuove risorse
Skill gap
PNRR, la banda ultra larga crea 20.000 nuovi posti di lavoro
Il Piano
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUMPA2022
PNRR e trasformazione digitale: rivedi i Talk di FORUM PA 2022 in collaborazione con le aziende partner
I contratti
Avio, 340 milioni dal Pnrr per i nuovi propulsori a metano
Next Generation EU
PNRR, a che punto siamo e cosa possono aspettarsi le aziende private
Fondi
Operativo il nuovo portale del MISE con tutti i finanziamenti per le imprese
Servizi comunali
Il PNRR occasione unica per i Comuni digitali: strumenti e risorse per enti e cittadini
Healthcare data platform
PNRR dalla teoria alla pratica: tecnologie e soluzioni per l’innovazione in Sanità
Skill
Competenze digitali, partono le Reti di facilitazione
Gli obiettivi
Scuola 4.0, PNRR ultima chance: ecco come cambierà il sistema formativo
Sistema Paese
PNRR 2, è il turno della space economy
FORUM PA 2022
FORUM PA 2022: la maturità digitale dei comuni italiani rispetto al PNRR
Analisi
PNRR: dalla Ricerca all’impresa, una sfida da cogliere insieme
Innovazione
Pnrr, il Dipartimento per la Trasformazione digitale si riorganizza
FORUM PA 2022
PA verde e sostenibile: il ruolo di PNRR, PNIEC, energy management e green public procurement
Analisi
PNRR, Comuni e digitalizzazione: tutto su fondi e opportunità, in meno di 3 minuti. Guarda il video!
Rapporti
Competenze digitali e servizi automatizzati pilastri del piano Inps
Analisi
Attuazione del PNRR: il dialogo necessario tra istituzioni e società civile. Rivedi lo Scenario di FORUM PA 2022
Progetti
Pnrr, fondi per il Politecnico di Torino. Fra i progetti anche IS4Aerospace
Analisi
PNRR, Colao fa il punto sulla transizione digitale dell’Italia: «In linea con tutte le scadenze»
La Svolta
Ict, Istat “riclassifica” i professionisti. Via anche al catalogo dati sul Pnrr
Analisi
Spazio, Colao fa il punto sul Pnrr: i progetti verso la milestone 2023
FORUM PA 2022
Ecosistema territoriale sostenibile: l’Emilia Romagna tra FESR e PNRR
Il Piano
Innovazione, il Mise “centra” gli obiettivi Pnrr: attivati 17,5 miliardi
Analisi
PNRR: raggiunti gli obiettivi per il primo semestre 2022. Il punto e qualche riflessione
Analisi
PNRR: dal dialogo tra PA e società civile passa il corretto monitoraggio dei risultati, tra collaborazione e identità dei luoghi
Webinar
Comuni e PNRR: un focus sui bandi attivi o in pubblicazione
Analisi
Formazione 4.0: cos’è e come funziona il credito d’imposta
PA e Sicurezza
PA e sicurezza informatica: il ruolo dei territori di fronte alle sfide della digitalizzazione
PA e sicurezza
PNRR e servizi pubblici digitali: sfide e opportunità per Comuni e Città metropolitane
Water management
Water management in Italia: verso una transizione “smart” e “circular” 
LE RISORSE
Transizione digitale, Simest apre i fondi Pnrr alle medie imprese
Prospettive
Turismo, cultura e digital: come spendere bene le risorse del PNRR
Analisi
Smart City: quale contributo alla transizione ecologica
Decarbonizzazione
Idrogeno verde, 450 milioni € di investimenti PNRR, Cingolani firma
Unioncamere
PNRR, imprese in ritardo: ecco come le Camere di commercio possono aiutare
I fondi
Industria 4.0: solo un’impresa su tre pronta a salire sul treno Pnrr

Articolo 1 di 3